polito.it
Politecnico di Torino (logo)

RIQUALIFICAZIONE ARCHITETTONICA ED URBANA DELLA FABBRICA DI VODKA KONESER A VARSAVIA

Racamato, Giandomenico

RIQUALIFICAZIONE ARCHITETTONICA ED URBANA DELLA FABBRICA DI VODKA KONESER A VARSAVIA.

Rel. Maria Adriana Giusti. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (Restauro E Valorizzazione), 2009

Abstract:

La seguente ricerca divisa in tre parti, è composta di quattro capitoli. Nella prima parte è approfondita la storia del quartiere Praga Nord della città di Varsavia a partire dalle sue origini fino ai giorni nostri, nel tentativo di inquadrare il contesto storico ed urbanistico all'interno del quale nasce, si sviluppa e trasforma il complesso industriale per la produzione della vodka "Koneser". Si procede poi con un'analisi più dettagliata delle dinamiche che hanno portato alla nascita della fabbrica nella porzione di terreno compresa tra " ulica Zajnkowskà" e "ulica Markowska", "ulica Biatstocka" e "ulica Mporec/ca". E' analizzato il sito dal periodo preindustriale fino alla fine XIX secolo, in particolare fino all'anno 1895, anno di fondazione della fabbrica. Si passa così all'approfondimento delle vicende che hanno interessato la fabbrica dai primi ampliamenti alle distruzioni e ricostruzioni dei due conflitti mondiali, fino ai giorni nostri con la chiusura definitiva, il termine della produzione di spirito e la necessità di trovare una

soluzione funzionale alternativa per i luoghi dismessi. A questo proposito sono state elencate le direttive che "l'Ente Conservatore Varsaviano" ha stilato nel t997 in merito al bene architettonico oggetto della ricerca . Il documento prodotto dall'Ente Conservatore conservatore contiene una serie di indicazioni di carattere sia conservativo che consentono di salvaguardare l'integrità degli edifici storici in relazione anche ai nuovi inserimenti e al verde pubblico. Analizzati gli aspetti storici che riguardano più in generale l'interodistretto di Praga Nord, poi nello specifico la preesistenza industriale di "Koneser", insieme alle peculiarità che contraddistinguono il quartiere con la sua fabbrica dal punto di vista degli edifici esistenti, e, considerato l'interesse del'Ente Conservatore a preservare i caratteri del complesso, si è passati alla proposta di un progetto di riqualificazione architettonica e urbana di tutta l'area.

Essendo nota la necessità da parte dell'Accademia delle Belle Arti di Varsavia di disporre di una nuova sede per l'accorpamento delle sue facoltà, oggi dislocate in più punti della città, e la disputa sulla proprietà che interessa la sede centrale1 in Krakowskie Przedmiescie 5, si è considerata l'idea di inserire all'interno del lotto Koneser l'intero complesso dell'Accademia. L'introduzione nasce dal fatto che nell'ultimo decenni, il quartiere di Praga Nord ha assunto l'appellativo di " quartiere degli artisti" : gli edifici in stato di decadenza che lo contraddistinguono, le strade ciottolate, l'atmosfera romantica prebellica che si respira percorrendo le strade, sono diventati per gli artisti locali, luogo ideale in cui collocare i propri atelier e pubblicizzarsi. I costi relativamente bassi per l'affitto o acquisto di sottotetti e scantinati, hanno avuto certamente la loro importanza. In nessuna area della città di Varsavia è possibile disporre di un così ampio spazio pubblico e visibilità a Praga Nord; qui si organizzano costantemente mostre ed eventi culturali, tra i quali la "mostra dei diplomi di pittura dell'ASP-2008" (Accademia di Belle Arti), proprio all'interno della fabbrica Koneser, quasi a voler suggerire quello che potrebbe essere il suo futuro: DA FABBRICA DI VODKA A FABBRICA DI CULTURA.

Molti edifici del quartiere sono ancora oggi coinvolti in dispute sulla proprietà. Dopo la Seconda Guerra Mondiale chi ritorna a Varsavia spesso lo fa senza sapere se la propria abitazione esiste ancora, così che gli alloggi di Praga Nord, molti dei quali di proprietà ebraica, non più rivendicata, diventano il luogo di una prima risistemazione; tuttavia, ancora oggi, come nel caso del Palazzo dell'Accademia, rivendicato dalla nobile famiglia Raczyiìsky, capita che qualcuno rivendichi la proprietà

sull'immobile. Per questa ragione, dagli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale, se si chiede ad un abitante di Varsavia se sia favorevole ad acquistare un appartamento nel quartiere Praga Nord, il più delle volte è incerta. Di conseguenza la stessa' amministrazione pubblica è restia ad investire nei restauri degli immobili di Praga Nord. Inoltre, dopo la Seconda Guerra Mondiale per ragioni economiche e soprattutto politiche l'amministrazione ha deciso di non intervenire sul quartiere lasciandogli l'aspetto originario: ricomporre le facciate, che ancora oggi portano i segni del conflitto, significava ricomporre l'immagine, della Varsavia prebellica, liberale e borghese.

