polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Crisi e rigenerazione di un quartiere urbano: il caso di San Salvario a Torino

D'Apote, Laura

Crisi e rigenerazione di un quartiere urbano: il caso di San Salvario a Torino.

Rel. Agata Spaziante, Elisabetta Forni. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (Progettazione Urbana E Territoriale), 2010

Abstract:

Questa tesi approfondisce un tema molto attuale, quello delle crisi urbane, in particolar modo per quanto riguarda le azioni di rigenerazione urbana di quartieri sottoposti a processi di degrado fisico e sociale. L'obiettivo principale è quello di individuare, attraverso le innovazioni delle politiche urbane, gli aspetti positivi e le criticità degli interventi messi in atto dalle Istituzioni per indirizzare quelli futuri. Per farlo, viene analizzato un caso esemplare in questo senso, quello del quartiere di San Salvario a Torino.

La metodologia seguita per analizzare il caso studio è stata quella di partire da una documentazione il più possibile completa, con le analisi, i rilevamenti e le mappe degli interventi sul territorio, integrata in seguito dal materiale raccolto con le interviste ad alcuni testimoni privilegiati e ad abitanti del quartiere. Lo studio dello stato di fatto al momento della crisi e delle proposte di trasformazione elaborate (presentate) dall'associazione del Cicsene e poi dall'Agenzia per lo Sviluppo di San Salvario, insieme con l'analisi delle azioni attuate e dei risultati ottenuti nel corso degli anni, è stato messo a confronto e integrato con le opinioni degli attori e dei cittadini che hanno partecipato alla trasformazione. Si tenta così di definire quali siano le azioni, nell'ambito delle politiche urbane, che debbono essere intraprese per rigenerare un quartiere in crisi, per contrastarne e ridurne il degrado fisico e sociale. L'intento di queste politiche deve essere quello di avviare trasformazioni senza stravolgere l'identità del territorio interessato, contenendo il più possibile i processi di gentrification, il tutto nell'ottica di incrementarne lo sviluppo e la coesione sociale. E' la famiglia dei cosiddetti programmi complessi a rispondere in maniera più adeguata a questi obiettivi, seppure con i propri limiti, presentano infatti alcune innovazioni importanti specialmente per quanto riguarda l'approccio integrato, multisettoriale e trasversale. Nel dibattito nazionale e internazionale, vengono messe a confronto le varie esperienze compiute in questo ambito, e quella di San Salvario può considerarsi un laboratorio sperimentale riuscito con successo da cui poter prendere spunto per quanto riguarda le buone pratiche ma anche imparando dagli errori compiuti. In effetti per questo quartiere, ora si può e si cerca in questa tesi di fornire una prima valutazione degli interventi di medio-lungo termine avviati subito dopo lo scoppio della crisi, avvenuta intorno alla metà degli anni Novanta. Questo lavoro è indirizzato quindi alle Istituzioni pubbliche italiane, dal Comune alle Amministrazioni, che necessitano un aggiornamento su questi temi. In questo senso l'innovazione di approccio utilizzato dalla Città di Torino è per certi versi emblematico, attento a cogliere le problematiche di degrado e sicurezza urbana, attraverso azioni locali sempre riferite a un quadro complessivo di trasformazione della città (si vedano i legami con il Piano Strategico e il Progetto Speciale Periferie, ad esempio). La collaborazione e la trasversalità tra i settori degli enti preposti, inoltre, risulta fondamentale per perseguire uno scenario comune, la cui condivisione va implementata con la partecipazione attiva dei cittadini.

Innanzitutto viene quindi costruito un quadro complessivo delle politiche di rigenerazione a livello internazionale, in Italia, per arrivare al caso specifico di Torino. Le linee guida europee sono state determinanti, specialmente a livello nazionale, dove hanno contribuito a introdurre innovazioni e buone pratiche che, anche se con ritardo, stanno cominciando a dare i primi risultati e diventare pratiche ordinarie. La Regione Piemonte e la Città di Torino in particolare, ne hanno colto i principi guida traducendoli in finanziamenti e programmi ben radicati sul territorio.

