polito.it
Politecnico di Torino (logo)

ANALISI CRITICA E LINEE DI INTERVENTO PER IL CASTELLO DI TUTINO (LECCE)

Civino, Cosimo

ANALISI CRITICA E LINEE DI INTERVENTO PER IL CASTELLO DI TUTINO (LECCE).

Rel. Rosalba Ientile. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2009

Abstract:

PREMESSA

Un po' castello, un po' palazzo nobiliare : così appare all'itinerante osservatore contemporaneo l'opera architettonica oggetto del nostro studio.

Riflesso della dualità iniziale, sono le diverse denominazioni "Castello di Tutino" e "Palazzo dei Trane" che gli vengono attribuiti. Tlutino è un nucleo abitato di antica identità raccontata nelle sfumature della storia dell'estremo Salento ed il cui volto planimetrico si nasconde nel tracciato della cittadina di Tricase nella provincia di Lecce. Una realtà minima, eppure interessante, di architetture di difesa, religiose, ipogee e di una civiltà contadina e protoindustriale. C'è stato un tempo in cui un fortilizio presidiava sul grumo di case del nucleo antico di Tutino e sopra un' imprecisabile lacerto di territorio salentino; da allora, sono state elaborate su di esso modifiche di forma e di funzione che ne hanno modellato i tratti architettonici.

La sua natura pare duplice : arcigna e carica d'anni se osservato nell'architettura di maniero medioevale, semplicemente aulica se lo sguardo, invece si posa sul fronte rinascimentale. n castello-palazzo diversi momenti lo hanno visto fortilizio, divenendo dimora baronale, assurta a masseria fortificata, quindi a manifattura tabacchi fino alla narrazione di iconico abbandono dei tempi recenti.

La conoscenza preliminare del manufatto architettonico è avvenuta attraverso il rilievo metrico, fotografico ed alla rilettura dell'apparato documentario, bibliografico ed iconografico a riguardo.

Tracciata l'evoluzione storico architettonica dal XIII sec. ai giorni nostri, l'orientamento dello studio si è spostato verso un'analisi dello stato di conservazione e di acquisizione diagnostica sulla struttura e sui materiali. Si è cercato di comprendere i fenomeni legati alle patologie della fabbrica dovuti al degrado dei suoi materiali, conseguenti non solo alle aggressioni naturali dell'ambiente ma anche a manomissioni di origine antropica.

Il raffronto tra conservazione e nuove esigenze funzionali è stato corredato da verifiche strutturali ed informandone un'ipotesi di rifunzionalizzazione.

È necessaria una nuova attenzione verso questo manufatto architettonico per la sopravvivenza della sua testimonianza e del valore di memoria e di identità fisica del luogo che rappresenta. Pur entro i limiti di questo lavoro, si è cercato dunque di mettere a disposizione di professionalità e di coloro che sono interessati alla salvaguardia e alla valorizzazione del patrimonio architettonico salentino, indicazioni e termini di confronto.

Relatori: Rosalba Ientile
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: A Architettura > AO Progettazione
R Restauro > RA Restauro Artchitettonico
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/1655
Capitoli:

