polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Il restauro del contemporaneo: le stazioni di servizio nello scenario internazionale della conservazione.

Caccia, Susanna

Il restauro del contemporaneo: le stazioni di servizio nello scenario internazionale della conservazione.

Rel. Emanuele Romeo, Orio De Paoli. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (Restauro E Valorizzazione), 2011

Abstract:

Stazioni di servizio: un patrimonio diffuso lungo vie di scorrimento veloce e per questo percepito da sempre distrattamente. Le ragioni di questo "daltonismo" estetico sono molte e tra queste, il prevalere dei valori di consumo immediato e il rapporto con un sito di transito. A fronte di un'indifferenza che ha portato alla scomparsa della gran quantità di architetture costruite soprattutto tra gli anni'30 e gli anni '60 del Novecento, è la ricchezza straordinaria dei materiali che emergono dalle fonti aziendali italiane e straniere. Di queste fonti, e non solo, si avvale questo studio che cerca di indagare con occhio multidisciplinare la ricchezza di contenuti figurativi e simbolici delle stazioni di servizio. In controluce è una società in transito, che attraversa il mondo percependo il distributore come l'oasi nel deserto reale o figurato della società metropolitana. Sono i luoghi della sosta che rispondono al desiderio di benessere del viaggiatore, ma un benessere fugace segnato dall'incapacità di "vedere". Eppure, "alcuni" hanno percepito la bellezza che sta dietro questi luoghi emarginati, hanno carpito la solitudine e la ricchezza dei sentimenti legati all'abbandono e alla desertificazione, hanno restituito a questi luoghi la consapevolezza del quotidiano, della loro appartenenza alla società contemporanea. Si tratta di artisti della cultura pop e dell'iperreale, a partire da Edward Hopper e Ed Ruscha, che catturano l'essenza della strada e i nuovi valori totemici. L'oggetto della quotidianità è così riscattato dall'indifferenza della percezione collettiva: se ne offre un' identità e se ne fa conoscere i valori di memoria dell'architettura al punto di rendere "monumento" le stazioni di servizio. L'artista spesso poi riesce a cogliere la bellezza celata dietro quel preciso istante che precede l'abbandono. Un tema che ritorna più volte nelle arti del Novecento, siano esse plastiche o cinematografiche, e che porta a isolare dal contesto i singoli oggetti, densificando lo spessore suggestivo del rimando e delle sue interrelazioni col luogo. Così le icone delle aziende abbandonate in atmosfere rarefatte esprimono una nozione di spazio intangibile che si trasforma in un nuovo concetto di ambiente e di paesaggio. L'architettura delle stazioni di servizio e il paesaggio della strada contribuiscono alla rimodellazione dell'identità, dei modi di vita, dei comportamenti della società moderna. Riconoscere anche questo significato che sta dietro le permanenze di qualità del paesaggio stradale porta a riconsiderare il progetto di valorizzazione e di innovazione. L'individuazione delle permanenze, di cui oggi solo un'esigua parte entra nella lista del patrimonio italiano tutelato è l'obiettivo centrale di questo studio, soprattutto attraverso il raffronto con lo scenario internazionale della tutela. Il repertorio schedato dei progetti e degli edifici, anche attraverso la casistica dei restauri e riusi, tenta di individuare e monitorare questo patrimonio. Individuare significa anche capire le ragioni e i significati di queste architetture, sia della loro importanza intrinseca come architetture a cavallo tra la grande scala delle strutture in cemento armato e la scala minuta dell'oggetto di design, sia del ruolo che queste architetture giocano in rapporto col sito. Lo spaccato di questo studio fa emergere una tensione sperimentale avanzata e specialistica che si misura con forme aerodinamiche, strutture plastiche, materiali innovativi. Si tratta di oggetti che hanno costruito un paesaggio e che comunicano la cifra aziendale. Se il valore architettonico delle singole stazioni di servizio si misura con una grande quantità di materiali documentari (dalle riviste e dai repertori iconografici fino agli archivi d'azienda tra cui il prezioso Esso Nederland Historical Archive a Rotterdam, il BP Archive presso la Warwick University e YExxonMobile Historical Collection della Austin University of Texas) che servono da supporto imprescindibile per leggere criticamente le permanenze, quello paesaggistico va trattato sia come trasformazione del contesto in cui le stazioni si trovano oggi sia nelle prospettive dei nuovi progetti delle grandi infrastrutture. Fin dagli anni '50 paesaggisti come Rene Péchère e Pietro Porcinai hanno focalizzato l'attenzione sulle opportunità paesaggistiche del progetto delle autostrade, affinandone gli strumenti della percezione visiva e della qualità delle relazioni col contesto di attraversamento; mentre sul fronte architettonico le stazioni di servizio diventano oggetto di studi e progetti d'azienda che tendono sempre più a incrementare il semplice oggetto di pompaggio con più articolate offerte per il comfort del viaggiatore. In tale processo finisce tuttavia per prevalere il brand dell'azienda petrolifera e la sua riconoscibilità sulla qualità architettonica e sul livello d'integrazione coi caratteri del sito. Il fatto stesso che le stazioni di servizio abbiano fino a oggi contribuito a radicare nell'immaginario collettivo la percezione dei "non luoghi" mostra due aspetti tra loro interdipendenti, Da un lato l'incapacità della cultura contemporanea a comunicare la bellezza del nuovo e a trasferirla in azioni concrete di salvaguardia. Ciò soprattutto in Italia, a fronte di strategie di tutela e di recupero avanzate in paesi come l'America e il Nord Europa che hanno inserito nella lista del patrimonio da salvaguardare un significativo repertorio di stazioni di servizio. Dall'altro dimostra come si sia consolidata negli ultimi decenni l'egemonia della globalizzazione sul progetto contestuale e come sia accresciuta la distanza tra la qualità delle architetture che puntualizzano le infrastrutture e il paesaggio. Sono aspetti che riconducono a riflessioni sulla unitarietà del progetto a tutte le scale d'intervento, così come indirizza anche la Convenzione europea del paesaggio. Ed è la strada intrapresa da questo studio, così ricco d'intrecci con le avanguardie artistiche del secondo Novecento. Questo, più in generale, si rivela accumulatore significante delle modificazioni sociali, di cui la cultura del progetto, sia di conservazione che d'innovazione, non può non tenere conto.