Indagando poi circa le cause delle crisi contemporanee, si approfondisce l'aspetto dell'insicurezza urbana: quali sono oggi le paure delle metropoli, quali fattori influiscono in maniera determinante sulla percezione di insicurezza, e quale ruolo e azioni possono intraprendere le Istituzioni per attenuarlo. Si creano così le basi del discorso sicuritario, che si è imposto con decisione nel caso del quartiere di San Salvario a partire dalla metà degli anni Novanta, come caso mediatico di rilevanza nazionale. Si ripercorrono quindi le tappe della manifestazione della crisi del quartiere, ciò che l'ha originata e ha influito sulla sua percezione e amplificazione.

Con queste premesse si passa quindi ad analizzare gli interventi messi a punto dalle Istituzioni, primo fra tutti la costituzione di un Agenzia per lo Sviluppo Locale di San Salvario in seguito all'inserimento dell'area nel Progetto Speciale Periferie di Torino. Le politiche attuate, grazie alla regia e al supporto di questa associazione, si dividono in politiche di breve e di medio-lungo periodo, con l'obiettivo di risolvere la situazione di emergenza ma anche di agire alla radice dei problemi, in maniera complessa e non superficiale. La riqualificazione fisica e sociale si è perseguita attraverso diversi ambiti strettamente legati tra loro, con un approccio integrato e multisettoriale, con l'attiva partecipazione degli abitanti e degli attori istituzionali, sociali ed economici, in una ricomposizione degli interessi - pubblici e privati - di tutti verso uno scenario di cambiamento condiviso. Diversi sono stati i finanziamenti pubblici erogati dai vari programmi attuati (Azioni di sviluppo locale, PRU, PRiU, PQU), accompagnati da azioni locali di informazione, consulenza e supporto.

Il processo ha avuto i suoi alti e bassi, soprattutto per quanto riguarda il ruolo della Circoscrizione e delle Forze dell'Ordine, mentre si è mantenuto costante l'impegno dell'Agenzia sul territorio come punto di riferimento costante per le associazioni e gli abitanti. Per meglio comprendere le ragioni di tali cambiamenti si è proceduto infine, nel mese di ottobre, a realizzare una serie di interviste nel quartiere. In questo modo è stato possibile approfondire, tramite i dati oggettivi e soggettivi raccolti, i vari ambiti entro cui sono stati indirizzati gli interventi, e coglierne più chiaramente punti di forza e criticità: la riqualificazione urbana ed edilizia, il senso di insicurezza, le iniziative di animazione del quartiere e i servizi per lo sviluppo sociale. Una generale soddisfazione per i risultati positivi finora ottenuti lascia però anche spazio a critiche per eventuali mancanze o cattiva gestione di alcune situazioni, così come a proposte progettuali per rispondere ad alcune esigenze ancora insolute (anche se la consapevolezza della situazione di crisi finanziaria attuale ne ridimensiona la necessità).

Sono comunque in atto e prossimi alla realizzazione diversi interventi, specialmente per quanto riguarda le aree che presentano ancora un degrado sociale e fisico significativo. Questi, insieme all'impegno costante delle varie realtà operanti nel quartiere, creano i presupposti per un ulteriore miglioramento della qualità della vita.

L'analisi condotta ha infine verificato che l'approccio leggero adottato per gli interventi sul quartiere, ha effettivamente contenuto il fenomeno di gentrification. L'intento raggiunto è stato infatti quello di mantenere e rafforzare la vocazione all'ospitalità tipica di San Salvario, tendendo a favorire la coesione sociale e l'inclusione delle fasce sociali emarginate. Quindi le trasformazioni prodotte, e quelle ancora in atto, vedono oggi una ridefinizione identitaria del quartiere, una sorta di "rinascita", che conserva però con forza anche i suoi caratteri originari.

Relatori: Agata Spaziante, Elisabetta Forni
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
SS Scienze Sociali ed economiche > SSF Scienze sociali
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (Progettazione Urbana E Territoriale)
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2111
Capitoli:

