polito.it
Politecnico di Torino (logo)

La riqualificazione del patrimonio edilizio esistente della seconda metà del 900 nello spazio alpino : strategie di intervento su un edificio residenziale a Sampeyre - Valle Varaita

Santero, Francesca

La riqualificazione del patrimonio edilizio esistente della seconda metà del 900 nello spazio alpino : strategie di intervento su un edificio residenziale a Sampeyre - Valle Varaita.

Rel. Antonio De Rossi, Guido Callegari. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2014

Abstract:

Premessa metodologica

L’obiettivo della tesi è quello di indagare sul patrimonio edilizio non storicizzato realizzato tra gli anni ’50 e ’70 del secolo passato nel contesto alpino, in particolare con riferimento ad un piccolo Comune montano sito in Valle Varaita, Sampeyre. Il lavoro di tesi inquadra questo ambito prendendo in analisi temi fondamentali quali la nascita del turismo di massa, lo sviluppo della seconda casa e le politiche che si possono mettere in atto per salvaguardare il patrimonio architettonico e ambientale. Si prenderanno in esame alcuni esempi di edifici risalenti a quel periodo e si cercherà di elaborare delle strategie progettuali in un’ottica energetica ed estetica funzionale, attraverso operazioni di retrofit, ampliamenti, estensioni, variazioni per poter verificare se esistano delle possibilità di adeguamento funzionale e normativo di queste strutture edilizie così avulse dal contesto. Recuperare è più economico che demolire e costruire. Sempre più spesso ormai si è chiamati ad intervenire tramite azioni progettuali sul costruito e sempre più sovente bisogna notare l’obsolescenza degli aspetti funzionali e prestazionali degli edifici anche alla luce di una evoluzione del quadro normativo di riferimento. La possibilità di intervenire su un edificio esistente rappresenta da una parte la conseguenza inevitabile di adeguare il manufatto alle nuove esigenze prestazionali, dall’altra di avviare grazie al recupero, un nuovo processo di riqualificazione che non interessa solo la scala edilizia ma si estende, nel caso alpino, anche a livello territoriale.

Inoltre intervenire su edifici esistenti comporta una riduzione del consumo di suolo ormai saturo e la possibilità di modificare la configurazione morfologica e volumetrica degli edifici. Purtroppo però le iniziative riguardo al patrimonio, consistente, di quegli anni, si riducono a livello locale e non sono ancora stati messi a punto protocolli di interventi mirati e soprattutto condivisi che possono prevedere soluzioni e processi comuni di riqualificazione. Queste pratiche nella maggior parte dei casi sono rivolte a borgate che stanno pian piano scomparendo o comunque a ville e abitazioni private dove i proprietari chiamano imprese di costruzione locale e commissionano loro interventi orientati alla logica della conservazione

storica, con l’utilizzo di materiali caratteristici tipici della cultura alpina, ma lasciano in secondo piano enormi edifici fuori scala, consumatori di energia, che se hanno portato ad un iniziale successo, grazie alla nascita della pratica sciistica e dei nuovi impianti di risalita invernale ora rappresentano sprechi e problematiche complesse. Nonostante non ci siano ancora delle normative precise, il principale intervento di trasformazione su cui solitamente si decide di intervenire è il miglioramento delle prestazioni energetiche dell’edificio. I manufatti sono sorti in un epoca in cui il costo dell ’energia non influiva in modo determinante sui sistemi di riscaldamento e quindi non si poneva attenzione alle prestazioni di isolamento termico.

Il progetto di recupero quindi si pone come obiettivo quello di una riqualificazione energetica attraverso una diminuzione dei consumi in fase di esercizio con una maggiore cura per i sistemi impiantistici e dei sistemi di chiusura. Intervenire e in qualche modo riplasmare l’edificio diventa parte integrante del processo di riqualificazione e dovrebbe coinvolgere tutti gli operatori, compresi gli enti normativi.

Lo scopo della tesi è affrontare un tema assolutamente attuale ma che comunque non è ancora stato assorbito del tutto nell’immaginario collettivo. Si tratta di un problema non solo edilizio - architettonico ma anche sociale perché attualmente queste strutture non vengono più abitate: sono cambiate le esigenze e i bisogni dei fruitori della montagna che per lungo tempo è stata oggetto di sperimentazione e che a causa del suo progressivo sfruttamento ha subito un forte collasso, travolta da questi processi di trasformazione e metamorfosi.