La stazione di servizio, architettura della strada, agli inizi del Ventesimo secolo colonizza rapidamente i paesaggi di Europa e Americhe, sotto l'impulso della motorizzazione e dello sviluppo delle arterie stradali. In un territorio a parte prende corpo una cultura che, assunta a dignità di oggetto letterario e di materia iconografica, a buon diritto attraverserà le arti del Ventesimo Secolo. Nell'affermazione della "cultura della strada" la stazione di servizio è protagonista. In essa le immagini del progresso tecnico, della velocità, del viaggio e della notte, trovano forma e si modellano in un volume, nel disegno di un marchio, nelle linee di una pensilina aggettante o nelle rotondità curvilinee di una vetrata. Il vocabolario della stazione di servizio recupera tutto l'immaginario e le aspirazioni della strada contemporanea e futuribile, luogo di ristoro o semplice edificio di posta, luogo permanente di incontro e scambio sociale, struttura che si fa paesaggio, emblema dell'americana roadside architecture. Un lessico che nei primi decenni del Novecento sta per inventarsi lungo le arterie stradali e al contempo stenta a trovare una sua identità, indirizzandosi così verso la sperimentazione, necessaria "pour élaborer un type formalisé dans ses règles, ses traits et ses modes de composition". Ma nel corso del tempo questo linguaggio cambia ripetutamente forma ed espressione; la stazione di servizio è spesso "riabilitata", sotto le logiche del mercato e del consumo di massa, quale oggetto senza dignità architettonica ma al più semplice brand nelle conquiste territoriali delle compagnie petrolifere internazionali. Ne deriva un'architettura precaria che rende difficile tracciare un quaisiasi percorso storiografico, come già è emerso nel tentativo fatto da Arnaud Sompairac nel volume Station Service edito dal Centre Pompidou di Parigi. Provare a leggere l'evoluzione di questo edifìcio, classificarlo secondo tipologie precise per poterne garantire la conservazione, appare quasi impossìbile proprio per la rapidità con cui sembra essere scomparso a partire dal secondo dopo guerra. Del resto non è di poco conto nemmeno la confusione che regna attorno alla definizione di questo oggetto, un oggetto insolito che cerca i suoi padri spirituali negli architetti, anonimi per la maggior parte, nei designer, negli ingegneri come negli affichistes. Nemmeno i numeri aiutano nella comprensione di un'opera il più delle volte senza firma e disprezzata dallo snobisme di certi architetti. Nel periodo compreso tra il 1920 e il 1970 i distributori di carburante infatti si sono moltiplicati in maniera esponenziale, evolvendosi quando in esemplari bizzarri e difficilmente classificabili, quando in forme più naturali di diretta derivazione dalle precedenti. E comunque, in entrambi i casi, si assiste al fiorire nel corso del Ventesimo secolo di una moltitudine di edifici realizzati senza punti di riferimento o tradizioni progettuali. Un'esplosione di valori formali che elude "au premier abord toute tentative de classification, chronologique ou géographique". Un'architettura che pone al suo ideatore la questione della percezione in movimento, della fruizione in grande velocità, costringendolo a stravolge l'ordine di grandezza di un edifico che non sarà più lo sguardo del flâneur nel lento vagabondare a dover leggere, ma lo sfrecciante automobilista su strada. Un aspetto questo della percezione già scandagliato nella lettura fatta da Robert Venturi con Denise Scott Brown e Steven Izenour in Lerning from Las Vegas nel 1972. E in questo "necessario stravolgimento percettivo" si fa determinante la funzione della luce come quella del colore, come intuiscono immediatamente le principali compagnie petrolifere che ne fanno la colonna portante di una politica di vorace conquista territoriale. Così il colore dell'azienda, l'ideazione di un logo e la scelta di uno slogan, contribuiscono alla costruzione di un'immagine unitaria, nell'ottica di una corporate identity che si completerà nel tempo anche attraverso la definizione di una precisa veste architettonica. E per quanto sia indubbia la presenza e l'influenza di correnti precise nella definizione di questa identità, non sembra possibile stabilire con esattezza una tipologia stilistica per le stazioni di servizio: "la période est trop courte, le terrain trop neuf, et l'inventivité des concepteurs, stimulée par la concurrence et l'absence de tradition débordante". La difficoltà di decodificare il linguaggio dei distributori di benzina è così quella di affrontare un tema in cui l'architettura si fa tutt'uno con il paesaggio che la circonda, facendosi essa stessa paesaggio, ma al tempo stesso divenendo oggetto di design e luogo eletto di sperimentazione grafico-pubblicitaria. Non meno complesso, per poter indicare alcune linee per la salvaguardia di un patrimonio in continua trasformazione, è comprendere i rapporti che l'edificio intrattiene con il suo habitat, la strada, quando questi stessi rapporti possono essere in diversa misura determinati non solo dai luoghi, ma da norme amministrative, strategie d'impresa come dalla volontà dei concessionari.

