polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Il tram-treno e la memoria industriale: nuove opportunità di trasformazione urbana in Valle d’Aosta / , ; rel. Alessandro Armando ; correl. Marta Bottero, Roberto Dini

Aimone, Agostina and Mentekidou, Alexandra Dimitra

Il tram-treno e la memoria industriale: nuove opportunità di trasformazione urbana in Valle d’Aosta / , ; rel. Alessandro Armando ; correl. Marta Bottero, Roberto Dini.

Rel. Alessandro Armando, Marta Carla Bottero, Roberto Dini. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2013

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Abbiamo deciso di incentrare la nostra tesi sullo studio del fondovalle valdostano, un territorio caratterizzato da antitesi e dinamiche che possono diventare occasioni di scelte progettuali interessanti.

Abbiamo cercato di capire le modifiche che può portare nelle dinamiche del territorio un nuovo sistema infrastrutturale, attraverso la lettura dei principi insediativi esistenti, che ha come conseguenza la ricucitura della trama urbana nella città di Aosta, utilizzando il complesso siderurgico della Cogne come base per la riprogettazione dell’area.

L’impostazione di questo lavoro parte dall’analisi del territorio valdostano scomponendolo in tre strati, che si compenetrano tra loro, che ci danno una chiave di lettura critica e un’ impostazione per il lavoro progettuale. Questa scomposizione viene proposta da Antonio De Rossi sull'approfondimento “Le molte facce del paesaggio valdostano” nel libro Guardare da terra. Immagini da un territorio in trasformazione. La Valle d’Aosta e le sue rappresentazioni, individua il carattere, la dimensione ed il palinsesto, come elementi caratterizzanti della Valle.

Il carattere riguarda l’aspetto fisico che ci si pone davanti osservando la vallata e le sue specificità. Il territorio della Piana sembra soffrire di un’identità frammentata a causa della gestione funzionale del territorio. L’immaginario che si ha della Valle d’Aosta differisce dalla realtà, poiché è alimentato da una visione turistica che tralascia altri aspetti importanti della vita della piana. Il fondovalle è caratterizzato da corridoi mercati urbanizzati che si sviluppano nei pressi delle principali direttrici mentre, si assiste ad un’emarginazione crescente dei versanti e delle colline che dovrebbero essere il fulcro della restituzione della vita montana, ad eccezion fatta delle località notoriamente turistiche. La piana valliva è caratterizzata principalmente da una zonizzazione basata su grandi mono-funzioni (residenziale, commerciale, agricola, industriale, amministrativa, sportiva) che non interagiscono tra loro, ma si collegano soltanto per mezzo delle principali infrastrutture. La suddivisione della vallata dalla Dora Baltea in due parti con esposizione solare differente, Adret e Envers, incide su questa frammentazione poiché le condizioni di vita risultano diverse e hanno come conseguenza uno sfruttamento del territorio eterogeneo. La frammentazione sopradescritta risulta elemento di sfida progettuale poiché incentiva possibili interventi di interazione cercando nuovi equilibri tra la città e il paesaggio circostante.

Il secondo strato è la dimensione, intesa come strutturazione del territorio nella sua prospettiva zenitale. Osservando dall’alto la piana di Aosta, si può vedere come in alcuni punti non sia possibile individuare i confini amministrativi data l’espansione disorganizzata, mentre in altri essi sono ancora ben distinguibili. In generale lo sprawl urbano caratterizza tutto io spazio edificato. Su scala regionale, grazie al sistema infrastrutturale presente, si possono attivare operazioni di riorganizzazione di questi tasselli urbani. Si considera la linea ferroviaria come il motore trainante per la risoluzione di queste criticità e per la proposta di un’immagine che si adatta meglio alle condizioni attuali.

Il palinsesto, terzo elemento del paesaggio, è inteso come l’intreccio delle trasformazioni e delle immagini del territorio di oggi che intrattengono relazioni con i segni del passato.

Concentrandoci soprattutto su Aosta, è evidente come la città è andata ad integrarsi con il tessuto modulare del castrum romano, rendendolo quindi meno leggibile. Le mura della cinta romana, interrotte in diversi punti, coesistono col resto della città costituendo il diaframma tra centro e zona di più recente espansione. Oltre la ferrovia che attraversa la città, il grosso nucleo industriale spezza il ritmo dell’organizzazione della città, e costituisce il limite dell’espanzione dell’edificato in direzione sud.

Dopo una breve parte di inquadramento territoriale e un’analisi della piana secondo questi tre strati, il nostro studio ha come obiettivo di rispondere alle criticità emerse, proponendo una trasformazione della mobilità regionale che porta al ridisegno dei tessuti urbani ad essa connessi.

