polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Il castello di Priola e il suo territorio: storia, restauro e valorizzazione

Boccardo, Marco

Il castello di Priola e il suo territorio: storia, restauro e valorizzazione.

Rel. Carlo Mario Tosco, Chiara Lucia Maria Occelli. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2005

Abstract:

Il desiderio di comprendere in profondità le strutture storiche insistenti sul territorio, simboli e unici superstiti di un'epoca, le loro relazioni specifiche con gli altri manufatti in genere, ma anche, anzi soprattutto, con il territorio circostante, è stato alla base di questo studio.

La scelta di Priola, abitato di meno di un migliaio di persone, situato nell'alta valle Tanaro, è stata dapprima casuale, ma poi la particolarità dell'emergenza architettonica, che domina il borgo, questo castello con una notevole torre circolare, un'anomalia e rarità per l'epoca di costruzione, unitamente alla sopravvivenza di tante altre preesistenze circostanti e riconducibili alla stessa epoca, come il priorato benedettino di San Giusto di Susa risalente al XI secolo, la chiesa di San Desiderio già presente nel 1033, e infine la cappella di San Bernardo ricca di notevoli affreschi del XV secolo, insieme ancora a tutto un sistema fortificato circostante (Garessio a sud, Bagnasco e Nucetto in sequenza a nord sono forniti di un castello, di cui rimangono solamente alcuni ruderi), ha indirizzato la scelta su Priola, proprio perché il suo castello è tra i meglio conservati della valle.

Il lavoro complessivo si è basato su tre livelli d'intervento: conoscenza storica, restauro e valorizzazione.

Il primo livello, la conoscenza storica, si è svolto su un piano territoriale, d'individuazione dei legami esistenti con le altre strutture; poi si è approfondito lo sviluppo storico del comune; infine si è indagato il sistema fortificato in sé, le relazioni con il borgo, con le altre unità edilizie succitate e con le alte fortificazioni. Questo approccio ha permesso d'individuare e spiegare un insieme fortificato ben più vasto di quanto possa sembrare a una fugace occhiata. È emersa la presenza di tre grandi unità edilizio - territoriali, al contempo unite e distinte: un castello vero e proprio, identificato come fortilizio, meglio conservato; un'area più bassa, cinta e fortificata, individuabile come ricetto; infine un'abitazione signorile, in posizione più elevata. Tutto l'insieme si presenta fortemente compromesso dal tempo e dall'aggressività edilizia del XX secolo, che ne ha compromesso la leggibilità.

A livello comunale, si é analizzata approfonditamente l'edilizia minuta. Partendo dalle planimetrie catastali, dopo necessaria verifica in situ, si è passato alla stesura di una mappa planimetrica con indicazioni principali dei piani terreno. Questo procedimento ha permesso di individuare una cronologia storica, lo sviluppo successivo del borgo e le relazioni con le vie di comunicazione, evidenziando una sostanziale immutabilità nello sviluppo edilizio; ha anche permesso di constatare come il borgo sia sorto attorno a due vie di comunicazione principali, quella che conduce al castello e quella provinciale, il cui sedime storico è ancora fortemente visibile.

In ultimo ci si è concentrati sul fortilizio, approfondendo l'indagine attraverso il rilievo

tazione archivistica, la stratigrafia che si è susseguita e la dinamica insediativa. Lo stesso lavoro d'analisi stratigrafica è stato condotto sull'intero complesso fortificato, permettendo di avere un quadro generale ben definito dell'evoluzione architettonica che ha interessato il luogo.

