polito.it
Politecnico di Torino (logo)

SCENARI PER LA VALORIZZAZIONE DELLA VAL CHISONE. Piazza Lantelme, valutazione strategica e progetto di ricucitura urbana Pragelato. = SCENARIOS FOR THE VAL CHISONE'S VALORISATION . Piazza Lantelme, strategic evaluation and urban rehabilitation project in Pragelato.

Marco Falcetto, Luigi Preti

SCENARI PER LA VALORIZZAZIONE DELLA VAL CHISONE. Piazza Lantelme, valutazione strategica e progetto di ricucitura urbana Pragelato. = SCENARIOS FOR THE VAL CHISONE'S VALORISATION . Piazza Lantelme, strategic evaluation and urban rehabilitation project in Pragelato.

Rel. Roberto Dini, Marta Carla Bottero. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2018

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (70MB) | Preview
Abstract:

All’inizio del nuovo millennio il turismo montano della neve ha registrato un progressivo declino, evidenziando problematiche strutturali dell’intero modello turistico. L’avvento della crisi della neve, nonostante i suoi esiti negativi, ha favorito però la comparsa sul panorama globale di nuove forme di turismo sostenibili. Tra di esse vi spicca il “turismo dolce” o “turismo responsabile”, una tipologia di offerta legata alla valorizzazione delle tradizioni delle comunità alpine ed del patrimonio paesaggistico delle terre alte, il tutto nel riconoscimento dei principi di sostenibilità sociale, economica ed ambientale. In questa sede si è cercato di evidenziare, una volta analizzato il fenomeno di crisi, le cause scatenanti e le possibili strategie risolutive, come le nuove tipologie di turismo dolce costituiscano, secondo basi scientificamente riscontrabili, un’alternativa valida a quella che è la tradizionale formula di offerta turistica della neve. Tale studio è stato condotto con lo scopo ultimo di poter valutare l’applicabilità di queste nuove politiche all’interno di una delle tante località alpine affette dal fenomeno di crisi globale. Nella fattispecie, la località prescelta per questo lavoro è stato un piccolo comune dell’Alta Val Chisone, Pragelato. Questa piccola cittadina, nota per aver ospitato le Olimpiadi del 2006 di Torino con la realizzazione dello Stadio Olimpico di Salto, si presenta, dal punto di vista turistico, caratterizzata da una discreta varietà di offerte che, però, risultano frammentate e scarsamente integrate. Il comprensorio sciistico del comune, oltre a subire ancora oggi il peso di un’eredità olimpica ingombrante, presenta una serie di impianti a fine vita tecnica, ponendo Pragelato ad un bivio: continuare a puntare sul turismo di massa della neve o virare verso soluzioni alternative. In questo lavoro si è cercato di poter dare una possibile risposta al quesito del comune pragelatese, attraverso la comparazione e la valutazione di una serie di scenari progettuali alternativi mediante un approccio di analisi multicriteri, il “NAIADE”. I primi scenari sono rappresentati da una serie di proposte, dal titolo “Pragelato Natural Terrain”, che l’amministrazione comunale ha presentato alla Regione Piemonte come personale risoluzione alle tante e diverse problematiche turistiche del comune di fondovalle. Le successive alternative, invece, sono state rielaborate secondo una proposta legata alle nuove tipologie di turismo sostenibile. In particolare, gli scenari elaborati in questa sede mirano alla valorizzazione delle potenzialità insite nel territorio pragelatese e, al contempo, ad instaurare un modello più sostenibile dal punto di vista sociale, ambientale ed economico. Una volta valutate le diverse alternative, attraverso l’impiego del metodo “NAIADE” è stato possibile decretare uno scenario vincente secondo criteri di valutazione comuni. Nella parte conclusiva di questo lavoro, si è poi cercato di dare forma ad uno dei punti nevralgici dello scenario migliore, il Piazzale Lantelme di Ruà. Quest’area è infatti caratterizzata da un vuoto urbano posto in prossimità del centro storico e in un contesto di edificato sparso. L’obbiettivo del progetto è stato quello di assegnare al Piazzale Lantelme una nuova centralità del paese, coniugando insieme soluzioni turistiche, commerciali e soprattutto sociali, il tutto in un intervento di ricucitura urbana del tessuto diffuso.

Relators: Roberto Dini, Marta Carla Bottero
Academic year: 2018/19
Publication type: Electronic
Number of Pages: 171
Subjects:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: New organization > Master science > LM-04 - ARCHITECTURE AND ARCHITECTURAL ENGINEERING
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/12793
Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)