Relatori: Alessandro Armando, Marta Carla Bottero, Roberto Dini
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: A Architettura > AN Opere di ingegneria civile, trasporti, comunicazioni
R Restauro > RC Restauro urbano
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3311
Capitoli:

Indice

Introduzione

1 Inquadramento Territoriale

La Plaine

La Plana di Aosta

2_Le infrastnitture regionali e la fascia fluviale

Il piano del ferro

La costruzione della linea Ivrea - Aosta

La costruzione della linea Aosta - Pré Saint Didier

L’autostrada Quincinetto-Aosta-Courmayeur

Criticità situazione attuale e proposte urbane

Piano Territoriale Paesistico -1992

Il Piano Mazza -1996

Il Progetto per l'interramento della linea ferroviaria - 2000

Il Progetto di rifunzionalizzazione dell’area ferroviaria di Aosta “GEODATA” - 2006

Le Linee Guida per il Piano Strategico – 2010

3_Analisi morfologica della città e storia degli strumenti urbanistici

Cenni storici

L’industrializzazione della Plaine

Richiami sulla storia dell’area industriale in breve

Cronostoria: La Cogne

Storia degli Strumenti Urbanistici

Le linee direttrici per l’urbanizzazione di Aosta in epoca romana

Dal “Règlement d’embellissement de la ville” al Piano Montalcini

Lo “stralcio” del 1931

Il piano di Adriano Olivetti del 1937

Il piano del 1937 dell’ing. Umberto Rossi e dell’ ing. Aldo Pavan

Il piano Morbelli (1941 e 1953) e il piano Rigotti (1955)

Il primo piano regolatore della città di Aosta di Franco Nosengo

La variante n. 8 di Bertola e Castelli del 1974

La Variante n. 10,1984 Lo “schema strutturale” del 1990

Il Progetto “Aosta Capoluogo” 1992

Il Progetto della Porta Sud -1993

La Variante Generale di Alex Fubini -1995

Piano di riorganizzazione urbanistica e recupero industriale dell’area ex-Cogne -1996

La Variante generale del 2000

Il Piano Urbanistico di Dettaglio PUD

Il Progetto Espace - 2000

Variante di adeguamento al P.T.P. - 2009

4_La Proposta Progettuale

L’esempio della tratta Merano-Malles

Analisi Economica

Interessi in gioco nel progetto urbano partenariale

Considerazioni sui risultati emersi dalla simulazione di pre-fattibilità

La memoria industriale come paradigma progettuale

La viabilità

Il recupero delle preesistenze

Le funzioni

Lo studio dei bordi

La formazione dell’edificio

I Prospetti

Il cortile interno

Bibliografia

Bibliografia:

Stanghellini Stefano, Il negoziato pubblico privato nei progetti urbani, principi metodi e tecniche di valutazione, Cromografica, Roma, 2012

Liliana Bazzanella; Riccardo Beltramo; Davide Petrini (a cura di), Progettualità architettonica e organizzativa per le nuove aree industriali: un percorso multidisciplinare verso leAPEA, Celid, Torino, 2011

Pietro Celesia; Roberto Dini; Gianpaolo Ducly; Fabio Fracellio (a cura di), Guardare da terra. Immagini da un territorio in trasformazione. La Valle d’Aosta e le sue rappresentazioni, Tipografia Valdostana, 2006

Antonio De Rossi, Architettura alpina moderna in Piemonte e Valle d'Aosta, Allemandi, Torino, copyr. 2005

Andrea Bondonio; Guido Callegari; Cristina Franco; Luca Gibello (a cura di), Stop & go: il riuso delle aree industriali dismesse in Italia: trenta casi studio, Alinea, Firenze, copyr. 2005

Marinoni, Giuseppe, Infrastrutture nel progetto urbano, Angeli, Milano, copyr. 2006

Alessandro Massarente; Alessandro Mazzotta (a cura di), Il parco fluviale, le fabbriche e la città: programmi e progetti di riqualificazione delle aree lungo il Cervo a Biella, Alinea, Firenze, copyr. 2004

Guido Zucconi, La città dell’Ottocento, Laterza, Roma, 2001

Luigi Mazza; Elisabetta Comin, Esercizi di piano: l’area industriale Cogne ad Aosta, Angeli, Milano, copyr. 2002

Moretto Luca, L’industria e la città: la Cogne e Aosta, storia di un secolo : architettura, siderurgia, territorio, Regione autonoma Valle d’Aosta, Aosta, 2002

Carlo Olmo (a cura di), Costruire la città dell’uomo: Adriano Olivetti e l’urbanistica, Edizioni di Comunità, Torino, copyr. 2001