In questo contesto si inserisce la figura dell'artista, il quale non badando alle controversie o alle scelte di carattere politico, affitta e compra, apre gallerie, si inserisce nel tessuto sociale di Praga Nord e lo riporta a nuova vita. Oggi molti degli eventi culturali di Varsavia, come ad esempio 'Warszaw/ska Jesien" (Autunno Varsaviano), un festival di musica e teatro contemporaneo, hanno luogo proprio in quelle strade considerate malfamate e poco frequentabili persino nelle ore diurne. Certo oggi l'area continua a essere socialmente degradata, ma le potenzialità di una definitiva

apertura al resto della città consentirebbe una riqualificazione

sociale e culturale dei luoghi. La proposta progettuale presentata nella Tesi si inserisce in questo contesto, cercando di potenziarlo, arricchirlo. La chiusura della fabbrica nel 2001 come luogo di produzione e la sua rinascita come luogo di produzione culturale è un scelta obbligatoria; su questo lato della capitale (sponda destra della Vistola), non vi è mai stata una Facoltà o un corso universitario e le possibilità di svago o coinvolgimento della popolazione locale si limita ai bar di quartiere. Le attività dell'Accademia di Belle Arti, come già oggi spesso accade, potrebbero aprirsi nell'ambito di progetti ben definiti, e forse cofinanziati dal comune, alla popolazione locale e non solo, aumentando le possibilità di apprendimento, crescita personale ed integrazione tra i locali, con il risultato di superare il fenomeno di ghettizzazione che oggi contraddistingue il quartiere Praga Nord dal resto della città.

Relatori: Maria Adriana Giusti
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: A Architettura > AO Progettazione
R Restauro > RA Restauro Artchitettonico
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (Restauro E Valorizzazione)
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/1476
Capitoli:

Introduzione, pp.1-3 Parte 1-11 quartiere Praga Nord

1-. Storia del quartiere Praga Nord, p. 5

1.1 Le origini del quartiere, pp. 5-6

1.2 Sviluppo ed espansione tra XVII e XVIII secolo, pp. 7-9 1.3 II carattere commerciale e industriale nel XIX secolo, pp. 1-0-11

1.4 II consolidamento del ruolo industriale di Praga Nord nel contesto urbano, pp. 12-13

1.5 II periodo tra le due guerre mondiali, p. 14

1.6 Le trasformazioni del dopoguerra, p. 16

Parte 2- La fabbrica di vodka Koneser

2-. Fabbrica Koneser: sviluppo e trasformazioni, p.17 2.1 Premessa, p.17-18

2.2 II costruito tra le strade: Za/nkowska, Markowska, Bialstocka, Nipor^cka, p.79

2.3 II sito, pp. 20-22

2.4 I FASE (1895-98) - La fondazione della fabbrica, pp. 23-25

2.5 II Deposito Varsaviano dei vini: "Monopolio", pp. 26-27

2.6 Lo stabilimento privato: Associazione Varsaviana della Distillazione e Vendita dello Spirito - "Rettificazione varsaviana", p.28

2.7 II FASE (1904-1912) - Ampliamento, pp. 29-30

2.8 III FASE (1924-1995)- Dalla ricostruzione alla dismissione, p.31

2.9 Gli anni della Guerra, pp. 32-33 2.70 La ricostruzione, pp.34-35

3-. La fabbrica Koneser nel " Registro dei Monumenti di Varsavia",p. 36

3.1 Direttive dell'Ente Conservatore di Varsavia per la tutela della fabbrica "Koneser", p.37

3.2 Costruito, p.38

3.3 Sito, p.39

3.4 Le nuove costruzioni, p. 40

3.5 II verde, p.41

Parte

3- Riqualificazione architettonica e urbana: il destino dell'ex fabbrica nei progetti contemporanei

4-. Proposta di riqualificazione per l'area Koneser, pp. 42-43

4.1 Restauro della preesistenza, p. 44

4.2 II Deposito delle Bottiglie: stato di fatto e progetto, pp. 45-48

4.3 La Tettoia della Rettificazione Varsaviana: stato di fatto e progetto, pp.49-57

4.4 Progetti di nuova costruzione, pp. 52-54

Bibliografia:

