polito.it
Politecnico di Torino (logo)

“L’agricoltura nell’habitat urbano: uno strumento di integrazione sociale a Caracas”

Gonzalez Linarea , Angel Augusto

“L’agricoltura nell’habitat urbano: uno strumento di integrazione sociale a Caracas”.

Rel. Alfredo Mela, Riccardo Balbo. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per La Sostenibilità, 2013

Abstract:

La situazione politica che vive il Venezuela ed i problemi di ordine socio economico che dirigono la vita dei suoi abitanti, impose agli uomini istruiti a ricercare e proporre soluzioni nei diversi ambiti che richiede la città, in questo studio in questione si abborda un tema di rilevanza sociale, l’accesso ad un’abitazione degna che apporti condizioni di vita adeguate alle famiglie dei settori emarginati, Prima di tutto, si studiò la crescita della popolazione in che maniera furono colpite le grandi città, dalla migrazione di abitanti delle zone rurali, nonché l’arrivo di stranieri in conseguenza delle guerre accadute in Europa nelle prime cinque decadi del secolo XX.

La popolazione rurale proveniente dall’interno del paese che si stanziò nella periferia urbana crebbe in maniera spontanea creando città informali sprovviste dei servizi basilari e senza lo sviluppo di piani urbani. II governo Nazionale incapace di raccogliere le necessità e bisogni di questi settori in uno schema strategico, lasciò che il popolo stesso fosse quello che costruisce il “tessuto urbano” che tuttora circonda la città di Caracas.

Nella maggior parte questi settori provenivano dall’interno della nazione, famiglie che nel tempo avevano lavorato nell’agricoltura, attività che fu in buona parte accantonata con il boom petroliero e L’industrializzazione delle città emergenti; Fattività dell’industria petrolifera beneficiò economicamente al paese, ma allo stesso tempo marginalizzò la produzione agricola, attività che per se stessa, concede sovranità alimentare alla nazione. Il reddito ottenuto dalla rendita petrolifera attualmente è quello che supporta l’economia, infatti, le importazioni di prodotti alimentari e altre categorie merceologiche oggi è un compito del processo politico. Al fine di raggiungere la sovranità alimentare, limitando costose importazioni, è sempre più forte l’orientamento di tornare all’agricoltura com’era nella tradizione del popolo venezuelano, avendo grandi spazi terrieri all’uopo.

Benché esistano piani strategici da parte “dell’organismo nazionale nei processi di sovranità alimentare e di gestione sociale per i settori più poveri”, è importante anche creare un processo di coscienza sociale, che permetta l’emancipazione nella maggior parte dei settori produttivi, dato che il paese ha grande disponibilità di materie prime, ma basa paradossalmente buona parte della sua economia sul reddito

petrolifero.

La costituzione della Repubblica Bohvariana del Venezuela fornisce le risorse ed i mezzi legali voluti dal popolo gestiti dai dirigenti nazionali per sviluppare progetti d’interesse sociale, la creazione dei consigli comunali come sistema di organizzazione sociale permette sicuramente l'autogestione.

Le Missioni propugnano il riscatto agricolo, culturale, sportivo ed educativo ispirate alle ideologie del sistema politico. Si potrebbe ottenere un cambiamento sostanziale a molti dei problemi che interessano la società venezuelana, ma dopo quasi due decadi il cosiddetto “governo rivoluzionario”, non è riuscito ad effettuare cambiamenti rilevanti in tema di sicurezza cittadina, sovranità alimentare e quello che compete direttamente a questa tesi, lo sviluppo di un’abitazione che promuova l’agricoltura e la crescita organizzata del tessuto urbano che possa diventare un ponte integratore col resto della città, cioè, che non renda vulnerabili le famiglie “beneficiate”, da questi progetti domiciliari, allontanandole dai servizi che offre la città. In questa tesi, si propone l’attività agricola come mezzo di produzione locale (a chilometro zero), promuovendo quella che fu l’attività commerciale di maggiore importanza nazionale prima dell’avvento dell’economia petrolifera, come avrebbe dovuto continuare ad essere.

