polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Giardini botanici e arboreti nell'Europa centro orientale

Ambrosio, Marcello

Giardini botanici e arboreti nell'Europa centro orientale.

Rel. Paolo Cornaglia, Marco Devecchi. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Progettazione di giardini, parchi e paesaggio, 2008

Abstract:

Il giardino botanico è una forma di organizzazione del verde dove gli aspetti scientifici hanno un ruolo fondamentale. Essi si affiancano agli aspetti architettonici, spesso prevaricandoli. I giardini botanici nascono infatti per soddisfare esigenze didattiche e di sperimentazione botanica. Vi sono però, nell’ambito di questa tipologia di giardino, produzioni architettoniche pregevoli e da valorizzare.

Il giardino botanico è una luogo intermedio tra un ‘museo’ ed un’area naturale. È una ‘collezione viva’, un elenco di piante catalogate, un ibrido tra un laboratorio a cielo aperto e un luogo di diletto. Esso nasce per istruire, per illustrare e stupire l’osservatore sugli aspetti scientifici ed ambientali della flora.

Non bisogna dimenticare che a fronte di tutte le funzioni scientifiche che un giardino botanico svolge e di cui si parlerà in seguito, vi sono anche funzioni socioculturali e di miglioramento della vivibilità urbana. Si trova infatti generalmente in città e si confronta con le problematiche ecologiche ed urbane.

I giardini botanici sono presenti in ogni paese e rappresentano un aspetto particolare della gestione del verde. Ogni nazione ha evoluto tipologie differenti di organizzazione delle collezioni vegetali, modi particolari per studiare, catalogare e preservare specie autoctone e non. Ma ogni giardino botanico, in ogni angolo del mondo, ha numerosi contatti e collaborazioni in svariate parti del pianeta, ed ognuno di questi parchi è il riflesso di studi botanici e passione per la scienza che superano le barriere degli stati e dei continenti.

In questo lavoro si è cercato di approfondire quali siano le principali caratteristiche di un giardino botanico, quali sono state e quali possano essere le sue funzioni nel XXI secolo.

Lo studio ha riguardato un’area geografica in cui la cultura del parco botanico è particolarmente affermata: l’Europa dell’Est. In particolare si sono analizzate le collezioni botaniche della Moldavia, della Romania e dell’Ungheria. Quest’area geografica presenta radici culturali e storiche comuni.

A titolo di confronto si sono analizzati alcuni parchi dell’Ucraina e della Russia, poiché sono molto simili ai precedenti ed assai particolari nelle loro soluzioni compositive e nella loro evoluzione storica.

L’analisi dei giardini botanici è partita dall’analisi dello stato attuale, evidenziandone gli aspetti progettuali salienti. Dopodiché si è passati ad analizzare gli aspetti storici ed evoluzionistici che hanno determinato lo stato attuale anche nell’ambito delle evoluzioni urbanistiche delle città in cui si trovano. Queste caratteristiche ne hanno segnato il ruolo non soltanto di polo scientifico, ma anche di fulcro ecologico all’interno delle città.

È su questi presupposti che si è cercato di spiegare quali sono state e quali possano essere le funzioni del parco botanico all’interno della società, non soltanto nell’Est Europa ma anche nel resto del Continente.

Sulla scorta di queste analisi si è valutato il progetto di costruire un parco botanico nella città di Balti, nel nord della Moldavia. Il parco è stato progettato tenendo conto delle ridefinizioni funzionali del concetto di collezione botanica, che nella sua storia secolare assume, mai come oggi, un ruolo cruciale nella educazione ambientale. Questo ruolo è amplificato se si pensa che l’Europa dell’Est è una parte del nostro continente in forte crescita ed in rapido sviluppo.

