polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Architettura e costruzione delle ciminiere laterizie: la ciminiera dell' ospizio di carità dei poveri vecchi a Torino

Gallinaro, Viola

Architettura e costruzione delle ciminiere laterizie: la ciminiera dell' ospizio di carità dei poveri vecchi a Torino.

Rel. Anna Maria Zorgno, Giuseppe Pistone. Politecnico di Torino, NON SPECIFICATO, 1999

Abstract:

Lo sviluppo dell'architettura industriale a Torino fra fine ottocento e primi del

novecento segnò profondamente la morfologia del contesto urbano, nelle diverse fasi

della sua trasformazione. Risalgono a quel periodo infatti le iniziative dei grandi

sindaci liberali che risollevarono le sorti della città investendo su conoscenze tecniche

già radicate nel ceto industriale attraverso gli assidui contatti con gli ambienti imprenditoriali

transalpini. La capacità di adattarle a nuove tecnologie, creò in un secondo momento le condizioni

necessarie affinché la città, perdendo il titolo di capitale, acquisisse quello, ben più importante

per il suo successivo sviluppo, di polo industriale. Emblematici di questo clima rinnovato e delle

conoscenze tecniche sulle quali la città decise di investire, sono peraltro la fondazione del Politecnico

nel 1906 dalla fusione del Museo industriale Italiano e dalla Scuola da applicazione per ingegneri, come

l'organizzazione delle grandi Esposizioni Nazionali, prima fra tutte quella del 1884, in cui l'illuminazione

dei padiglioni grazie a otto caldaie a vapore segna per Torino il raggiungimento della vera maturità industriale.

Tutti questi cambiamenti a livello organizzativo e imprenditoriale, si manifestano sul territorio in principio con

una maggiore concentrazione delle industrie lungo i canali, tradizionali luoghi di lavoro per l'erogazione di energia

a basso costo, e successivamente, grazie all'introduzione dell'energia elettrica, in prossimità dei nodi stradali e ferroviari.

Nel profilo di una città le ciminiere sono dunque la testimonianza più evidente della sua storia industriale e di come tali

cambiamenti abbiano condizionato il territorio. Infatti ricordando fabbriche e opifici dei quali spesso sono l'unica permanenza

rappresentano il segno più evidente di vicende passate la cui continuità con il presente stenterebbe diversamente a leggersi nella

crescita dinamica della città PlU raro è il caso in cui tali manufatti assolvano ancora le funzioni per le quali erano state costruite,

anche se tali circostanze risulterebbero le migliori per la manutenzione di queste strutture, testimonianze di una storia della città

che spesso si tende a mettere in secondo piano rispetto all'indagine della Torino barocca.

Un'analisi costruttiva e architettonica delle ciminiere laterizie non poteva quindi prescindere de un breve quadro dello sviluppo industriale

della città a cui e stata pertanto dedicata la prima parte della tesi. La conoscenza delle dinamiche che portarono Torino ad assumere il carattere

di città industriale e l'analisi dei luoghi privilegiati in cui tale fenomeno prese forma era essenziale per una verifica sul territorio del patrimonio

di ciminiere laterizie ancora esistenti.

La seconda parte della tesi prende in esame, attraverso la lettura dei manuali dell'epoca, la conoscenza delle regole e delle norme che avvalorate

dalla pratica venivano diffuse grazie a tali pubblicazioni. Infatti i manuali di fine ottocento come sottolinea Carlo Guenzi, "hanno raccolto,

codificato e convalidato prassi comuni e tendenze innovative, con precisi riferimenti storici ai tipi edilizi e alle condizioni ambientali". A partire dalla prima

traduzione in italiano dei volume di Breymann nel 1885 fino alla sua ultima ristampa nel 1931 la ricerca ha confrontato, anche con una schematizzazione tramite tabelle,

le regole dettate dai diversi manuali per le componenti principali del camino. sottolineando come tali conoscenze siano cambiate in funzione delle maggiori capacità acquisite

in campo scientifico. Non è però attraverso i manuali che si registrano le novità costruttive: se è vero infatti che nei manuali vengono riportate regole e norme avvalorate dall'esperienza,

è nelle riviste che circolano le idee più innovative, quale veicolo di confronto e scambio di soluzioni a problemi ancora irrisolti. A partire soprattutto dai primi del novecento la rivista

priva il manuale della sua tradizionale ftmzione documentaria per diventare essa stessa mezzo di diffusione del sapere tecnico.

