polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Progettare spazi, costruire legami : pratiche di riappropriazione spaziale per vivere la città

Salassa, Carolina

Progettare spazi, costruire legami : pratiche di riappropriazione spaziale per vivere la città.

Rel. Massimo Camasso. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile, 2015

Abstract:

Motivi e strategie della ricerca

Il processo di sviluppo della città contemporanea porta con sé molte problematiche derivanti dal distacco tra le reali necessità dei cittadini e la pianificazione dall'alto.

La progettazione dello spazio pubblico sembra non essersi modificato alla velocità con la quale invece la società di oggi sta subendo cambiamenti, ma al contrario sembra rispecchiare ancora le caratteristiche della produzione industriale, non più verificabili nella contemporaneità.

Sempre di più emerge l'intento di reinterpretare i residui urbani proponendo progetti che non assumono un carattere definitivo, ma devono essere continuamente rigenerati attraverso il coinvolgimento e la collaborazione della popolazione.

I progetti propongono risultati informali e collaborativi e presentano diverse forme di aggregazione di competenze lasciando presagire forme nuove a venire degli organismi che si incaricheranno di progettare lo spazio pubblico con i cittadini. Lo spazio pubblico verrà inteso come un qualcosa di interpretabile e aperto all'imprevisto, in grado di innescare processi partecipativi e creativi dal basso sia individuali che collettivi, capaci di instaurare relazioni sociali forti e quel senso di comunità derivante dal lavorare in sintonia per un obiettivo comune.

La ricerca si sviluppa attraverso diversi temi, quali lo spazio, le persone e le opportunità. Rispettivamente, in ogni sezione verrà affrontato un breve excursus storico dello spazio pubblico e di come esso risulti essere il prodotto delle esigenze di mercato, condizionando inevitabilmente I comportamenti dei cittadini; l'identità e il senso di comunità, concetti che la produzione di spazio, la globalizzazione e la frammentazione

spaziale hanno portato lentamente alla loro dissoluzione; le opportunità, intese come i luoghi e i tempi offerti dalla città contemporanea entro cui queste problematiche possono essere affrontate attraverso un'azione diretta di riappropriazione dello spazio da parte degli stessi cittadini.

Nella seconda parte, suddivisa invece in teoria e pratica si parlerà proprio del concetto di appropriazione spaziale, degli elementi da cui è caratterizzata, dagli attori che la mettono In atto, dalle risorse finanziarie di cui può disporre, e del tipo di appropriazione che contribuisce nella sua realizzazione a creare quel senso di comunità e identità in chi la opera; successivamente, verranno analizzati una serie di casi studio che si configurano come la prova fisica del fenomeno e della sua espansione.

Infine verrà descritta l'esperienza sul campo della candidata, dove si è potuto verificare l'effettivo contributo in questi termini di un'iniziativa di riappropriazione nel Comune di Chieri. È stato dunque possibile partecipare ad un percorso che è riuscito nell'Intento di creare reti e legami sociali durante e post pratica. Ciò che assumerà maggior rilevanza è come la riqualificazione dello spazio venga utilizzata come metodo e non come fine per raggiungere I propri obiettivi, regalando allo stesso tempo alla città uno spazio più bello e più in linea con le necessità dei suoi abitanti.

Relators: Massimo Camasso
Publication type: Printed
Subjects: A Architettura > AF Buildings and equipment for leisure, social activities, sport
SS Scienze Sociali ed economiche > SSG Sociologia
U Urbanistica > UB Architettura del Paesaggio
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile
Classe di laurea: UNSPECIFIED
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4148
Chapters:

Indice dei contenuti

0. Motivi e strategie della ricerca

1. “First we shape cities, then, they shape us”