Lo sviluppo economico comporterà (e sta comportando) un forte impatto ambientale. Ma l’ascesa economica di uno stato non deve essere necessariamente connessa al danneggiamento dell’ambiente. L’incremento delle emissioni e la distruzione di parte dell’ambiente naturale possono rappresentare un costo enorme per gli stati con cui prima o poi ci si dovrà confrontare. Questo processo che ha già interessato gli stati dell’Europa occidentale in tutte le fasi cruciali di crescita economica, può essere mitigato nei paesi in via di sviluppo da una forte opera di istruzione della popolazione, su come lo sviluppo possa e debba essere ’sostenibile’. La crescita economica non è in antitesi con i temi di sostenibilità e salvaguardia ambientale, ma anzi sono questi temi parte stessa della crescita economica. Gli errori commessi dai paesi europei occidentali negli anni ‘60 e ‘70 devono costituire un monito, un precedente importante, affinché gli errori non vengano nuovamente commessi.

Su questa funzione ‘istruttiva’ del giardino botanico si è cercato di dare nuovo vigore alla cultura della collezione botanica, come tema non soltanto d’élite per soli scienziati specialisti, ma come strumento d’apprendimento della realtà ambientale che ci circonda e come modo per intraprendere od intensificare scambi culturali con persone e paesi diversi, al fine di tutelare insieme il nostro pianeta.

Relatori: Paolo Cornaglia, Marco Devecchi
Soggetti: U Urbanistica > UC Giardini
U Urbanistica > UF Parchi
U Urbanistica > UM Tutela dei beni paesaggistici
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Progettazione di giardini, parchi e paesaggio
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/1242
Capitoli:

SOMMARIO

Premessa p. 6

PRIMA PARTE p. 8

1) Caratterizzazione delle collezioni vegetali p. 9

Orto botanico p. 9

Arboretum (parco dendrologico) p. 12

Parco e giardino p. 13

Lo studio della vegetazione p. 15

Funzionalità p. 16

Sviluppo e attività connesse p. 18

2) Inquadramento storico p. 20

Le collezioni botaniche: dalle origini al Medioevo p. 20

La nascita dell’orto botanico didattico nel Rinascimento p. 21

L’orto botanico di Padova p. 24

L’orto botanico di Pisa p. 27

L’orto botanico nel XVIII seolo. p. 29

L’orto botanico di Torino p. 30

L’orto botanico di Uppsala p. 34

L’orto botanico nel XIX secolo p. 37

Nuove tecniche p. 40

Il Giardino botanico Reale di Kew p. 41

I nuovi orti botanici p. 43

SECONDA PARTE p. 45

3)Inquadramento p. 46

Il contesto storico politico dell’Europa centro orientale p. 46

Metodologia di studio p. 56

Caratteristiche progettuali delle collezioni botaniche Dell’Europa Orientale p. 57

4) Le principali collezioni botaniche dell’Ungheria p. 61

Giardino botanico di Vácrátót p. 61

Arboretum di Buda p. 66

Giardino zoologico di Budapest e giardino botanico p. 70

Giardino botanico di Budapest p. 76

Arboretum di Szarvas p. 83

Arboretum di Alcsútdoboz p. 86

5) Le principali collezioni botaniche della Romania p. 90

Giardino botanico di Cluj Napoca p. 90

Giardino botanico di Jibou p. 101

Arboretum di Simeria p. 107

Giardino botanico di Iasi p. 111

Giardino botanico di Bucarest p. 116

6) Le principali collezioni botaniche della Moldavia p. 121

Giardino botanico di Chisinau p. 121

7) Le più significative collezioni botaniche dell’ex Unione Sovietica p. 126

Parco botanico di Kiev p. 126

Giardino botanico di Yalta p. 128

8) Progetto per la costruzione di un giardino botanico in Balti p. 134

9) Conclusioni p. 143

10) Bibliografia p. 145

11) Allegati p. 152

Index seminum. (Catalog de Seminte si spori oferite pentru schimb in anul 2007) del Giardino botanico ‘Anastasie Fatu’ di Iasi.

