polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Cheratocono: problematiche cliniche, diagnostiche e terapeutiche in relazione alle proprietà fisiche della cornea

Francia, Sabrina

Cheratocono: problematiche cliniche, diagnostiche e terapeutiche in relazione alle proprietà fisiche della cornea.

Rel. Umberto Lucia, Maria Rosa Astori. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Ingegneria Biomedica, 2018

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Accesso al documento: Accesso libero
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (5MB) | Preview
Abstract:

Il cross-linking del collagene corneale è un’innovativa terapia delle malattie della cornea che trova applicazione nel trattamento del cheratocono e in tutte quelle patologie caratterizzate da uno sfiancamento e da un assottigliamento della superficie corneale e che quindi ne alterano la trasparenza e la capacità di messa a fuoco, compromettendone la visione. L’obiettivo di questo elaborato è lo studio delle proprietà fisiche della cornea in modo da consentire un’analisi delle possibili criticità associate ad essa in seguito ad un intervento che mira a bloccare l’evoluzione della patologia ectasica. I pazienti sono stati monitorati nel corso di alcuni mesi mediante topografia corneale, metodica strumentale di analisi qualitativa e quantitativa del potere refrattivo della superficie anteriore della cornea. Dopo un attento studio delle mappe topografiche che ne derivano, sono stati candidati all’intervento di cross-linking quei pazienti nei quali l’evoluzione della patologia è risultata essere particolarmente veloce. Le tecniche di intervento utilizzate sono state due: il cross-linking standard con disepitelizzazione e quello transepiteliale con imbibizione tramite iontoforesi. Un confronto dei due campioni di pazienti operati con le due diverse tipologie di intervento consente di considerarle entrambe valide in quanto tutti i candidati hanno manifestato un arresto della progressione della patologia e un ottimo recupero dell’acuità visiva. Inoltre, essendo l’ipertensione endoculare un fattore di criticità legato all’insorgenza di altre patologie quali il glaucoma, si è monitorata la pressione dell’occhio malato nei pazienti trattati. I raggi UV-A con i quali viene irradiata la cornea durante l’intervento provocano un aumento della temperatura della superficie corneale e un annesso incremento di pressione. Dai dati ricavati si è osservato che si tratta di un incremento temporaneo che tende a ristabilizzarsi già nei giorni seguenti l’intervento. E' possibile pertanto affermare che l’intervento di cross-linking non sia responsabile dell’insorgenza di patologie secondarie.

Relatori: Umberto Lucia, Maria Rosa Astori
Anno accademico: 2018/19
Tipo di pubblicazione: Elettronica
Soggetti:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Ingegneria Biomedica
Classe di laurea: Nuovo ordinamento > Laurea magistrale > LM-21 - INGEGNERIA BIOMEDICA
Aziende collaboratrici: AZIENDA OSPEDAL.SS.ANTONIO BIAGIO ARRIGO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/10058
Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)