Indice

Premessa

CAPITOLO 1 Inquadramento territoriale

CAPITOLO 2 Indagine storica

2.1 Tutino e le sue architetture

2.2 Storia delle famiglie del Castello-Palazzo

2.2.1 I Del Balzo

2.2.2 I DiCapua

2.2.3 I Gonzaga

2.2.4 I Trane

2.2.5 I Gallone di Tricase

2.2.6 Gli Imperiali di Francavilla Fontana

2.2.7 I Caputo

2.3 Quadro storico generale

2.4 Dalle origini del Casale al Castello di Tutino

2.5 Regesto cronologico

2.6 Masseria

2.7 Manifattura tabacchi

2.7.1 Fasi lavorazione tabacco

2.8 Analisi delle vicende costruttive

CAPITOLO 3 Rilievo

3.1 Rilievo architettonico e fotografico

3.2 Rilievo materico

CAPITOLO 4 Analisi dello stato di conservazione

CAPITOLO 5 Verifiche statiche

Premessa

5.1 Volta a botte

5.2 Volta leccese a botte con teste di spigoli

5.3 Volta leccese a spigoli

CAPITOLO 6 Ipotesi di ri-funzionalizzazione

6.1 Introduzione al progetto di ri-funzionalizzazione

6.2 Descrizione del progetto

BIBLIOGRAFIA

ALLEGATI

ELABORATI GRAFICI

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA STORICA

Roberto Baglivo, Ricordi di un castello, Nuove Opinioni, mensile indipendente di vita e cultura, anno XXIV, n.2, 28 febbraio2001, Tricase.

Guido Piovene, Viaggio in Italia, Milano,Mondatori, 1957.

AA.VV., Guide d'Italia, Puglia: Bari e la sua terra, II Gargano e il Tavoliere di Puglia, La Murgia dei Trulli e il Salento, Milano, FABRI EDITORI, 1986.

Michele Paone, Tricase (studi e documenti), Galatina, Congedo Editore, 1978.

Antonello Del Balzo di Presenzano A l'osar Bautezar!, I del Balzo ed il loro tempo,

Napoli, Arte tipografica Editrice, 2003.

Ferrante Della Marra, Discorsi delle famiglie estinte,forestier-e, o non comprese né seggi di Napoli, imparentate colla Casa della Marra, Napoli, 1641, Ristampa anastatica 1985, Forni.

Pietro Giannone, Biagio Garofala, Opere di Pietro Giannone, voi. X,, Società tipog. De classici italiani, Napoli, 1823.

Franco Valente, Il Castello di Gambatesa: storia, arte, architettura, Terrazzano, Edizioni Enne, 2003.

Giovanni Cosi, Il notaio e la pandetta. Microstoria salentina attraverso gli atti notarili (secc. XVI - XVII ), Galatina, Congedo, 1992.

Amilcare Foscarini, Armerista e notiziario delle famiglie nobili di Terra d'Otranto, Bologna, Arnaldo Forni Editore, 1971.

Donatella Lala De Giorgi, L'Archivio dei Principi Gallone (Documenti dello "Stato di Tricase"), Tricase, Edizioni dell'iride. 2001.

M.A. Visceglia, Territorio feudo e potere locale, Terra d'Otranto tra Medioevo ed Età moderna, Napoli 1988.

L.M. Micetti, Memorie storiche della città di Gallipoli in Rassegna Salentina, E, 1977.

M. Paone A. Perotti, Tricase (studi e documenti), Galatina, 1978. Tricase. Notizie e documenti, nelle Storie e storielle di Puglia, Bari, 1958.

Raneli Alfredo, Aneddoti di storia tricasina, Galatina, Congedo Editore, 1981.

Vincenzo Santoro, Tabacco e tabacchine nella memoria storica, Lecce, Marini, dicembre 2002.

Ciro Robotti, La Puglia dei castellhluecce, Edizioni del Grifo, 1994.

Paolo Cammarosano, Italia medievali, Struttura e geografìa delle fanti scritte, Roma, La Nuova Italia Scientifica, 1991.

Archivio di Stato di Napoli, Reg. Cane. Ang. Cit, IX (1272 -1273), Napoli, 1957.

Archivio di Stato di Napoli, Notamenta cit, IH - parte I, e. 367.

Primaldo Coco, Cedularia Terrae Idranti., 1378. Con note di Geografia, Demografìa e Paleotnologia linguistica di Terra d1 Otranto nei secoli XIII e XIV, Tarante, Premiato Stabilimento Tipografico A. Lodeserto, 1915.

Antonio Ferraro, Sal.ignano e i suoi documenti, Tricase Edizioni dell'Iride, aprile 2001

G. M. Sergi, Distribuzione delle dimore rurali sorte per necessità di difesa nel Salente, in "Atti del XVII Convegno Geografico Italiano", Vol. HI, Bari,1957.