Flora Moldaviae et Dobrogeae exiccata del Giardino botanico ‘Anastasie Fatu’ di Iasi.

Bibliografia:

Bibliografia generale

Enciclopedia agraria italiana, Ramo Editoriale Agricoltori, Roma 1952.

Victor Westhoff, The dynamic structure of plant communities in relation to the objectives of conservation, in Emmett Duffy and Alexander Watt, The scientific management of animal and plant communities for conservation, Blackwell, Oxford 1971, pp. 47-58.

Georg Wilhelm Friedrich Hegel, Estetica, Einaudi, Torino 1972.

John Dixon Hunt, William Kent, Landscape garden designer: an Assessment and Catalogue of his designs, Zwemmer, Londra 1987.

Vera Comoli Mandracci, Torino, Laterza, Bari 1989.

Maria Adriana Giusti, I Giardini dei Monaci, Fazzi, Lucca 1991.

John Dixon Hunt, Gardens and the Picturesque: studies in the history of landscape architecture, MIT Press, Boston 1992.

Mariella Zoppi, Storia del giardino europeo, Laterza, Bari 1995.

Alberto Jori, Medicina e medici nell'antica Grecia. Saggio sul 'Perì téchnes' ippocratico, il Mulino, Bologna 1996.

Maurizio Paolillo, Il Giardino Cinese. Una tradizione millenaria, Guerini ed Associati, Milano 1996.

Raffaele Milani, Il pittoresco. L’evoluzione del gusto tra classico e romantico, Laterza, Bari 1997.

Edmund Burke, Enquiry upon the origin of our ideas of the sublime and beautiful, Dodsley, Londra 1756, riedizione Oxford University Press, New York 1998.

Roger Turner, Capability Brown and the Eighteenth Century English Landscape, Phillimore, Chichester 1999.

Florence André, Stéphanie de Courtois, Édouard André (1840-1911): un paysagiste botaniste sur les chemins du monde, Éditions de l'Imprimeur, Parigi 2000.

Ehrenfried Kluckert, Giardini d’Europa, dall’antichità ad oggi, Könemann, Gütersloh 2000.

Monika Fekete, Il locus amoenus in Petrarca, ossia la metafora di uno spazio. Annuario. Istituto Romeno di cultura e ricerca umanistica di Cluj Napoca, Serban Marin, Rudolf Dinu e Ion Bulei, Venezia 2001.

Fabio Garbari, Alessandro Tosi, Lucia Tomasi, Garden of simples, Edizioni Plus, Pisa 2002.

John Dixon Hunt, The Picturesque Garden in Europe, Thames and Hudson, London 2002.

Franco Cardini, Massimo Miglio, Nostalgia del Paradiso, Laterza, Bari, 2002.

Dizionario etimologico della lingua italiana. Zanichelli Editore, Bologna, 2004

Maria Adriana Giusti, Restauro dei Giardini, teoria e storia, Alinea Editore, Firenze 2004.

Ludmilla Assing, Fürst Hermann von Pückler-Muskau, Hoffmann und Campe, Amburgo 1873, riedizione Elibron Classics Hardcover, Londra 2005.

Franco Panzini, Progettare la natura, Zanichelli Editore, Bologna 2005.

Thompson Ian, The Sun King's Garden: Louis XIV, Andre Le Notre and the Creation of the Gardens of Versailles, Hardcover, Londra, 2006.

Le green belt, aree verdi periurbane a Londra, in «Estimo e Territorio», Edagricole (Sole24ore), anno LXIX, Marzo 2006, pp. 31-42.

Pompeo Fabbri, Principi ecologici per la progettazione del paesaggio, Angeli, Milano 2007.

Uvedale Price, Essay on the Picturesque, Robson, Londra 1794, riedizione Kessinger, Glacier Montana 2007.

Mario Vilardo, Giulio Guidorizzi, Michele Mortarino (a cura di), Teofrasto, Galeno, Longino. Trattatisti greci: Caratteri-Il sublime-Sulle facoltà naturali. Mondatori Editore, Milano 2008.

