polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Cultura, ideologia e restoration nei giardini di Het Loo e nel Privy Garden di Hampton Court : un confronto tematico nel panorama europeo

Ostallo, Tomaso Augusto

Cultura, ideologia e restoration nei giardini di Het Loo e nel Privy Garden di Hampton Court : un confronto tematico nel panorama europeo.

Rel. Carla Bartolozzi, Vittorio Defabiani. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (Restauro E Valorizzazione), 2009

Abstract:

PREFAZIONE

Le più recenti elaborazioni teoriche sul restauro dei giardini storici hanno messo in luce la necessità di inserire l'intervento all'interno di un processo conoscitivo, dal quale deriva e consegue la soluzione progettuale di conservazione e gestione. Il passaggio dalla conoscenza alla progettazione si modella dunque sullo schema adottato per il restauro monumentale. Appare dunque sempre più necessario chiarire, come sottolinea Mariachiara Pozzana, che il restauro dei giardini storici rappresenta una sezione estremamente specializzata del restauro architettonico, a sua volta compreso nel più ampio gruppo delle discipline della conservazione. Ciononostante, se per il restauro monumentale si è giunti alla definizione di una teoria collettiva e condivisa, trasformata in prassi in pressoché ogni Paese, per quanto riguarda gli interventi sui giardini, non solo un tale traguardo non si è mai conquistato, ma anzi, quella che sarebbe dovuta diventare la futura guida universale in materia, ossia la Carta di Firenze del 1981, non ha fatto altro che evidenziare ed acuire le divergenze ideologiche tra le differenti tradizioni di restauro.

Si sono creati così due principali e totalmente divergenti filoni di intervento: uno di stampo francese, pur largamente sviluppato e diffuso in tutta Europa, propenso alle restituzioni à i'identique delle componenti scomparse e sostenuto nella prassi da un'attenta rilettura dei documenti storici; l'altro, più prettamente italiano, che prevede la conservazione di ogni sedimentazione storica ove sussista, in quanto portatrice di valori storici e culturali.

Con l'approfondimento sui restauri dei giardini di Het Loo (1977-1984) in Olanda e del Privy Garden di Hampton Court (1991-1995) in Inghilterra, si è voluto proprio indagare quale sia l'effettiva prassi di intervento al di là degli intenti dell'ideologia italiana, in un panorama europeo nel quale questi due esempi di restoration si inscrivono e del quale ne costituiscono emblemi ideologici e modelli pratici su cui, se non uniformarsi, almeno cogliere le valenze di un dibattito tematico.

Questi splendidi esemplari di giardino formale, entrambi voluti da Willem III d'OranjeNassau e dalla moglie Mary Stuart a cavallo tra Sei e Settecento, poi trasformati in chiave paesaggistica nel secolo successivo, furono riportati nel XX secolo, a distanza di dieci anni l'uno dall'altro, al loro stato di fatto originario. Attraverso interventi dichiaratamente radicali, esplicitamente di ricostruzione ex-novo, la cui scientificità era stata tuttavia garantita da indagini incrociate di tipo archeologico, storico-archivistico, iconografico, botanico, nonché tecnologico, i promotori degli interventi intendevano restituire la coerenzza formale, conseguita in un preciso tempo storico, di un modello teso ad esaltare le qualità eminenti delle architetture e del loro legame col giardino.

Relatori: Carla Bartolozzi, Vittorio Defabiani
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: U Urbanistica > UC Giardini
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GD Estero
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (Restauro E Valorizzazione)
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/1420
Capitoli:

INDICE

PREFAZIONE

PARTE I

CAPITOLO PRIMO

1.1 L'Inghilterra dalla Restaurazione (1660) all' incoronazione di

Willem III d'Oranje -Nassau(1689)

1.1.1 La Restaurazione diCharles II Stuart (1660). La sue aspirazioni assolutiste e la nascita dei partiti Tory e Whig

1.1.2 La successione di James II Stuart (1685): un re cattolico sul trono d'Inghilterra. L'allontanamento dalla tradizionale alleanza. coi Tories e l'assegnazione delle cariche pubbliche a Cattolici e Dissenters

1.1.3 La Glorious Revolution (1689) e l'incoronazione diWillemIII d'Oranje Nassau e Mary II Stuart come Sovrani Congiunti d'Inghilterra

CAPITOLO SECONDO

2.1 Il Tudor and Stuart Garden: la tradizione dei giardini in Inghilterra dal Rinascimento alla Guerra Civile

(sec. XVI-metà XVII)

2.1.1 Henry VIII Tudor (1509-1547) e l'heraldic garden. Hampton Court, Whitehall, Nonsuch. La nascita del giardino formale in Inghilterra

2.1.2 Elizabeth I Tudor (1558-1603): dall'heraldic garden all'embelmatic

Garden. Kenikworth, Theobalds, Wollaton, Wimbledon e Nonsuch e il culto della Regina Vergine

2.1.3 Salomon de Caus e il giardino manierista in Inghilterra. Somerset (1609),Richmond (1610-1612) e l'introduzione di automata, giochi d'acqua e grotte nel giardino inglese

2.1.4 L'influenza dilnigo Jones nella progettazione dei giardini. Elementi del Rinascimento Italiano nel giardino inglese del Seicento. Ai undel House (1614 ca.)