1.INTRODUZIONE

2.LE POLITICHE URBANE IN ITALIA E IN EUROPA PER QUARTIERI IN CRISI

2.1 Le linee guida europee per la rigenerazione urbana

2.2 La situazione italiana e i programmi complessi

2.3 La Regione Piemonte e il PSP di Torino

3.LA COSTRUZIONE SOCIALE DELLA SICUREZZA

3.1 Le paure delle metropoli di oggi

3.1.1 L'insicurezza e l'ambiente urbano

3.2 Le azioni per la costruzione sociale della sicurezza

3.3 Le Istituzioni e l'insicurezza urbana

3.3.1 Le linee guida europee in campo sicuritario

3.3.2 Le politiche di sicurezza in Italia: confusione e contraddizioni

3.3.3 I possibili approcci delle politiche urbane

4.SAN SALVARIO, LA CRISI DEL QUARTIERE

4.1 Le crisi urbane

4.2 Il "caso San Salvano" a Torino

4.3 La percezione della crisi dentro e fuori il quartiere

5.LE AZIONI PER SUPERARE LA CRISI

5.1 L'Agenzia per lo Sviluppo Locale di San Salvano

5.2 Le politiche attuate

5.2.1 Progetti integrati

5.2.2 Sicurezza e ordine pubblico

5.2.3 Riqualificazione urbana e infrastrutture

5.2.4 Servizi sociali, iniziative interculturali e mediazione dei conflitti

5.2.5 Politiche per lo sviluppo

6.LA SITUAZIONE ODIERNA

6.1 Le trasformazioni in atto e in programma nel quartiere

6.1.1 ConverGente. La casa del quartiere

6.2 Tra gli impegni promossi: il PISL del 2006

6.3 Criticità e risorse del quartiere, le opinioni di alcuni testimoni

6.3.1 Tessuto costruito: abitazione e commercio

6.3.2 Lo spazio pubblico

6.3.3 La percezione di in/sicurezza

6.3.4 Attività e vitalità del quartiere

7.CONCLUSIONI

7.1 San Salvario e gli obiettivi del 2° Piano Strategico di Torino

7.2 Il quadro complessivo delle criticità e delle azioni

7.3 Le proposte degli abitanti intervistati

7.4 Le politiche urbane e la rinascita del quartiere.

8.BIBLIOGRAFIA

Bibliografia:

•ALTHEIDE D. L, MICHALOWSKI R. S. (1999) "Fear in the News: A Discourse of Control", The Sociological Quarterly, Vol. 40, n. 3, pp. 475-503;

•AMAPOLA (2003a), (a cura di), L'insicurezza a mosaico, Ufficio Territoriale del Governo di Torino, Torino;

•AMAPOLA (2OO3b), (a cura di), Progettare la sicurezza, Ega editore, Torino;

•AMAPOLA (2008a), (a cura di), Abitare e sicurezza, I quaderni CIVIVO, Torino;

•AMAPOLA (2008b), (a cura di), Comunicare sicurezza, I quaderni CIVIVO, Torino;

•AMAPOLA (2008c), (a cura di), L'occhio sulla città, I quaderni CIVIVO, Torino;

•AMAPOLA (2008d), (a cura di), Le politiche "sotto osservazione", I quaderni CIVIVO, Torino;

•AMBROSINI G., GIANMARCO C, BARBIERI C. A., REINERIO L. (1999), (a cura di), Progetti integrati per la riqualificazione urbana, Celid, Torino;

•AMENDOLA G. (1995), "Le forme urbane della paura", in "Urbanistica", n. 104.

•AMENDOLA G. (2003), (a cura di), Paure in città, strategie e illusioni delle politiche per la sicurezza urbana, Liguore Editore, Napoli;

•AMENDOLA G. (2004), La città postmoderna: magie e paure della metropoli contemporanea, Laterza, Roma;

•AMENDOLA G. (2008), (a cura di), Città, criminalità, paura, Liguore Editore, Napoli;

•ANSELME M. (1993), "Le lien sécuritaire: mettre en ordre le désordre quotidian", in Du bruit à la parole, La scène politique des cités, Editions de l'Aube, Parigi;

•ARRIAGADA I., MIRANDA Y. F. (2003), Capital Social de los y las Jóvenes. Propuestas Para Programas y Proyectos, Voi. 1 e 2, CEPAL;

•BALDUCCI A. (2001), "La partecipazione nel contesto delle nuove politiche urbane" in D. Bianchi ed E. Zanchini (a cura di) Ambiente Italia 2001, Edizioni Ambiente, Milano.

•BARBAGLI M. (1998), La sicurezza dei cittadini. Reati, vittime, insicurezza dei cittadini, ISTAT, Roma.