Giardini botanici e arboreti

Orti botanici delle università italiane, Istituto di Tecnica e Propaganda Agraria C.N.R., Napoli 1965.

Mirella Levi d'Ancora, The garden of the Renaissance: botanical symbolism in Italian paiting, Leo Olschki, Firanze 1977.

Humphry Repton, Observations on the theory and practice of landscape gardening, Bensley & Taylor, Londra 1803, ristampa anastatica Phaidon Press, Banbury 1980.

John Prest, The Garden of Eden. The Botanic Garden and the Recreation of Paradise, Yale University Press, New Haven 1981.

Hermann Fürst von Pükler Muskau, Andeutungen über Landschaftsgärtnerei, Oktav, Stoccarda 1834, riedizione Rizzoli, Milano 1984, pp. 54-55.

Franco Montacchini (a cura di), con la collaborazione di Giuliana Forneris, Carla Martoglio e Silvana Pettinati, Erbari e iconografia botanica : storia delle collezioni dell' Orto Botanico dell' Università di Torino, Allemandi, Torino 1986.

Franco Pedrotti, 100 anni di ricerche botaniche in Italia (1888-1988), S.B.I., Firenze 1988.

Melanine Louise Simo, Loudon and the Landscape Country Seat to Metropolis, 1783-1843, Hardcover, Londra 1988.

Gyözö Mészöly, Arborétumok országzerte, Muvészet, Budapest 1990.

Pignatti Sandro, Gli Orti Botanici nella realtà Sociale contemporanea, in «Folia di Acer», II, 1990 pp. 10-13.

Raimondo Francesco Maria (a cura di), Orti Botanici, Giardini Alpini, Arboreti Italiani, Edizioni Grifo, Palermo 1990.

Corbetta Francesco, La persistente attualità degli Orti Botanici, in «Folia di Acer», II, 1992, pp. 20-23.

Curti Luigino, Che cos’è oggi un Orto Botanico, in Paola Capone, Paola Lanzara, Massimo Venturi Ferraiolo, (a cura di), Pensare il Giardino, Guerini e Associati, Milano 1992.

Franco Pedrotti, L'Arboreto dell'Università di Camerino. L'uomo e l'ambiente, Camerino 1992.

Sara Ferri, Francesca Vannozzi, I Giardini dei Semplici e gli Orti Botanici della Toscana, Edizioni 4emme, Firenze 1993.

John Harris and Michael Snodin, Sir William Chambers: Architect to George III, Hardcover, Londra 1996.

Laura Sasso, (a cura di), Orto Giardino Botanico e Città, un progetto per Torino e le sue acque, Celid, Torino 2002.

Pia Meda, Orti e Giardini Botanici di Lombardia, Edizioni Junior, Bergamo 2002.

Pierfranco Galliani, Antonio Piva (a cura di), Nuovi paesaggi: storia e rinnovamento del giardino botanico in Italia, Marsilio Editore, Milano 2002.

Pompeo Fabbri (a cura di), Paesaggio, pianificazione, sostenibilità, Alinea, Firenze 2003.

Sergio Costa, Il Giardino Utile, Giardini, Orti e Pomari della Scuola di Agraria della Fattoria delle Cascine all’Isola di Firenze, Pagliai Polistampa, Firenze 2003.

Fabio Garbari, Alessandro Tosi, Lucia Tomasi, L’orto botanico di Pisa, ETS Editore, Pisa 2005.

Chiara Bortolotto, L’orto botanico di Padova, Istituto poligrafico Zecca dello stato, Roma 2006.

Gianni Bedini, L’orto Botanico di Pisa. Piante, storia, personaggi, ruoli, Edizioni Plus, Pisa 2007.

Giovanni Cristofolini e Donatella Biagi Maino, Linneo a Bologna, Allemandi, Torino 2007.