L'oggetto stazione di servizio sembra infatti inventarsi attraverso tante storie parallele, che si svolgono in Europa e Oltreoceano, coinvolgendo i protagonisti più disparati e dando luogo agli esiti più disparati. L'ingegnere lo elegge a luogo di sperimentazione per il cemento armato, mentre l'architetto, quando non il grafico o il pubblicitario, lo modella secondo un'estetica che inneggia all'aerodinamismo, dopo che questa stessa estetica ha conquistato, insieme agli oggetti del quotidiano, la stazione di servizio. Così si compone una collezione e prende vita un patrimonio dì stations d'architecture, veri luoghi formali in cui si legge un'estetica che si affranca progressivamente dalle influenze di un milieu culturale, politico e tecnico, per obbedire finalmente alle leggi della sua evoluzione, E questa collezione, per quanto incompleta, riflette nel suo stesso disordine la complessità di una realtà che mette accanto architettura vernacolare e architettura accademica, ornamento e funzione, folgorazioni futuriste e contestualismi. L'intento è quello di restituire dignità a un insieme di oggetti architettonici - la cui "richesse comme l'hétérogénéité font l'intéret patrimonial" -, comprendere il meccanismo di questo insieme e sottolineare il valore culturale di un patrimonio da tutelare e valorizzare.

Del resto l'eccesso di indifferenza di cui ha sofferto la stazione di servizio ha giustificato per lungo tempo l'assenza quasi totale di letteratura sull'argomento, fatta eccezione per la scuola americana prolifica di testi specifici sul tema della roadside architecture. Mentre la difficoltà di indagare il tema riflette anche la scarsezza di risorse archivistiche, e non meno l'atteggiamento delle società petrolifere stesse che, salvo rare eccezioni, non consente l'accesso ai propri fondi e laddove questi siano resi consumabili risultano troppo spesso depauperati per una mancata politica di conservazione. Le fonti più preziose perla storia di questi oggetti alla fine sembrano essere i materiali messi insieme da tenaci e lungimiranti collezionisti privati, i mai sufficientemente scandagliati archivi di architettura e le numerose riviste dello stesso settore, oltre alle pubblicazioni di ramo - come la settantenaria «Staffetta petrolifera» o l'americana «National Petroleum News» -, non meno di quelle interne alle compagnie - come nel panorama italiano il «Catto selvatico» targato Agip o la «Esso Rivista». La composizione e l'organizzazione di questo materiale eterogeneo vuoi essere il punto di partenza per un percorso di conoscenza e salvaguardia del patrimonio dell'architettura della strada. Un patrimonio vasto e diffuso che lo scenario attuale, in continua evoluzione, rischia di perdere definitivamente.

Relatori: Emanuele Romeo, Orio De Paoli
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: R Restauro > RA Restauro Artchitettonico
R Restauro > RD Tecniche del restauro
ST Storia > STH Periodo contemporaneo (dal 1945)
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (Restauro E Valorizzazione)
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2267
Capitoli:

1. Premessa

2. Le stazioni di servizio nel paesaggio delle arti

- Letteratura e arti figurative

- Dal cinema alla videoart

3. Infrastrutture e stazioni di servizio negli anni tra le due guerre - gli esordi

- Il panorama italiano

- Le rete delle infrastrutture

- Il paesaggio della strada

- Le microarchitetture per la mobilità

- Dalla cracker box alla tba station

- Mito del progresso e modernità

4. Competitivita e standardizzazione nella seconda metà del novecento

- Dal singolo manufatto al sistema

- Branding e standardizzazione

5. Nuovi funzioni e complessità: da stazione di servizio a comfort per la mobilità

- Gli strumenti del progetto: norme e manuali

- Il comfort per la mobilità: motel e autogrill

6. Il panorama internazionale della tutela

- Lo stato dell'arte: l'esempio stati uniti

- La tutela in canada: la stazione di m.v.der rohe a montreal

- La tutela in europa: olanda, germania e francia

7. Le stazioni di servizio in italia: abbandoni, distruzioni, riusi. lo stato della tutela

- L'esempio italiano

- Gli strumenti per il monitoraggio e la tutela

8. La stazione agip a viareggio: strategie di riuso per la conservazione

- L'area di intervento

- Il progetto di restauro

9. Bibliografia

Bibliografia:

- A.Abruzzese, Estreme sopravvivenze del moderno, in «Comorra», 1,1,1998, p.11 - M.Ackermann, D.Neumann (a cura di), Leuchtende bauten: Architektur der Nacht / Luminous buildings:Architecture of the Night, catalogo della mostra, Ostfildern, Hatje Cantz Verlag, 2006