Relatori: Antonio De Rossi, Guido Callegari
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GE Geografia
U Urbanistica > UM Tutela dei beni paesaggistici
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3742
Capitoli:

Ringraziamenti

Premessa metodologica

Capitolo 1: Un viaggio alla scoperta della montagna

1.1 Vivere in montagna: il rapporto fra l'uomo e un'architettura definita anonima

1.2 I protagonisti della montagna

1.3 Montagna e città: antitesi e bipartismo tra due luoghi

1.4 Un'edilizia selvaggia

1.5 Le ragioni della crisi

1.6 Il boom turistico ed edilizio nel secondo dopoguerra

Capitolo 2: La seconda casa: molto spazio nessun vantaggio

2.1 L'evoluzione della seconda casa e il rapporto con la domanda

2.2 Possibili soluzioni per intervenire sul patrimonio esistente

2.3 La collocazione delle seconde case sul territorio alpino

2.4 Un problema comune

2.5 Seconde case: geografie di esperienze sull’arco alpino

2.6 Il punto di vista di un architetto contemporaneo: Edoardo Gellner

2.7 La montagna costruita nelle Alpi Sud occidentali

2.8 Le politiche attuate dalle Comunità Montane del Piemonte

Capitolo 43: La valle Varaita

3.1 La collocazione e le caratteristiche della valle

3.2 Le caratteristiche insediative

3.3 11 turismo in Valle Varaita

3.4 Lo spopolamento di una valle alpina

3.5 I punti di forza e di debolezza della Valle Varaita

3.6 L’amministrazione e l’organizzazione del territorio

Capitolo 4: Sampeyre

4.1 L’evoluzione insediativa di Sampeyre

4.2 Un salto indietro nel tempo: Reportage fotografico tra la Sampeyre di ieri e quella di oggi

4.3 Edilizia e strumenti urbanistici

4.4 Edoardo Gellner: Un progetto in quota per Sampeyre

4.5 Il comprensorio sciistico di Sant’Anna

4.6 Il condominio montano

4.7 Il GAL tradizione delle Terre Occitane

4.8 Valorizzare le risorse della Valle Varaita: il progetto CAPAcities

4.8.1 L’approccio progettuale e le fasi di lavoro

4.8.2 Un’animazione territoriale: Il punto di vista degli attori locali

4.8.3 La sostenibilità nell’edilizia pubblica e residenziale: Il progetto pilota di Sampeyre

Capitolo 5: Linee guida per la riqualificazione edilizia degli insediamenti esistenti

5.1 La classificazione della tipologia edilizia secondo il progetto TABULA

5.2 Le strategie progettuali

5.3 Esempi di riqualificazione su edifici esistenti

5.3.1 Wohnhaus - Edificio per appartamenti Amburgo (Germania)

5.3.2 Rucksack House-Edificio per appartamenti Colonia (Germania)

5.3.3 Les loggias bois a Bondy (Francia)

5.3.4 Edificio residenziale a Riihimàki

5.4 Strategie di intervento

5.5 Analisi dell’edificio preso in esame secondo il progetto TABULA

5.6.Calcolo delle trasmittanze termiche delle stratigrafie delPedificio e rappresentazione di alcuni nodi significativi

Capitolo 6: Studio di un condominio residenziale montano a Sampeyre

6.1 Scenari di intervento

7 Conclusioni

Riferimenti bibliografici

Bibliografia:

Bibliografia

Testi

1. Bagliani Domenico, La montagna esplorata: Progetto e formazione nel contesto alpino, La Vallèe, Aosta 2000 pp. 17-21;

2. Benedetti Cristina, Costruire in legno.edifici a basso consumo energetico, Bozen-Bolzano University Press, Bolzano, 2009;

3. Benedetti Cristina, Risanare l’esistente:soluzioni per il comfort e l’efficienza energetica, Bozen-Bolzano University Press, Bolzano, 2011;

4. Bernardi Roberto, Silvino Salgaro, Claudio Smiraglia, L'evoluzione della montagna italiana fra tradizione e modernità, Patron, Bologna 1994, pp. 53-60;

5. Bolzoni Luciano, Abitare molto in alto: le Alpi e l’architettura, Priuli & Verlucca, Scarmagno, 2009;

6. Bolzoni Luciano, Architettura moderna nelle Alpi italiane dal 1900 alla fine degli anni Civone Canavese, 2000;

7. Bolzoni Luciano, Aritaliane: dagli anni Sessanta alla fine del XXsecolanavese, 2001;o Senn, Montagna: area di integrazione: modeortunità, Franco Angeli, Milano 1997, pp. 161-171;

Rossiicale: storia, progetto e valorizzazione delenezia, 2006;

10. Carria Fabio, Il rinnovo dellolucro ed9;

11. Corrado Federica, Ri-abitare le Alpi sviluppo, Eidon Edizioni, Genova,

12. Dematteis Giuseppe, Montanari per scelt di rinascita nella montagna piemontese, Franco Angeli, Milano, 2011;

13. De Rossi Antonio, Le terre alte: architettura, luoghi, paesaggi delle Alpi sud-occidentali, l’Arciere Blu, Cuneo, 1998;

14. De Rossi Antonio, Enrico Moncalvo, Cultura Architettonica e ambiente alpino, Celid, Torino, 2011;

15. Diamantini Corrado, Bruno Zanon, Le Alpi: immagini e percorsi di un territorio in trasformazione, Temi, Trento, 1999;

16. Ferrante Tiziana, Legno e innovazione, Alinea, Firenze, 2008;

17. Gellner Edoardo, La trasformazione del paesaggio nell’ uso turistico della montagna, Arti Grafiche Saturnia, Trento, 1970;