Gianni Schinezos, Elsa Cappelletti, Giancarlo Cassina, Hortus Patavinus. Alla scoperta dell'orto botanico di Padova, Input Editore, Vicenza 2007.

Il contesto storico politico dell’Europa orientale

Indro Montanelli, Storia d’Italia, l’Italia dei secoli bui, Rizzoli Editore, Milano 1965.

Roberto Ruspanti, La battaglia di Mohács: tragedia nazionale o modesto episodio della storia dell’Ungheria?, in «Ungheria Oggi», n. 2, 1976, pp. 36-39.

Cacciamo Domenico, Introduzione alla storia dell’Europa Orientale. Carocci Editore, Roma 1991.

Roberto Ruspanti, Dal Tevere al Danubio (percorsi di un magiarista italiano fra storia, poesia e letteratura), Soveria Mannelli, Rubettino, Soveria Mannelli 1997.

Grigore Arbore Popescu, Traiano ai confini dell'impero, Electa, Milano 1998.

Adriano Papo, Graziella Papo, Storia e cultura dell'Ungheria. Dalla preistoria del bacino carpato-danubiano all'Ungheria dei giorni nostri, Rubettino Editore, Soveria Mannelli 2000.

Gloria Pirzio Ammassari, Marina D'Amato, Arianna Montanari, Nazionalismo e identità collettive. I percorsi della transizione in Romania e nella Repubblica di Moldova. Liguori Editore, Napoli 2000.

Károly Kós, La Transilvania. Storia e cultura dei popoli della Transilvania, a cura di Roberto Ruspanti, Rubettino Editore, Soveria Mannelli 2000.

Giovanna Brogi Bercoff, La scienza letteraria e filologia negli anni del postcomunismo, Studi Slavistici I, Università di Milano, Milano 2004.

Peter Wilcox, Gerry Embleton, Rome's enemies: Germans and Dacians, Oxford 2004.

Antonello Bigini, Storia della Romania contemporanea, Bompiani Editore, Milano 2006.

Andrei Brezianu, Historical dictionary of the Republic of Moldova, Chisinau 2007.

Collezioni botaniche in Ungheria

Zoltán Gombos, Régi kertek Pesten és Budán, Natura, Budapest 1974

Budai Arboretum, University of Horticulture Corvinus, Budapest 1994.

On the Budapest Municipal Zoo, an extract from the 1912 issue of the Hungarian

Architecture Magazine, Kiadja Favàrosi Állat-és Növénykert, Budapest 1996.

Anthony Gall, Zoltán Hanga, Orsolya. Kováks, Miklós Persànyi, Endre Sós, Márta Szabon, Budapest Zoo, Favarosi Állat és Növénykert, Budapest 2003.

Magyarország Legfontosabb Arbórétumai és Botanikus Kertjei. Magyar Arborétumok és Botanikus Kertek Szövetsége, Budapest 2003.

Déry Attila, Pest története és muvészete. Budapest építészeti topográfia 1, Terc, Budapest 2005.

Erzsébet Fráter, Géza Kóza, Szép Magyar Kertek: Botanikus Kertek, Arborétumok, Kastélykertek, Muvészet, Budapest 2005.

Géza Kóza, Botanikus Kert: Vácrátót. Vácrátót 2006.

Garden Heritage, Historican and Botanical Gardens of Hungary. Map of sites, Joseph Karolyi Foundation, Budapest 2007.

Paolo Cornaglia, Una cartografia militare e una città dell’Ottocento: Pest, in, Costanza Roggero, Elena Della pianta, Guido Montanari, Il patrimonio architettonico e ambientale, scritti per Micaela Viglino Davico, Celid, Torino 2007.

Collezioni botaniche in Romania e Moldavia

Albert Fekete, Kolozvari Kertek. Müvelodès, Budapest 1995.

Vasile Fati, The Botanical Garden Jibou. Centrul de cercetari biologice Jibou, Jibou 1995.