- J.J.C.Andrews, The well-built elephant and other roadside attractions,New York, Congdon and Weed,1984

- Art Institute of Chicago, 7345; Creatìvity and Crisis, Chicago Architecture and Design of the World War II Era, catalogo della mostra, Chicago, Art Institute of Chicago, 2005

- A.Assman, Ricordare. Forme e mutamenti della memoria culturale, Bologna, Il Mulino, 2002

- M.Augé, Dysneyland e altri nonluoghi, Milano, Bollati Boringhieri, 1999 -

M.Bacciocchi, AGIP. Progetti tipo degli impianti stradali in Italia, Archivio Privato Bacciocchi/ Bacciocchi Private Archive, Milano

- C.Bassi, F.Berlanda, B.Boschetti, Autorimesse, 1952

- Bauhaus a conceptual model, catalogo della mostra, Ostfildern, Hatje Cantz, 2009.

- R.BIijdenstein, Benzinestations: het ESSO-station van W,M. Dudok, St. Publikatieford, Projectbureau Industrieel Erfgoed, 1995

- R.Blijdenstijn, Het Esso-station van W.M. Dudok, in «Buiten Bedrijf. Benzinestations», PIE, Zeist, 1996

- B.Bolis, Edifici per i trasporti: stazioni per ferrovie e metropolitane, sottostazioni elettriche, stazioni marittime, fluviali e lacuali, stazioni di rifornimento e di servizio, autorimesse, autostazioni, campi di volo, piste, aerostazioni e aviorimesse, Milano, Antonio Vallardi Editore, 1947

- S.Boness, Asmara: thè frozen city, Milano, Hoepli, 2006

- E.Bonfanti, M.Porta, Città, museo e architettura. Il gruppo BBPR nella cultura architettonica italiana 7932-1970, Firenze, Vallecchi 1973

- C.Bordogna Neirotti, Bordogna. 65 anni di architettura, Torino, Allemandi, 2003

- B.J.H. Brown, Explorations in motoring history, Boumemouth UniversitySchool of Conservation Sciences, Occasionai Paper 2, Oxbow Monograph 87, Oxford, Oxbow Books, 1997

- R.Campanini, Edifici dei trasporti, serie E, fasci, n.3, Milano, Antonio Vallardi Editore, 1945

- G.Canesi, A.Cassi Ramelli, Architetture luminose e apparecchi per illuminazione, Milano Hoepli, 1934

- P.Carbonara, Architettura pratica, Torino, Utet, 1954

- M.Castagnara Codeluppi, Ermes Midena, in S.Polano, L.Semerani, Guida critica all'architettura contemporanea. Friuli Venezia Giulia, Venezia, Arsenale, 1992, pp.125-131

- E.Castruccio, Gas station: il design nelle stazioni di servizio 1900-1960, Milano, Modernariato Edizioni, 1992

- G.Colombo, Manuale dell'ingegnere civile e industriale, Milano, Hoepli, 1939

- Dalla Triennale di Milano una menzione speciale per la Stazione Rogers in «II Piccolo», 20 maggio 2009, p.25

- J.Davidson, Young and defenseless. The Plight of modern buildings in a modern world, «ICON

- World Monuments Fund », New York, 2004

- C.Davies, Lessons at the Roadside, in «Architectural Research Quarterly», Volume 8, Issue 01, Mar 2004, pp. 27-37

- E.Denison, CYu Ren, N.Gebremedh, Africa's secret modernistcity, Milano, Hoepli, 2003

- D.Deschermeier, Impero Eni. L'architettura aziendale e l'urbanistica di Enrico Mattei, Roma, Damiani Editore, 2009

- J.L.Dobesz, Wroclawska architektura spod znaku swastyki na tle budownictwa III Rzeszy, Wroctaw, Oficyna Wydawnicza Politechniki Wroclawkiej,1999

- D.Donghi, Manuale dell'architetto, Torino, Utet, 1930

- E.Dregni, Minnesota marvels: roadside attractions in the land of lakes, Minnesota, University of Minnesota Press, 2001

- S.E.Eaton, Report of the city of Miami Planning Departement to the Heritage Conservation Board on the potential designation of the Culf Gas Station 1700 s.w. 22° Street as a Heritage Conservation Zooning District, Miami City Commision, 1983

- Ed Ruscha, Photographer, catalogo della mostra, Parigi, Jeu de Paume, 2006

- Field guide to gas stations in texas, Texas Departement of Transportation - Environmental Affairs Division, Historical Studies Branchi, Historical Studies Report n. 03, 2003

- Forme e tecniche dell'architettura contemporanea, catalogo della mostra, s.e., Roma, 1959

- Frank Lloyd Wright - designed gas station to be built in Buffalo, in «Architectural Record», 2003, sept., vol.191, n.9, p.44

- D.Caines, A.Comez, Perspectives on Route 66,Cultural Resources Management 16, 21-23, United States Department of the Interior, National Park Service, 1993

- Gino Levi-Montalcini. Architetture, disegni e scritti

- Atti, Rassegna tecnica LVII-2, Torino, Celid, 2003

- M.A.Giusti, O.A.M. Osservatorio dell'architettura moderna in Piemonte, Viareggio, Idea Books, 2007

