Politecnico di Torino (logo)

Panicco, Eleonora

Budapest 1896 : la sezione storica delle celebrazioni del millennio nel contesto delle esposizioni internazionali.

Rel. Paolo Cornaglia. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il restauro e valorizzazione del patrimonio, 2016

Abstract:

INTRODUZIONE

L'argomento oggetto della seguente tesi nasce con l'obiettivo di prendere in analisi le architetture della sezione storica, realizzata su progetto dell'architetto Ignàc Alpar,oggigiorno ancora esistente all'interno del Varosliget a Budapest, che vennero eseguite in occasione dell'esposizione indetta per celebrare i mille anni dalla costituzione dello Stato ungherese nel 1896.

Convenzionalmente la nascita dell'Ungheria viene fatta risalire all'anno 896 d.C., con la discesa dei Magiari, popolo originario delle steppe dei monti Urali, composto da sette tribù sotto la guida del condottiero Àrpad, nelle pianure del bacino Carpatico-Danubiano e il loro successivo insediamento.

In occasione della ricorrenza dei mille anni da questo evento venne indetta un'esposizione internazionale, volta alla celebrazione e alla glorificazione della Nazione anche attraverso l'esaltazione delle sue mitiche origini, le quali fanno dell'Ungheria uno dei paesi più antichi d'Europa.

Il tutto va inquadrato nel difficile contesto sociopolitico dell'epoca che vedeva il Paese come uno dei due poli dell'impero Austro-Ungarico, denominazione che ottenne dal 1867 in seguito a moti indipendentisti, ma che restava di fatto uno stato vassallo essendo l'imperatore d'Austria, Francesco Giuseppe, anche sovrano d'Ungheria.

Queste celebrazioni dunque non sono estranee anche ad un forte significato patriottico ed un desiderio d'indipendenza ed anche in quest'ottica vanno interpretate le scelte adottate per la realizzazione dei monumenti e dei padiglioni per l'esposizione e di cui la sezione storica sicuramente si fa portavoce.

Partendo da un'analisi dello scenario internazionale delle esibizioni, delle loro origini e dei moti propulsori che ne hanno portato allo nascita e al successivo sviluppo, partendo dall'Europa e nel dettaglio da Inghilterra e Francia, si vuole focalizzare l'attenzione sul ruolo e sull'importanza rivestita dalle sezioni storiche ed in particolare in quella di Budapest del 1896, le quali non furono solamente meri esercizi estetici ma portavoce di una aspetto della cultura Ottocentesca, quella del medievalismo e della rievocazione storica, che permea ed influenza diversi ambiti.

Nel corso degli studi affrontati si è osservato come spesso questo elemento sia stato, da parte dei movimenti culturali successivi, spesso trascurato o considerato di minor importanza rispetto alla tematica industriale e per certi versi non compreso appieno.

Nel contesto delle esposizioni nazionali ed internazionali del XIX e dell'inizio del XX secolo tuttavia questo tema non può essere considerato completamente disgiunto da quello del progresso e dell'industria in quanto, sebbene all'apparenza in contrasto, i concetti e gli ideali che li ispirano sono i medesimi.

Si assiste dunque, nelle grandi kermesse internazionali, all'esaltazione di una dicotomia che tuttavia è insita nella stessa cultura ottocentesca: da una parte l'idea del progresso, della scoperte e dell'innovazione, che nascono sotto la spinta della Filosofia Positivista e che vedono nell'industria parte della loro realizzazione, e dall'altra il legame con il passato e con le origini, la ricerca dei grandi ideali che sembrano mancare nell'era moderna, dunque la conseguente riscoperta del Medioevo in rottura con la tradizione che vedeva nel mondo classico la massima grandezza del genere umano.

Entrambi questi aspetti sono insiti nella società del XIX secolo, ambedue hanno come punto di riferimento l'esaltazione dell'uomo moderno e dei suoi valori e colgono nelle esibizioni internazionali, luoghi per eccellenza della celebrazione, un'occasione per la loro enfatizzazione.

Si può quindi considerare l'esposizione come la sede ideale per "mettere in mostra" tutti quei moti e quegli ideali che animano il panorama culturale Europeo ed Occidentale tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento.

