polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Lo sviluppo sostenibile insulare: il caso studio Kastellorizo

Loffredo, Alessio

Lo sviluppo sostenibile insulare: il caso studio Kastellorizo.

Rel. Chiara Lucia Maria Occelli, Piergiorgio Tosoni. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2005

Abstract:

Un angolo dell' Europa, un microcosmo dove l'Oriente e l'Occidente sembrano toccarsi, la piccola isola dimenticata del mare Egeo, l'isola della fuga e del ritorno, l'isola del Meltemi, l'isola degli Italiani, questa è Kastellorizo; la più orientale delle isole del Dodecaneso, e dell'intera Grecia, dove all'inizio del secolo fiorivano i commerci e vivevano 9000 persone, oggi sono poco più di duecento. Quella che un giorno era una città, appare come un paesino immerso nelle rovine, ma che tuttavia conserva ancora intatta la sua storia e il suo fascino. Un miglio marino la allontana dalla Turchia, settanta da Rodi, la più vicina delle isole greche; 9 k un solo villaggio, pescatori, commercianti, costruttori di barche, un porto naturale dove le case disposte ad anfiteatro, sembrano appoggiarsi sull'acqua, una popolazione scontrosa, dal ritmo di vita molto lento, molto greco, molto "DZa DZa" (piano, piano).

Kastellorizo è segnata dalla storia e dalle dominazioni, Veneziani, Turchi, Francesi, Italiani; culture che insieme a quella greca hanno reso questo luogo unico. Kastellorizo è segnata dalla Guerra, dall'ultima grande guerra, che ha distrutto troppo, ma non ha inciso l'animo e lo spirito di chi ancora la abita.

Kastellorizo è l'isola degli Italiani, che durante il regime fascista hanno trascorso lì vent'anni, vivendo insieme ai Greci, costruendo, tentando di ridare splendore a un luogo che però già stava morendo. "Una faccia, una razza P', gli Italiani sono coloro di cui gli isolani conservano il più bel ricordo.

Le rovine e le case diroccate avvolgono il villaggio, fino al 1985 il tempo sembrava essersi fermato, poi un po' di turismo, un po' di cambiamenti e la vita sembra essersi ripresa, la comunità vive serena del turismo e fiera della sua condizione.

Ora a Kastellorizo si ricostruisce, come si è fatto con ritmo lento in tutti questi anni, ma si ricostruisce senza criterio, senza lungimiranza e speculando, e questo posto magico, perché soltanto tale lo si può definire, rischia di perdere il suo aspetto più intimo, il suo carattere, la sua identità, le sue peculiarità.

La mia tesi parla di quest'isola, dei miei mesi trascorsi ai confini dell' Europa, dei volti degli abitanti, della loro cultura, dell'insularità, di quelle case che dominano il mare con la loro semplicità, di quei vicoli e di quelle stradine interamente bianche che si arrampicano sulla collina, della costa Turca che puoi toccare con un dito. La mia tesi parla di quelle rovine, di quella sensazione di distruzione ed abbandono che si prova ammirando questo villaggio; parla di recupero , di tutela di un patrimonio architettonico sottovalutato; parla di sviluppo e pianificazione. Lo sviluppo sostenibile insulare, argomento ormai di interesse internazionale, è la meta da raggiungere per una piccola comunità come questa, la possibilità di trasformare le debolezze e i problemi, dovuti alla lontananza, in opportunità.Il mio intento, sin dall'inizio dell'esperienza sul posto, è sempre stato quello di fondere insieme un' esperienza di vita e il lavoro della tesi di laurea, analizzando gli aspetti dell'architettura di un villaggio tipicamente mediterraneo, le sue problematiche e le sue risorse; infine proponendo delle soluzioni progettuali adatte all'ambiente circostante, che si basino sui principi di sostenibilità, come l'utilizzo delle risorse locali e delle fonti energetiche rinnovabili. Le mie proposte vanno in direzione di un rafforzamento positivo del concetto di insularità, rendendo Kastellorizo forte della sua autonomia e non più vittima dell'abbandono e dell' isolamento, capace di trasmettere la storia e di essere simbolo di modernità.