•BARBAGLI M. (2002), Immigrazione e reati in Italia, Il Mulino, Bologna;

•BARTHEL E. (2007), "Un piccolo, grande progetto per Torino: il piano integrato 'leggero' a San Salvarlo", Macramè 1-2007, Firenze University Press, pp. 91-100;

•BAUMAN Z. (1999), Dentro la globalizzazione: le conseguenze sulle persone, Bruno Mondadori, Milano;

•BAUMAN Z. (2002), "Europe of Strangers", in Oxford University Transnational Communities Program Working Paper;

•BAUMAN Z. (2003), La società sotto assedio, Laterza, Roma;

•BAUMAN Z. (2005), Fiducia e paura nelle città, Bruno Mondadori, Milano;

•BEATO F. (2008), "Rischio", in AMENDOLA G. (a cura di) (2008), Città, criminalità, paura, Liguore Editore, Napoli;

•BECK U. (2003), La società cosmopolita, II Mulino, Bologna;

•BELLUATI M. (1998), Un quartiere in protesta. Il caso San Salvano tra rappresentazioni sociali e immagini mediali, tesi di dottorato di ricerca in sociologia, Consorzio interuniversitario Milano-Torino-Pavia.

•BELLUATI M. (2004), L'in/sicurezza dei quartieri: media, territorio e percezioni di sicurezza, F. Angeli, Milano;

•BOCCO A. (2001), (a cura di), Guida al borgo di San Salvano, 2 voll., CICSENE- Agenzia per lo Sviluppo Locale di San Salvano, Torino;

100

•BOCCO A. (2003), "Cittadini stranieri e città: distribuzione spaziale, luoghi della vita e dell'identità a Torino", in: Scuola e città, La Nuova Italia, Milano;

•BOCCO A. (2004), "Da stazione ferroviaria a centro urbano", Tamtam 2004/3;

•BOCCO A. (2007), "Trasformazioni, reti e politiche pubbliche a San Salvano, Torino", Archivio di studi urbani e regionali, n. 90.

•BOCCO A. (2008), "Un'esperienza di partenariato pubblico-privato per lo sviluppo locale e la riqualificazione dell'habitat in un quartiere"naturale", Archivio Osvaldo Piacentini, notiziario 2008, n. 11-12;

•BODY-GENDROT S. (1995), Ville et violence, PUF, Parigi;

•BOFFI M. (2004), Scienza dell'Informazione Geografica: introduzione ai GIS, Bologna, Zanichelli;

•BORJA J. (2003), "La audaci conquiste/da". Alianza Editorial, Madrid.

•BORJA J., CASTELLS M. (1997), Locai y Global. La gestión de las ciudades en la era de la información, Taurus, Madrid;

•BORRANO A. (a.a. 1994/95), Qualità e non qualità della periferia urbana, aspetti e applicazioni, Tesi di laurea, Rel. Prof. Spaziante A., Politecnico di Torino, Facoltà di Architettura;

•BRACCESI C. (2008), "Politiche di sicurezza in Italia", in AMENDOLA G. (a cura di) (2008), Città, criminalità, paura, Liguore Editore, Napoli;

•BRANTINGHAM P. J., FAUST F. L (1976), "A conceptual model of crime prevention", Crime and Delinquency, n. 22, pp. 284-296;

•BRICOCOLI M. (2001), "The locai police as a pioner on thè road towards an integrated and partecipated approach to urban safety and risk perception? A cross reading of experiences in Milano and Torino", paper presentato a Conference on safety and crime prevention by urban design, Mollet del Vallès, 8-9 novembre 2001;

•BRICOCOLI M., PADOVANI L. (2006), "La fatica di superare la città a due velocità", Animazione Sociale, Dicembre 2006.

•BRICOCOLI M., ROMANO I. (2000), "Sicurezza urbana e periferie: politiche di integrazione o integrazione delle politiche?", Archivio di Studi Urbani n. 68, ed. Franco Angeli.

•CAMPANALE M. C, SARZOTTI C. (2006), "Rischi urbani e politiche di sicurezza a Bari: 1995-2004", in PAVARINI M. (a cura di), L'amministrazione locale della paura: ricerche tematiche sulle politiche di sicurezza urbana in Italia, Carocci, Roma;

•CARDIA C. (2005), "La sicurezza dell'ambiente urbano", Laboratorio Qualità Urbana e Sicurezza, DiAP-Politecnico di Milano, Milano.

•CARDIA C. (2008), "Progettazione per la sicurezza", in AMENDOLA G. (a cura di) (2008), Città, criminalità, paura, Liguore Editore, Napoli;

•CARRA' E. (1992), "Rischio: analisi di un concetto sociologico", Studi di sociologia XXX, p. 47-59.

