polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Rigenerazione urbana attraverso la riqualificazione delle aree residuali : dall’esperienza all’urban Barriera di Milano ad uno studio preliminare delle aree residuali per il quartiere

Da Silveira Arruda, Natalia

Rigenerazione urbana attraverso la riqualificazione delle aree residuali : dall’esperienza all’urban Barriera di Milano ad uno studio preliminare delle aree residuali per il quartiere.

Rel. Alfredo Mela. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Pianificazione Territoriale, Urbanistica E Paesaggistico-Ambientale, 2013

Abstract:

Questa tesi sviluppa come tema centrale la rigenerazione urbana, tramite l'intervento di programmi complessi riguardanti l'ambito della riqualificazione di aree residuali urbane.

La tesi è stata svolta a seguito del tirocinio effettuato all'interno del Programma Urban ili Barriera di Milano, nel Settore Arredo Urbano, Ufficio Rigenerazione Urbana del Comune di Torino.

Il Programma Urban Barriera è un programma di sviluppo urbano finalizzato a innescare un processo di miglioramento complessivo dell'area Barriera di Milano. L'inquadramento strategico del programma si compone di 34 interventi individuati in 4 assi strategici: asse fisico-ambientale, economico-occupazionale, socio-culturale, e accompagnamento e comunicazione.

Tra le 16 azioni all'interno dell'asse fisico-ambientale, l'azione "Riqualificazione Aree Residuali" punta alla riqualificazione di 3 aree residuali al fine di potenziarne le funzioni di sosta, socializzazione e relazione nel quartiere.

Queste tre aree sono state oggetto di studio e hanno dato seguito ad una ricerca più approfondita sulla questione delle aree residuali nelle città contemporanee, le loro origini e relazioni con lo spazio, e su come esse possono passare dalla condizione di criticità alla condizione di potenzialità del territorio.

Il pianeta sta attraversando un momento di crescita drammatica pertanto è fondamentale un radicale cambiamento. All'attuale popolazione mondiale, di 7.2 miliardi, si prevede una crescita di quasi un miliardo di persone nei prossimi 20 anni, raggiungendo 8,1 miliardi nel 2025 e 9.6 miliardi nel 2050, secondo l'ultimo rapporto delle Nazioni Unite, World Population Prospects: The 2012 Revisìon, pubblicato nel giugno 2013.

La maggior parte di questa crescita avverrà nelle regioni in via di sviluppo, dove si prospetta un aumento da 5.9 miliardi di persone nel 2013 a 8.2 miliardi nel 2050, circa l’85% della popolazione totale. Durante lo stesso periodo, la popolazione degli stati sviluppati rimarrà sostanzialmente invariata in circa 1.3 miliardi di persone. La crescita della popolazione sarà più rapida nei 49 paesi meno sviluppati, la proiezione prevede che il numero degli abitanti raddoppierà, passando da circa 900 milioni di abitanti nel 2013 a 1.8 miliardi nel 2050.

Nel 2025,il 75% della popolazione globale avrà dimora nelle città. Il mondo del 21esimo secolo sarà un mondo per lo più urbano.

Nelle città si consumano le maggiori risorse del pianeta, e si generano le maggiori quantità di residui. Come residuo si deve intendere anche lo spazio fisico, la risorsa che ci offre il pianeta che, per renderlo abitabile abbiamo dovuto trasformarlo. Le sue superfici da aree vergini sono state trasformate in aree coltivate e in aree urbanizzate. Il problema deriva dal fatto che questa cementificazione del territorio, avvenuta in un primo momento per la necessità di espandere la città in funzione di un incremento della popolazione, in un secondo momento cede il passo al processo speculativo dove l'edificazione dei suoli non risponde più ad effettive necessità, ma avviene a priori, puntando sul cambiamento del valore fondiario e sulla creazione di una domanda di spazi altresì non richiesti. (Mercalli, 2009)

La rapida crescita della popolazione, così come quella economica incrementa la pressione sulle risorse naturali. Pressione tale che un solo pianeta già oggi non è in grado di reggere. Il suolo è una risorsa limitata. Scenari moderati delle Nazioni Unite suggeriscono che se le tendenze delle popolazioni e del consumo del suolo vengono confermate , verso il 2030 avremo bisogno di altri due pianeti per sostenerci. (Global Footprint Network)

