polito.it
Politecnico di Torino (logo)

L'applicazione della Valutazione Ambientale Strategica ai Contratti di Fiume piemontesi: il caso studio del torrente Pellice = Application of Strategic Environmental Assessment to River Contracts in Piedmont: the case study of Pellice river

Giada Zoni

L'applicazione della Valutazione Ambientale Strategica ai Contratti di Fiume piemontesi: il caso studio del torrente Pellice = Application of Strategic Environmental Assessment to River Contracts in Piedmont: the case study of Pellice river.

Rel. Grazia Brunetta, Gianna Clotilde Betta, Nuna Tognoni. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Pianificazione Territoriale, Urbanistica E Paesaggistico-Ambientale, 2018

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (3MB) | Preview
[img] Archive (ZIP) (Documenti_allegati) - Other
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (6MB)
Abstract:

Lo studio, che nasce dalla collaborazione con il Servizio Risorse Idriche della Città Metropolitana di Torino, tratta la problematica dell’applicazione della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) ai Contratti di Fiume (CdF) in Regione Piemonte. Essendo l’unica Regione italiana che di fatto ha previsto l’applicazione della VAS in tale contesto, si intende valutare l’effettivo contributo che questo strumento può dare ad un Contratto di Fiume, strumento che, di per sé, ha come obiettivo il miglioramento ambientale. L’obiettivo della ricerca è quello giungere ad una proposta di modifica della metodologia fin ora applicata per la VAS dei Contratti di Fiume, utilizzando come caso studio il CdF del Pellice, per il quale è avvenuta una diretta collaborazione nella redazione del Rapporto Ambientale. Nella prima parte della ricerca si prendono in analisi i documenti normativi e i piani e programmi riguardanti i Contratti di Fiume e la VAS, nonché le “Linee Guida della Regione Piemonte per l’attuazione dei Contratti di Fiume e di Lago”. Nella seconda parte invece, più lunga e articolata, vi è una ricognizione della situazione nelle diverse Regioni italiane, effettuata contattando direttamente tutti i soggetti competenti a livello nazionale, tra cui l’Osservatorio Nazionale per i Contratti di Fiume, il CIRF, i singoli referenti regionali sul tema Contratti e attraverso una ricerca sul web che ha preso in considerazione tutte le fonti possibili, dai siti istituzionali ai social network. Ciò ha però permesso di ricostruire un quadro solamente parziale della situazione attuale, data l’esigua quantità dei riscontri ottenuti e delle informazioni presenti sul web. Dai dati raccolti risulta come in Italia vi siano un gran numero di esperienze annunciate che si sono arenate prima ancora dell’inizio del processo di costruzione del Piano d’Azione del Contratto e che, oltre alla Regione Piemonte, ci sia un unico altro caso di VAS in Regione Abruzzo limitato però alla fase di Scoping (applicazione dell’art. 12 del D. Lgs. 152/2006). Viene poi preso in considerazione nello specifico il caso piemontese, mediante intervista ai referenti regionali in materia di VAS e di Contratti di Fiume, al fine di estrapolare i punti di forza e le criticità rilevate dagli esperti in materia. Si è scesi a livello di dettaglio nell’analisi dei documenti di VAS e del Contratto di Fiume del Pellice; dal confronto degli stessi, è emerso in modo evidente come il processo e i contenuti della prima si sovrappongano in molte parti a quelli del secondo. Ne risulta che i due procedimenti differiscono tra loro solo per alcune parti, in particolare le analisi di coerenza esterna e interna, degli impatti e delle alternative. La ricerca effettuata ha evidenziato il contributo senz’altro positivo che la VAS può apportare ad un Contratto di Fiume, ma nel contempo che l’applicazione tout court della procedura tradizionale valutativa appesantisce in maniera tale il processo di CdF complicandone eccessivamente l’iter. Il lavoro conduce dunque alla formulazione di proposte di integrazione dei processi che potrebbero consentire nel contempo di alleggerire l’iter di un CdF senza comprometterne la buona riuscita e di conservare quanto di utile apporta il processo valutativo al Contratto stesso.

Relators: Grazia Brunetta, Gianna Clotilde Betta, Nuna Tognoni
Academic year: 2018/19
Publication type: Electronic
Number of Pages: 150
Subjects:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Pianificazione Territoriale, Urbanistica E Paesaggistico-Ambientale
Classe di laurea: New organization > Master science > LM-48 - REGIONAL, URBAN AND ENVIRONMENTAL PLANNING
Ente in cotutela: ETS ARQUITECTURA - UNIVERSIDAD POLITECNICA DE MADRID (SPAGNA)
Aziende collaboratrici: CITTA’ METROPOLITANA DI TORINO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/8574
Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)