Il contesto scelto per detto progetto è ubicato nell’est della Città di Caracas, conosciuto come “Aeroporto internazionale la Cariota”. La Alcaldia Metropolitana de Caracas (comune metropolitano di Caracas), presentò un concorso internazionale di architettura che chiamò “Idee per la Cariota”. Come obiettivo principale si richiedeva il design di un parco, ed ai concorrenti progetti sostenibili, tra essi quello che si propone in questo studio, che ha la finalità di rispondere alle problematiche domiciliari proprie dei paese in via di sviluppo che sarà contemporaneamente generatrice di lavoro. Si prevede l’attività agricola con l’uso di coltivazioni idroponiche, un processo di produzione continua e sostenibile di alimenti che possano garantire almeno ai cittadini del posto la propria sovranità alimentare, soprattutto in questo momento di difficoltà economiche globali, e permettano il basso costo della produzione, raccolta e distribuzione, limitando così l’incremento del prezzo finale dei prodotti.

Per determinare l’accettazione a buon fine di questo progetto davanti alla popolazione venezuelana, si realizzò un’analisi sociologica in un settore determinato della città, in modo che i meno abbienti manifestassero le proprie necessità ed esigenze, rivalutando e ridisegnando cosi la proposta elaborata in precedenza. Per raccogliere le abitudini e vissuti delle famiglie del settore popolare, utili a questo piano di lavoro, si usò un attrezzo conosciuto come il Focus Group che permette di fare una valutazione qualitativa del progetto e genera dati importanti che permettono all’architetto di riproporre in maniera molto più efficiente un progetto di interesse sociale, integrandolo con l’identità e le necessità del Barrio, senza diminuire la capacità progettuale dell’opera, e come punto rilevante capace di organizzare le diverse necessità presenti nei Barrios come possono essere gli spazi di interazione sociale, in funzione alle attività culturali, sportive e commerciali che tante volte si dimenticano nei nuovi progetti di interesse sociale proposti dai governi.

Relatori: Alfredo Mela, Riccardo Balbo
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GD Estero
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GH Scienze Ambientali
SS Scienze Sociali ed economiche > SSG Sociologia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per La Sostenibilità
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3476
Capitoli:

Introduzione

Capitolo 1 la povertà e il incremento della popolazione

1.1. La povertàe deficit dell'abitazione in America latina

1.2. Una casa dove vivere un problema per le famiglie povere

1.3. Crescita della popolazione Venezuela

1.4. Barrios di Venezuela

1.5. La crescita di Caracas

1.6. I barrios Carpintero e Valle alto; caso studio

1.7. Dati fisici e sociologici del barrio

1.8. Relazioni dinamiche nel Barrio; schemi di rapporti

1.9. L’importanza degli spazi come un fattore di interazione sociale

Capitolo 2 L’agricoltura

2.1 ^agricoltura in Venezuela

2.2 Punti di forza

2.3 Punti deboli

2.4 ^approccio dell’agricoltura urbana sostenibile

2.5 Le coltivazioni Verticali il futuro dell’agricoltura.

2.6 L’agricoltura idroponica

Capitolo 3 I sistemi politici della partecipazione in Venezuela

3.1 Gruppi politici democratici in Venezuela

3.2 Democrazia rappresentativa

3.3 Democrazia partecipativa

3.4 Sistemi di organizzazione sociale inclusione e partecipazione

3.5 1 consigli comunali

35.1 La struttura dei consìgli connina!

332. La rete e i diversi livelli di potere popolare

3.5.3 La gestione della rete popolare

35.4 1 consigli comunali obiettivi principali

3.5.5 1 Principi che governano l'organizzazione, funzionamento ed applicazione dei consigli comunali

3.5.6 11 registro dei consigli comunali

3.5.7 Come sta conformato il consiglio comunale?

3.5.$ Che cosa significa essere portavoce?

3-5.9 Chi può essere portavoce e membro del consiglio comunale?