2.1.5 André Mollet e il giardino "eclettico". Il giardino inglese tra Manierismo e Barocco. St. James (1629-1633) e Wimbledon (1642)

2.2 Il giardino olandese prima di Willem III d' Oranje-Nassau e Mary II Stuart

2.2.1 Dall'hortus conclusus medievale ai giardini del Binnenhof di Maurits principe d'Oranje (1618-1625). Gli orti botanici, le collezioni all' aperto e la cultura dei giardini nei Paesi Bassi

2.2.2 Ilprincipe Frederik Hendrik d' Oranje-Nassau e l'influenza del giardino francese. André Mollet Giardiniere di Corte (1633) e i giardini di Honselaersd ijk e Nieuwburg

2.3 L'architettura del giardino formale alla francese in Europa come geometrizzazione della natura: modelli e suggestioni formali (sec. XVII-XVIII)

2.3.1 Il giardino barocco come specchio della società. Dal giardino manierista concettuale, intellettuale, sensoriale, al giardino barocco come espressione del potere assoluto

2.3.2 Morfologia e struttura del giardino barocco: geometria, simmetria e controllo dell'elemento naturale

2.4 L'Anglo Dutch Garden: l'Arte dei Giardini in Gran Bretagna e Olanda nel periodo di Willem d' Oranje- Nassau e Mary Stuart (1650-1702)

2.4.1 Willem III Stadtholder (1672-1702) e i giardini della corte olandese

2.4.1.1 Williem III d'Orange-Nassau e la sua corte a l'Aia

2.4.1.2 Il Den Nederlandtsen Hovenier (1669) di Jan van der Groens: giardino e paesaggio secondo un "giardiniere" di corte. La natura come elemento imperfetto, da misurare, ordinare, abbellire attraverso l'arte

2.4.1.3 I giardini come momento di autocelebrazione: il sovrano come nuovo Ercole e la sua vittoria sull"Apollo Francese". Het Loo, Zorgvliet, Heemstede e l'utilizzo di statue, fontane, agrumi, come metafora politica

2.4.1.4 L'Architettura dei giardini nell'Olanda di Williem III: Influenze e tradizione. Elementi di modelli francesi e italiani in un contesto spaziale tipicamente olandese

2.4.2 Da Stadtholder are d'Inghilterra (1689): Giardini "all'olandese" in Gran Bretagna

2.4.2.1 Influenze del giardino olandese sulla tradizione inglese: canali, topiarie e tralicci nei giardini britannici della seconda metà del XVII secolo

2.4.2.2 L'Amministrazione dei Giardini Reali: funzionarie

maestranze olandesi nei giardini inglesi di Willem III

CAPITOLO TERZO

Ideologia e cultura del restauro dei giardini in ambito europeo

3.1 Cultura, Teoria e storia della tutela dei giardini Le Carte del Restauro

3.2 Dalla teorizzazione alla pratica: il restauro dei giardini nei Paesi Europei

3.2.1 Il restauro dei giardini in Italia

3.2.1.1 Gli interventi dagli inizi del novecento alla Carta di Firenze (1900-1981). La ricostruzione dei giardini classici del Foro Romano (1898-1925), della Villa di Orazio in Sabina e delle Ville di Pompei (1923). Il restauro dei giardini del Castello di Balduino a Montalto di Pavia(1 909) e di Villa Corsi Salviati a Sesto Fiorentino (1907). Il ripristino deidanneggiamenti nell'immediato dopoguerra a Villa Gamberaia a Settignano e Villa Lante a Bagnaia. Il doppio restauro a Villa Farnese a Caprarola (1948 e 1973).

3.2.1.2 Gli interventi successivi alla Carta di Firenze: i casi di Palazzo del Principe a Genova (1997-2000), Villa Medici a Roma (2000), le Regge di Colorno (2001) e Venaria (2000-2007)

3.2.2 Il restauro dei giardini nel Regno Unito

3.2.2.1 Dall'ottocentesco revival storico come reazione al movimento di "Capability" Brown (Levens Hall, Cumbria (1810-1820), Packwood House, Warwickshire (18201830) Penshurst Place, Kent (1860-1870)), all'utilizzo dei primi scavi archeologici per il Great Garden della Kirby Hall, Northamptonshire (1935)

3.2.2.2 Il dopoguerra e il National Trust: il progetto di restauro "in sympathy" con gli scopi del creatore storico e "in keeping.with".le ideologie dell'epoca: Westbury Court, Gloucestershire (1965), Claremont, Surrey (1975), Ham House, Surrey (1973), Erddig, Wrexham (1973)

3.2.2.3 I giardini e la pianificazione: l'Heritage Act del 1983 e la Compilazione del "Register of Parks and Gardens of Special Historic Interest in England" (1984-1988); L' Urban Parks Programme (1996) e 1' Heritage Lottery Fund: gli interventi sovvenzionati dalla Lotteria Nazionale (Hestercombe, Somerset (2003),Trentham, Staffordshide (2003), Painshill, Surrey (2002))

3.2.2.4 I nuovi modelli del restauro dei giardini: il restauro del Privy Garden di Hampton Court, Surrey (1995) come standard per la metodologia delle ricerche (iconografia storica, indagini archeologiche, archivi) e quello di Heligan, Cornwall (1996), come uso di elementi mediatici (televisione, pubblicità, marketing)

3.2.3 Il restauro dei giardini nei Paesi Bassi

3.2.3.1 Gli organi di tutela nei Paesi Bassi: dal Comitato Statale per la Tutela di Monumenti Storici (1918) al Consiglio peri Monumenti Storici (1961) e dalla Monuments Act (1961) allaMonument and Historic BuildingAct (1988)

3.2.3.2 La legislazione a tutela dell'ambiente e del paesaggio: le leggi sul Miglioramento Fondiario del Territorio Agricolo (1954) e sullo Sviluppo del Territorio Agricolo (1985). Il programma "Paesaggi Culturali in Olanda" (1994) e la Dichiarazione diArnhem (1999).