Penultimo passaggio, che ha riguardato esclusivamente il fortilizio, è stato l'analisi dei principali degradi e le conseguenti proposte di restauro. La convinzione che un restauro troppo minuzioso e "aggressivo" avrebbe compromesso definitivamente la patina dei secoli è stato il leit motiv dell'intervento. Si è deciso di procedere all'individuazione dei degradi principali, intendendo con ciò quelle situazioni esistenti sul manufatto, che ne compromettono la stabilità fisica e la sicurezza. Finalità del restauro non è stata quella di cancellare o congelare il degrado, quanto piuttosto rallentarne il più possibile l'avanzamento. In questo modo gl'interventi proposti si sono concentrati nelle zone più esposte all'attacco di agenti esterni e in quelle più compromesse per la stabilità del rudere. Per quanto riguarda la metodologia, si è deciso di rendere questi interventi visibili: l'utilizzo del mattone ben contrasta con la consistenza lapidea, a dominanza cromatica grigia. Allo stesso modo l'uso del mattone è stato efficace anche a livello simbolico: materiale antichissimo, ma sempre attuale.

Un discorso a sé merita la vegetazione. Gran parte del fascino e dell'attrattiva del manufatto è dovuto alla presenza della vegetazione, che vela le strutture nel loro insieme. Nella proposta di restauro si è deciso di "selezionare" la vegetazione, procedendo ad eliminare quella infestante e dannosa, ma a mantenere quella che contribuisce alla solidità della struttura, controllandone lo sviluppo. Per quella esterna, si è deciso anche di fare una scelta accurata di eliminazione, consentendo allo stesso tempo una veduta d'insieme più omogenea, ma lasciando un velo verde su alcune parti, sul modello dei grandi siti archeologici francesi.

In ultimo, per non rendere l'intero studio vano, si sono poste le linee guida per la valorizzazione del complesso. Rendere il castello accessibile è la prima finalità: si è pensato di creare un percorso privilegiato d'accesso, che lambisce la struttura fortificata e permette di ammirarne la consistenza. L'ingresso vero e proprio al fortilizio deve avvenire da quello che presumibilmente era l'ingresso antico sul lato est. Teoria supportata anche dalla presenza dei buchi portai lungo la facciata. Sono due i punti guida della valorizzazione: bellezza del panorama godibile dal fortilizio e visionabilità delle altre preesistenze esistenti (priorato di San Giusto ad est; cappella di San Bernardo a nord; borgo ad est; oltre all'insieme che costituisce l'antico castrum); e bellezza della parte interna del fortilizio, adatta ad ospitare eventi di piccola dimensione a carattere temporaneo. Per consentire un'adeguata fruizione dell'insieme, l'accesso superiore è garantito attraverso un corpo scale di nuova costruzione e una terrazza, ubicati nella grande torre a nord, da cui si accede.

Il riutilizzo di queste strutture, mantenendone il più possibile inalterate le caratteristiche con cui sono giunte a noi, è il modo migliore per garantirne la sopravvivenza.

Relators: Carlo Mario Tosco, Chiara Lucia Maria Occelli
Publication type: Printed
Uncontrolled Keywords: castello - Priola - restauro - valorizzazione
Subjects: R Restauro > RB Restauro Artistico
U Urbanistica > UB Architettura del Paesaggio
R Restauro > RC Restauro urbano
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
Classe di laurea: UNSPECIFIED
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/540
Chapters:

INDICE

Elenco delle illustrazioni Introduzione

II Castello di Priola e il suo territorio: storia, restauro e valorizzazione

I. Il quadro ambientale. II. Il Marchesato di Ceva e l'Alta Valle Tanaro

2.1. Nascita de! Marchesato e sua conformazione

2.2. Evoluzione storica del Marchesato

2.3. Epilogo del Marchesato

III. L'abitato di Priola.

3.1. Quadro storico

3.2. Il borgo: localizzazione e sviluppo

3.3. Il castello

3.4. Il priorato benedettino

3.5. La chiesa di San Desiderio

3.6. La cappella di San Bernardo

IV. Linee di restauro sul "fortilizio".

4.1. Il rilievo

4.2. Analisi delle stratigrafie murarie

4.3. La scelta metodologica d'intervento sul rudere

4.4. Analisi dei principali degradi

4.5. Proposta d'intervento

V. Linee guida per la valorizzazione del complesso.

Appendici.