- D.Grassi, G.Fisogni, Museo Sirm, Milano, Electa, 1993

- B.Gravagnuolo (a cura di), Gli Studi Nizzoli. Architettura e design 1948-1983, catalogo della mostra, Milano, Palazzo Dugnani, Milano, Electa, 1983

- J.A.jakle, K.A.Sculle, The gas station in America, Baltimore and London, Johns Hopkins University Press, 1994

- S.J.Jhonson (a cura di), American Modern, 1925-1940: Design for a New Age, catalogo della mostra, New York, Harry N. Abrams Inc., 2000

- H.Jones, Packaging Petroleum. A history of petrol station design in Britain 1955-95,

- MA Dissertation, Royal College of Art, 1998

- J.Heimann, California crazyor-beyond. Roadside vernacular architecture, San Frandsco, Chronicle Books, 2001

- P.Hirschorn, S.lzenour, White Towers, Cambridge, Mit Press, 1979

- E.J.Hobsbawn, T.Ranger, L'invenzione della tradizione, Torino, Einaudi, 1997

- J.Holder, Capital gain, in «The architects' journal», n.6, 219,12 February 2004, pp.50 e ss.

- P.Hubbard, R.Kitchen, G.Vallentine, Key Texts in Human Geography, London, Sage, 2008

- F. Irace, Giovanni Muzio 1993-1982, Milano, Electa, 1994

- A. L. Kerth, A new life for the abandoned service station Massapequa Park, NY, Kerth ed., 1974

- A.LKerth Successful Business uses for abandoned service stot/ons.Washington, Kerth ed.,1984

- J.Kleinmanns, Super, voll! Kleine kulturgeschichte der tankstelle, Marburg, Jonas, 2002

- La costruzione dell'Impero, anno III, vol.IV, Milano, Mondadori, 1940

- Le Corbusier, Aircraft, Londra, The Studio Ltd., 1935

- C.H.Liebs, Maìn Street to Miracle Mite: American Roadside Architecture, Baltimore and London, Johns Hopkins University Press, 1995

- T.Lord, The development of the petrol filling station 1895-1939, in B.J.H. Brown, Explorations in motoring history, Bournemouth University School of Conservation Sciences, Occasionai Paper 2, Oxbow Monograph 87, Oxford, Oxbow Books, 1997, pp.43-48

- L.Maldonada Ramos, D.Rivera Comez, F.Vela Cossia, Paradoxes in the rebuilding of Casto Fernandez- Shaw's Porto Pi Petroleum Station, in D. Van den Heuvel, M. Mesman, W. Quist, B. - Lemmens, The Challenge of Change: Dealing with the Legacy of the Modern Movement - Proce- edings of the 10th International DOCOMOMO Conferenze, Volume 0, 2008, pp. 397-399

- L. Mangilli, Ermes Midena architetto moderno in Friuli, Udine, Alea Coop, 1988

- R.Marshall, Ed Ruscha, New York, Phaidon, 2003

- C.Mazzeri, L.Fontana, Vinicio Vecchi, Un architetto e la sua città, Parma, Edicta 2008

- E.Menduni, L'autostrada del sole, Bologna, II Mulino, 1999

- D.Meyhòfer, Motortecture. Architektur für automobilität /design for automobility, Ludwigsburg, Avedition, 2003

- M.Minale, how to design a successful petrol station, London, Booth-Clibborn Editions, 2000

- C.Moffa, Enrico Mattei. Contro l'arrembaggio al petrolio e al metano. Una vita per l'indipendenza e lo sviluppo dell'Italia, del Medio Oriente e dell'Africa, Roma, Aracne, 2006

- C.Mougeot, La station Prouvé démontée, in «ER», may, 2008

- A.Negri, La fortuna del moderno. Architetture della produzione e dei servizi in area milanese negli anni Venti e Trenta, Firenze, Edifir, 1997

- E.Neufert, Enciclopedia pratica per progettare costruire, 1936, Milano, Hoepli 1949

- J.A. Jakle,The American Gasoline Station, 1920-1970, «Journal of American Culture», 1, 1976

- J.A.Jakle, K.A.Sculle, The gas station in America, Baltimore and London, Johns Hopkins University Press, 1994

- H.Jones, Packaging Petroleum. A history of petrol station design in Britain 1955-95, MA Dissertation, Royal College of Art, 1998

- D.Pascal, Stations Service, Boulogne, ETAI, 1999

- A.Pica, Storia dello Triennale, 1927-1957, Milano, Edizioni Il Milione, 1957

- S.Polano, L.Semerani, Guida critica all'architettura contemporanea. Friuli Venezia dulia, Venezia, Arsenale, 1992

- B.Poister,Super Order Normal. Tankstellen-GeschichteeinesmodernenMythos, Köln,Dumont,1996

- A.C.Quintavalle (a cura di), L'auto dipinta, catalogo della mostra, Milano, Electa, 1992

- M.Ragon, F.Coldberg, Dans La Ville (On The City), Paris, Paris Art Center, 1985

- Rapport de consultation publique du Conseil du patrimoine de Montreal, Projet de citation à titre de monument historique, may 2009