•CARRER F. (2000), Sicurezza in città e qualità della vita, Liberetà, Roma;

•CASTEL R. (2004), L'insicurezza sociale. Che significa essere protetti?, Einaudi, Torino;

•CENSIS, (2003). 37° Rapporto sulla situazione sociale del Paese, Fondazione CENSIS, Roma.

•CENTRO INTERCULTURALE (a cura di) (2004), Intercultura in questione, BAB Passaggi e Paesaggi Interculturali, n. 1, Torino;

•CENTRO INTERCULTURALE (a cura di) (2004), Intercultura in questione, BAB Passaggi e Paesaggi Interculturali, n. 1, Torino;

•CHIARLA C, 1998, Vivere a Porta Palazzo: la passione di essere cittadini, Cavallermaggiore, Centro Stampa Cavallermaggiore.

•CHIESI L. (2004), "II disordine urbano tra percezione, costruzione simbolica e ideologia", in Associazione Italiana di Sociologia (a cura di), Giovani sociologi 200 , Milano, Angeli, pp. 72-85.

•CHIESI L. (2008), "Inciviltà", in AMENDOLA G. (a cura di) (2008), Città, criminalità, paura, Liguore Editore, Napoli;

•CICIOTTI E., SPAZIANTE A. (2000), conomia, territorio, istituzioni, i nuovi fattori delle politiche di sviluppo locale, Franco Angeli, Milano.

•CICSENE (1996), (a cura di), Problematiche e opportunità di un "quartier latin": San Salvario-Torino, AGAMI, Cuneo;

•CICSENE (1997a), (a cura di), Un mercato e i suoi rioni. Studio sull'area di Porta Palazzo Torino, s.l., Agami.

•CICSENE (1997b), (a cura di), Studio di fattibilità sugli interventi di riqualificazione nel quartiere di San Salvano, Città di Torino.

•CITTA' DI TORINO (2003), "Periferie. Il cuore della città", Progetto Periferie-Città di Torino, Torino;

•CITTALIA (2009), (a cura di), Itre le ordinanze, i sindaci e la sicurezza urbana, Roma;

•CLARKE R. (1997). Situational Crime Prevention: Successful Case Studies, Harrow and Heston, New York;

•COCCOI S. (2006), Progettare la sicurezza, Parte IV, Politecnico di Milano;

•COLEMAN R. (2005), Surveillance in thè City: primary definition and urbana spatial order, in "Crime, Media, Culture", I, 2, pp. 131-148;

•COTESTA V. (1999), Sociologia dei conflitti etnici. Razzismo, immigrazione e società multiculturale, Roma-Bari, Laterza.

•COTTI NO P. (2002), Politiche territoriali della sicurezza: alternative alle misure di ordine pubblico, rapporto per il progetto MURST, Gli effetti del pericolo e della paura sulla forma e sull'uso della città italiana contemporanea

•DAVIS M., (1990), City of quartz: e cavating the future in Los Angeles, Verso, London; trad. it. Città di quarzo: indagando sul futuro a Los Angeles, Manifestolibri, Roma, 1999.

•DE SETA C. e LE GOFF (1989), La città e le mura, Laterza, Roma-Bari;

•DEL SANTO E. (a.a. 2003/04), Un nuovo approccio alla riqualificazione urbana: i programmi complessi e il Prusst 2010 pian di Settimo Torinese, Tesi di laurea, Rei. Minucci F., Politecnico di Torino, 2 Facoltà di Architettura.

•DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (2009), Linee guida per le azioni locali di rigenerazione urbana, proposta dell'assessore Curti, Città di Torino.

•DELUMEAU J. (1978), Le peuren occident, Fayard, Parigi;

•DON CIOTTI L. (2004), La città invisibile. Il futuro delle città come reti di progetti collettivi, intervento al VII Congresso Internazionale delle Città Educative, 20 novembre 2004, Genova;

•FERRERÒ G. (2004), (a cura di), alutare i programmi complessi, L'Artistica, Savigliano;

•FIASCO M. (2001), La sicurezza urbana, II Sole 24ore, Milano;

•FIERI (2006), (a cura di), Immigrazioni e politiche abitative, modelli di governance a livello locale, Rapporto di ricerca, Torino;

•FIERI (2008), (a cura di), L'immigrazione che intraprende, Camera di commercio di Torino, Torino;

•FONIO C. (2007), La videosorveglianza, uno sguardo senza volto, Franco Angeli, Milano;