Relatori: Chiara Lucia Maria Occelli, Piergiorgio Tosoni
Tipo di pubblicazione: A stampa
Parole chiave: sviluppo - sostenibilità - Kastellorizo
Soggetti: U Urbanistica > UM Tutela dei beni paesaggistici
U Urbanistica > UG Pianificazione del paesaggio
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/307
Capitoli:

CAPITOLO I "IL DODECANESO"

L'ARCHITETTURA DELLE ISOLE DEL DODECANESO

L'ARTE POPOLARE GRECA

GEOGRAFIA E POPOLAZIONE

LA VITA ECONOMICA: 'LE ISOLE PRIVILEGIATE"

LA VITA ECONOMICA: RODI E KOS

LA SOCIETA': classe e «millet»

STRUTTURE POLITICHE E LEADERSHIP

CAPITOLO Il "L'ISOLA DI KASTELLORIZO"

Introduzione

LA STORIA dell'ISOLA

IL NOME DELL'ISOLA

I PRIMI RITROVAMENTI

PERIODO BIZANTINO

FRANCHI, VENEZIANI, TURCHI

LA RIVOLUZIONE DEL 1821

SECONDO PERIODO Di DOMINAZIONE TURCA

GUERRE DEI BALCANI

OCCUPAZIONE ITALIANA

SECONDA GUERRA MONDIALE

STORIA ECCLESIASTICA-VITA RELIGIOSA

ISTRUZIONE

OCCUPAZIONI E MESTIERI

CENTRI ABITATI-ELEMENTI DEL FOLCLORE

TESTIMONIANZE STORICHE

GLI ESEMPI DELL'ARCHITETTURA DEL REGIME FASCISTA SULL'ISOLA

CAPITOLO III "LO SVILUPPO SOSTENIBILE INSULARE"

THE ISLAND AGENDA.

STRUMENTI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE INSULARE

LE SOCIETA' DELLE ISOLE E PROGRESSO TECNOLOGICO

IL CICLO DELL'ACQUA

L'EREDITA DELLE ISOLE

CAMPI D'INTERESSE.

MANAGING ISLAND RESOURCES. INTEGRATED PLANNING

DIVERSIFICAZIONE, QUALIFICAZIONE E SOSTENIBILITA'

IL RUOLO DELLE PICCOLE ISOLE E DELLE MEDIE IMPRESE

VERSO UN NUOVO TURISMO.

CULTURA NELLE ISOLE

LE RISORSE ENERGETICHE.

IL RUOLO DELLE RISORSE RINNOVABILI

LE ENERGIE ALTERNATIVE.

LE NUOVE FONTI

IL SOLARE TERMICO

L'EOLICO

L'IDROGENO, LE BIOMASSE, LA COLZA E I BIOCARBURANTI

INTRODUZIONE AL VENTO.

IL PERCHE' L'ENERGIA EOLICA

L'IMPATTO AMBIENTALE

L'OCCUPAZIONE DEL TERRITORIO

L'IMPATTO VISIVO

L'IMPATTO ACUSTICO

LE INTERFERENZE SULLE COMUNICAZIONI

FLORA E FAUNA

LA SCELTA DEL SITO

THE ISLANDS OF GREECE

-Nicolas Vernicos:"AN INTRODUCTION TO HISTORY AND REALITY THE NATURAL

RESOLIRCE SYSTEMS OF THE ISLANDS OF GREECE"

-"RISK AND RISK MANAGEMENT BEHAVIOUR VERSUS SUSTAINABLE MANAGEMENT. THE CASE OF ISLANDS OF GREECE. "

-TOWARD A SMALL ISLANDS' STUDY PARADIGM

-THE WATER-ENERGY BINOMIAL

- "AN INTEGRATED RENEWABLE ENERGY SOLUTION FOR VERY SMALL AEGEAN SEA ISLANDS"

-"MAXIMUM WIND-HYDRO POWER PENETRATION IN SMALL ET MEDIUM SIZED ISLANDS"

-'WASTELLORIZO: LONG-TERM DEVELOPMENT STRATEGY IMMEDIATE CONDITIONS AND PROSPECTS"

CAPITOLO IV

"MICRO MOU KASTELLORIZO. "

Trad: "MIA PICCOLA KASTELLORIZO"

-INTRODUZIONE ED INIZIO DELL'ESPERIENZA

LA PROPOSTA D'INTERVENTO

LA PROPOSTA DI PIANO

TESTIMONIANZE.

Bibliografia:

Maria Karioti, Kastellorizo, Gnossi, 1981, Tessaloniki.