3.2.3.3 Teorie e prassi nella conservazione dei giardini nei Paesi Bassi: i diversi casi di restauro, ricostruzione e rinnovo e la determinazione di tempo, spazio e stile

3.2.4 Il restauro dei giardini in Francia: dagli interventi di fine Ottocento di Henri e Achille Duchene (Vaux-le-Vicomte, Courances, Chenonceau, Wideville, Langeliais, Le Marais,Conde-sur-Iton) all'attuale ripristino dei bosquets di Versailles diretto da Pierre-Andrè Lablaude. Restauro " creativo " e " a l'identique "

3.2.5 Il restauro dei giardini in Spagna: dagli interventi di Javier de Winthuysen della prima metà del XX secolo (Jardin del Barranco, El Capricho, Monforte) al restauro della Casa de Campo del 1990. Dal ripristino come ponte ideologico tra presente e passato, al restauro finalizzato alla fruizione pubblica e turistica

3.2.6 Il restauro dei giardini in Austria. Gli interventi al castello di Schloss Hof (1991 e 2002) ed al palazzo di Schónbrunn (2001)

3.2.7 Il restauro dei giardini in Russia: gli interventi diPeterhof e Pavlovsk in seguito alle distruzioni della Seconda Guerra Mondiale. Il restauro come necessità spirituale e ideologica

PARTE II

CAPITOLO QUARTO

Il Restauro dei Giardini di Het Loo (1977-1984) e del Privy Garden di

Hampton Court (1992-1995)

4.1 I giardini di Het Loo

4.1.1 La costruzione della residenza di caccia e del Giardino Basso (1686-1687) e la sua trasformazione in reggia con l'aggiunta del Giardino Alto (1689-1699)

4.1.2 Analisi Strutturale

4.1.2.1 Il Giardino Inferiore

4.1.2.2 Il Giardino Superiore

4.1.2.3 Il Giardino del Re e quello della Regina

4.1.2.4 Analisi critica

4.1.3 Il Restauro (1977-1984)

4.1.3.1 Introduzione. Il Palazzo di Het Loo: da Reggia a Museo 4.1.3.2 La fase preliminare ai lavori (1968-1976). Le diverse proposte di restauro e la scelta della restituzione allo stato originario

4.1.3.3 I lavori di restauro (1977-1984). Le ricerche archeologiche e la riproposizione di parterre, terrazze, cascate, fontane e sculture.

4.1.3.4 Gli ultimi completamenti ed i correttivi (1984-1996). La ricostruzione della Grotta nel Giardino della Regina; il completamento delle fontane di Venere e della Coda di Pavone; la sostituzione del bosso fanese con quello olandese

4.2 Il Privy Garden di Hampton Court

4.2.1 Lo sviluppo meridionale del Palazzo e l'espansione del giardino verso il Tamigi. La ricostruzione del Privy Garden durante il regno di W illem d'Oranje Nassau e Mary Stuart (1689-1702)

4.2.2 Struttura

4.2.3 I1 Restauro del Privy Garden (1991-1995)

4.2.3.1 Introduzione. Dal restauro degli Appartamenti del Re (1986-1992) a quello del Privy Garden (1992-1995). Una rinnovata armonia tra interno ed esterno.

4.2.3.2 La fase di indagine e di analisi delle fonti Lo studio di fattibilità sulla base di vedute e piante storiche, documenti archivistici, trattati contemporanei e scavi archeologici

4.2.3.3 La fase dei lavori. Il ripristino della recinzione del Tijou, il reinserimento della statuaria e la riprogettazione dei parterres

4.2.3.4 Coerenza storica e necessità contemporanee: rampe per disabili, sistemi di irrigazione elettronici e bordure dei parterre nel Privy Garden di Willem III

CONCLUSIONI

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

PARTE I

Sul tema della storia d'Inghilterra:

1949 CLARK George Norman, The Later Stuart 1660-1714, Clarendon Press, Oxford 1949.

1975 HILL Cristopher, The Century of Revolution 1603-1714, Hazell Watson & Viney Ltd Aylesbury 1975.

1979 OLLARD Richard, The Image of the King, Hodder and Stoughton, Londra 1979.

1981 RANDLE John, Understanding Britain. A History of British People and their Culture, Basil Blackwell, Oxford 1981.

Sul tema della storia dei giardini e della cultura ed ideologia coeve:

1499 COLONNA Francesco, Hypnerotomachia Poliphili, Aldo Manuzio, Venezia 1499.

1583 DE VRIES Hans Vredeman, Hortorum viridariorumque elegantes et multiplices formae, Anversa 1583.

1618 MARKHAM Gervase, A New Orchard and Garden, Londra 1618.

1634 BRERETON William, Holland and the Seventeen Provinces, 1634

1651 MOLLET André, Le jardin de plaisir, Stoccolma 1651, anastatica a cura di MICHEL CONAN, Le Moniteur, Parigi 1983.

1652 MOLLET Claude, Thécrtre des plans et jardinages contenant des secrets et des inventions incognues à tous ceux qui jusqu'à présent se sont meslez d'escrire sur sette matière, avec un traicté d'astrologie, propre pour toutes sortes de personnes, et particulièrement pour ceux qui s'occupent de la culture desjardins, C. de Sercy, 1652.