•FONTANA I. (2001), on sulle mie scale: diario di un cittadino alle prese con l'immigrazione clandestina e l'illegalità, Donzelli, Roma;

•FORESMAN T. W. (1998), The history of Geographic Information Systems: Perspectives from the Pioneers, Prentice Hall;

•FORNI E. (2002), La città di batman, bambini, conflitti, sicurezza urbana, Bollati Boringhieri, Torino;

•FORNI E. (2006), "Le politiche urbane della sicurezza alla luce delle strategie di prevenzione situazionale e di pianificazione urbanistica, progettazione e gestione del territorio. L'esempio di Torino", in Studi sulla questione criminale, I, n. 2, pp. 87-102;

•GALLO P. (1995), adithi: San Salvano, un pezzo d'Africa, Iniziative editoriali, Moncalieri.

•GALLO P. (2004), Vi racconto San Salvano: una finestra su Torino, Anteprima, Torino;

•GARLAND D. (2001), The culture offear, Basic Books, New York;

•GELOSI C. (2008), "Comunicare la sicurezza", in AMENDOLA G. (a cura di) (2008), Città, criminalità, paura, Liguore Editore, Napoli;

•GILL M., TURBIN V. (1999), "Evaluating "realistic evaluation": evidence from a study of CCTV", in PAINTER K., TILLEY N., Surveillance of public space: CCTV, Street lighting and crime prevention, Monsey, New York, Criminali Justice Press;

•GILL, M., SPRIGGS, A. (2005), Assessing thè impact of CCTV, Home Office Research Study, n. 292, London;

•GINESI M., (a.a. 2007/2008), Intervento fenomenologico in piazza adama Cristina e creazione di un'identità visiva a San Salvano, Torino, Tesi di laurea, Rel. Prof.ssa Marotta A., Politecnico di Torino, II Facoltà di Architettura.

•GOVERNA F., SACCOMANI S. (2002), (a cura di), Periferie tra riqualificazione e sviluppo locale, n confronto sulle metodologie e sulle pratiche di intervento in Italia e in Europa, Alinea Editrice, Firenze.

•GRAHAM J., BENNET T. (1995), Cr me Prevention Strategies in Europe and North America, European Institute for Crime Prevention and Control, Helsinki;

•INDOVINA F. (2010), "Uscire dall'isolamento del privato", in Animazione sociale, n. 239, pp. 12-23;

•INU, MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI (1997), I programmi di riqualificazione urbana, Inu edizioni, Roma.

•IRES PIEMONTE (1995), (a cura di), "II quartiere torinese di San Salvarlo: conflitti e prospettive in un quartiere urbano", in: Relazione sulla situazione socio economica del Piemonte, Collana Piemonte n. 27/1995, Torino;

•IRES PIEMONTE (2000), (a cura di), Crisi urbane: che cosa succede dopo? Le politiche per la gestione della conflittualità legata ai problemi dell'immigrazione, Working papar n. 135, Torino;

•IRES PIEMONTE (2003), (a cura di), Tra partecipazione, protesta e antipolitica:i comitati spontanei di Torino, Contributi di ricerca n.170, Torino;

•ISTAT (2007), Rapporto annuale, la situazione del paese nel 200 , Industrie grafiche ed editoriali, Catanzaro;

•JACOBS J. (1961), The Death and Life of Great American Cities, New York; trad. it. Vita e morte delle grandi città. Saggio sulle metropoli americane, Edizioni di Comunità, Torino 2000;

•JANIN RIVOLIN U. (2000), (a cura di), Le politiche territoriali dell'Unione Europea. Esperienze analisi, riflessioni, Franco Angeli, Milano.

•JANIN RIVOLIN U. (2000), (a cura di), Le politiche territoriali dell'Unione Europea. Esperienze analisi, riflessioni, Franco Angeli, Milano.

•KELLING G. L., COLE C. (1996), Fixing broken windows: Restoring Order and Reducing Crime in Our Communities, The free press, New York;

•LAGRANGE H., ZAUBERMAN R. (1991), "Introduction: du dibat sur le crime et l'insécurité aux politiques locales", in Déviance et société, n. 3, pp. 233-55;

•LE GOFF J. (1997), Una vita per la storia. Intervista con Marc Heurgon, Laterza, Roma-Bari;

•PITCH T., VENTIMIGLIA C. (2001), "Che genere di sicurezza. Donne e uomini in città ", ed. Franco Angeli, Milano.

