polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Riqualificazione paesaggistica di un’area urbana: caso studio sul concorso trEttari a Ciriè(To)

Vietti, Simone

Riqualificazione paesaggistica di un’area urbana: caso studio sul concorso trEttari a Ciriè(To).

Rel. Mario Grosso, Paolo Cornaglia, Roberta Ingaramo, Andrea Vigetti. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Progettazione Di Giardini, Parchi E Paesaggio, 2012

Abstract:

Ogni progetto paesaggistico, soprattutto se sviluppato su aree vaste e complesse dovrebbe avere, come presupposto, una fase preliminare conoscitiva che tutta via fino ad epoca molto recente riguardava solo i fenomeni verificatisi negli ultimi anni, ed era soprattutto centrata su un analisi di tipo statistico, del tutto incompleta per avere una visione corretta del complesso. Si è quindi ritenuto che per poter progettare consapevolmente è innanzi tutto necessario avere una corretta comprensione del territorio e si è ritenuto opportuno svolgere un'analisi storica urbanistica relativa all'area oggetto di studio. Da questa è emerso che il processo di trasformazione urbana che ha interessato Ciriè in particolare della zona sud dell'abitato è avvenuto tra la seconda metà dell' 800 e la prima metà del 900, e che l'area di intervento detta da tre ettari si ritrova colma di storia e vicende di cui anche gli abitanti sono ignari e che sarebbe necessario valorizzare per limitare il fenomeno di scarsa conoscenza e divulgazione delle emergenze architettonico-culturali del territorio di Ciriè. Ad oggi l'area si trova in una situazione di degrado urbano e di emarginazione sociale che impedisce lo sviluppo della città. Nella presente si cerca di riprogettare le aree dando dei connotati architettonici particolari che vadano ad incidere sullo sviluppo territoriale dell'area, nonché della recettività della zona e quindi al turismo e al piacere di vivere la città di stare all'aperto. Partendo dal parco di Villa Remmert si è cercato di proporre un giardino informale dalle linee sinuose, che non ricalcasse in brutta copia gli stili del passato e che fosse in controtendenza con gli stili dei paesaggisti contemporanei che spesso impiegano un design essenziale nella progettazione, caratterizzato da tratti semplici, linee che squadrano il territorio con precise definizioni degli spazi e delle aree, dando sempre meno peso alle composizioni vegetazionali complesse, preferendo l'uso di poche specie o addirittura di macchie vegetazionali monospecifiche. Un altro aspetto che si cerca di trattare è poi l'espansione di tutto il design del giardino verso tutto il territorio, per quanto possibile, in modo da infondere maggior senso di unità all'interno della Città. Si sono poi considerati tutta una serie di aspetti ambientali - tecnologici, come le pavimentazioni permeabili all'acqua, tetti verdi, riutilizzo delle macerie edili per fare muretti e piccole strutture, l'utilizzo dell'energia geotermica e la domotica pensata per le aree verdi, un progetto ambizioso, ancora in fase di prototipazione che potrebbe portare ad una svolta significativa nella gestione del verde pubblico.

Relatori: Mario Grosso, Paolo Cornaglia, Roberta Ingaramo, Andrea Vigetti
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
U Urbanistica > UB Architettura del Paesaggio
U Urbanistica > UJ Pianificazione rurale
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Progettazione Di Giardini, Parchi E Paesaggio
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2961
Capitoli:

Parte I - Analisi

1 Analisi Storica

1.1 Storia di Ciriè

1.1.1 Origine del nome della città

1.1.2 Fondazione romana della città

1.1.3 II borgo medioevale :

1.1.4 Sviluppo del borgo nel secolo XIV

1.1.5 Rinnovo urbano a fine Medioevo

1.1.6 II Theatrum Sabaudiae

1.1.7 II Catasto Napoleonico

1.1.8 II Catasto Rabbini

1.2 Espansione a sud della Città di Ciriè

1.2.1 Principali direttrici di intervento urbanistico ed edilizio.

1.2.2 Interventi urbanistici nella direttrice sud

1.2.3 Interventi edilizi sulla direttrice sud

1.3 Storia del palazzo Doria

1.3.1 II giardino nel XVII sec

1.3.2 II giardino nel XVIII secolo

1.3.3 Donazione del Palazzo D'Oria e restauro

1.3.4 I giardino nel XIX secolo

2. Analisi Territoriale

2.1 Inquadramento geografico

2.2 Dati climatici

2.3 II Suolo

2.4 Sistema di parchi e paesaggio

3 Analisi del PRG

4 Analisi del Bando di concorso

4.1 Obiettivi del concorso

4.2 Criteri di valutazione e punteggi

4.3 Progetti vincitori

Parte II - Progetto

1 Approccio alla progettazione - SWOT

1.1 SWOT dell'area nel complesso

1.2 SWOT Viale - Stazione

1.3 SWOT Piazza D'Oria

1.4 SWOT Villa Remmert

2. Concept

3. Peculiarità del progetto

3.1 Parco di Villa Remmert

3.2 Sistema Viale - Piazza - Stazione

3.3 Palazzo D'Oria

4 Progettazione del Verde

4.1 Viale della Stazione

4.2 Piazza Doria

4.3 Piazza della Stazione

4.3.1 Viale della centrale FTC

4.4 Villa Remmert

4.4.2 Villa Remmert Autunno

4.4.3 Villa Remmert Estate

5 Aspetti tecnologico ambientali

5.1 Reimpiego di macerie da demolizione

5.2 Sistema di gestione delle aree verdi: Domotica applicata alle aree pubbliche.

5.3 Tetti verdi

5.4 Tappeti erbosi carrabili

Bibliografia:

Parte I - Analisi

BERTOLOTTI Antonio, Passeggiate nel canavese, Torino 1867-1879.