1663 SAAVEDRA FAXARDUS D., Christelyke States-Vorst, Amsterdam 1663.

1664, The Dutch drawn to the life, in I. An Exact Description and Character of the several Provinces of the Nethelands. H. An Account of their Trade and Industry. N. A well-weigh'd re-search into their Policy, Government, and Strength. IV A particular Discourse of their Religion and Customes. V. A close Narrative of the way and Method whereby

they made theinselves a Free State, under the conduct of the Prince of Aurange; Whereunto is added the Lives of the 5. last Princes. VI. A continued History of the last War, together with their Dealings with England, from the year 1612. to the year 1660., Thomas Johnson, Londra 1664

1666 ZINCGREFFIUS Ig., Emblematum Ethico-Politicorum Centuria, Heidelberg 1666.

1669 VAN DER GROEN JAN, De Nederlandtsen Hovenier/Le Jardinier

Hollandois, Marc Doornick, Amsterdam 1669.

1670 MEAGER Leonard, The English gardener: or, A sure guide to young planters and gardeners in three parts. The first shewing the way and order ofplanting and raising all sorts of stocks, fruit-trees, and shrubs, with the divers ways and manners of ingrafting and inoculating them in their several seasons; ordering andpreservation. The second, how to order the kitchin-garden, for all sorts of herbs, roots, and sallads. The third, the ordering of the garden ofpleasure, with varietie of knots, and wilderness-work after the bestfashion, all cut in copperplates; also the choicest and most approved ways for the raising all sorts of fowers and their seasons, with directions concerning arbors, and hedges in gardens; likewise several other very useful thingsfit to be known of all that delight in orchards and gardens. Fittedfor the use of all such as delight in gardening, whereby the meanest capacity need not doubt of success (observing the rules herein directed) in their undertakings. By Leonard Meager above thirty years a practitioner in the art of gardening, J. Wright, Londra 1670.

1696 MONTAGUE William, The delights of Holland: or, a three months travel

about that and the otherprovinces, Londra 1696.

1707 KIP Johannes, KNYFF Leonard, Britannia Illustrata or Views of Several

of the Queens Palaces also of the Principal Seats of the Nobilitv and Gentry of Great Britain, Londra 1707.

1742 A description of Holland: or, The present state of the United Provinces. Wherein is contained, a particular account of The Hague, J & P Knapton, London 1742.

1758 KNOOP Johann Hermann, Pomologia, 1758,

1892 BLOMFIELD Reginald, The Formai Garden in England, Macmillian, Londra, 1892.

1906 VAN AERSSEN VAN SOMMELSDYCKS Fr., diario di viaggio, (1651-1653), inAtti del H Congresso Internazionale di Scienze Storiche, Voi III, Roma 1906.

1915 JEKYLL Gertrude, WEAVER Lawrecne, Gardensfor Small Country Houses, CountryLife, Londra 1915.

1923 SINGLETON Esther, The Shakespeare Garden, J. Burrow & Co., Londra 1923.

1956 GREEN David, Gardener to Queen Anne. Henry Wise and the Formai Garden, Oxford, OUP 1956.

1959 EVELYN John, The Diary ofJohn Evelyn, E.S. de Beer, Clarendon Press, Oxford 1955.

1964 STAROBINSKI Jean, L'invenzione della libertà 1700-1789, Abscondita, 1964.

1973 CREMERS C.M., The Dutch Garden, an Introduction to Its History, in "Journalof garden history", vol.2, n.1, 1973.

STRONG ROY, Splendour at Court. Renaissance Spectacle and lllusion, Weidenfeld and Nicolson, Londra, 1973.

1974 HADFILED MILES, William, Mary and Westbury, in "Journal of garden history", Vo 1.2, n.2, 1974.

MACDOUGALL Elisabeth, HAZLEHURST Francia Hamilton, The French Formai Garden, in Dumbarton Oaks Colloquium on the History of Landscape Architecture, Washington D.C. 1974.

1977 STRONG ROY, The Cult of Elizabeth: Elizabethan Portraiture and Pageantry, Londra 1977.

1981 HOPPER Florence, The Dutch Regence Garden, in "Journal of garden history", Vol.9, n.2, 1981.

1985 MARAVALL José Antonio, La cultura del Barocco. Analisi di una struttura storica,I1 Mulino, Bologna 1985.

1986 TURNER Toni, English Garden Design. History and styles cince 1650, Woodbridge, Suffolk 1986.

1987 BEZEMER, SELLERS Vanessa, Clingendael: an early example of a Le Nótre style garden in Holland, in «Journal of Garden History», VII, 1987.

SCHAMA Simon, The Embarassement of Riches, Collins, Londra 1987.

1988 DE JONG Erik, "Nederlandish Hesperides". Garden Art in the period of William and Mary 1650-1702, in DE JONG Erik, HUNT John Dixon, (a cura di), The Anglo Dutch Garden in The Age of Willam and Mary, Taylor & Francis, Londra 1988.

HUNT John Dixon, Reckoning with Dutch gardens, in DE JONG Erik, HUNT John Dixon, (a cura di), The Anglo Dutch Garden in The Age of Willam and Mary, Taylor & Francis, Londra 1988.