Attorno queste "emergenze" si intrecciano quindi i molti racconti di una cultura materiale che e al tempo stesso, soprattutto, abilità artigiana, ma anche artificio costruttivo e pretesa

di decoro per un'architettura tipicamente funzionale.

Raccomandazioni per la costruzione e la manutenzione, precauzioni, norme, sono destinate nei decenni ad accompagnare il progetto e la realizzazione di camini e ciminiere. Non per questo,

tuttavia si assiste a una cristallizzazione delle forme e delle soluzioni tecniche; anzi la pratica costruttiva legata alla cultura laterizia, tipica della tradizione piemontese e torinese,

non interessa solo l'edilizia industriale,, ma anche importanti inftastrutture di servizio: tra queste, emblematica anche dei risvolti applicativi della sapienza costruttiva che contraddistingue

la "scuola antonelliana", la ciminiera dell'Ospizio di Carità dei Poveri Vecchi.

Costruita nel 1886 da Crescentino Caselli, fedele allievo di Antonelli,, allo scopo di portare nell'atmosfera i fumi dell'impianto di riscaldamento dell'intero edificio è un'opera che denuncia

senza riserva l'altissima abilità tecnica del suo progettista e la capacità costruttiva delle maestranze dell'epoca: epilogo di una tradizione laterizia radicata in Piemonte che all'epoca si chiudeva

con grandi realizzazioni, quando gia erano noti i vantaggi e le immense possibilità che l'avvento del cemento armato avrebbe permesso. Su questa ciminiera, dall'aspetto del tutto originale, tanto da

sembrare un ibrido tra un camino e un fumaiolo, si è focalizzata la ricerca attraverso un'analisi storica e costruttiva dell'edificio e una schematizzazione del comportamento strutturale dell'edificio

tramite un modello ad elementi finiti.

Una documentazione fotografica sulle ciminiere ancora esistenti si è rivelata infine un prezioso strumento per testimoniare il patrimonio di camini ancora presenti sul territorio a fronte della scelta

sempre più frequente di demolire invece di recuperare e riqualificare, ignorando il significato che il esse e racchiuso e il vuoto che a seguito di tali operazioni solo la memoria potrà riempire.

Relatori: Anna Maria Zorgno, Giuseppe Pistone
Tipo di pubblicazione: A stampa
Parole chiave: laterizio - ciminiere - costruzione
Soggetti: T Tecnica e tecnologia delle costruzioni > TB Igiene edilizia
T Tecnica e tecnologia delle costruzioni > TD Tecnica delle strutture sanitarie
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
Corso di laurea: NON SPECIFICATO
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/746
Capitoli:

Capitolo primo

TORINO "VELLE INDUSTRIELLE".

1.1 Lo sviluppo industriale di Torino tra fine ottocento e la

prima guerra mondiale. pag. 1

1.2 La localizzazione delle industrie sul territorio torinese. pag.11

1.3 Documentazione fotografica delle ciminiere laterizie esistenti. pag.25

Capitolo secondo

DALL'ABILITA' DEL FARE, ALLE REGOLE: LETTURA CRITICA

DEI MANUALI DI RIFERIMENTO.

2.1 La costruzione delle ciminiere attraverso le nonne e le

regole dettate dai manuali. pag.45

2.2 Analisi comparativa delle regole fornite dai manuali

per la costruzione delle ciminiere in muratura. pag.53

2.3 Le ciminiere nelle riviste specializzate dell'epoca. pag.83

Capitolo terzo

BREVI CENNI SULLA NORMATIVA VIGENTE.