Relatori: Alfredo Mela
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: A Architettura > AO Progettazione
R Restauro > RC Restauro urbano
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Pianificazione Territoriale, Urbanistica E Paesaggistico-Ambientale
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3518
Capitoli:

Introduzione

1. Cosa si intende per area residuale e perché riqualificarle

1.1 Definizione di area residuale

1.2 La scala delle aree residuali (differenza tra aree residuali e aree dismesse)

1.3 Perché riqualificare le aree residuali

1.4 L'area residuale nel paesaggio urbano, una ricerca contemporanea

1.5 Correlata di esperienze

Miraorti - Mirafiori, Torino/ Italia

Le 56/Eco-interstice - Saint-Blaise, Paris/ Francia

The Union Street Urban Orchard - London/ Inghilterra

ECObox - La Chapelle, Paris/ France

Gap Filler- Christchurch/Nuova Zelanda

"Side Effect" - Bat Yam/Israel.

MurArte - Torino/ Italia

Estonoesunsolar - Zaragoza/Spagna

Praga Matheus Grou - Pinheiros, Sao Paulo/ Brasile

KIC Park-Shangai/China

High Line - New York, Stati Uniti

Pare Nus de la Trinitat - Barcelon/Spagna

2. Il processo di trasformazione

2.1 Tipologie (forme/dimensioni e inserimento nel contesto)

2.2 Tempi

2.3 Funzioni sociali e attività

2.4 Forme organizzative (modelli di partecipazione, strumenti ed attori)

2.5 Quadro riassuntivo

2.6 II riuso sociale e creativo degli spazi

3. Quadro normativo

3.1 Programmi urbani complessi

3.1.1 Primi anni Novanta: i nuovi strumenti delle politiche urbane

3.1.2 Gli strumenti di riqualificazione: due generazioni di Programmi urbani complessi.

3.1.3 I Fondi Strutturali

3.1.4 Programmi di Iniziativa Comunitaria

3.1.5 II Programma Urban Italia

3.2 I Programmi urbani complessi di Torino

4. Caso studio - l’esperienza di tirocinio

nei Progetto Urban III Barriera di Milano

4.1 Introduzione al quartiere Barriera di Milano

4.2 Urban III - Barriera di Milano

4.2.1 PISU - Programma Integrato di Sviluppo Urbano

4.2.2 L'ambito di intervento

4.2.3 Principali indicatori di riferimento

4.2.4 Inquadramento Strategico del Programma

4.2.5 La Riqualificazione delle Aree Residuali

4.3 Metodologia di lavoro

4.4 Esiti dell'esperienza di tirocinio

5. Studio preliminare per un Piano delle

Aree Residuali per Barriera di Milano

5.1 Ricerca delle motivazioni delle scelte delle aree residuali nei progetti comunali

Pixel e Barriera di Milano

5.2 Osservazioni sul campo

5.2.1 Metodologia

5.2.2 Obiettivi

5.2.3 Risultati - aree individuate e proposte d'uso

5.3 Confronto con i dati statistici disponibili

5.3.1 Considerazioni dei confronti

5.4 Proposta dell'utilizzo di processi partecipativi mediati: Crowdmap

5.4.1 Progetto Pilota Crowdmapping Mirafiori Sud

Conclusioni

Bibliografia

Sitografia

Bibliografia:

AAA/V. (2003). Enti locali e sviluppo sostenibile. Milano: Università Cattolica di Milano.

ALBIERO, R. (2011). Densità vs dispersione, in IUAV, n. 106, pp. 1-4.

BALDUCCI, A. (1998). Verso una agenda urbana nell'Unione Europea, in "Territorio", vol. 8, pp.203-2(

BARBANENETE, A. (2001). Pie Urban II: cominciamo ad osservare, in "Urbanistica Informazioni" , n.I' pp.3.

BELLONE, A., & CAVALLO PERIN, M. (2000). Contributi per la riqualificazione dei centri urbani -1 p, grammi di Recupero Urbano (P.R.U.), in "Quaderni della Regione Piemonte" , 32, 28.

BERGER, A. (2007). Drosscape: Wasting land in Urban America. New York: Princeton Architectural Pre

BOANINI, L. (maggio-agosto de 2006). Pare de la Trinitat, Barcelona. Là dove inizia l'autostrada, "Quaderni della Ri-Vista, Ricerche per la progettazione del paesaggio" , pp. 49-61.