JONES J.R, The building works and court style of William and Mary, in

DE JONG Erik, HUNT John Dixon, (a cura di), The Anglo Dutch

Garden in The Age of Willam and Mary, Taylor & Francis, Londra 1988

JACQUES David, VAN DER HORST Arend Jan, (a cura di) The gardens of William and Mary, Cristopher Helm, Londra 1988.

DIXON HUNT John, WILLIS Peter, The Genius of the Piace, The English Landscape Garden 1620-1820, 1988.

1990 JAMES SLOSS ACKERMANN, The Villa: Forra and Ideology of Country Houses, Thames & Hudson. Londra 1990.

1993 LAIRD Mark, I Grandi Giardini Storici, I Capolavori del Giardino Formale dal XV al XX Secolo, Umberto Allemandi, Torino 1993.

1995 DE MANDERVILLE Bernard, La favola delle api, vizi private e pubbliche

virtù. Laterza, 1995.

1999 CONAN Michel, Il giardino della sovrana volontà del potere, in H. A.

MILLON, (a cura di) I Trionfi del Barocco: Architettura in Europa 1600-1750, Bompiani Milano 1999.

FURLOTTI Barbara, OCCHIPINTI Georgina, La delitia di Colorno: una residenza aulica tra Seicento e Ottocento (tesi di laurea), rel. DEFABIANI Vittorio, Politecnico di Torino, Facoltà di Architettura, Torinol999.

HENDERSON Paula, The Architecture of the Tudor Garden, in "Journal of garden history", voL27,n.1., 1999.

JACQUES David, The Compartiment System in TudorEngland, in "Journal of garden history", voL27,n.1., 1999.

ROBERTS Judith, The Gardens of the Gentry in the Late Tudor Period, in "Journal of garden history", vol. 27, n.1, 1999.

STRONG Roy, The Renaissance Garden in England Reconsidered, in "Journal of garden history", vo L27, n. 1,1999.

2002 JACQUES David, Who Knows what Dutch garden is?, in "Journal of garden history", vo1.30, n.2, 2002.

HALPERN Linda Cabe, Wrest Park 1686-1730S: Exploring Dutch

Influence, in "Journal of garden history", voL30, n.2, 2002.

2003 STEENBERGEN Clemens, REH Wouter, Architecture and Landscape.

The Design Experiment of the Great European Garden and . Landscapes, Birkhàuser, Olanda 2003.

2007 CORNAGLIA Paolo, Venaria Reale, la più importante residenza dei duchi di Savoia e dei re di Sardegna, in ENRICO CASTELN UOVO (a cura di) La Reggia di Venaria e i Savoia. Arte, magnificenza e storia di una corte europea, Allemandi, Torino 2007

2008 DE JONG Erik, LAFAILLE Michel, BERTRAM Christian, Landscape of

the imagination. Designing the European Tradition of Garden and landscape Arch itecture (1600-2000), catalogo della mostra "Landscapes of imagination", Het Loo National Museum, 2008

Tutela e restauro dei giardini

1960 BAGATTI VALSECCHI Pier Fausto, La tutela del patrimonio artistico e naturale in Inghilterra: il "National Trust", in "Urbanistica", n.3 1, luglio .1960.

1969 CLARK H. F., The restoration and reclamation of gardens, in Garden History Society, Occasional Paper 1, 1969,

1970 CESCHI CARLO, Teoria e storia del restauro, Bulzoni, Roma 1970.

1974 FEDDEN Robin, The National Trust. Past andpresent, J.Cape, Londra 1974.

1975 FRICKER Laurence, Protecting historic landscape: gardens and parks, Pitville-Cheltenham, 1977.

LE VICOMTE DE NOAILLES, The Protection of Historic Gardens in France, in "Journal of garden history", vol.3, n.4, 1975.

MASSON Georgina, Garden Restoration in Italy, in "Journal of garden history", Vol.3, n.4, 1975.

1979 THOMAS G. S., The restoration of gardens, in "Landscape Design", febbraio 1979.

1981 BARRET C yril, I giardini di Villandry: alcune ressioni, in "Rassegna", La natura dei giardini, n.3, pp. 17-24, 1981.

BELLI BARSALI Isa, Il restauro di ville e giardini storici, "Italia Nostra", 199-200 XXV, Roma 1981.

CASIELLO Stella, Conservazione dei giardini storici, in "Restauro", 56, luglio-Agosto, 1981.

CAllATO Vincenzo, Verso una carta del restauro dei giardini storici, in RACHELI Alberto, QUONDAM Maria Luisa (a cura di), Giardini italiani. Note di storia e Conservazione, Roma 1981.

CONFORTH J., Hain House Re-inteipreted, "Country Life", 29 gennaio 1981.

RAGIONIERI Giovanna (a cura di), Il giardino storico italiano: problemi di indagine, fonti letterarie e storiche, atti del Convegno (Siena, ottobre 1978), Firenze, 1981.

NEGRI ARNOLDI Franceso, Per una catalogazione del patrimonio storico, architettonico e botanico dei giardini italiani, in RAGIONIERI Giovanna (a cura di), Il giardino storico italiano: problemi di indagine, fonti letterarie e storiche, atti del Convegno (S iena, ottobre 1978), Firenze, 1981.

1982 BURATTI A. C., La consistenza, la conservazione e l'uso dei parchi e dei giardini aulici in Gran Bretagna. L'esperienza del National Trust, in

"Città e società", n. 3,1982.