3.1 La costruzione dei camini secondo la nonnativa italiana. pag. 100

3.2 La costruzione dei camini secondo la normativa tedesca. pag. 108

Capitolo quarto

LA CIMINIERA DEI POVERI VECCHI

4.1 Analisi storica e costruttiva del camino. pag. 117

4.2 Schematizzazione della struttura tramite modello ad

elementi finiti. pag. 134

Bibliografia pag. 143

Bibliografia:

AA.VV.,, Acque, ruote e mulini a Torino, a cura di G. Bracco, Archivio Storico della città di Torino, Torino 1988.

AA.VV., Dall'inferno al cielo. Le ciminiere profilo di una città industriale, catalogo della mostra, 'AEM informa', n.3 Torino 1993.

AA.VV., Il costruttore, trattato teorico pratico delle costruzioni civili, industriali, e pubbliche delle arti ed industrie attinenti, Vallardi,, Milano 1925.

AA.VV., L'arte di edificare, manuali in Italia 1750?1950. BEMA Editrice, Milano 1993.

AA.VV., Qualità e valori della struttura storica di Torino, a cura di V.Comoli, M. Viglino, Assessorato all'urbanistica, Torino 1992.

Abate-Daga P., Alle porte di Torino, Italia Industria Artistica Editrice,, Torino 1926.

Abrate M., Una interpretazione dello sviluppo industriale torinese,, in AA.VV.,, Torino città viva, da capitale a metropoli, Centro Studi Piemontesi, Torino 1980.

Abriani A., Patrimonio edilizio esistente, in passato, presente e futuro, Designer Riuniti editore, Torino 1980.

Album Gabinio, a cura di Pierangelo Cavanna e Paolo Costantini, Umberto Allemandi, Torino 1997.

Bertotto S., 1 campi e le ciminiere, Umberto Allemandi, Torino 1995.

Bracco G., L'acqua a Torino: dai molini all'industria, in "Studi Piemontesi",vol. 11, fasc. 1, Torino 1973.

Breymann G.A., Trattato di costruzioni civili, Vallardi, Milano 1885.

Id, Trattato di costruzioni civili, Vallardi, Milano 193 1.

Castronovo V., Lo sviluppo industriale di Torino nell'età del decollo industriale. in "Storia urbana", 1, n.2, Milano 1977.

Comoli V., Dalla città preunitaria alla prima

industrializzazione, in AA?VV., Torino città viva, cit.

Comoli V., Per un archivio della memoria, in AA.VV, Beni culturali ambientali nel comune di Torino, Società degli ingegneri e architetti in Torino, Torino 1984.

Corti E., Le ciminiere industriali, R. Avalle, Torino 1932.

Copperi G., Musso G., Particolari di costruzioni murali e finimenti di fabbricati, Paravia, Torino 1887.

Crescentino C., Saggi di tetti a struttura laterizia ricavati da fabbriche eseguite da Crescentino Caselli, in "Atti della Società degli ingegneri e degli architetti", a? 28, 1894, Camilla e Bartolero. Torino 1895.

Curto R., Lo sviluppo industriale ed edilizio di Torino, Editrice Universitaria Levrotto & Bella, Torino 1982.

Dansero E., Dentro ai vuoti, dismissione industriale e trasformazioni urbane a Torino, Edizioni Libreria Cortina, Torino 1993.

Donghi D., Manuale dell'architetto, UTET, Torino 1925.

Foerster N., Manuale del costruttore, Vallardi, Milano 1919-1922.

Gabert. P., Turin ville industrielle, Presse Universitaire de France,, Paris 1964.

Guenzi C., Pizzi E., Ulbertazzi A., Manualistica e cultura tecnica, in "Casabella", n. 43 9, a. XLII, pp. 10? 17.

Guenzi C., La manualistica italiana, in "Rassegna", a. III, n.5, gennaio 1981. pp. 73?88.