B. Spano, La masseria meridionale, in "La casa rurale in Italia", Olschki,Firenze, 1970.

Vittorio Faglia, Difesa anticorsara in Italia dal XVI secolo.Le torri costiere. Gli edifici rurali fortificati,Milano, 1973, in "Atti del III corso di Architettura Castellana", Roma, 1974.

Giovanni Fuzio, Castelli: tipologie e strutture in Puglia, Tra Medioevo ed età moderna città e campagna, Milano, Electa editrice, 1981.

Cosimo De Giorgi, La provincia di Lecce. Bozzetti di viaggio, voi. I, Galatina, Congedo Editore, 1888.

AA.VV. Fiscali e Muscoli, Archeologia industriale nel Salente leccese, Lecce, CAPONE EDITORE, 1998.

Rossella Barletta, Tabacco,!abaccari e Tabacchine nel salento, Vicende storiche, economiche e sociali, Fasano di Brindisi, GRAFISCHENA, 1994.

BIBLIOGRAFIA TECNICA

Rosalba Ientile, Il consolidamento dei manufatti storici,indagini preliminari, Torino, Celid, 2000.

Rosalba Ientile, Per un consolidamento consapevole dei beni architettonici, Torino, Celid, 2001.

Rosalba Ientile, Riconversione di manufatti storici in musei.I musei di oggi negli edifici di ieri, Atti delle giornate di studio.Torino,7-S Maggio 2001,Name,2002.

C. De Giorgi, Note e ricerche sui materiali edilizi adoperati nella provincia di Lecce,Galatina,Congedo,1981.

CNR, Manuale dell'architetto, Roma, 1953, ristampa anastatica 1985.

AA.VV., Manualetto RDB, Piacenza, RDB, 1962.

S. Mastrodicasa, Dissesti statici delle strutture edilizie ,Milano,Hoepli,1983.

L. Pera, Tecnica dell'architettura,tipologia strutturale,Fisa,Goliardicà,1974.

S. Di Pasquale, [AA.VV.],Costruzioni,vol.2,Bologna, Calderoni, 1983.

V.G. Colaianni, Le volte feccesi,Bari,Dedalo,1067.

A.Defez, Il consolidamento degli edifici,Napoli, Liguori, 1981.

BIBLIOGRAFIA RIFUNZIONALIZZAZIONE

www.unesco.beniculturali.it

Alberto Mario Cinese, Oggetti, segni, musei: sulle tradizioni contadine, Torino, Einaudi, 2002.

Roberta Tucci, I beni culturali demoetnoantropologici, Roma, Carocci, 2006.

Petr BOGATYREV, RomanJAKOBSON, Il folklore come forma specifica di creazione " in Semiotica della cultura popolare, Verona, Bertani, 1982.

BIBLIOGRAFIA DOCUMENTI DI ARCHIVIO

Archivio di Stato di Lecce, notaio Rausa Giovanni Alfonso, 6 febbraio 1641 cc. 12-31; P. Panico, Società e Nobiltà a Tricase (secoli XVI e XVII), cit

Atto stipulato dal notaio G. A. Zaccaria di Poggiardo, (ma rogato a Diso) il 14 agosto 1653, ratificato dal notaio Gaspare Pitigliano di Napoli il 26 dello stesso mese. A. Raeli, Aneddoti di storia trìcasina, a cura dì M. Paone, Galatina 1981.

Archivio di Stato di Lecce, Archivio dei Principi Gallone, sezione I Carte relative alle persone, classe XII Amministrazione Generale Stato (poi Azienda) di Tricase, fascicolo 2: contratti, busta 14, numero di corda 454 doc.l, Mappa dei contratti eseguiti nell'interesse del principe dal 1789 al 1852 con appendice fino al 1855.

Archivio di Stato di Lecce, Sezione notarile, 109#l, 1605, fogl. 51r.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)