1.1 La produzione dello spazio pubblico come forma di controllo

— Lo spazio pubblico nella città pre-industriale

— Lo spazio pubblico nella città industriale

— Lo spazio pubblico del fordismo

— Lo spazio pubblico del consumo

— Lo spazio pubblico nella città post-industriale

1.2 Strategie di dominio e tattiche di resistenza

1.2.1 Strategie di potere

1.2.2 Tattiche di resistenza

— La reazione politica

— La reazione architettonica

— La reazione architettonica radicale

2. identità e spazio, comunità e territorio

2.1 Perdita e riappropriazione

2.1.1 Perdita d'identità

2.1.2 Perdita del senso di comunità

2.2 Nuove identità, nuove comunità

2.2.1 Riappropriazione spaziale e rappresentazione del sé

3. Spazio di risulta, tempo di risorse

3.1 Lo "spazio tra le cose"

3.1.1 Definizione di spazio

3.1.2 Usi e interpretazioni dello spazio

3.2 Il "tempo tra gli usi"

3.2.1 Definizione di temporaneità

3.2.2 Usi ed interpretazioni della temporaneità

3.3. Contesto di sviluppo

3.3.1 Contesto spaziale

3.3.2 Contesto economico

3.3.3 Contesto culturale

4. Appropriarsi di un luogo per riappropriarsi di sé

4.1 II processo di appropriazione

4.1.1 Fasi del processo

4.1.2 Durata della temporaneità

4.1.3 Componenti della pratica

4.1.3.a Lo spazio della trasformazione

4.1.3.b Le tipologie di trasformazione

4.1.3.c Le tipologie di appropriazione

4.1.3.d Gli attori della trasformazione

4.1.3.d.a Le forme di comunicazione

4.1.3.e GII strumenti finanziari

4.1.3.f Gli impatti della trasformazione

4.2 Pratiche di appropriazione

- Community gardens, New York

- Jordin Partgés, Parigi

- Passage 56 / espace culturel écologique, Parigi

- Circle Line Party, Londra

- I Love Green, Roma

- Piazziamoci, Torino

- Guerrilla Gardening, ovunque

- Maria Am Ostbahnof, Berlino

- Garten Rosa Rose, Berlino

- Permanent Breakfast, Vienna

- Hypothèses d'insertions, Ottawa

- The Red Ball Poject, St. Louis

5. Progetto e costruzione di relazioni sociali

5.1 L'esperienza di Via Monti

5.1.1 II contesto chierese

5.2 Fase 1: l'incontro delle disponibilità

5.2.1 Lo spazio d trasformare

5.2.2 Gli enti del territorio: i pionieri

S.2.2.a Un TechLab, amico mio

5.3 Fase 2: la verifica di fattibilità

5.3.1 Gli strumenti finanziari: il Piano Locale Giovanni

5.3.2 Gli strumenti fisici: la materia prima

5.4 Fase 3: lo sviluppo del progetto

5.4.1 Le risorse esterne

5.4.2 Le risorse interne

5.4.3 Giornata prima: progettazione

5.4.4 Giornata seconda: costruzione

5.4.5 Giornata terza: stencil e comunicazione

5.4.6 Giornata quarta: costruzione #2

5.5 Fase 4: la restituzione dello spazio

5.5.1 Comunicazione dell'iniziativa

6. Conclusioni

7. Bibliografia

7.1 Fonti iconografiche

7.2 Bibliografia

7.3 Sitografia

Bibliography:

Bibliografia

Amendola G., La città postmoderna: magie e paure della metropoli contemporanea, Laterza, Roma 2005.

Amin A., Thrift N., Città: ripensare la dimensione urbana, Il mulino, Bologna 2005.

Antonsich M„ Territorio, luogo, identità, in Dell'Agnese E. (a cura di), Geo-Grafia, strumenti e parole, UNICOPLI, Milano 2009.

Arlt P., Urban planning and interim use, In Haydn F., Temei R., (a cura di), Temporary urban spaces. Concepts for the use of city spaces, Blrkhauser, Basel 2006.

Bauman Z., La società dell'i., Globalizzazione e glocalizzazione. Ara, Laterza, Roma 2006.

Bey H., T.A.Z. Zone Temporanea

Boniburini bile, ALINEA, Firenze 2009.

Bourdieu P., Th 1986.

Calabi D. (a cura di), Fabbriche, piazze, meficina,, spazi quasi pubblici, quasi spazi pubblicinseguire la trasformazione, Mandragora, Firenze 2ratica Park M., Public Space. The management dimeazio collettivo della città. Costruzione e dissoluzione del sistema pubblico nell’architeta città moderna, Mazzotta, Milano 1976.