In particolare si è osservato come nel caso dell'Ungheria questo aspetto sia particolarmente rilevante ai fini dell'unità nazionale e di come si vesta di un significato ideologico particolare e che fa dell'Esposizione di Budapest un caso caratteristico.

Relatori: Paolo Cornaglia
Soggetti: A Architettura > AS Storia dell'Architettura
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GD Estero
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il restauro e valorizzazione del patrimonio
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/5902
Capitoli:

INDICE

0.Introduzione

1.Le Grandi Esposizioni Internazionali tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo.

1.1.Nascita e sviluppo di un fenomeno a scala mondiale

1.2.Il Medievalismo e l'Esotismo: temi della cultura ottocentesca che permeano il contesto espositivo.

1.3.L’eredità della Great Exhibition e del prototipo espositivo francese

1.3.1.La Great Exhibition, Londra 1851

1.3.2.Exposition Universelle des Produits de l’Industrie, Parigi 1855

1.3.3.International Exhibition of 1862, Londra 1862

1.3.4.Parigi, 1867

1.3.5.Vienna, 1873

1.3.6.Centennial Exposition, Philadelphia 1876

1.3.7.Dati sulle prime esposizioni

1.3.8.Parigi, 1878

1.3.9.Le Esposizioni australiane

1.3.10.Barcellona,1888

1.3.11.Exposition Universelle de Paris del 1889.

1.3.12.World's Columbian Exhibition, Chicago, 1893

1.3.13.Parigi, 1900

1.3.14.Le Esposizioni italiane di Torino

1.3.15.Cambiamenti nel carattere espositivo all'indomani della Grande Guerra

1.3.16.Dati sulle Esposizioni di fine '800

2.La rievocazione delle architetture storiche nelle kermesse internazionali

2.1.L'idealizzazione del passato nella cultura ottocentesca

2.2.La sezione storica nel panorama espositivo internazionale

2.2.1.Parigi 1878 e la "rue des Nations"

2.2.2.Il Borgo Medievale di Torino 1884

2.2.3.Old London Street, Londra 1884-1886

2.2.4.Old Edinburgh, Edimburgo 1886.

2.2.5.La ricostruzione della Bastiglia e la mostra dell'Abitare umano, Parigi 1889

2.2.6.IV Esposizione Italiana, Palermo 1891-1892

2.2.7.Old Vienna" a Chicago 1893

2.2.8.Alt Berlin, Berlino 1896

2.2.9.Il Villaggio Svizzero, Ginevra 1896

2.2.10."Vieux Paris", Parigi 1900

2.2.11."Oud Vlaenderen" il villaggio delle Vecchie Fiandre a Gand, 1913

2.2.12.Il Poble Espanyol, Barcellona 1929.

3.L'Esposizione di Budapest del 1896 e le celebrazioni per i mille anni della Nazione ungherese

3.1.Il contesto storico-politico ungherese nel XIX secolo, dalla Rivoluzione del 1848 alla monarchia bipolare.

3.1.1.La Rivoluzione Ungherese del 1848

3.1.2.L'Ausgleich, la nascita della monarchia bipolare e lo sviluppo economico dell'Ungheria

3.1.3.Il 1896, Budapest e l'Esposizione: simboli della Nazione ungherese

3.2.L'Esposizione del Millenario, apice dei festeggiamenti della ricorrenza e simbolo della Nazione magiara.

3.2.1.I piani a livello urbano per la città in occasione dell'evento.

3.2.2.I principali padiglioni dell'Esposizione

3.2.3.L'apertura delle celebrazioni e la "parata storica"

3.2.4.La cerimonia dell'anniversario dell'Incoronazione

3.2.5.Il Ponte Francesco Giuseppe

3.3.Elementi storico-evocativi nella città di Budapest in concomitanza con l'evento espositivo

3.3.1.Il Monumento al Millennio ed il Piazzale degli Eroi

3.3.2.Il Parlamento

3.3.3.Il restauro della Chiesa di Mattia

4.Il castello Vajdahunyad

4.1.Il concorso per la realizzazione del padiglione

4.2.Il progetto definitivo del padiglione di Alpar

4.2.1.L'ala Romanica

4.2.2.L'ala Gotica

4.2.3.L'ala Barocca

4.3.I modelli del Vajdahunyad

4.3.1.La Chiesa di Jàk

4.3.2.Il castello di Hunedoara

4.3.3.Il castello della famiglia Bethlen, chiesa di San Ladislao e le torri di Sighisoara

4.3.4.Il castello di Gòdòllo

4.4.Dal Vajdahunyad al Museo dell'agricoltura, la ricostruzione di Alpar e i cambiamenti per l'adattamento alla nuova funzione

4.5.Il Magyar Mezògazdasàgi Muzeum, ulteriori cambiamenti dopo la ricostruzione.