J. Baczyhski, Dunin Wasowicz M., Zaktady przemystowe Warszawy, Varsavia 1982 ;

S. Bielecki, Sto lai na zdrowie. Stulecie zaktadów spirytusowych przy ul. Zapkowskiej 27/31. Broszura okolicznosciowa, Varsavia, 1997;

VW. J. Wóstowicz , Dzieje Pragi, Warszawskiej, Gtosz Pragi, Varsavia, 1934;

K. Lejko, Warszawa zapomniana, Wdawnictwo Naukowe PWN, Varsavia, 1994;

B. Petrozolin-Skowrorìska, Encyklopedia Warszawy, Nauk. PWN, Varsavia, 1994;

Informator Przemystu i Handlu miasta Warszawy i Okrqgu Warszawskiego, 1942, n. 878;

J. Kasprzycki, Warszawskie pozegnania, 2ycie Warszawy, 1986;

Ksiega Adresowa przemystu fabrycznego w Królestwie Poiskiem na rok 1905, voi. 837,

Ksiqga Przemystu Polskiego, 1959;

S. Misztal, Rozwój i lokalizacja przemystu Warszawy miqdzywojennej, [in:] Warszawa II

Rzeczypospolitej 1918-1939, Studia Warszawskie, 1970; » Przemyst Fabryczny w Królestwie Poiskiem, 1911, nr 5070

Rocznik Informacyjny o Spótkach Akcyjnych w Polsce, 1929, n. 451 ;

Rocznik Informacyjny o Spótkach Akcyjnych w Polsce, 1930, n. 451 ;

Rocznik Polskiego Przemystu i Handlu, 1932, 1934, 1936, 1938;

W. Pruss, Rozwój przemystu warszawskiego w 1864-1914, Varsavia, 1977;

E. Pustota-Koztowska, Praga przemystowa, Spotkania z Zabytkami, nr. 5, Varsavia, 1986;

E. Pustota-Koztowska, Atlas przemystu Warszawy, archivio WOUZ, Varsavia, 1983]

E. Szwankowski, Ulice i piace Warszawy, Varsavia, 1970,

E. Szwankowski, Warszawa. Rozwój urbanistyczny i architektoniczny, Varsavia, 1952;

Wt.Terlecki, Mennica warszawska 1765-1965, Varsavia, 1970

J. Zielinski, Atlas dawnej architektury ulic i placów Warszawy, t. X, 2004.

H. Harasimowicz-Grodecka, Praga, pravi/a sfrena Warszawy, PRW Hoding-WARS s.a., Varsavia, 2005.

Periodici

DZIEN, 1909, n. 298, p. 3,

GAZETA ROLNICZA 1905, n. 42, p. 735, 1908 n. 46, p. 887,

GORZELNIK, 1897, n. 17,p. 187

KURIER POLSKI, 1908, n. 308, p.3,1910, n. 314, p. 3

KURIER WARSZAWSKI, 1897, n. 255, p.3

KURIER WIECZORNY, 1914, n. 93, p. 2

NOWA GAZETA, 1911, n. 17, p.2

ROBOTNIK, 1927, n. 212, p. 8

SWIAT, 1913 , n. 28, s. 22-23, 1927, n. 27, p. 27, 29. 1928 n 14, p. 26, 27, n. 52, p.

28, 1928

TOWARZYSTWO GORZELNICZE 1897, n. 294, p. 9,

TYGODNIK ILUSTROWANY, 1914, n. 1, p. 20

WE.DROWIEC, 1898, n 7, p. 128-131

ARCHIVI

Archivio di Stato Città di Varsavia (APW)

Raccolta Przyborowski, volume XXVIII, p. 165-167, volume XIII, p. 265

Raccolta Borotyrìscy, n. 181

Raccolta Borotynscy, n. 181

Alto Ispettorato per il Governo dell'Industria Varsaviana, n. 382

Atti sull'immobile, n. 13719

Tariffe della città di Varsavia 1784-1930

Archivio Statale della citta di Varsavia (APW), Filiale a Milanówek

Libro d'ipoteca 1476, n. 873, 874 Libro d'ipoteca 1357, n. 751, 752

Ufficio del Voivodato per la Protezione dei Beni Culturali

Carta descrittiva del complesso -Fabryka Oczyszczania Spirytusu- "Rektyfikacja Warszawska na Pradze"

Tavole:

ALLEGATI

Fonti Cartografiche: evoluzione del costruito.

Fonti cartografiche, pp.56-57 Fonti iconografiche, pp. 57-59

Fonti bibliografiche, pp. 59-60 Archivi, p. 60

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)