3,5,19 Quali sono i recisiti per essere portavoce?

3.5.11 Come deve essere ì portavoce ed altri membri dei consigli comunali?

3.5.12 Organo esecutivo del consiglio comunale

3.5.13 Funzioni dell’organo esecutiva del consiglio comunale

3.5.14 Organo economico-finaziario del conato comunale

3.5.15 Funzioni dell'organo economico-finanziario (unità di gestione finanziaria)

3.5.16 Punti debole del processo

3.6 Le missioni politiche in Venezuela: strategia di pianificazione popolare

3.6,1 Forze e debolezze delle missioni nell’ambito agricolo

3.6*2 La “Misión Deporte” uno strumento effettivo contro la delinquenza

3.63 La “Misión cultura* una diligenza che genera identità ed incontri sodali

3.6.4 L’adesione dd Venezuela al Mercosur

3.65 Dipendenza dall'industria petrolifera

3.7 La sovranità alimentaria nel presente,un processo dipendente del petrolio in Venezuela.

3.8 Creazioni di mercati popolari

3.9 Attualità sodo-politica dell'abitazione in Venezuela

Capitolo 4 il concorso e il progetto

4.1 La trasformazione di “La Cariota"

4.2 Concorso per la cariota: obiettivi

4.3 Comune di Chacao

4.4 idee vincitore

4.5 II progetto abitativo e produttivo caratteristiche progettuali

4.6 II concetto

4.7 Le colline artificiali tipologie

Capitolo 5 Valutazione qualitativa del progetto

5.1 Che cose un Focus Group?

5.2 Presentazione del progetto abitativo proposto alle comunità

5.3 la partecipazione del barrio José Felix Rivas, Caracas

5.4 Invito a famiglie dei settori

5.5 Focus group come strumento qualitativo dello studio sociologico

5.6 Sviluppo ed applicazione del focus group

5.7 Sviluppo e applicazione del Focus Group nel settore popolare

5.8 Presentazione dei risultati del focus group nel settore popolare

5.9 Sviluppo e applicazione del Focus Group nel settore avvantaggiato

5.10 Presentazione dei risultati del focus group nel settore avvantaggiato

5.11 Analisi dei risultati ottenuti dall'applicazione del Focus Group

5.12 II progetto dopo la valutazione qualitativa

6. Conclusioni

7. Bibliografia

Bibliografia:

• ALCALDIA METROPOLITANA DE CARACAS, 2007. “La caracas que estamos construyendo” Instituto Metropolitano de Urbanismo,

• ANTONIO NEGRI, Rileggere “Operai e capitale”: relazione di Toni Negri J Relazione di Toni Negri al convegno “Rileggere "Operai e capitale”, Roma 31 gennaio.

• ARGAN GIULIO CARLO, 1969. Proyecto y Destino, Caracas Ediciones de la Biblioteca, Universidad Central de Venezuela (UCV), Caracas.

• BALDO J., VILLANUEVA, F. 1995. Los barrios problema* y soluciones. En: G.Imbesi, E. Vila. Caracas: Memoriaspara el futuro. 173-184. Gangemi.Editore Milano. Caracas.

• BENJAMIN GOLDFRANK, 2011. Community Councils: *Do they promote or discourage democracy in Venezuela?

• BLANCO, A. 1974. Oposición entreciudad y campo en Venezuela.Ediciones FACES. UCV. Caracas.

• BOLI VA R, TEOLIN DA, et al., ( 1991 ) Problemas de la Densificación de los Barrios Caraquenos y sus Consecuencias, Informe Final de la Primera Etapa (inèdito).

• BOLIVAR, TEOLINDA, et al., (1993-a) Densificación y Vivienda en los Barrios Caraquenos. Contribución a la Determinación de Problemas y Soluciones. (Premio Nacional de Investigación en Vivienda 1993) (inèdito).

• BOLIVA R, TEOLIN DA, et al, ( 1993-b) Problemas de la Densificación de los Barrios Caraquenos y sus Consecuencias. Informe Final de la Segunda Etapa (inèdito).