5.Ignàc Alpar

5.1.Vita e progetti

6.Conclusioni

7.Bibliografia e Sitografia

8.Allegati

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

PHILBRICK, John Dudley, París universal exposition MDCCCLXXVIII, Printed at the Chiswick press, Londra, 1878.

DE AMICIS Edmondo, Ricordi di Parigi, 1879.

ANONIMO, Torino e l'esposizione italiana del 1884 : cronaca illustrata della esposizione nazionale-industriale ed artistica del 1884, Roux e Favaie, Torino, 1884

ANONIMO, Esposizione generale italiana, Torino 1884: catalogo ufficiale della sezione Storia dell' arte : guida Illustrata al castello feudale del secolo XV, Bona, Torino, 1884

LESSONA Michele, Guida Illustrata del visitatore alla Esposizione generale italiana in Torino, 1884, Sonzogno, Milano, 1884

RICCIO Camillo, Le costruzioni fatte per l'Esposizione generale italiana in Torino 1884 Paravia, Torino, 1886

ANONIMO, Exposition de 1889: Guide Bleu du Figaro et du petit journal, Figaro, Parigi, 1889

MONOD E., L' Exposition universelle de 1889: grand ouvrage illustré historique, encyclopédique, descriptif, Dentu, Parigi, 1890

PARVILLE Henri, ALPHAND Adolphe, Exposition universelle, Rothschild, Parigi, 1890

KLEIN F.A. C.E., KHAN Joseph , Practical English guide to the city of Budapest, Joseph Khan, Budapest, 1896.

ALPÁR Ignác, Az ezredéves országos kiállltás torténelmi focsoportjának épületei (The National Millenium Exhibition main group of historic buildings) in "Épito Ipar", a. 1896.4, pagg. 153-166.

BÁLINT Zoltán, Az Ezredéves Kiállítás Architekturája ( The Architecture of the Millennium Exhibition), Vienna, 1897

ANONIMO, L' exposition de Paris (1900) : publiée avec la collaboration d' écrivains spéciaux et des meilleurs artistes, Montgredien, Parigi, 1900

ALPÁR Ignác, A Mezogazdasági Múzeum (The Agricultural Museum) in "Épito Ipar", a. 1902, 5 gennaio, pagg. 1-4

PALÓCZI Antal, Az elsö szàmról (The first number) in "Épito Ipar", a. 1902, pagg. 5-6

HELTAI V. Kálmán, A Magyar királyl Mezogazdasági Múzeum, Légrády Testvérek Nyomása, Budapest, 1908

ALPÁR Ignác A Mezogazdasági Múzeum ( The Agricultural Museum) in "Épito Ipar", a. 1912, 19 maggio, pag. 193-196

ANONIMO, Rajzmellékletek- Magyar Mezogazdasági Múzeum ( Attached drawings -Hungarian Agricultural Museum) in "Épito Ipar", a. 1912, 31marzo, pag. 127

ANONIMO, A Mezogazdasági Múzeum ( The Agricultural Museum) in "Épito Ipar", a. 1912, 14 aprile, pag. 151.

ANONIMO, A Mezogazdasági Múzeum ( The Agricultural Museum) in "Épito Ipar", a. 1912, 21 aprile, pag. 159.

ANONIMO, A Mezógazdasági Múzeum ( The Agricultural Museum) ¡n "Épitó Ipar", a. 1912, 28 aprile, pag. 170.

ANONIMO, A Mezógazdasági Múzeum ( The Agricultural Museum) in "Épitó Ipar", a. 1912, 5 maggio, pag. 179.

ANONIMO, A Mezógazdasági Múzeum ( The Agricultural Museum) in "Épitó Ipar", a. 1912, 12 maggio, pag. 187.