Vasile Cristea, Le jardin botanique Alexandru Borza, Edizioni «L’uomo e l’ambiente», Camerino 1997.

Gradina Botanica Jibou, Centrul de cercetari biologice Jibou, Jibou 1998.

Anca Sârbu, Asiciatia Gradinilor Botanice din România, un pas Spre integrarea Europeana Alo, Bucaresti 2001.

Felician Micle, Gradina Botanica Alexandru Borza din Cluj Napoca. Presa Universitara Clujeana Cluj Napoca 2002.

Vasile Cristea (a cura di), Municipiul Cluj Napoca si zona periurbana;. Studii ambientale, Accent, Cluj Napoca 2002.

Alexandru Borza, a cura di Vasile Cristea e Franco Pedrotti, Protectiunea naturii: pagini alese, L’uomo e l’ambiente, Camerino, 2005.

Corina Coanda, Stelian Radu, Arboretumul Simeria, Editura Tehnica; Silvica, Bucarest 2006.

Index Seminum, Gradina Botanica Jibou 2008. Centrul de cercetari biologice Jibou, Jibou 2008.

Tesi di laurea

Federica Campidonico, Gabriele Mannucci, Architettura e Orto Botanico, tesi di laurea, Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino, relatore Prof.ssa Laura Sasso, anno accademico 1994-1995.

Francesca Ferraris, Dal giardino dei semplici all’orto botanico: sperimentazione, simbologia e scienza tra Cinquecento e Settecento, tesi di laurea, Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino, relatore Prof. Vittorio Defabiani, anno accademico 1994-1995.

Marcello Ambrosio, Analisi territoriale e paesaggistica di un’area del Basso Monferrato astigiano al fine di una sua riqualificazione turistica sostenibile, tesi di laurea, Facoltà di Agraria dell’Università di Torino, relatore Prof.ssa Elena Accati, anno accademico 2004-2005.

Siti web consultati

www.anbg.gov.au (sito del Australian National Botanic Gardens Association).

www.bgci.org (Botanic Garden Conservation International Association).

www.biologia.unipi.it (sito del dipartimento di scienze botaniche e dell’Orto botanico dell’Università di Pisa).

www.bioveg.unito.it (sito del dipartimento di scienze botaniche e dell’Orto botanico dell’Università di Torino).

www. botanica.uaic.ro (sito del giardino botanico di Iaşi).

www.botany.org (sito del Botanical Society of America).

www.budaiarboretum.uni-corvinus.hu (sito dell’arboretum di Buda).

www.chanousia.org (sito del giardino botanico alpino di Chanousia).

www.cincyzoo.org (sito del giardino botanico e dello zoo di Cincinnati).

www.cjnet.ro/t/rgradinabotanica (sito del giardino botanico di Cluj Napoca).

www.emte.ro (sito dell’Università ungherese Sapientia della Transilvania).

www.gardenhistorysociety.org (sito della Garden History Society).

www.giardinoalpinia.it (sito del giardino botanico ‘Alpinia’).

www.gradina-botanica.ro (sito del giardino botanico di Bucarest).

www.horti.unimore.it (sito del Gruppo di Lavoro per gli Orti Botanici ed i Giardini Storici della Società Botanica Italiana).

www.kee.hu (sito dell’Università ungherese ‘Corvinus’).

www.kew.org (sito del Royal Kew Botanical Garden).

www.icashd.rdslink.ro (sito dell’Arboretum di Simeria).

www.linnaeus.uu.se (sito dell’orto botanico di Uppsala).

www.ortobotanico.unipd.it (sito dell’orto botanico di Padova).

www.publicgardens.org (sito dell’associazione Public Gardens of America).

www.wikipedia.it (enciclopedia on line).

www.spbrc.nw.ru (sito dell’Accademia delle Scienze della Russia).

www.unesco.org (sito ufficiale dello United Nations Educational and Cultural Organisation).

www.usna.usda.gov (sito dello United States National Arboretum in Washington D.C.).

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)