polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Veicoli a guida autonoma e relativo impatto sul settore assicurativo = Autonomous vehicles and related impact on the insurance industry

Polo, Laura

Veicoli a guida autonoma e relativo impatto sul settore assicurativo = Autonomous vehicles and related impact on the insurance industry.

Rel. Marcella Sarale, Paolo Rainelli. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Ingegneria Gestionale, 2018

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Accesso al documento: Accesso libero
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (3MB) | Preview
Abstract:

ABSTRACT TESI “SELF DRIVING E IMPATTO SUL SETTORE ASSICURATIVO”Si sente, sempre più spesso, parlare di IoT (Internet of Things) ovvero dell’estensione di Internet al mondo degli oggetti e dei luoghi concreti: gli oggetti riescono a farsi riconoscere interconnettendosi tra di loro e scambiandosi informazioni. I campi di applicazione dell’IoT sono molteplici. Tra questi vi è sicuramente il settore della mobilità con lo sviluppo di veicoli a guida autonoma: si procede dalle attuali vetture dotate di nuove tecnologie di bordo che forniscono assistenza al guidatore, per giungere, poi, a veicoli completamente autonomi in cui il controllo è esercitato da un dispositivo automatico che si sostituisce in tutto al conducente.Le auto del futuro hanno diversi potenziali vantaggi, tra i più importanti vi è la riduzione del numero di incidenti stradali e del tasso di mortalità. Infatti, poiché una gran numero di questi è causato da errori umani (stanchezza, disattenzione, guida in stato di ebrezza), la parziale o totale sostituzione del driver potrebbe aumentare la sicurezza del traffico e ridurre morti, feriti e danni materiali.Ad oggi, possiamo affermare che il più grande ostacolo nel raggiungimento di questi benefici non è la tecnologia, che dopo decenni di lavoro sui sistemi avanzati di visione artificiale, intelligenza artificiale e sensori, risulta ormai a portata di mano. Vi è bensì da una parte la necessità di definire un quadro regolatore comune e di adeguare la relativa legislazione nei singoli Paesi, in termini di modifica dei codici nazionali della strada e della disciplina assicurativa, e dall’altra la risoluzione di imprescindibili questioni etiche. In caso di schianto imminente, infatti, l’algoritmo sarà programmato per scegliere chi salvare tra il conducente o, per esempio, il malcapitato che attraversa la strada.E’ di estrema importanza, dunque, definire entro quale ambito possa circoscriversi la responsabilità del conducente e oltre quale limite, invece, la responsabilità ricada sul sistema automatico e quindi sul produttore dello stesso.Il presente lavoro partendo da un’approfondita analisi della normativa in vigore in Italia, procede ad una descrizione dei primi interventi legislativi, in materia di guida autonoma, previsti nel nostro Paese ed attuati in alcuni Stati, particolarmente sensibili al tema e che si stanno già da tempo approcciando a questa innovazione distruptive. Si giunge poi alla presentazione di casi di studio reali, quali i primi incidenti che hanno visto coinvolta una self-driving car.L’obiettivo finale è quello individuare i possibili scenari futuri, di identificare i nuovi profili di responsabilità civile con particolare attenzione rivolta alla trasformazione che interesserà le polizze auto e più in generale alle risposte che il diritto delle assicurazioni dovrà fornire al cambiamento di paradigma.

Relatori: Marcella Sarale, Paolo Rainelli
Anno accademico: 2017/18
Tipo di pubblicazione: Elettronica
Soggetti:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Ingegneria Gestionale
Classe di laurea: Nuovo ordinamento > Laurea magistrale > LM-31 - INGEGNERIA GESTIONALE
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/7888
Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)