Sguardi dal cielo sulla Valle d’Aosta: cartografia e fotografie aeree, Regione Autonoma Valle d’Aosta, Aosta, copyr. 1998

Corrado Binel, Dall’Ansaldo alla Cogne, Milano, Electa Editrice ,1997

Marco Cuaz, Valle d’Aosta storia di un’immagine: le antichità, le terme, la montagna alle radici del turismo alpino, Laterza, Roma, 1994

Giacomo Sado; Bernard Janin; Maria Cristina Ronc; Sergio Vitagliani (a cura di), Destination Europe : autostrada e mobilità in Valle d’Aosta, 1962-1992: tradizioni, storia, sviluppo socio-economico, forme costruttive, Musumeci, Quart, 1993

Luigi Mazza; Carlo Olmo, Architettura e urbanistica a Torino 1945/1990, Allemandi, Torino, copyr. 1991

Alex Fubini (a cura di), Aoste: schema de structure et aménagement, Tipografia Valdostana, Aosta, copyr. 1990

Aosta, città, struttura, piano, Tipografia Valdostana, Aosta, 1990

Ville d’Aoste -Pian d’Amenagement, ufficio del piano regolatore, Città di Aosta, 1990

Elisabetta Comin, Lo sviluppo edilizio della città e la pianificazione urbana di Aosta: Analisi critica (bozza provvisoria), Ufficio del piano regolatore, città di Aosta, 1989

Marco Cuaz (a cura di), Aosta: progetto per una storia della città, Musumeci, Quart, copyr. 1987

André Zanotto; Lino Zanotto (a cura di), La Valle d’Aosta & la ferrovia: cenni storici in occasione delle celebrazioni del centenario della linea Ivrea-Aosta, Regione Autonoma della Valle d’Aosta, Aosta, 1986

Luciano De Simone, Aosta Monte Bianco: Descrizione dell’autostrada, S.A.V., Aosta, 1986 Augusta Vittoria Cerutti, La plaine e la montagne della Valle d’Aosta, Musumeci, Aosta, copyr. 1980

Roberto Gabetti, Architettura industria: Piemonte negli untimi cinquant’ anni, Cassa di Risparmio, Torino, copyr. 1977

Carlo Bertola, Aosta, problemi e prospettive dello sviluppo urbano, Tipografia Valdostana, Aosta, 1972

Giovanni Jans; Taddeo Gilardino (a cura di), Pila, Democrazia Cristiana Valle d’Aosta, Aosta, 1946

Adriano Olivetti (a cura di), Studi e proposte preliminare per il piano regolatore della Valle d’Aosta, Nuove edizioni, Ivrea, 1943

Aldo Morbelli, Il piano regolatore di Aosta, S.I., 1940

Adriano Olivetti (a cura di), Piano regionale di Valle d’Aosta, Nuove edizioni, Ivrea, 1937

Articoli

ArchAlp, n. 3, luglio 2012

Andrea Delpiano, Si può riqualificare la città recente? Un contributo al nuovo PPR, in “ArchAlp”, n. 0, ottobre 2010, pp. 12-13

Cristina Bianchetti, Dismesse e sfruttate, in “Giornale dell’Architettura”, n. 23, novembre 2004, pp. 1,3-4

Annalisa Bethàz, Valle d’Aosta: le vicende del territorio, in “ Urbanistica Informazioni”, n. 150,1996 pp. 45-46

Josette Mathiou, Enti locali e piano territoriale paesistico in Valle d’Aosta, in “Urbanistica Informazioni”, n. 150,1996 pp. 47-48

Carlo Olmo, Architecture and industriai culture, in “Controspazio”, n. 1,1995

Luigi Mazza, Governare per piani, in “Casabella”, n. 626,1995, pp. 30-31

Augusto Cagnardi, Le città della siderurgia in Italia, in “Rassegna”, n. 42,1990, pp. 42-44

Pierluigi Crosta, Dismissione: la costruzione del problema, in “Rassegna”, n. 42,1990, pp. 47-49

Rosangela Laera, Il nuovo piano di Aosta, in “Urbanistica Informazioni”, n.118,1991 pp. 15-17

Andrè Corboz, Il territorio come palinsesto, in “Casabella”, n. 516,1985, pp. 22-27

Mario de Santis, L’autostrada Quincinetto-Aosta, in “L’industria delle costruzioni, Autostrade d’Italia”, settembre-ottobre 1970, pp. 224-229

Nello Renacco, Esigenza di un piano territoriale, in “Urbanistica”, n. 20,1956, p. 146