18. Gellner Edoardo, Il mestiere di architetto, Electa, Milano, 1996;

19. Giebeler Giorg, Atlante della riqualificazione degli edifici: manutenzione, modificazione, ampliamento, UTET, Torino, 2009;

20. Giovanazzi Sergio, La montagna: uno spazio per il tempo libero, Marsilio, padova, 1971;

21.Grecchi Manuela, Laura Elisabetta Malighetti, Ripensare il costruito: il progetto di recupero e rifunzionalizzazione degli edifici, Maggio li Editore, Sant’Arcangelo di Romagna, 2008;

22. Malighetti Laura Elisabetta, Recupero edilizio strategie per il riuso e tecnologie costruttive, Il Sole 24 Ore, Milano, 2011;

23. Malighetti Laura Elisabetta, Recupero edilizio e sostenibilità: il contributo delle tecnologie bioclimatiche alla riqualificazione funzionale degli edifìci residenziali collettivi, Il sole 24 ore, Milano, 2004;

24. Marnino Lorenzo, Il recupero di edifici esistenti nelle alte valli del cuneese: introduzione delle energie rinnovabili nei contesti abitativi della provincia di Cuneo e relativo impatto sul sistema socio-economico e l’assetto territoriale ed architettonico; Politecnico di Torino, Sede di Mondovì, Mondo vi, 2010;

25. Massarutto Antonio, Politiche per lo sviluppo sostenibile della montagna, Angeli, Milano, 2008;

26. Martinengo Edoardo, Montagna viva: rapporto sulle valli piemontesi, AEDA, Torino, 1970;

27. Mellano Paolo, La Valle Varaita (Media e Alta Valle, Valle di Chianale e Valle di Bellino, Stilgraf, Santuario di Vicoforte, 2003;

28. Meyhòfer Dirk, Legno: materiali per l’architettura contemporanea, Motta Architettura, Milano, 2009;

29. Ottonelli Sergio, Guida della Val Varaita (la Val Varacio), Centro Studi e Iniziative Valados Usitanos, Gaiola, 1979;

30. Paludi Giovanni, Paolo Zeppetella, Valorizzare le risorse della valle Varaita: legno, energia, edilizia: analisi e proposte del progetto CAPACities, L’Artistica, Savigliano, 2011;

31. Puttilli Matteo, Studiare le montagne : inventario della ricerca sulle terre alte piemontesi, Franco Angeli, Milano, 2012;

32. Regis Daniele, Turismo nelle Alpi: temi per ui luoghi dell’abbandono, Celid, Torino, nni, Almerino De Angelis, Don Antonio Salomone, La Chie : Busca, 1986;

34. Simonis Giovanni, Coststruttive alpine, Tararà, Verbania, 2008;

35. Werner Batzing Le Alpi: Una regione unica al centro dell’Europa, Bollati Boringhieri, Torino, 2005;

36. Zambelli Ettore, Ristrutturazione e trasformazione del costruito: tecnologie per la rifunzionalizzazione e la riorganizzazione architettonica degli spazi, Il sole 24 ore, Milano 2004.

Riviste

1.Camanni Enrico, Le mani sulla montagna. Città di montagna, L’Alpe n. 10, Priuli & Verlucca, Editori, Aosta, 2004, pag. 74-79;

2. Gaspari Jacopo, La strategia dell’addizzione nei processi di riqualificazione energetica del costruito, Progetto sostenibile n. 28, 2011, pag. 67-71;

3. Lyon-Caen Jean François, Montagnes territoires d’inventions, Ecole d’architecture de Grenoble, Grenoble,

Documentazione on line:

1. http://www.cipra.org/it/notizie/costruire-e-ristrutturare-con-criteri-sostenibili-nella-prassi:

2. http://tesenergyfacade.com/downloads/TES_Manual-ebookFINAL.pdf:

3. http://www.provincia.bz.it/beni-culturali/download/2011-10 17 Ausstellungstafeln italienisch klein.pdf:

4. http://www.occitania.it/ousitanio/old/03_02_t2.htm:

5. http://www.cipra.org/it/dossiers/14:

6. http://www.comune.sampevre.cn.it/:

7. http://episcope.eu/fileadmin/tabula/public/docs/brochure/IT_TABULA TvpologvBrochure POLITO.pdf:

8. http://areeweb.polito.it/ricerca/tabula/:

9. http://www.ghironda.com/vvaraita/comuni/sampe.htm:

10. http://www.tradizioneterreoccitane.co m/pagine/pagina.asp?ID=l&IDcat=l&IDscat:::r22;

11. http://areeweb.polito.it/ricerca/IAM/archalp/:

12. http://fondazione.arch.bz.it/it/turrisbabel/la-rivista/:

13. http://www.archinfo.it/riviste/arketipo/0.1254.53 CHL_t0c9002 1.00.html:

14. http://www.regione.piemonte.it/montagna/montagna/rurale/dwd/mis341 attuaz/varaita.pdf:

15. http://www.limonepiemonte.it/

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)