1983 BOURKE M., How will my garden grow? A philosophyfor the restoration of historic garden, in "Journal of garden history", n. 1, 1983.

PECHERE RENÉ, Historic Gardens, Their Restoration, and Their Value for Our Contemporaries, in `Bulletin ofthe Association for Preservation Technology", Vol. 15, No. 4, 1983.

1984 GOODCHILD Peter, The conservation ofparks and gardens in the United Kingdom, In "Landscape research", n.2, 1984.

1985 CATALANO Mario, PANZINI Franco, Il restauro dei giardini in Gran

Bretagna, in CATALANO Mario, PANZINI Franco (a cura di), Giardini storici. Teoria e tecniche di conservazione e restauro, Officina, Roma 1985.

CENTRE FOR THE CONSERVATION OF HISTORIC PARKS AND GARDENS, Survey and inventory: introductory notes, University of York, 1985.

GOODCHILD Peter, Information, knowledge and the conservation of historic parks and gardens in the United Kingdom: some notes, Centre for Conservation of Historic Parks and Gardens, University of York, 1985.

1986 GOODCHILD Peter, Le modéle britannique, in "Monuments historiques", n. 143, febbraio-marzo 1986.

JACQUES David, Historic garden conservation, in "P lanner", n. 11, novembre 1986.

SALES John, The role of the National Trust in garden conservation, in "Journal of Garden History", n.4, 1986.

1987 BAGATTI VALSECCHI Pier Fausto (a cura di), Il giardino storico. Protezione e restauro, atti del VI colloquio internazionale Icomos-Ifla (Firenze, maggio 1981), Firenze, 1987.

BELLI BARS ALI Isa, Per una carta del restauro dei giardini storici, in BAGATTI VALSECCHI Pier Fausto (a cura di), Il giardino storico. Protezione e restauro, atti del VI colloquio internazionale Icomos-Ifla (Firenze, maggio 1981), Firenze 1987.

1988 HARVEY John, Restoring period gardens from the Middle Ages to Georgian Times, Princes Risborough, 1988.

SALES John, Management plans and the English Landscape park, in "Landscape Design", n. 171, febbraio 1988.

1989 CAZZATO Vincenzo, (a cura di), Tutela dei giardini storici, bilanci e prospettive, Roma 1899.

BATTISTI Eugenio, Reinventando per il futuro i giardini del passato, in CAllATO Vincenzo, (a cura di), Tutela dei giardini storici, bilanci e prospettive,Roma 1899.

BELLINI Amedeo, Il dibattito sui giardini storici: equivoci e acquisizioni, in CAZZATO Vincenzo (a cura di), Tutela dei giardini storici: bilanci e prospettive, Roma 1989.

BONELLI Renato, Giardini storici: necessità di una teoria, in CAllATO Vincenzo (a cura di), Tutela dei giardini storici: bilanci e prospettive, Roma 1989.

DEZZI BARDESCHI Marco, La carta dei giardini storici otto anni dopo, in CAllATO Vincenzo (a cura di), Tutela dei giardini storici: bilanci e prospettive, Roma 1989.

GOODCHILD Peter, Conseri'ation, histof`v and gardens, in "The National Trust Council for Conservation ofplants and gardens", n.4, 1989.

GOODCHILD Peter, Surveyng and recording historic parks andgardens in the United Kingdom, Centre for Conservation ho Historic Parks and Gardens, University of York, marzo 1989.

PANZINI Franco, Conservazione, restauro, ricostruzione, in CAllATO Vincenzo (a cura di), Tutela dei giardini storici: bilanci eprospettive, Roma 1989.

PASOLINI DALL'ONDA Nicolò, Legislazione sui parchi e giardini a confronto, in CAllATO Vincenzo (a cura di), Tutela dei giardini storici: bilanci eprospettive, Roma 1989.

REGGIO GIAN LUIGI, Tutela dei giardini e delle ville, in CAllATO Vincenzo (a cura di), Tutela dei giardini storici: bilanci e prospettive, Roma 1989.

SCAZZOSI Lionella, Le Carte del restauro, inCAllATO Vincenzo (a cura di), Tutela dei giardini storici: bilanci e prospettive, Roma 1989.

1991 MARSHALL James, Il National Trust, in CUNICO Marina, LUCIANI Domenico (a cura di), Paradisi ritrovati. Esperienze e proposte per il governo del paesaggio e del giardino, (Atti del Seminario della Fondazione Benetton, Asolo, 27 agosto-12 settembre 1990), Guerini, Milano 1991.

WRIGHT Thomas, L'esperienza britannica, in CUNICO Marina, LUCIANI Domenico (a cura di), Paradisi ritrovati. Esperienze e proposte per il governo del paesaggio e del giardino, (Atti del Seminario della Fondazione Benetton, Asolo, 27 agosto-12 settembre 1990), Guerini, Milano 1991.

1992 BOBBIO Luigi, Le politiche dei beni culturali in Europa, Bologna, 1992.

BORIANI Maurizio, SCAllOSI Lionella, (a cura di), Il giardino e il tempo. Conservazione e manutenzione delle architetture vegetali. Milano, 1992.

GOODCHILD Peter, La conservazione dei paesaggi, parchi e giardini storici in Gran Bretagna: alcuni principi fondamentali, in BO RIANI Maurizio, SCAllOSI Lionella (a cura di), Il giardino e il tempo. Conservazione e manutenzione delle architetture vegetali, Guerini, Milano 1992.