ANONIMO, A Mezógazdasági Múzeum (The Agricultural Museum) in "Épitó Ipar", a. 1912, 26 maggio, pagg. 203-205

ANONIMO, A Magyar királyi Mezógazdasági Múzeum ismertetóje, Weinwurm, Budapest, 1913.

ALBA Carlos Miguel Fitz, STUART Y STOLBERG James, Catálogo histórico y bibliográfico de la Exposición Internacional de Barcelona, Tipografía de Archivos, Madrid, 1929

BOUIN Philippe, CHANUT Christian-Philippe , Histoire française des foires et des expositions universelles, Baudouin, Parigi, 1980

ANONIMO, Borgo e rocca medioevali in Torino, Stamperia del Borgo Medioevale, Torino, 1984

FRIEBE Wolfgang, Buildings of the World Exhibitions, Edition Leipzig , Germania, 1985

MAGGIO SERRA Rosanna, Perché un castello medioevale? Precisazioni e guida, Musei civici, Torino, 1985

SZABÓ Lórànd, 90 years of the Hungarian Agricultural Museum, Magyar Mezógazdasági Múzeum, Budapest, 1987.

MARTINENGO Edoardo, Le Alpi per l'Europa, una proposta politica, Edizioni Jaca, Milano, 1988

GYÒNGYI Èri, JOBBÁGYI Zsuzsa O. , A golden age: art and society in Hungary 1896-1914, Corvina Books, Budapest, 1989

AIMONE Linda, OLMO Carlo, Le esposizioni universali, 1851-1900 : il progresso in scena , Allemandi, Torino, 1990

BUSCIONI M. Cristina, Esposizioni e "Stile nazionale" (1861-1925). Il linguaggio dell'architettura nei padiglioni italiani delle grandi kermesses nazionali ed internazionali, Alinea, Firenze, 1990 HAMON, Philippe, Esposizioni: letteratura e architettura nel XIX secolo, CLUEB, Bologna, 1995.

GÁBOR Eszter, VERO Mària, Schickedanz Albert (1846-1915) : ezredévi emlékmüvek múitnak és jóvónek, Szépmüvészeti Mùzeumban , Budapest, 1996 (consultato in inglese)

BASSIGNANA Pier Luigi, Le feste popolari del capitalismo, Umberto Allemandi & C., Torino, 1997

TAPIÉ Victor L., Barocco e classicismo, Vita e pensiero, Milano, 1998

WIEBENSON Dora, SIZA Joseph, The Architecture of Historic Hungary, MIT press, Indra, 1998

PAPO Adriano, NEMETH PAPO Gizella, Storia e cultura dell'Ungheria. Dalla preistoria del bacino carpato-danubiano all'Ungheria dei giorni nostri, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2000

GANIM, John M. Medievalism and orientalism at the World's Fairs in ."Studia Anglica Posnaniensia: International Review of English Studies" 38, Faculty of English, Adam Mickiewicz University, Poznan, Polonia, (2002).

RE Luciano,Vinardi DE VECCHI, Barbara, Istruzioni di restauro: compendio elementare per la conservazione del costruito, Celid, Torino, 2004

ANONIMO, Budapest : Palazzo reale e Parlamento, la chiesa di Mattia e i teatri, l'ansa del Danubio, H Balaton , Touring club italiano, Milano, 2005.

BOUVIER Béatrice. Charles Garnier (1825-1898) architecte historien de L'Habitation humaine, in "Livraisons d'histoire de l'architecture", 9,1, École National des chartes, 2005.

GÁBOR Rosch, Alpár Ignác építészete (Alpár Ignác architetto), Enciklopédia, Budapest, 2005

HAJOS Gyôrgy, KUBINSZKY Mihály, VÁMOSSY Ferenc , Alpár Ignác élete és munkássága (Alpár Ignác life and work), ÉTK, Budapest, 2005

THOMSON Graeme, MAGLIONI Silvia, New Literary Links - From the Victorian Age to Contemporary Times, Cideb, Novara, 2005

EHLAND Christoph: Thinking Northern: Textures of Identity in the North of England, Rodopi, Londra, 2007

ESTÓK János ,A városligeti Vajdahunyadvár ,Kreatéka Kiadó, Budapest,2007 (consultato in inglese)

