polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Riqualificazione di via del Carmine: un nuovo accesso ai Quartieri Militari di Juvarra (Polo del '900) = Redevelopment of Via del Carmine: a new access to the Military Districts of Juvarra (The Twentieth Century Pole)

Andrea Pafundi

Riqualificazione di via del Carmine: un nuovo accesso ai Quartieri Militari di Juvarra (Polo del '900) = Redevelopment of Via del Carmine: a new access to the Military Districts of Juvarra (The Twentieth Century Pole).

Rel. Cesare Tocci, Roberto Albano. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile, 2019

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (14MB) | Preview
[img] Archive (ZIP) (Documenti_allegati) - Other
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (26MB)
Abstract:

L’elaborato di tesi ha come obiettivo la proposta riqualificativa di un’area urbana ben inserita del nucleo originario della Città di Torino, costituita dall’asse di via del Carmine compreso tra corso Valdocco e piazza Savoia, che definisce l’estensione del tratto sotto osservazione, imperniato sull’esedra dei Quartieri Juvarriani. Nel documento del Piano Regolatore Generale si afferma che il processo di formazione della città contemporanea indaga le ragioni del proprio “essere” attraverso la storia di un “essere stato”, “appoggiandosi ad una periodizzazione essenziale della città intesa come fenomeno complesso, con attenzione sia alla struttura urbanistica, sia al rapporto morfologico tra città e architettura”. La costruzione di tale elaborato comprende, dunque, la storia dell’area, tratto principalmente dalla lettura dei testi di Vera Mandracci Comoli e Paolo Cornaglia, in modo da accomodare le logiche urbanistiche sottese al suo sviluppo insediativo, e l’analisi del contesto odierno, per individuare quegli elementi a cui è possibile relazionare i principi di sostenibilità ambientale, sociale, economica, esposti nei programmi locali ed internazionali per lo sviluppo di una moderna città «Smart», al passo con le pricipali città europee. I risultati di tali analisi sono raccolti e classificati secondo i punti di forza (Strengths), di debolezza (Weaknesses), le opportunità (Opportunities) e le minacce (Threats), utilizzando l’analisi “S.W.O.T.”, così da delineare una matrice di input attraverso cui disegnare la proposta di riqualifica. Procedendo in tal senso si pongono le basi per uno scenario progettuale che ho personalmente interpretato utilizzando le varie componenti analizzate, con lo scopo di valorizzare maggiormente gli attrattori culturali locali, principalmente i Quartieri Militari Juvarriani, e, al contempo, ampliare la superficie destinata a percorsi sicuri e protetti per ciclisti e pedoni del centro. Questi sono i punti da cui passa il “fil rouge” che guida lo svolgimento della tesi nel mettere in luce le qualità esterne ed interne dei Quartieri stessi e delle attività locali facenti parte di tale percorso, in modo da potenziarne la capacità attrattiva ad un più ampio pubblico. La visione dell’internazionale situazionista, inoltre, aiuterà ad indagare questi intenti con le attività legate alla percezione dell’ambiente urbano nella pratica deambulatoria riferite alla soggettività dell’osservatore, ovvero alla dimensione pluridimensionale del soggetto senziente che percorre lo spazio cittadino. Per quanto riguarda direttamente il “Polo del ‘900” è possibile notare che non si è ancora raggiunto un adeguato riassetto della’rea circostante, nonostante l’inaugurazione degli spazi interni avvenuta nel 2015, contrariamente, invece, all’area delle OGR (Officine Grandi Riparazioni), in cui è stato realizzato un completo progetto di riqualificazione, ben inserito nel “Distretto della Creatività e dell’Innovazione”, inaugurato nel settembre 2017. Penso che una maggiore sinergia tra architettura, ambiente e cultura possa essere in linea con gli obiettivi del Polo stesso, rivitalizzando il contesto circostante i Quartieri, luogo in cui dovranno confluire vari enti culturali. Ho voluto improntare l’idea del progetto di riqualificazione ad una confortevole fruizione degli spazi esterni tutt’oggi mancante, con la crezione di un’atmosfera riflessiva ma dinamica, in linea con l’offerta culturale del polo.

Relators: Cesare Tocci, Roberto Albano
Academic year: 2018/19
Publication type: Electronic
Number of Pages: 155
Subjects:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile
Classe di laurea: New organization > Master science > LM-04 - ARCHITECTURE AND ARCHITECTURAL ENGINEERING
Aziende collaboratrici: COMUNE DI TORINO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/10096
Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)