•PROGETTO PERIFERIE TORINO (2006), (a cura di), Periferie. Il cuore della citt . Le aree di intervento, Città di Torino, (www.comune.torino.it/periferie).

•PUTNAM R. (1993), La tradizione civica nelle regioni italiane, Mondadori, Milano;

•RAVERINO E., VERDERONE E. (a.a. 2001/2002), Gli spazi pubblici della multiculturalit : il caso di San Salvano e Porta Palazzo, Tesi di laurea, Rel. Prof. Tosoni P., Politecnico di Torino, II Facoltà di Architettura;

•REBUGHINI P. (2001), Violenza e spazio urbano, Guerini, Milano;

•REGIONE PIEMONTE (2002), "La riqualificazione delle città del Piemonte", uaderno delle Regione Piemonte, Edilizia e Urbanistica, n. 34;

•ROCHE' S. (1998), Sociologie politique de l'insécurité, PUF, Parigi;

•RODRIGUEZ E. (2005), Prevenci n Social Del Delito Y La Violencia uvenil: Experiencias Innovadoras En America Latina, Mimeo;

•ROLANDO S. (2004), La comunicazione di pubblica utilit , Franco Angeli, Milano;

•SANTINELLO M., GONZI P., SCACCHI L (1998), Le paure della criminalit . Aspetti psicosociali di comunit , Giuffrè, Milano;

•SELMINI R. (1999), "Sicurezza urbana e prevenzione della criminalità in Europa: alcune riflessioni comparate", in Polis, n. 1, p. 69;

•SELMINI R. (2000), "Le attività di prevenzione: una premessa teorica", in Quaderni Città Sicure, n. 20b, p. 50;

•SELMINI R. (2004), (a cura di), La sicurezza urbana, Il mulino, Bologna;

•SERVIZIO CENTRALE COMUNICAZIONE, OLIMPIADI, PROMOZIONE CITTA' (2005), Periferie, 1997-2005, Città di Torino.

•TAGUIEFF P. A. (1988), La Force du pré ugé. Essai sur le racisme et ses doubles, La Découverte, Paris;

•THOMAS W. I., THOMAS D. S. (1928), The child in America: Behavior problems and programs, Alfred Knopf, New York;

•TOSI A. (2003), "Territori insicuri: politiche smarrite tra improbabili oggetti", in AMENDOLA G. (a cura di) (2003), Paure in città , Strategie ed illusioni delle politiche per la sicurezza urbana, Liguore Editore, Napoli;

•TOSI A. (2008), "Questione sociale, questione urbana: dentro e fuori dai quartieri in crisi", Territorio, n. 46.

•TURCO L. (2005), I nuovi italiani: l'immigrazione, i pregiudizi, la convivenza, Mondadori, Milano;

•TURCO L. (2009), II muretto, storie di ordinaria convivenza tra italiani e immigrati, Donzelli editore, Roma;

•UGOLINI P. (2000), "La riqualificazione della città negli attuali sviluppi culturali ed operativi nelle politiche nazionali e comunitarie", Territorio, n. 14, pp. 10-36.

•VAN SOOMEREN P. e VAN DIJK B. (1996), Safe and Secure Cities. The physical urban environment and reduction of urban insecurity: a general introduction, relazione presentata alla conferenza Reduction of Urban Insecurity , Barcellona;

•VICARI HADDOCK S., MOULAERT F. (2009), (a cura di), Rigenerare la città : pratiche di innovazione sociale nelle città europee, Il mulino, Bologna;

•VICARI HADDOCK S., MOULAERT F. (2009), (a cura di), Rigenerare la città : pratiche di innovazione sociale nelle città europee, Il mulino, Bologna;

•WEKERLE G., WHITZMAN C. (1995), Safe Cities - Guidelines for Planning, Design and Management, Van Nostrand Reinhold, New York;

•WELSH B. C, FARRINGTON D. P. (2002), Crime prevention effects of closed circuit television: a systematic review, Communication Development Unit, Londra;

•WILSON J. Q. e KELLING G. L. (1982), "Broken Windows. The police and neighbourhood safety" in The Atlantic Monthly,n. 3, pp. 29-38;

•WURMAN R. S. (1990), Information Anxiety, Bantam Books, New York;

•WYVEKENS A. (2004), A partnership approach to crime prevention, Council of Europe Publishing, Strasburgo.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)