BOTTA, F. M. (2002). Contributi regionali per il territorio, per riqualificare la città e per acquisire o affittare la casa, in "Quaderni della Regione Piemonte" , n. 33, pp. 1-2.

BOURDIEU, P. (1979). La distinction. Critique sociale du Jugement. Paris: Minuit.

BRICOCOLI, M. (2002). Abbassare la soglia. Organismo ricettivi e pratiche di rigenerazione urbane Vienna, Amburgo, Torino e Milano, in "Territorio" , n.22, pp.165-177.

CAGGIANO, G. (1999). Urban ovvero l'integrazione delle politiche urbane nell'esperienza europea, PALLOTTINI, R. ( a cura di), I nuovi luoghi della città. Riqualificazione urbana e sviluppo locale. Ron Fratelli Palombi Editori, pp. 188-201.

CAMAGNI, R. (1998). La Città nelle politiche territoriali europee, in "Urbanistica" , n.II, pp.58-60.

CAMPAGNA, L. (2001). I programmi Urban I, Urban II e Urban Italia, in: RODA, Rv Segnalini, O. (a ci di), Riqualificare la città e il territorio. Milano: Il Sole 24 ore, pp. 217-243.

CANEVARI, A., & SAMPIETRO, M. (2000). I programmi complessi, in "Territorio" , n.14, pp.113-130.

CASTROVILLI, A., & SEMINARA, C. (2004). Storia della Barriera di Milano 1852-1945. Grugliasco: Officina della Memoria.

CAVALLO PERIN, M. (2002a). Programmi di iniziativa comunitaria Urban, in "Quaderni della Regione Piemonte" , n.34, pp.28-30.

CAVALLO PERIN, M. (2002b). Programmi di recupero urbano, in "Quaderni della Regione Piemonte" , n.34, pp.11-12.

CLÉMENT, G. (2005). Manifesto del Terzo paesaggio. Macerata: Quodlibet.

COMMISSIONE EUROPEA. (2003). Il partenariato con le città - L'iniziativa comunitaria Urban. Belgio: Comunità europea.

CONFORTI, L., & MELA, A. (2006). La configurazione sociale dei diversi ambiti spaziali della Città di Torino e i processi di mobilità residenziale. Torino: IRES PIEMONTE.

COTTI NO, P., & ZEPPETTELA, P. (2009). Creatività, sfera pubblica e riuso sociale degli spazi. Cittalia, disponibile in: http://www.anci.it/Contenuti/Allegati/Paper2.pdf. Ultimo accesso: 08/12/2013.

CRD-PVS. Crowdmapping Mirafiori Sud. Politecnico di Torino. Disponibile in: www.polito.it/mapmirafiorisud. Ultimo accesso 23/11/2013.

CRISCUOLO, S., & SGHERRI, R. (2001). Il quadro dei finanziamenti comunitari e nazionali, in: RODA, R., & SEGNALINI, 0.(a cura di), Riqualificare la città e il territorio. Milano: Il Sole 24 ore, pp. 275-304.

CROCIONI, G. (1998). I programmi di riqualificazione urbana: lo stato dell'arte e le potenzialità innovative, in "Urbanistica Informazioni" , n. 159, pp. 45-47.

DANSERO, E. (a cura di) (2001). Se i vuoti si riempino: aree industriali dismesse: temi e ricerche. Firenze: Alinea.

FERRERÒ, F. (2002). Programmi complessi strumenti che disciplinano gli interventi di riqualificazione urbana, in "Quaderni della Regione Piemonte", n. 34, pp. 3-4.

FERRERÒ, F. (2002b). Programmi di riqualificazione urbana e di sviluppo sostenibile del territorio, in "Quaderni della Regione Piemonte" , n. 34, pp. 21-22.

FERRERÒ, F. (2002a). Urbanistica e programmi complessi in Piemonte, in "Quaderni della Regione Piemonte" , n. 34, pp. 7-10.

FINPIEMONTE. (2010). Variante 200 e Metro 2 Torino - Condizioni di Fattibilità. Rapporto Finale, Comune di Torino.

GABBIANELLI, A. (2006/2009). Lo spazio residuale. L'utilizzo di materiale vegetale nei processi di rigenerazione urbana. Tesi di Dottorato discussa all'UNICAM - Università di Camerino.