I. Documenti storici

II. Cartografia storica

III. Regesto delle fonti

IV. Schedatura architettonica del Borgo

V. Riproduzione tavole

Bibliografia.

Bibliography:

BIBLIOGRAFIA

Indice delle abbreviazioni

BSSS: Biblioteca della Società Storica Subalpina BSBS: Bollettino Storico Bibliografico Subalpino MGH: Monumenta Germaniae Historica

Per la parte relativa all'indagine storica

ANDENNA G., Adelaide e la sua famiglia tra politica e riforma ecclesiastica, in La contessa Adelaide, 1992, pp. 77-102;

BAGNASCHINO G. B., Cenni storici sul Comune dì Prìola e sulle sue parrocchie", Torino 1912;

BAIOCCO S., Arte in Piemonte, Pavone Canavese 2003; BARBERO A., Cario Magno, un padre per l'Europa, Laterza 2000;

BARELLI G., // diploma di Ottone I ad Aleramo V del 23 marzo 967, in "BSBS", LV fascicolo 1 (1957);

BARELLI G., // 'Liber instrumentorum" del Comune di Ceva, in "BSSS", CIIIL (1936); BARELLI G., // libro della catena del Comune di Garessio, in "BSSS", XXVII (1907);

BARRERA F., // Piemonte nella cartografia del cinquecento e seicento, 1520-1690, Camera di Commercio di Torino, 1991;

BARRERA F., // Piemonte nella cartografia del settecento, Camera dì Commercio di Torino, 1990;

BO A., Scoperta di un affresco a Priola, in "Bollettino della Società Studi Storici, Archeologici ed Artistici della Provincia di Cuneo", n° 105 (1991), pp. 165-168;

BORDONE R., Affermazione personale e sviluppi dinastici del gruppo parentale alerami-co:il marchese Bonifacio del Vasto (sec. XI-XIII), in "Formazione e strutture, 1988, pp. 29-44

BOSCO M., Le più antiche carte del Monastero di San Giusto dì Susa (1029 - 1212), in "BSBS", LXXIII (1975);

BREZZI P., Barbari, Feudatari, Comuni e Signorie, in Storia del Piemonte, AA W., Torino 1960, pp. 88-181;

CAVALLARI MURAT A., Forma urbana ed architettura nella Torino barocca dalle presenze classiche alle conclusioni barocche, Torino 1968;

CAPITANI, 0., Storia dell'Italia medievale, Roma e Bari 1986;

CIPOLLA C, Le più antiche carte diplomatiche del monastero di San Giusto di Susa (1029 - 1212), in ■Bullettino dell'Istituto Storico Italiano", XVIII (1896), pp. 7-119;

COMBA R., Aziende agrarie nel medioevo, in "Bollettino della Società Studi Storici, Archeologici ed Artistici della Provincia di Cuneo", 2000;

COMBA R., Metamorfosi di un paesaggio rurale. Uomini e luoghi del Piemonte sud-occidentale dal X al XV secolo, Torino 1983;

CUTOLO A., / precedenti e gli albori della signoria di Gian Galeazzo Visconti, Milano 1950;

DURANDI J., // Piemonte cispadano antico, ovvero memoria per servire alla notizia del medesimo, e all'intelligenza degli antichi scrittori, diplomi e documenti, che lo concernono, con varie discussioni di storia, e di critica diplomatica, e con monumenti non più divulgati, Torino 1774;

FIASCHINI G., Chiesa e Comune in Acqui medievale. Acqui 1969;

Formazione e strutture dei ceti dominanti nel Medioevo. Le famiglie marchionali e comitali del regno italico nei secoli IX-XI, Atti del t Convegno di Pisa (10-11 maggio 1983), Roma 1988;

FUIANO M., Carlo d'Angiò in Italia, Napoli 1974;