Kiriakos Kondros, Kastellorizo. Kosmima tou Egeou , 1996, Athina

Nicolas Pappas,Kastellorizo,Halstead press,1994,Sidney.

Stefanos Nornikos,Kastettorizo Castellorizo Miltos,1980, Athina.

Kiriakos Kondros Mikro mou Kastellorizo , 1974,Athina.

LM. Chatsifotis, Kastellorízo Egeo Rotta Secondaria, Edizioni Topio, 1999 Athina.

Alfredo Giacon, Magico Egeo, Mursia,2004, Milano.

Simona Martinoli e Elina Perotti, Architettura Coloniale Italiana nel Dodecaneso 1912-1943, Fondazione Giovanni Agneffi, 1998, Torino.

Jacques Angles, Guida ai mari di Grecia e Turchia, Zanichelli,1997, Bologna.

Vassilis Colonas, Italian Architecture in the Dodecanese Islands, 0lkos, 2003 Tessatoniki.

Richard Speich, Guide per il Turismo: Rodi, Mondadori, 1994, Milano.

Meridiani, Isole della Grecia. Editoriale di Domus n* 118, Maggio 2003, Milano.

E. Bardamidis, Historia tis nisou Registi, Alexandreia, 1948, Athina.

Adonis Karaiannis, To giossa idioma tou Kastellorizo, Kalithea, 1978, Rodos.

A. Dirnarakis, Portolanos voi li, Skafon anafixis, 2004, Athina.

Dimitris Philippides, Eliniki paradosiaki arkitectoniki ,Dodecanisa-kriti, Melissa, 1990, Athina.

A. Rodopoulos, The aegean sea, Mittos, 2004 Athina.

Xatsifotis, Kastellorizo o akritas tou egeou, Melissa, 1986, Athina.

Eugenia Kristis , Kastellorizo to margaritari tou levante, Alexandreja, 1992, Athina.

Dimnitris Philippides, Aegean Island Architecture, Melissa,2003, Athina.

John k. Davis, La Grecia Classica, Il mutino 1978, Bologna .

Andrè Bonnard, La civiltà Greca, Bompiani, 1961, Milano.

Beller D 'Ayala, P.Hein , Sustainable development and enviromental management of small islands, Parthenon publishing group (UNESCO), 1990, Paris.

Nicolas Dournanis , Una faccia una razza, Le colonie italiane dell'Egeo, Il Mulino, 2003, Bologna.

Adalberto Vallega , Governo dei mare e sviluppo sostenibile, Mursia, 1996, Milano.

Mediterraneo: città, territorio, economie alle soglie dei XXI secolo, Cresna, 1995, Roma.

Daniela Scantabulo , Energia eolica nei paesi in via di sviluppo, 2003, Torino.

Dimnitris Philippides , Greek traditional architecture, Melissa, 1982, Athina.

Ecaterini Karountza Insediamenti e architettura spontanea con riferimenti al bacino

dell'Egeo, 1980, Torino.

Fongelman Theodore , Installations photovoltaique dans l'habítat isolè, 1995, Paris.

Casaki Electra , L'architettura tradizionale delle isole egee, 1977, Torino.

Georges Giannaros , L'architettura tradizionale delle isole Cicladi, 1991, Torino.

Elena Galis , Gli architetti italiani nel Dodecaneso, 1999, Torino.

Henri Stierlin , Grèce, Taschen, 2004, Koln.

European Island Agenda, First European Conference on Sustainable istand Deve[opment, 2002,Lanzarote, Spain.

Insula International Journal of islands affaír Dossier The water-energy binomial, Insula (Unesco), 2001, Paris.

Y. Yakas, M.Papadaki, A market survey for small size wind turbines in Greece, Department of Eletronics, 2002, Hiraktion.

E. Christinakis, K. Kavadias, J.K. Kaldellis, MAXIMUM WIND-HYDRO POWER PENETRATION IN SMALL Et MEDIUM SIZED ISLANDS, Mechanical engineering department, 2002, Pireus.

Kaldellis JX, Vlachou D., Kavadias K., AN INTEGRATED RENEWABLE ENERGY SOLUTION FOR VERY SMALL AEGEAN SEA ISLANDS, Mechanical engineering department, 2002, Pireus.