OLDENBURGER EBBERS, Carla, Restauro dei giardini storici: teoria

e pratica nei paesi Bassi, in BORIANI Maurizio, SCAllOSI Lionella (a cura di), Il giardino e il tempo. Conservazione e manutenzione

delle architetture vegetali, Guerini Associati, Milano 1992.

SALES John, La conservazione e il restauro dei giardini storici del National Trust, in BORIANI Maurizio, SCAllOSI Lionella (a cura di),

Il giardino e il tempo. Conservazione e manutenzione delle architetture vegetali, Guerini, Milano 1992.

1993 GOULTY MACKELLAR Sheena, Heritage gardens. Care, conservation and management, Routledge, London-New York 1993.

SCAllOSI Lionella, Il giardino opera d'arte. La conservazione delle architetture vegetali, Alinea,, Firenze 1993.

1995 PAVORD Anna, The National Trust. The next hundredyears, Londra 1995.

1996 POZZANA Mariachiara, Giardini storici: principi e tecniche della conservazione, Alinea, Firenze 1996

1998 JORDAN Har iet, HINZE Virginia, The register of Parks and Gardens. An Introduction, Londra 1998.

1999 GIUSTI Maria Adriana, La cultura del giardino tra conservazione e restauro, in GIUSTI Maria Adriana (a cura di), I tempi della natura. Restauro e restauri dei giardini storici, Alinea, Firenze 1999.

2000 BARIDON Michel (a cura di), Lesjardins des Duchéne en Europe, Éditions Spiralinthe, Fonds Duchéne, Neuilly-sur-Seine, 2000.

BRENT Elliott, Historical revivalism in the Twentieth century; a brief introduction, in "Journal of garden history", 28/1, 2000.

CACCIALUPI Marcello, Venaria Reale. Struttura e natura del «progetto», in "Recupero & Conservazione", anno IV (2000).

GRONING Gert, Aspects of the Politica! and Social Context of the Garden Conservation Movement in Twentieth-Centuiy Germany, in "Journalof garden history", vo1.28, n. 1, 2000.

WOUDSTA Jan, FIELDHOUSE Ken,The regeneration of Public Parks, Londra 2000.

2001 WRIGHT Thomas, Restoration policies and techniques for historic gardens and parklands in Britain. Exemples, Experiences and Guidelinesfor the millennium, in CANESTRINI Franceso, FURIA Francesca, IACONO Maria Roasaria, Il governo dei giardini e dei parchi storici: restauro, manutenzione, gestione, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli-Roma 2001.

2002 ANON FELIU Carmen, Culture and nature. International legislative texts referring to the safeguard of natural and cultura! heritage, O lschki 2002

2002 GRISEL Laurent, Les Jardins de René Pechère, AAM Édition (Archives

d'Architecture Moderne), Bruxelles 2002.

2003 PANCOT Sara, Il giardino di Eugenio di Savoia a Schloss Hof. Storia del ripristino di un giardino barocco, "Architettura del Paesaggio", n. 11, 2003.

2004 GIUSTI Maria Adriana, Restauro dei giardini: teorie e storia, Alinea, Firenze 2004

WOUDSTA Jan, Garden conservation in the United Kingdom, in RO HDE Michael, SCHOMANN Rainer, (a cura di) Historic Gardens Today, Leipzig, Germania 2004.

2005 ANON FELIÚ CARMEN, Sentimento y costrucción del jardín espanol, in CONAN Michel, ROJO José Tito, ZANGHERI Luigi (a cura di), Histories of Garden Conservation. Case-studies and criticai debates. Colloquio internazionale Sulla storia della conservazione dei giardini, Leo S. O lschki, Firenze 2005.

DEZZI BARDESCHI Marco, Conservare e progettare, non ripristinare i giardini perduti: una riflessione d'attualità sulla carta italiana, in PELISSETTI Laura Sabrina, SCAllOSI Lionella (a cura di), Sistemi di giardini e architetture vegetali nel paesaggio. Metodi di studio, valutazione, tutela, Vol I, Leo S. Olschki, Firenze 2005.

JACQUES David, Post-warEnglish attitudes in restoration works, in CONAN Michel ROJO José Tito. ZANGI-IERI Luigi (a cura di), Histories of Garden Conservation. Case-studies and criticai debates. Colloquio internazionale Sulla storia della conservazione dei giardini, Leo S. Olschki. Firenze 2005.

PANCOT SARA, Schloss Hof oltre i suoi confini, in PELISSETTI LAURA Sabrina, SCAllOSI Lionella (a cura di), Sistemi di giardini e architetture vegetali nel paesaggio. Metodi di studio, valutazione, tutela, Vol I, Leo S. Olschki, Firenze 2005.

COLANTONIO VENTURELLI Rita, TOBIAS K. (a cura di), La Cultura del paesaggio. Le sue origini, la situazione attuale e le prospettive future, Leo S. Olschi, Firenze 2005.

PARTE II

I giardini di Het Loo: la storia

1699 HARRIS Walter, A Description of the King's Royal Palace and Gardens at Loo: together with a short account of Holland : in which there are some observations relating to their diseases, Londra 1699.

1973 CREMERS C.M., The Dutch Garden, an Introduction to Its History, in "Jourunal of garden history", vo L2, n. 1, 1973.

1988 JONES J.R., The building works and court style of William and Mary, in DE JONG Erik, HUNT John Dixon, (a cura di), The Anglo Dutch Garden in The Age of Willam and Mary, Taylor & Francis, Londra 1988.