GATTO MONTICONE L. (a cura di), Archivio storico capitolare di San Giusto dì Susa (1029 - 1962); Archivio storico vescovile di Susa (1280 - 1940), Susa (TO) 1996;

GRISERI A., Jaquerio e il realismo gotico in Piemonte, Torino 1966;

HABERSTUMPF W., Regesto dei marchesi di Monferrato di stirpe aleramica e paleologa per l'«Outrenten e l'Oriente (secoli XII-XV), in "BSBS", LXXXIV, 1986, pp. 491 e segg.;

HARRISE.C, Principles of Archeological Stratigraphy, London 1979;

LE GOFF J., L'Italia nello specchio del medioevo, Torino 2000;

MANNHEIMER R., La Lega Lombarda, Milano 1991;

MERLONE R., Aleramo tra storia e mito, in "BSBS", n°96, 1998 fasc. I, pp. 243-258

MERLONE R., Gli Aleramici: una dinastia dalle strutture pubbliche ai nuovi orientamenti territoriali, sec IX-XI, Torino 1995;

MERLONE R., Prosopografica aleramica (secolo X e prima metà dell' XI}, in "BSBS", LXXXI, 1983, pp. 451-585;

MERLONE R., Sviluppo e distribuzione del patrimonio aleramico (sec. X e XI), in "BSBS", n°90, 1992 fasc. Il, pp. 636-689;

MERLONE R., Monasteri, chiese e santi nei territori appartenenti agli Aleramici (sec. X e XII), Firenze 2001;

MOLA DI NOMAGLIO G., Pallavicino nella storia dello Stato Sabaudo, in Assemblea dell'Associazione Culturale Obertenga (Ceva 1996), Omega 1996;

MONTI G. M., La dominazione angioina in Piemonte, in "BSSS", 116 (1930); MORIONDO J. B., Monumenta Aquensia, Torino 1790;

MGH. Diplomatum regum et imperatorum Germaniae, Tom. I, Hannover 1879-1884; NIGRA C, Torri castelli e case forti del Piemonte dal 1000 al secolo 16, Novara 1998; OLIVERO G., Memorie storione della città e marchesato di Ceva, Ceva (CN) 1858; PELLERO F., Napoleone dalla Sabazia alla Valbormida, Savona 1996;

PORTINARO P., Antiche carte geografiche del Piemonte: nozioni storiche, tecniche e pratiche di cartografia, Vercelli 1984;

QUAZZA R., La formazione progressiva dello Stato Sabaudo: dalla contea in Savoia a regno d'Italia, Torino 1936;

SERGI G., Anscarici, Arduinici, Aleramici: elementi per una comparazione fra dinastie marchionali, in Formazione e strutture, 1988, pp. 11-28

SERGI G., Arduino, re d' «Italia», in "Storia e dossier", IV, 28, aprile 1989, pp. 5-7;

SERGI G., // declino del potere marchionale anscarico e il riassetto circoscrizionale del Piemonte settentrionale, in "BSBS", LXXXII, 1975, pp. 441-492;

SERGI G., La geografia del potere nel Piemonte romanico, in Piemonte Romanico, ROMANO G. (a cura di), Torino 1994;

SERGI G., Lungo la via francigena da Chambery a Torino alla fine del X secolo. Sul problema dei poteri regionali di strada nel Medioevo, in "BSBS", n° 76, 1978 fasc. Il, pp. 397-433;

SERGI G., Valichi alpini minori e poteri signorili: l'esempio del Piemonte meridionale nei secoli XIII-XV, in "BSBS", n° 74, 1976 fasc. I, pp. 67-75;

SETTIA A., Fortificazioni collettive nei villaggi medievali dell'Alta Italia: ricetti, ville forti, recinti, in "BSBS", n°74, 1976 fasc. Il, pp. 527-617;