- E.C.Relph, Piace and placelessness, London, Pion, 1976

- «Revue Petrolifere», 5 october 1929

- T.Russell, Fill'erup. The great american gas station, St.Paul, MBI Publishing Company, 2007 - A.Sant'Elia, Manifesto dell'architettura futurista, 1914, ed. Bologna, Baiesi, 2009

- K.A.Sculle, A look at the past: gas station important Yale-to-Casey Landmarks, «Casey Daily Reporter», aprii, 1975, p.4

- D.Seamon, J.Sowers, Piace and placelessness, Edward Relph, in P.Hubbard, R.Kitchen,

- C.Vallentine, Key Texts in Human Geography, London, Sage, 2008, pp. 43-51

- Shell's kitchen, in «Architectural Digest», february, 2009, pp.142-147

- A.Skogstad Aamo, Bensin stasjonen. En visuell historie, Norsk Form, Oslo, 1995

- A.Sompairac, Stations service, Paris, Èditions du Centre Pompidou, 1993 - Special Resource Study Route B6, United States Department of the Interior, National Park Service, NPS D-4 July 1995

- S.Settis, Italia S.p.A. L'assalto al patrimonio culturale, Torino, Einaudi 2002

- Stazioni di servizio. Itinerario ltinerary 152, in «Domus», 811, january, 1999

- P. Sulzer, Deux stations-service de Jean Prouvé, in «ARCHITHESE», march, 1986, p. 68

- C.Thau, KVindum, A.Jacobsen, Arne Jacobsen, Copenhagen, Arkitektens forlag/Danish Architectural Press, 2001

- Una stazione di servizio, in «Casabella », n.201, may-june 1954, pp.38-41

- R.Vahlefeld, Garagen una Tankestellenbau. Anlage, Bau, Ausstattung, München, C. D. W. Callwey, 1953

- R.Vahlefeld, F.Jacques, Carages and service stations, London, Leonard Hill Books limited, 1960

- D. Van den Heuvel, M. Mesman, W. Quist, B. Lemmens, The Challenge of Change: Dealing with the Legacy of the Modern Movement

- Proceedings of the 10th International D0C0M0M0 Conference, Volume 0, 2008

- F.Vanlaethem, Le Westmount square et les autre réalisations de Ludwig Mies van der Rhoe à Montreal, Étude réalisés par Montreal Moderne pour la direction generale du patromoine, Direction de Montreal, Ministère des Affaires Culturelles, 1992

- F.Vanlaethelm, La statio-service de Mies van der Rohe sur l'ile des Soeuurs ù Montreal, «Bulletin.

- Do.co.mo.mo.-Quebec », 4, 2004, pp.nn

- F.Vanlaethem, C.Dubuc, Station-service Esso de l'Ile des Sceurs, Conseil du Patrimoine de Montreal, 2005

- R.Venturi, D.Scott Brown, S.lzenour, Leming from Las Vegas , Cambridge, MIT Press, 1972

- D.Vieyra, Fill'erUp.an architectural history of America's Gas Stations, New York, Collier Books, 1979

- Ville de Montreal, Service de la mise en valeur du territoire et du patrimoine, Bureau du patrimoine de la toponymie et de l'expertise, La station-service située au 201, rue Berlioz (l'ile des Soeurs), 2009

- Ville de Montreal, Service de la mise en valeur du territoire et du patrimoine, Bureau du patrimoine de la toponymie et de l'expertise, Analyse de la valeur patrimoniale de la station-service située au 201, rue Berlioz, 2009

- R.Vissers, Dudoks Esso-station: Een industrieel erfgoed, Reflex, 2004

- C.Volpi, Robert Mallet-Stevens 1886-1945, Milano, Electa, 2005

- K.Wachsmann, Una svolta nelle costruzioni, Milano, Il Saggiatore, 1960

- 0. Wedebrunn, M. J. Jensen, Bellevue-Bellavista, in «A&U», XXXVII, 3-4, 2003, pp.203-217

- M.K.Witzel, The America gas station: history and folklore of the gas station in America car culture, Osceola, Motorbooks International, 1992

- F.L.Wright, The future of architecture, New York, Horizon Press, 1963

- E.Zerubavel, Mappe del tempo. Memoria collettiva e costruzione sociale del passato, Bologna, Il Mulino, 2005

RIVISTE / PERIODICALS

- Petrol-filling station in London, in «Architects journal», 1921 August, v. 24, n° 54, p. 233

- A word as to the filling station, in «Western architect», 1925 March, n° 34, pp. 30-32

- Filling station for town betterment, in «House and garden», 1925 June, n° 47, pp. 94-95

- Filling station, in «Western architect», 1925 March, n° 34, p. 30

- The automobile service station, Architectural forum, 1926, n° 45, pp. 33-56

- Biscayne Boulevard, Miami, Florida: competition for fìlling station design, in «American architect», 1926 December, v, 5, n°130, pp. 445-449

- Filling stations architecture, in «Country life in America», 1927 Aprii, n°51, p. 102

- Estacion para el servicio de automoviles, in «Arquitectura», 1927 August, n°100

- Union oil Company of California service station competition, in «American architect», 1928 March, v. 5, n°133, pp. 331-333

- Whatto knowabout filling layoutand costruction, in «Architect (New York)», 1929 March, n° 11, pp.633-635