Guardamagna D'Angelo L., Gli opifici lungo il "canale di Torino", Celid, Torino 1984.

Klingender ED., Arte e Rivoluzione industriale, Einaudi, Torino 1972.

Hudson K., Archeologia industriale, Zanichelli, Bologna 1985.

Lenti A., Corso pratico di costruzioni, Tip. Rossi, Alessandria 1877-1881.

Levi C., Trattato teorico pratico di costruzioni civili, rurali ed idrauliche, Hoepli, Milano 1906-1911.

Lupo G.M, Re L., Un nucleo di architetture industriali urbane a Torino fra Otto e Novecento: l'approccio storico come premessa al riuso, in "Atti e Rassegna tecnica della società degli ingegneri e architetti in Torino?", luglio?agosto, 1979, n.s.33, pp. 324?340.

Lupo G.M., Re L., La città come archivio, in "Atti e Rassegna tecnica della Società degli ingegneri e degli architetti", marzo?aprile, 1978, n.s. 32, pp.69?77.

Lupo G.M., Re L. Paschetto P., La città fraOtto e Novecento: la trasformazione urbana, in Torino città viva, cit.

Lupo V., La ciminiera come tema archeologico-industriale. I camini isolati di fornace, in "A.N.", n. 1, ottobre 1988.

Magnaghi A., I luoghi del lavoro, carattere inalienabile dell'immagine di Torino, in Cattedrali del lavoro, a cura di S. Taroni e A. Zanda, Allemandi, Torino 1998.

Musso G., Copperi G., Particolari di costruzioni e finimenti di fabbricati, Paravia, Torino 1887.

Nasce V., La cultura tecnica contemporanea e le strutture dell'edilizia storica, le regole dell'arte, in atti del convegno: Problemi di intervento sulle strutture dell'edilizia storica, 19 settembre?14 novembre 1985, Società degli ingegneri e degli architetti in Torino, pp. 1? 18.

Oddone C., Pavesi R., Le ciminiere degli opifici biellesi tra arte e tecnica. in. Le fabbriche formato cartolina, a cura di M. L. Barelli, Celid, Torino 1995.

Pagliano V., Elementi di costruzioni civili e industriali, Sten, Torino 1923.

Palmucci Quaglino L., Paesaggio rurale, canali e protoindustria: sulle tracce dell'"archeologia del lavoro", in AA-VV, Beni culturalì ambientali nel comune di Torino, cit.

Palmucci Quaglino L., Gli insediamenti proto~industriali in Piemonte tra sei e settecento aspetti localizzativi e scelte tipologiche, in "Storia urbana", giugno, n.20, 1984.

Palmucci Quaglino L., Lo spazio del lavoro: filatoio, filande e manifatture da seta a Torino tra settecento e ottocento. in Torino sul filo della seta, a cura di G. Bracco, Torino 1992.

Passoni A.,, Nori E., Torino anni '20. 104 fotografie di Mario Gabinio, Editoriale Valentino, Torino 1974.

Re L. Fragilità e suscettibilità delle architetture industriali, in Cattedrali del lavoro, cit.

Rosso F., L'ingegner Crescentino Caselli e l'Ospizio di carità di Torino (1881-1887), in "Atti e rassegna tecnica della società degli ingegneri e degli architetti di Torino", aprile-maggio, a. 112, Torino 1979.

Stassi D'Alia F., Impianti industriali, Tip. Michele Montania, Palermo 1929.

Tamagno E., Letteratura tecnica: la manualistica, atti del Convegno: Problemi d'intervento sulle strutture dell'edilizia storica, cit. pp. 1?17.

Zorgno A.M., Cultura tecnica e infrastrutture nei grandi cantieri dell'ottocento fra mobilità e specializzazione, in "Padania", giugno, n. 12, 1992.

Zorgno A.M., Condizioni Professionali dell'ingegnere nell'età dei lumi all'ultimo scorcio del XY secolo. In Tecnologie della costruzione. A cura di G. Ciribini. La nuova Italia Scientifica, Roma 1992.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)