• BRITO FIGUEROA, F. (1966). Historia econòmica y social de Venezuela. Caracas: Ediciones UCV.

• BRITO, FIGUEROA, (1966) La poblaciòn y la estructura social de Venezuela en las primeras dècadas del siglo XIX. Caracas: Fundación Polar.

• CFIEN, CH. Y PICOUET, M. (1979). Dinàmica de la poblaciòn: caso de Venezuela. Caracas: Universidad Católica Andrès Bello (UCAB)-Office de la Recherche Scientifique et Technique Outre- Mer (ORSTOM).

CFIEN, CHI-YI, PICOUET, MICHEL Y URQUIJO, JOSÉ L “Los Movimientos Migratorios Internacionales en Venezuela: Polticas y Realidades”, Universidad Simón Bolivar, Migraciones Latinas v Formación de la Nación Latinoamericana. Caracas, 1984, pp. 33-70.

• CILENTO SARLI, A. ( 1999). “El habitat del venezolano en el siglo XXI” Conferencia presentada en el foro El habitat del venezolano: 500 anos de desarrollo urbano en Venezuela, una mirada al pasado v una visión prospettiva. Caracas, 1 de junio de 1999.

CLEMENTE» A. Y PUENTE, A. (2001 ) “Choques extemos y volalìlidad en Venezuela”

COM1TÉDE REMODELACIÓN DE BARRIOS. OF1CINA MUN1C1PALDEPLANEAM1ENTO URBANO (s/f) Programa Preliminar para la Remodelación de Barrios. Area Metropolitana de Caracas (10 anosk Caracas Cmimeoì.

• CORDI PLAN. 1996. Agenda Venezuela. Caracas. Autor.

• Corporation Andina de Fomento (CAF). Proyecto Andino de Competitividad

• CRBV 2000 Constitudón de la Repùblica Bolivariana de Venezuela “Gaceta oficial de la

Repùblica Bolivariana de Venezuela” ANO CXXVU MES VI Caracas» vieriies 24 de marzo de 2000

N» 5.453 Ext.

• CVC (2012) Càmara Venezolana de Sa Construcción, Inventarios de producción habitacional. Caracas, Repùblica Bolivariana de Venezuela.

• DANIELA CIA [-‘FI, ALFREDO MELA 2011. La partecipazione,Dimensione, spazi, strumenti.

• DARIO AZZELLINI, (20103Partizipat ion, Arbeiterkontrolle und die Commune, (Hamburg: VSA)

Democracia: America Latina. Costa Rica: Congreso ALACIP.

• DI TELLA, TORCUATO S. (1993): historia de los partidos Politicos en América Latina, siglo XX. FCE de Argentina, Buenos Aires.

• EL PODER POPULAR (2007). “Propuestas para el debate Palacio General legislativo”, editoriales Arte papel Prearpa C.A.

• GARCIA, H. (2000) “Limitaciones de la politica econòmica actual: la ideologia econòmica en el deterioro del bienestar del venezolano” Revista venezolana de Economia y Cienrias Sociales. FaCES. UCV. Caracas. Venezuela.

GUERRA, J Y OLIVO, V. (2009) “La crisis global y su impacio en Venezuela” Instituto

• INE (Instituto National de Estadistica de Venezuela). Primeros resultados. Censo 2011. Caracas, Repùblica Bolivariana de Venezuela.

• JOSE FIN A BALDO, FEDERICO VILLANUEVA. 2008 “Situacion Nacional del programa de habilitación de barrios' Museo nacional de anquitectura, ministerio del poder popular para la cultura. Latinoamericano de Investigariones Sociales, ILDIS. Caracas. V enezuela.

• LEVINE» Daniel y MOLINA, José (2008). Evaluadón de la Calidad de la

• LLAMBI, L 1998. La reforma del estado en Venezuela. El Sector agricola y el

LOS BARRIOS SON URBANIZABLES. (29 aprile di2007). Giornale El Nacional’, p. 6.