- «Revue Petrolifere», 1929 October

- The gasoline filling station and service station, in «Architectural record», 1930 june, n° 67, pp. 562-584

- A standardized filling station unit, in «Architectural record», 1931 December, n°70, pp. 455-456

- Four service stations, in «American architect», 1932 November, v. 142, n° 2613, pp. 55-58

- Concorso per le stazionane sull'autostrada Venezia-Padova, «Architettura», 1933 (XII), XI, v. VII, pp. 435-437

- The new building for Citroen in Lyon: the largest service station in the world, in «Architecture», 1933 January, n°46, pp. 1-8

- Stazione di Servizio e Garage-officina in Lodi, in «Rassegna di architettura », 1934, pp. 392-393

- Tankstellen von Otto E. Schweizer, karlsruhe, Karl Schneider, Hamburh, Clauss e Daub, Cleveland, in «Moderne Bauformen», 1934, n° 33, pp. 193-197

- Distributore di benzina a Lecco, in «Architettura», 1936 Dicembre, v. 12, p. 606

- Tettoie per ricovero automobili con distributori di carburante, in «Rassegna di architettura», 1936, v. 12, pp. 202-205

- La nouvelle station-service du 108, Ouai de Passy, in «Construction moderne», 193G Septembre, v. 13, n° 51, pp. 856-960

- Planning techniques for new and remodeled buildings: Service stations, in «Architectural Forum», 1937 Febbraio, n° 66, pp. 86-95

- Tankstellen, Parkplatze, Caragen, in «Moderne Bauformen», 1938 Febbraio, n° 37, pp. 113-124

- Unobstructed view and centralized work space in gas station: Pacific Steel Building Company, in «Architectural Record», 1939 January, n°85, p. 32

- Some motor service stations in architectural concrete, in «Architectural concrete», 1941, v. 7, n° 3, pp. 28-29

- Service station, in «Architectural forum», 1943 May, n° 78, pp. 132-133 - Basic element in station planning, in «Architectural record», 1944 February, n° 95, pp. 88-90

- Postes d'essence en Italie, in «Techniques & Architecture», 1948, n°1-2, p. 13

- Stazioni di servizio per autoveicoli, in «L'Ingegnere», 1949 Maggio, n° 5, pp. 497-508

- Service Station for union oli co, Pasadena, Caiifornia, in «Progressive architecture», 1949 October, pp. 32-14

- Estacion de servicio y talleres: Peabody-Buick, in «Revista de arquitectura», 1950 Mayo, v. 119, pp. 129-140

- Designed to attract attention: Wayne's Associated Service, in «Architectural record», 1952 June, v. 111, pp. 185-187

- Station service Caltex, in «Architecture francaise», 1953, v. 14, pp. 137-138

- Trois stations services, in «Architecture d'aujourd hui», 1954 Jan/Fév, v. 25, pp. 74-75

- Stations service a Wiesbaden, in «Architecture d'aujourd hui», 1954 Jan/Fév, v. 25, pp. 74-75

- Stations-service, in «Techniques & Architecture», 1954 Jui/Aoùt, n° 55, pp. 34-35

- Stazione di Servizio, in « Domus», 1954, n° 292, p. 21

- Una stazione di Servizio, in « Casabella», 1954 Mag/Ciu, n° 201, pp. 38-41

- New rriodel service station, in «Architect and building news», 1955 June, v.16, n° 207, pp. 719-723

- A.G.I.P Service stations, in «Architect and building news», 1956 August, v. 210, pp. 204-209

- Petrol filling Stations, in «Architect and building news», 1957 March, v. 211, pp. 356-360

- Dipingetele al 2%, in « Architettura cronache e storia», 1958, n° 30,

- Stations-service standardisees, in «Architecture d'aujourd hui», 1958 Avril, v. 29, pp. 36-37

- Deux stations service en Californie, in «Architecture d'aujourd hui», 1959 Avr/Mai, v. 30, pp. 56-57

- Petrol filling station, Dover, in «Builder», 1960 February, v. 198, pp. 348-9

- Espresso-Tankstelle on Baden, in «Planen, Bauen, Wohen», 1961, n° 3, pp. 20-21

- Caltex Tankstellen in Holland, in «Baumeister», 1963 September, v, 60, pp. 943-945

- AGIP tankstellen in Deutschland, in «Baumeister», 1964 Januar, v. 61, pp. 22-29

- Upgrading the service station image, in «Industriai Design», 1965 August, v.12, pp. 42-49

- Stazione di servizio a Pompei, in « Architettura cronache e storia», 1966 (a XII), v. 134, n° 8, p. 525

- Service stations: the needless blight, in «Fortune», 1966 September, v. 74, n° 4, pp. 159-60

- Stores: architecture for selling, in «Architectural record», 1967 May, v.141, n° 5, pp. 171-186

- Risultato del concorso nazionale bandito dall'Agip per il progetto di una stazione di servizio, in «Casabella», 1969, n° 332, pp. 56-60

- Precast concrete canopies, service stations, Natick, Massachusetts, in «Architects Journal», 1971 December, pp.1253-1254

- This year's best Chicago buildings: a filling station leads them ali, in «Inland architect», 1972 October, v. 16, pp. 11-16