DE JONG Erik, "Nederlandish Hesperides". Garden Art in the period of William and Mary 1650-1702, in DE JONG Erik, HUNT John Dixon, (a cura di), The Anglo Dutch Garden in The Age of Willam and Mary, Taylor & Francis, Londra 1988.

JACQUES David, VAN DER HORST Arend Jan, The gardens ofWilliam and Mary, Cristopher Helm, Londra 1988.

1993 LAIRD Mark, I Grandi Giardini Storici, I Capolavori del Giardino Formale dal XV al XX Secolo, Umberto Allemandi, Torino 1993

I giardini di Het Loo: il restauro

Come riferimenti fondamentali per il restauro:

1699 HARRIS Walter, A description of the King's royal palace and gardens at Loo. Togheter with a short account of Holland. In which there are some observations relating to their diseases, Londra 1699.

1775 ROUBO André Jacques, L'Art de Treillageur ou Menuiseries deljardins, inL 'Art du Menuisier, IV, Parigi 1775.

Peri lavori di restauro:

1976 H.W. VAN DOORN, Bulletin of the KoninkljkeNederlandse Oudheidkundige Bond (Comitato Archeologico Nazionale Olandese), settembre 1976.

1977 BARKHOF H.R, DE POEL K.R, SMITH T.S., De tuin van Het Loo. Nader overwogen en ter nadere overweging, in Groen, 33, 1977.

1982 LOUIS XIV, (a cura di) HOGG Simone, Manière de montrer lesjardins de Versailles, Parigi 1982.

2002 ADRIAAN W. VLIEGENTHART, Het Loo Palace, Journal of a restoration, J.L.Romen, Emmerich 2002.

Il Privy Garden di Hampton Court: la storia

1963 MILLAR O liver, The Tudor Stuart and early Georgian Pictures in the Collection of Her Majesty The Queen, Oxford 1963.

1979 STRONG Roy, The Renaissance Garden in England, Thames and Hudson, Londra 1979.

1987 STAINTON L., WHITE C., Drawing in Englandfrom Hilliard to Hogarth, Cambridge UniversityPress, 1987.

1988 JONES J.R., The building works and court style of William and Mary, in DE JONG Erik, HUNT John Dixon, (a cura di), The Anglo Dutch Garden in The Age of Willam and Mary, Taylor & Francis, Londra 1988.

JACQUES David, VAN DER HORST Arend Jan, The gardens of William and Mary, Cristopher Helm, Londra 1988.

1993 MARK LAIRD, I Grandi Giardini Storici, I Capolavori del Giardino Formale dal XV al XX Secolo, Umberto Allemandi, Torino 1993.

1995 THURLEY Simon, The Privy Garden at Hampton Court Palace, 1689-1995, Apollo, Londra 1995.

2003 THURLEY Simon, Hampton Court. A Social and Architectural History, Yale University press, Londra 2003.

2005 LONGSTAFFE-GOWAN Todd, The Gardens and Parks at Hampton Court Palace, Frances Lincoln edition, Singapore 2005.

II Privy Garden di Hampton Court: il restauro

Come riferimanti fondamentali per il restauro:

1683 REID John, The Scots Gard'ner, Edimburgo 1683.

1706 LONDON George, WISE Henry, The Retir'd Gard'ner, in Two Volumes: the Whole Revis'd, with SeveralAlterations and Additions, Which Render It Properfor Our English Culture, Jacob Tonson, Londra 1706.

1712 JAMES John, The theory andpractice of gardening wherein isfully handled all that relates tofine gardens, commonly calledpleasuregardens, as parterres, groves, bowling-greens &c. ... Together with remarks and general rules in all that concerns the art ofgardening, Londra 1712.

Per gli interventi di restauro:

1995 THURLEY Simon, The Privy Garden at Hampton CourtPalace, 1689-1995, Apollo, Londra 1995.

1996 JACQUES David, A strategy for the Parks and Gardens at Hampton

Court Palace, in "The London Gardener", n.2 1996/1997

2003 THURLEY Simon, Hampton Court. A Social and Architectural History, Yale Universitypress, Londra 2003.

2004 GIUSTI, Maria Adriana, Restauro dei giardini: teorie e storia, Alinea, Firenze 2004.

WOUDSTA Jan, Garden conservation in the United Kingdom, inROHDE Michael, SCHOMANN Rainer, (a cura di) Historic Gardens Today, Leipzig, Germania 2004.

Elenco dei siti internet consultati

Per versioni digitali di articoli o libri antichi

http://digi.azz cz

www.jstor.org

www.europeana. eu

www.e-book.com

www.eebo.chadwyck.com

Peri restauri

www.cultura. toscana. it

www.villagamberaia.com

www.palazzodelprincipe. it

www.giardiniepaesaggio. it

www.provincia.parma. it

www.comune.colorno.pr. it

www.lavenaria. it

www.gardenvisit.com

www.english-heritage.org.uk

www.nationaltrustorg.uk

www.hlforg.uk

www.hestercombe.com

www.heligan.com

www.íbc.regione.emilia-romagna. it

www.jemolo.com

www.chateauhotels.nl

www.vaux- le-vicomte.com

www.frane-voyage.com

www.cliateauversailles. fr

www.ffickr.com

www.schoenbrunn. at

www.peterhoîorg

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)