C. G. Condaxakis. D. G. Christokis, C. A. Tsambazis,., SPECIFICATIONS FOR SMALL WIND TURBINES FOR AUTONOMOUS ENERGY SYSTEMS, Wind Energy Et Power Plant Synthesis Lab, TEI of Crete., 2002, Hiraklion.

?A.I. Androutsos, P.G. Ptigoropoutos, EX Bakis, BEYOND KYTHNOS ISLAND

ADVANCED AUTONOMOUS POWER SUPPLY SYSTEMS WITH HIGH WIND AND SOLAR PENETRATION, Renewable Energy Sources Department., 2001, Athina.

Haris Katsoulis TOURISME INTERNATIONAL, DEVELOPPEMENT DURABLE ET ENVIRONNEMENT OU LE LONG CHEMIN VERS UN TOURISME « DOUX » , 2002, Paris.

LA CHARTE DU TOURISME DURABLE, Conférence mondiale du Tourisme Durable Lanzarote, !tes Canaries, Espagne, les 27 et 28 avril 1995.

G. Zaharatos, P. Tsartas, SUSTAINABLE TOURISM DEVELOPMENT IN THE GREEK ISLANDS AND THE ROLE OF TOURISM RESEARCH AND EDUCATION, . Conférence mondiale du Tourisme Durable Lanzarote, iles Canaries, Espagne, les 27 et 28 avrit 1995.

CONFERENCE MONDIALE SUR LE DEVELOPPEMENT DURABLE DES PETITS ETATS INSULAIRES EN DEVELOPPEMENT , Bridgetown Barbade 26 avril 6 mai 1994.

E. Georghitsoianni1, M. Anastasiadis, LA CREATION D 'UNE INFRASTRUCTURE POUR LA RECHERCHE ET LA FORMATION DANS LE DOMAINE DES BEAUX-ARTS COMME FACTEUR DE DEVELOPPEMENT DURABLE DES REGIONS INSULAIRES QUI N 'ONT PAS ENCORE ETE MODIFIEES PAR LE TOURISME : CAS DE LA PARTIE NORD DE L `ILE DE CARPATHOS,Conférence mondiale du Tourisme Durable Lanzarote, Iles Canaries, Espagne, tes 27 et 28 avril 1995.

Aristotelis MANTOGLO , Kimon HADJIBIROS, Panos PANAGOPOULOS, Tasos VARVERIS, SUSTAINABLE

DEVELOPMENT PROGRAMME FOR THE GREEK ISLANDS, Better W. and d'Ayala P., et al, eds. (1990). Sustainable Devetopment and Environmental Man?agement of Small Istands. U.S. Environment Protection Agency, Washington DC, USA; and UNESCO, Paris, France.

L. MAROUDAS.,P. TSARTAS, PARAMETERS OF SUSTAINABLE DEVELOPMENT AND ALTERNATIVE TOURISM IN SMALL AND LESS DEVELOPED ISLANDS OF THE AEGEAN.

Lefteris PAPAGIANNAKIS Louis WASSENHOVEN,loulia FOTOPOULOU,Anastasia SITARA, KASTELLORIZO: LONGTERM DEVELOPMENT STRATEGY IMMEDIATE CONDITIONS AND PROSPECTS, Development Agency of Dodecanese, (1996) Environmental Impact Study of the Landffil in the istand of Kastellorizo, Rhodes.

Tavole:

Orientamento geografico:

scala 1:20000, costa turca più isola, analisi costa, venti e correnti marine.

Analisi storica:

corta dei dodeconeso con vari periodi di dominazione, mappa 1: 10000 dell' isola (1941), immagini, carta dell'evoluzione urbana dei villaggio, pionimetria 1985.

Planimetria stato di fatto 1:2000, con analisi degli edifici a colori.

Analisi dell' abitato:

tavola fotografica, metodi costruttivi passati e attuali, confronto dei colori.

Tavola disegni:

rilievi, schizzi, fotografie.

Tavola dell'acqua e dei nuovi sistemi tecnologici introdotti,

Tavola dei Percorsi turistici e non.

Analisi dell'area urbana e pianificazione dello sviluppo, scala 1:2000.

Schema aree di intervento, scala 1:2000.

Area di progetto:

Piazza Piatania e Area di sviluppo dei porto, scala 1: 1000, render,

Area progetto 2:

Piante, prospetti, sezioni, scala 1:200, render.

Modello della costa e dell'isola, scala 1:20000

Modello dei piano urbano scala 1: 1000.

Filmato.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)