• MARNR. 1982. Marco de Restricciones fìsico «spada ies a la expansión urbana de Caracas. MARNR. Caracas.

• MARTfN E, J. J. 1995. La construcción de una caudati. Del primer proyecto moderno a la metropoli desquidada. En: G. Imbesi, E Vila. Caracas: Gangemi. Editore. Milano. Caracas.

• MATA, M (2009) “El legado del rentismo petrolero: un comentario®. Economia y petróleo. Analitica.com. Caracas, Venezuela

• MORALES ESPINOZA» AGUSTtN. (2009). “La cuestión agroalimentaria en Venezuela” Nueva Sodedad. No 223, septiembi^octubre. Venezuela.

• MORON, GUILLERMO, Breve Historia contemporànea de Venezuela. Mexico, Fondo de Cultura Economica,1994,297.

• OLIVO, V (2009) “Predo* dd Petróleo, gasto pùblico y credmienlo del produclo no petrolero en Venezuda: mitos y realidades*’. Revista Nueva Economia, Ano XVII, Nùmero 29, Mayo. Academia Nacional de Ciendas Económicas-Caracas. Venezuela.

• PÉREZ PERDOMO (1991) Regularizadón de la Vivienda en los Barrios, En: Tenencia de la Tterra en los Barrios: Regularizadón, Caracas, Fundación de la Vivienda Popular,pp. 9-10.

Proceso de descentralizadón. Laboratorios de Estudios Rurales y Agrarios. IVIC

RECOMPENSA, L, DlAS, D., ZABALA, A„ Y RAMOS, P. (2008).

Biocombustibles: *Una estrategia de desarrollo o de mereado lucrativo sostenible? Polis, Universidad Bolivariana, 021,1 -17.

AGENDA 21, (1992) Fuente http://www.chubut.gov.ar/ambiente/imagenes/AGENDA%2021 .pdf

• ALCALDIA DE CHACAO, 2012. Fuente http://www.chacao.gov.ve/

• Alo presidente programa dominical del presidente de la repùblica, 16 de Noviembre 2009.

• BCV, Banco Central de Venezuela http://www.bcv.org.ve

• BID (Banco Interamericano de Desarrollo) http://www.iadb.org/es/banco-interamericano-de- desar roì lo,2837.ht m 1

• CEPAL (Commissione Economica per l'America latina ed i Cara ibi) - http://www.ecbc.org/

• CEPAL-ONU. 1998a. Gestión de programas sociales en America Latina. Santiago: ONU Disponible:

http:, 'www.ectoc.org/pubIicadones, xmI/3/4653/ Id 1114e.pdf http:///www.cepal.oig/puMicadones/xml/5/48455/PanoramaSodal2012.pdf

• CONCORSO “Ideas para La Cariota” http://vvww.concursolacarlota.com

• CON AVI El Consdo Nadonal de la Vivienda http://vhost-001625.vhost.cantv.net/ portalvivienda/queesconavLhtm

• Derechos Humanos http^/www.derechos.org.ve

• Food We Want: Sustainable, Locai, Fair - http://wewantfood.opencontent it//

• GN (Gobiemo Narional)http://gobiernoenlinea.gob.ve/home/misiones.dot http://rì.bib.udo.edu.ve//bitstream/123456789/1033/l/13~ISl%C3%93N%20%20DE%20%20

LA%20%2QAGENDA%20%20VENEZUELA%20EN%20SU%20CONTENlDO%20SOCIALpdf

• IN AVI http^///www.ravh.gob. ve/inavi/

LEY ORGANICA PARA LOS CONCEJOS COMUNALES, (2009) 28 de dldembre 2009 Gaseta ofìcial de la REPÙBLICA BOLIVARIANA DE VENEZUELA Nffl 39.335 pp. I Fonte: http://www.tsj.gov.ve/legìslacion/LeyesOrgaràcas/20.-GO_39335.pdf

• Mercal http://www.raeicaLgob.ve/

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)