Mostra dei piani regolatori comunali, in “Urbanistica”, n. 17,1955, p. 97

Armando Melis, Il concorso perii piano regolatore di Aosta, in “Urbanistica”, agosto n. 4,1935, pp. 209-221

Tesi di Laurea

Valentina Caminiti, Riorganizzazione urbana ad Aosta, nuove soluzioni per l’area di trasformazione Puchoz, rel. Bruno Bianco, Torino, 2010

Andrea Passuello, Greenways: reti di percorsi verdi in Valle d'Aosta, rel. Alex Fubini, Torino, settembre 2009

Marco Giannini, Riqualificazione ecomuseale del complesso minerario di Cogne, rel. Carlo Tosco; Chiara Occelli, Torino, febbraio 2009

Stefano Cornetto, Rifunzionalizzazione urbana ad Aosta: la porta Sud, rel. Bruno Bianco; Umberto Janin Rivolin,Torino, settembre 2007

Matthieu Vallet, Nuovi paesaggi insediativi della “piaine” di Aosta: analisi e linee guida per il progetto, rel. Antonio De Rossi; Roberto Dini, Torino, Luglio 2007

Marcello Lubiani, “Aosta city gate” la nuova porta sud di Aosta, rel. Guido Drocco, Torino, luglio 2006

François Marie Péaquin, Il racconto urbanistico e l’uscita dal fordismo: la Cogne ad Aosta, rel.Cristina Bianchetti; Michela Rosso, Torino, luglio 2006

Thierry Rosset, La ferrovia mineraria Cogne-Acque Fredde per il trasporto passeggeri, rel. Alberto Vivaldi, Torino, 2005

Bruno Fracasso, La Cogne e il suo quartiere, evidenza costruttiva di un rapporto totalizzante, rel. Giovanna Rosso del Brenna, Genova, 2005

Alessandra Toni, Potenzialità attuali di insediamenti economico-industriali francesi della Valle d’Aosta. Esame di un caso studio concreto attraverso linguaggi di impresa (Ex area Cogne), rel. Marie-Berthe Vittozz, Torino, 2004

Nicoletta Dalto, Riorganizzazione urbanistica e riconversione produttiva dell’ area Cogne di Aosta, rel. Luigi Bobbio, Torino, 2004

Monica Resmini, Aspetti dell’industrializzazione ad Aosta : il quartiere Ansaldo-Cogne, rel. Vera Comoli Mandracci; Aurora Scotti, Torino, 1997

D’Aquino Antonio; Mombelli Daniele, Trasformazione dell’area autoportuale di Aosta, rel. Sisto Giriodi; Alessandro Fubini, Torino, 1996

Rita Devoti, La Cogne: permanenze industriali sul territorio della Valle d’Aosta: un’ipotesi di conservazione del ponte di Chavonne sulla Dora Baltea, rel. Anna Maria Zorgno; Clara Palmas, Torino, 1996

Laura Panicucci, La Cogne: permanenze industriali sul territorio della Valle d’Aosta : la stazione di caricamento di Acquefredde : un manufatto industriale da recuperare, rel. Anna Maria Zorgno; Clara Palmas, Torino, 1996

Janin-Rivolin Yoccoz Umberto, Analisi del piano regolatore di Aosta variante n. 10 del 1984, rel. Luigi Mazza, Torino, febbraio 1989

Comm Elisabetta, Il piano della Valle d’Aosta del ‘37: le proposte di sviluppo turistico, rei. Luigi Mazza, Torino, marzo 1982

Documentazione Relazione di bonifica

Linee guida per Piano Strategico, Comune di Aosta, 2010

Luigi Mazza (a cura di), Piano di riorganizzazione urbanistica e riconversione produttiva dell’area industriale Cogne, Regione Autonoma VdA, Assessorato Industria, Commercio e Artigianato, Aosta, 1996

Piano territoriale paesistico, Regione autonoma Valle d’Aosta, Aosta, 1992 Variante n. 8 di Carlo Bettola e Piero Castelli, 1975 Piano Nosengo, Aosta, 1965

PRGC della città di Aosta e norme tecniche di attuazione - Proposta del Piano Rigotti, Aosta, 1953

Fonti Archivistiche

Ravda, Archivio Storico Regionale Ravda, BREL- fondo fotografico

Archivio storico della Cogne di proprietà della Vallèe d’Aoste Structure

Siti internet

http://www.regione.vda.it/territorio

http://www.comune.aosta.it/it/home

http://www.cogne.com

http://www.svda.it

http://www.ferroviavalvenosta.it/it/default.asp

http://www.lyon-confluence.fr/

http://www.hafencity.com/en/home.html

http://www.hammarbysjostad.se/

http://www.nordhavnen.dk/

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)