SlSMONDA Angelo, Notizie stanche di Ciriè, con note ed aggiunte del teol. Enrico Giachetti, G. Cappello Tipografo Editore, Ciriè 1924.

MONTANELLI Indro, Storia d'Italia, Rizzoli, Milano 1959-1988.

LEVI Mario, Preistoria - Storia Romana, in Storia del Piemonte, Casanova & C, Vol.I, Torino 1961.

BARONCELLI Pietro, La via romana transalpina degli alti valichi dell'Autaret e di Amas, Industria Grafica Falcida, Torino 1968.

MAROLLA Francesco, NASTRO Catello, Ciriè Perla del Canavese, Arti Grafiche La Rinascente, Torino 1973.

CAVALLARI MURAT Augusto, Lungo al stura di Lanzo, Istituto bancario San Paolo di Torino, Torino 1973.

BONARDI Claudia, CHIERICI Patrizia, PALMUCCI Laura, Piano Regolatore di Ciriè, indagine storica, Ciriè 1981.

APPIANO Antonello, FOLLIS Enzo, Ognibene FRANCESCO, Piano regolatore generale di Ciriè, Relazione, Ciriè gennaio 1982.

RICCI MASSABÒ Isabella, i catasti piemontesi dei secoli XVIII e XIX, da strumento fiscale a documento per la lettura del territorio, in Ricci MASSABÒ Isabella, Lezioni di metodologia di ricerca storica, Celid, Torino 1983, pp. 61-84.

FlRPO Luigi (a cura di), Theatrum Sabaudiae: Teatro degli Stati del Duca di Savoia, Città di Torino 1984-85.

Ricci MASSABÒ Isabella, CARASSI Marco, i catasti napoleonici in Piemonte, in Villes et territoire pendant la période napoléonienne (France et Italie): atti del convegno, (Ecole frangaise de Rome), Roma 1987, pp. 99-120.

TAGLIOLINI Alessandro, Storia del giardino italiano, Usher, Firenze 1988, pp. 231-267. PELLEGRINO Armando, ID'Oria marchesi di Ciriè, Gruppo storico Ars et labor, Ciriè 1990.

MOSSER Monique, TEYSSOT Georges, Architettura dei giardini d'Occidente dal Rinascimento al Novecento, Electa, Milano 1990.

MERLIN Pierpaolo, Rosso Claudio, SYMCOX Geoffrey, RICUPERATI Giuseppe, a cura di GALASSO Giuseppe, Storia d'Italia - Vol VIlI II Piemonte sabaudo - Stato e territori in età moderna, Utet, Torino 1994.

Gruppo storico Ars et Labor circolo culturale, Ciriè nel Medioevo: statuti e franchigie nel XIV secolo, II risveglio, Ciriè 1995.

CALZA Domenica, SERGNESE Piero, Ciriè... in cartolina, Garbolino, Ciriè 1999.

CAZZATO Vincenzo (a cura di), La memoria, il tempo, la storia nel giardino italiano fra '800 e '900, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma 1999.

DEFABIANI Vittorio (et alii), Cultura e progetto dei giardini sabaudi, in I giardini a Torino. Dalle residenze sabaude ai parchi e giardini del '900, Lindau, Torino 1999, pp. 9-22.

GENTA E., FIORE F., FERRERÒ M., Doria di Ciriè. Palazzo Doria, in Storia di famiglie e castelli attraverso gli antichi sentieri del Piemonte, a cura di GIANAZZO DI PAMPARATO Francesco, 1999, pp. 202-212.

Villa Remmert, Stilema, Torino 2002.

GOZZI Giorgio, a cura di BiFFlGNANDI Silvia, Qualità e informazione statistico-economica territoriale: aspetti del processo di formazione dei dati e delle metodologie di analisi, Angeli, Milano 2003.

GIUSTI Maria Adriana, Restauro dei giardini teorie e storia, Alinea, Firenze 2004.

A cura di CATERINA Lucia e MOSSETTI Cristina, Villa della Regina: II riflesso dell'Oriente nel Piemonte del settecento, Allemandi, Torino 2005.

PANZINI Franco, Progettare la natura. Architettura del paesaggio e dei giardini dalle origini all'epoca contemporanea, Zanichelli, Bologna 2005.

CORNAGLIA Paolo, Dal giardino all'italiana al parco paesaggista: i giardini delle residenze sabaude dal XVI al XIX secolo, in PELISSETTI Laura, SCAZZOSI Lionella (a cura di), Giardini, contesto, paesaggio. Sistemi di giardini ed architetture vegetali nel paesaggio. Metodi di studio, valutazione, tutela, atti del convegno (Cinisello Balsamo 14-16 ottobre 2004), Olschki, Firenze 2005.

MACERA, Mirella, VITIELLO Rossana, Il Castello di Racconigi, Allemandi, Torino 2007.

PERNICE Francesco, SPANTIGATI Carla Enrica, MACERA Mirella, CORNAGLIA Paolo, La Reggia di Venaria, Allemandi, Torino 2007.

LONGHI Andrea (a cura di), Cadastres et territoires: l'analyse des archives cadastrales pour 1 'interprétaion du paysage et l'aménagement du territoire I Catasti e territori : l'analisi dei catasti storici per l'interpretazione del paesaggio e per il governo del territorio, Alinea, Firenze 2008.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)