- Stazioni di servìzio Agip, progetti e prototipi, « Architettura cronache e storia», 1973 (XIX), n° 218, pp. 438-445

- A Chicago school Filling station, not pumping pop, in «Inland architecture», 1973, v. 17, pp.16-19

- "High test" architecture, in «Aja Journal», 1973 March, pp. 30-34

- The Service station in America: the evolution of a vernacular form, in «Industriai archeology», 1974, v. 11, n°2, pp. 1-13

- A Look at the past: gas station important Yale-to-Casey Landmarks, in «Casey Daily Reporter», 1975 Aprii, p.4

- Gasoline marketing: back to the generai stores?, in «Industriai design», 1975 Nov/Dec, v. 22, n° 6, pp.24-27

- Roadside riches, in «Preservation news», 1978 September, v. 18, n° 9, p. 7

- Remember our not-so-distant past?, in «Historic Preservation», 1978 Jan/Mar, v. XXX/1, pp. 30-35

- Look what you con do with a cast-off service; architect for conversion: walter Rooney, in «Housing», 1980 December, v. 58, n° 7 (12), pp. 58-59

- Boosterism and architecture: thè origins of foeller, schober and stephenson s gasoline station design, in «Piooner America», 1982 March, v. 14, n° 1, pp. 1-14

- Deux stations-service de Jean Prouvé, in «Archithese», 1986 Mars, p. 68

- Zwischen Gewohnlichkeit una Ereignis: die Titan tankstelle von Karl Egender und Wihelm Muller in lunch, 1934, in «Archithese», 1986 Juni, v.15, n° 3, pp. 32-35

- Is banality inevitabie?, in «Country Life», 1990 Settembre, v. 184, n° 38, pp. 140-143

- Special issue. Etats Unis (United States), in «Monuments Historiques», 1991 Mar/Avril, n° 173, pp. 2-118

- No-name als Highlight: Freie Tankstelle in Petershausen, in «Bauwelt», 1992 Aprii, v. 83, n° 13, p. 692

- Elementi prefabbricati in c.a. per una stazione di servizio a Thousand Oaks in California, in «Industria Italiana del cemento», 1993 Febbraio, v. 63, p. 104

- Retooled fuel stops, in «Metropolis», 1993 Jul/Aug, voi. 13, n°1, p. 32

- Henk Visch: tankstation als monumenta in «Archis», 1993 Dezember, n° 12, p. 9 - Durchgangsstationen: die Tankstelle als Denkmal?, in «Architektur, Innenarchitektur, Technischer Ausbau», 1995 Juli/Aug, v. 103, n° 7-8, pp. 54-57

- Petroliona and the cultural landscape: preserving a gas station in a historie canai town, in «CRM», 1996, v. 19, n° 9, pp. 20-22

- Filling station, in «The architectural review», 1997 July, v. 202, n° 1205, pp. 76-79

- Comprehending the landscape: gas stations, grass, great streets and grand avenues, in «Journal of Urban History», 1998 November, v. 25, n° 1, pp.103-109

- Stazioni di servizio. Itinerario Itinerary 152, in «Domus», 1999 Gennaio, n° 811

- Ali together, now. [Standard OH gas station, Charleston, S.C.], in «Preservation», 1999 Sept/Oct, v. 51,n°5, p.144

- Three models for roadside preservation, in «Material Culture», 2000 Summer, v. 32, n°2, pp. 23-42

- Restoration dromo, in «Interior Design [USA]», 2000 August, v. 71, n° 10, pp. 54-55

- Rescue mission, in «ONE Magazine», 2000/2001 Dec/Jan, v. 1, n° 1, p. 172

- Peregrinazioni del moderno: Antonio Viiar e la rete di stazioni di servizio in Argentina 1938-1943, in «Casabella», 2001/2 Die /Gen, v. 65, n° 695-696, pp. 64-73

- Bellevue-Bellavista, in « A&U», 2003, n° 3-4, XXXVII, pp. 203-217

- Frank Lloyd Wright - designed gas station to he built in Buffalo, in «Architectural Record», 2003 September, v. 191, n°9, p. 44

- Fili er Wright up, in «Architecture», 2003 October, v. 92, n°10, p. 16

- Fiat Togliero Service station (Asmara, Eritrea), in «Architecture», 2003 October, v. 92, n°10, p. 16

- Young and defenseless. The Plight of modern buildings in a modern world, in «ICON - Worlds Monuments Fund», New York, 2004

- Capital gain, in «The architect's Journal», 2004 February, v. 219, n°6, pp. 50 e ss

- La statio-service de Mies van de Rohe sur l'Ile des Soeuurs à Montreal, in « Bullettin. Docomomo Quebec», 2004, n°4, pp.nn.

- Lessons at the Roadside, in «Architectural Research Quarterly», 2004 Mars, v. 8, n°, pp. 27-37

- Conservation and Trasformation of the Automovil Club Argentino, in «Docomomo journal», 2008 Mars, n° 38, pp. 12-16

- A higher station, in «Metropolis», 2008 October, v. 28, n° 3, p. 76

- La station Prouvé démonteè, in «ER», 2008 Mai

- Shell shock, in «World of Interiors, The», 2008 November, v. 28, n° 11, pp. 132-141

- Shell's kitchen, in «Architectural Digest», 2009 February, pp. 142-147

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)