GARELLI, M. (1998). Centralità e periferie nell'area torinese. Torino Internazionale Piano Strategico per la promozione della Città -1 dati fondamentali, Torino, pp.290-301.

GRANATA, E. (2000). Politiche a misura di quartiere, in "Territorio" , n. 13, pp. 88-96.

GRANATA, E., & LANZANI, A. (2011). Metamorfosi dell'abitare. In: A. Lanzani, Cammino nel paesaggio, in "Questioni di geografia e urbanistica". Roma: Carocci Editore, pp. 183-245.

GREGOTTI, V. (1986). Il disegno degli spazi aperti in "Casabella" , pp. 2-3.

JACOBS, A. B. (1995). Great Streets. Cambridge: The MIT press.

KARRER, F., MOSCATO, M., RICCI, M., & SEGNALINI, O. (1998). Il rinnovo urbano, Programmi integrati di riqualificazione e di recupero urbano: valutazioni e prospettive. Roma: Carocci Editore.

KOLANKIEWICZ, L., & BECK, R. (s.d.). 100 Largest U.S. Cities. Disponibile in Sprawl City: http://www. grida.no/geo/GEO/Geo-2-222.htm. Ultimo accesso 29/11/2013.

LEITE, C. (2012). Cidades Sustentàveis, cidades inteligentes. Porto Aiegre: Bookman.

LERUP, L. (1995). Manifest. Stim & Dross: rethinking the metropolis.Assemblage 25. Cambridge: MIT Press.

MARTINOTTI, G. (1993). Metropoli, la nuova morfologia sociale della città. Bologna: Il Mulino. MAZZETTE, A. (1998). La città che cambia. Dinamiche del mutamento urbano. Milano: Franco Angeli. MELA, A., BELLONI, M. C., & DAVICO, L. (2003). Sociologia e Progettazione del Territorio. Roma: Carocci. MELA, A. (2010). Sociologia delle città. Roma: Carocci.

MERCALLI, L. (2009). Prefazione, in "Trasformazioni Territoriali della Provincia di Torino". Provincia di Torino, pp. 6-7. Disponibile in: http://www.provincia.torino.gov.it/territorio/file-storage/download/ pdf/pian_territoriale/ptc2/suoliProvTO.pdf. Ultimo accesso 08/12/2013.

MUSCO, F. (2009). Rigenerazione Urbana e Sostenibilità. Milano: Franco Angeli.

OLIVIER, M. (2004). Cooperazione trans-europea e rigenerazione urbana, in Ferrerò, G., Valutare i programmi complessi. Savigliano: L'Artistica Editrice, pp. 7-8.

OMBUEN, S. (2001). I programmi integrati di intervento (PII) e i Programmi di recupero urbano (PRU), in RODA, R., SEGNALINI, 0. (a cura di), Riqualificare la città e il territorio. Milano: Il Sole 24 ore, pp. 59-97.

PADOVANI, L. (2002). La declinazione italiana della Iniziativa Comunitaria Urban, in "Foedus" , n. 4, pp. 32-52.

PERULLI, P. (2004). Piani strategici. Governare le città europee. Milano: Franco Angeli.

POLLAK, L. (2006). Il paesaggio per il recupero urbano, in "Lotus" , n. 128, pp. 33-40.

PROGRAMMA URBAN BARRIERA DI MILANO (2013). Il Corriere di Barriera. Voi. 11 (anno 2)

RACAMATO, B. (2007). Programmi di rigenerazione urbana: il caso torinese di Urban II a Mirafiori nord . Tesi di Laurea Magistrale discussa alla Facoltà di Architettura, Politecnico di Torino.

REALE, L. (2012). La città compatta, sperimentazioni contemporanee sull'isolato europeo. Roma: Gangemi Editori.

REVELLI, M. (1999). Fuori Luogo. Cronaca da un campo rom. Torino: Bollati Boringheri.

RICCI, M. (1995). Finanziamenti e nuovi attrezzi per il recupero urbano, in "Urbanistica Informazioni", n. 139, pp. 39-47.

RICCI, M. (2001). I programmi di riqualificazione urbana (PRIU), in RODA, R., SEGNALINI, O. (a cura di), Riqualificare la città e il territorio. Milano: Il Sole 24 ore, pp. 101-166.

RODA, R., & SEGNALINI, O. (2001). Strumenti per la riqualificazione delle città e del territorio, in RODA, R.( SEGNALINI, O. (a cura di), Riqualificare la città e il territorio. Milano: Il Sole 24 ore, pp. 3-46.