Davis M., Città di quarzo: indagando sul futuro a Los Angeles, Manifestolibri, Roma 2008.

Espuelas F., Il vuoto. Riflessioni sullo spazio in architettura, Marinotti, Milano 2004.

Florida R., The rise of the creative das and how it's transforming work, leisure, community and everyday life, Basic Books, New York, 2002.

Foucault M., Sorvegliare e punire: nascita della prigione, Einaudi, Torino 1976.

Gausa M., Cros S., The metropolis dictionary of advanced architecture: city, technology and society in the informatic age, Actar, Barcellona 2003.

Gehl J., Vita in città spazio urbano e relazioni sociali, Maggioli Editore, Milano 2012.

Gramsci A., Americanismo e Fordismo in: Gerratana V. (a cura di), Quaderni del carcere, Einaudi, Torino 1975.

Greco E., Torelli M„ Storia dell'urbanistica. Il mondo greco, Roma-Bari 1983.

Guidoni E., Crescita e progetto della città comunale, in: L'arte di progettare le città. Italia e Mediterraneo dal medioevo al Settecento, Roma 1992.

Harvey D., L'esperienza urbana. Metropoli e trasformazioni sociali, Il saggiatore, Milano 1998.

Harvey D„ The right to the city, International Journal of Urban and Regional Research, vol.27, 2003.

Haydn F„ Temei R., Temporary urban spaces. Concepts for the use of city spaces, Birkhauser, Basilea 2006.

Lefaivre L„ De Roode I. (a cura di), Aldo Van Eyck: The Playgrounds and the City, Nai Uitgevers Pub, Rotterdam 2002.

Lefebvre H., Il diritto alla città, Marsilio, Venezia 1970.

Lefebvre H., La produzione dello spazio, Moizzi, Milano 1976.

Lofland L. H„ The public realm: exploring the city's quintessential social territory, Aldine de Gruyter, Hawthorn, NY 1998.

Mitchell D„ The right to the city: social justice and the fight for public space, Guilford Press, New York 2003.

Mogardini C. (a cura di), Simmel G„ Il conflitto della cultura moderna, Bulzoni, Roma 1976.

Mumford L„ La città nella storia, Bompiani, 1961.

Oswalt P., Overmeyer K., Misselwitz P., Urban Catalyst. The power of temporary use, DOM Publisher, Berlin 2003.

Oswalt P., Berlino, città senza forma. Strategie per un'altra architettura, Meltemi, Roma 2006.

Overmeyer K. (a cura di), Urban pioneers. Temporary use and urban development in Berlin, Jovis, Berlin 2007.

Pellegrini P. C., Piazze e spazi pubblici, Federico Motta, Milano 2005.

Proshansky H. M„ The city and self-identity, Environment and behaviour, vol.10,1978. Raja R., Architettura industriale: storia, significato e progetto, Dedalo, Bari 1983.

Rosenau H., The Ideal city in its architectural evolution, Routledge Library Edition, London 1983.

Rowe C, Koetter F., Collage City, MIT Press, Cambridge 1978.

Secchi S., L'urbanistica degli spazi aperti, Casabella, 1993.

Sassen S., Città globali: New York, Londra, Tokyo, UTET, Torino 1997.

Sennett R., Il declino dell'uomo pubblico, Bompiani, Milano 1974.

Sennett R., U e vita nella metropoli, Costa e Nolan, Mila in Leach N., (a cura di), Rethinking architecture. A r Le e spazio pubblico urbano: dall'agorà alss, Ancon città, Skira, Milano 1978.

Sitografia

http://www.avventuraurbana.it

http://www.cittadinanzattiva.it

http://www.controprogetto.it/

http://www.creativeroots.dk/projects/

http://www.killingarchitects.com/urban-tactics-2-the-business-of-temporary-use/

http://www.pps.org/reference/whatjs_placemaking/

http://popupcity.net/book/

http://www.sustainablecitiescollective.com/

http://www.temporiuso.org/

http://www.urbanislandsproject.org/

http://www.urbanobservatory.org/

http://www.urbanploneers.com/

http://www.urban-reuse.eu/

Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)