SETTIA A., L'illusione della sicurezza: fortificazioni di rifugio nell'Italia medievale: ricetti, bastie e cortine, in "Bollettino della Società Studi Storici, Archeologici ed Artistici della Provincia di Cuneo", Cuneo 2001 ;

SETTIA A., Incastellamento e decastellamento nell'Italia Padana fra X e XI secolo, in "BSBS", n°74, 1976 fasc. I, pp. 5-21;

SETTIA A., Monasteri subalpini e presenza sdracena: una storia da riscrivere, in Dal Piemonte all'Europa: esperienze monastiche nella società medievale, Relazioni e comunicazioni presentate al XXXIV Congresso storico subalpino nel millenario di San Michele di della Chiusa (Torino, 27-29 maggio 1985), Torino 1988, pp. 292-310;

SETTIA A., Monferrato: strutture di un territorio medievale, Torino 1983

SETTIA A., Proteggere e dominare: fortificazioni e popolamento nell'Italia medievale, Roma 1999;

SETTIA A., Strade romane e antiche pievi fra Tanaro e Po, in "BSBS", n°68, 1970 fase. I, PP- 5-18;

SETTIA A., La struttura materiale del castello nei secoli X e XI. Elementi di morfologia castellana nelle fonti scritte dell'Italia Settentrionale, in "BSBS", n°77, 1979 fasc. Il, pp. 361-430;

SETTIA A., Castelli e villaggi nell'Italia padana: popolamento, potere e sicurezza fra IX e XIII secolo, Liguori, 1984;

TOSCO C, // castello, la casa, la chiesa: architettura e società nel medioevo, Torino 2003; TOSCO C, Una proposta di metodo per la stratigrafia dell'architettura, Torino 2005;

VIGLINO DAVICO M., Dal castrum al castello residenziale: il Medioevo del reintegro o dell'invenzione : atti delle Giornate di studio, Torino 12-13 marzo 1999, CELID 2000

VISMARA G., La disciplina giuridica del castello medievale (sec. VI-XIII), in "Studia et documenta historiae et iuris", XXXVIII (1972), pp. 25-33;

Gli Statuti di Priola, in "Bollettino della Società Studi Storici, Archeologici ed Artistici della Provincia di Cuneo", n° 50 (1963).

Per la parte relativa al restauro

AMOROSO G. G., Scienza dei materiali e restauro: la pietra: dalle mani degli artisti e degli scalpellini a quelle dei chimici Macromolecolari, Firenze 1997;

BALDINI U., Teoria del restauro e unità di metodologia, Firenze 1997;

BARUCHELLO L, Diagnosi dei dissesti e consolidamento delle costruzioni, Roma 2004;

BEZOARI G.,Storia e restauro dell'architettura attraverso il rilievo fotogrammetrico, San Salvo (Ch) 1997;

BRANDI C, Teoria del restauro, Torino 1977;

CAMPANELLA C, Capitolato speciale di appalto per opere di conservazione e restauro, Milano 1999;

CARBONARA G., Gli orientamenti attuali del restauro architettonico, in CASIELLO S. (a cura di), Restauro dalla teoria alla prassi, Napoli 2000, pp. 9-26;

CROCI G., Conservazione e restauro strutturale dei beni architettonici, Torino 2001 ;

GIOVANNONI G., Questioni di architettura nella storia e nella vita: edilizia, estetica architettonica, restauri, ambienti dei documenti, Roma 1925;

Lessico Normal 1/88,

MARINO L., // rilievo per il restauro: ricognizioni, misurazioni, accertamenti, restituzioni, elaborati, Milano 1990;

NEGRO A., TULLIANI J. M., MONTANARO L, Scienza e tecnologia dei materiali, Torino 2001;

PANE R., Attualità e dialettica del restauro: educazione all'arte, teoria della conservazione e del restauro dei monumenti, antologia a cura di Mauro Civita, Chieti 1987;

ZEVI L, II manuale del restauro architettonico, Roma 2001.

Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)