ROSA, P. (2001). I Contratti di Quartiere (CdO). in RODA, R., SEGNALINI, O. (a cura di), Riqualificare la città e il territorio. Milano: Il Sole 24 ore, pp. 169-213.

SALICE, S. M. (2012). Urban III - Barriera di Milano . Aree Residuali - Rapporto di Ricerca .

SALZA, A. (2001). I PRUSST. in RODA, R., SEGNALINI, O. (a cura di), Riqualificare la città e il territorio. Milano: Il Sole 24 ore, pp. 247-272.

SAMPAOLO, S. (2000). Cento Urban per cento città. Tra vecchio e nuovo Urban, in "Urbanistica Informazioni" , n. 172, pp. 28-29.

SAMPAOLO, S. (2001a). Uno sguardo critico sugli effetti dell'istituzionalizzazione delle politiche di quartiere, in "Territorio" , n.19, pp. 33-37.

SAMPAOLO, S. (2001b). Uno sguardo critico sugli effetti dell'istituzionalizzazione delle politiche di quartiere, in "Territorio" , n. 19, pp. 33-37.

SECCHI, B. (1986). Progetto di Suolo, in "Casabella" , pp. 19-23.

SOLA MORALES, I. (1995). Terrain Vague, in "Anyplace" , pp. 118-123.

TEDECO, C. (2002). Urban in Italia: una rilettura alla luce dell'esperienza britannica, in "Archivio di Studio Urbani e regionali" , n. 75, pp. 99-115.

COMUNE DI TORINO (2010a). Pixel - quali spazi per quale città. L'uso sociale degli spazi pubblici e percezione di insicurezza. Spazi Residuali. Torino.

COMUNE DI TORINO (2010b). Smart Bulding in Torino Smart City. Torino: Dossier di Progetto.

UGOLINI, P. (1999). Il progetto Europolis: un contributo alle esigenze formative poste in essere dai nuc processi di riqualificazione delle città europee, in "Territorio" , n. 11, pp. 167-170.

UNALI, M. (2010). Architettura Effimera, in: Gregory, T. (a cura di), XXI Secolo, gli spazi e le arti. Rorr Enciclopedia Italiana Treccani, pp. 345-353.

UNITED NATIONS (2013). World Population Prospects: The 2012 Revision. Disponibile in: http://es un.org/wpp/Documentation/publications.htm. Ultimo accesso 30/11/2013.

URBANI, P. (2001). La riconversione urbana: dallo straordinario all'ordinario, problemi aperti nell'urbanistica consensuale, in "Archivio di Studi Urbani e regionali" , n. 70, pp. 205-217.

VELLA, M. (1999). Sviluppo locale in aree urbane degradate: l'esperienza dei programmi integrati e l'iniziativa comunitaria Urban, in: Pallottini, R., (a cura di), I nuovi luoghi della città. Riqualificazione urba e sviluppo locale. Roma: Fratelli Palombi Editori., pp. 201-214.

WORLD COMMISSION ON ENVIRONMENT AND DEVELOPMENT, (s.d.). Our Common Future. Disponib in UN Documents: http://www.un-documents.net/wced-ocf.htm. Ultimo accesso 30/11/2013.

ZEPPETELLA, P. (2009). Creatività, sfera pubblica e riuso sociale degli spazi. Forme di sussidiarietà orizzontale per la produzione di servizi non convenzionale. Cittalia.Disponibile in: http://www.anci.it/Co tenuti/Allegati/Paper2.pdf. Ultimo accesso 08/12/2013.

Sitografia

- http://www.barrieracentro.it/

- http://www.comune.torino.it/rigenerazioneurbana/news/rigenerazione_urbana.htm

- http://europa.eu/index_it.htm

- http://www.comune.torino.it/infogio/murarte/index.htm

- http://www.comune.torino.it/urbanbarriera/index.shtml

- http://spaziresiduali.blogspot.it/

- http://www.footprintnetwork.org/pt/index.php/GFN/page/world_footprint/

- http:// www.istat.it /

- http://miraorti.com/

- http://www.urban-reuse.eu/?pagelD=home

- http://www.thehighline.org/

- http://www.urbancenter.to.it/

- http://estonoesunsolar.wordpress.com/

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)