BOTOS Katalin, SERENARI Sandro,Elementi di storia economica ungherese. Dal congresso di Vienna alla caduta del muro , Edizioni Pendragon, Bologna, 2008

CURZI Cinzia, LEPORATTI Claudia, Budapest: chi sono gli eroi del piazzale degli Eroi?, in "Economia.hu", 17 aprile 2015, ITL Group, Grosseto 2008

DI COLA Joseph, STONE Davis, Chicago's 1893 world's fair, Arcadia Publishing, Charleston, South Carolina, 2010

GEPPER Alexader, Fleeting Cities: Imperial Expositions in Fin-de-Siècle Europe, Paigrave Macmillan, New York,2010

MAURO Eliana, SESSA Ettore, La città dei prodotti: imprenditoria, architettura e arte nelle grandi esposizioni, Grafill, Palermo,2010

YON Jean-Claude, Les spectacles sous le Second Empire, Armand Colin, Parigi, 2010.

ZUCCONI Guido, La città dell'Ottocento, Edizioni Laterza, Bari, 2010

RAHOLA MATUTES Stella, Dos paseos por el Poble Espanyol ,Tesi di Master,Escuela Técnica Superior de Arquitectura de Barcelona (ETSAB)-Departamento de Proyectos Arquitectónicos UPC , Barcellona, relatore Prof. Monteys Roig Xavier a.a 2010-2011.

MASSIDDA Luca, Atlante delle grandi esposizioni universali. Storia e geografia del medium espositivo, Franco Angeli, Milano,2011

VAN DE LEURE Thierry, PIGEAT Fernand, L'ephemere resurrection de la Bastille, Lulu éditions, Parigi, 2011.

DEMEULENAERE-DOUYÈRE, Christiane. World Exhibitions: a Gateway to non-European Cultures? in "Quaderns d'història de l'enginyeria", 13, (2012) Universität Politècnica de Catalunya, Barcellona

CORNAGLIA Paolo, Budapest. Architettura, città e giardini tra XIX e XX secolo, Celid, Torino, 2013

CSUKOVITS Enikö (a cura di) L'Ungheria angioina, Viella, Roma, 2013

BAYCROFT Timothy,HOPKIN David, Folklore and Nationalism in Europe During the Long Nineteenth Century, Brill, Danvers,2014

LABOURET Guilhem, Lectures du Moyen Âge chez les catholiques romantiques: mythe de l'âge d'or ou temps de l'erreur?, in BURLE-ERRECADE Elodie, NAUDET Valérie, Fantasmagories du Moyen Âge: entre médiéval et moyenâgeux, Presses universitaires de Provence, Aix-en-Provence,2014

VISCONTI Agnese , Da Londra 1851 a Milano 2015. Riflessioni sulle grandi esposizioni universali, in "Scienze e Ricerche" n. 1, Scienze-ricerche, 2014, pp. 40-44

BOIDI Sergio, Per la storia delle Esposizioni Universali, in "Ananke" 75, (maggio 2015),pp 39-47.

CORNAGLIA Paolo, Franczia étterem: the French Restaurant by Karman & Ullmann as a Viennese Gartengebàude in the Hungarian Millennium Exposition of 1896 in SZÉKELY Miklós Ephemeral Architecture in Central-Eastern Europe in the 19th and 20th Centuries, L'Harmattan, Parigi,2015

FILIPOVÂ Marta, Culture of international exhibitions 1840-1940, great exhibitions in the margins, Ashgate, Farnham,2015.

SCIENZA Claudia, Expo 1888 Barcellona, in "Milanoplatinum.com", 07/07/2016

SIZA Joseph Motherland and Progress: Hungarian Architecture and Design 1800-1900, Birkhauser, Basilea 2016

SITOGRAFIA

http://www.instoria.it/home/neogotico_revivaLmedioevo.htm (ultima consultazione novembre 2016)

http://www.wienmuseum.at/fileadmin/user_upload/Presse/Experiment_Metropole/Pressinformati on_The_MetropoIe_Experiment.pdf (ultima consultazione novembre 2016)

http://foto.fszek.hu/WebPac_kep/Corvina Web ;jsessionid = D054AA8D5248951EFB676060AF59B0D Epagesize = 12&textO=Vajdahunyad&.indexO=ZUTY&button = Search&action=find&whichform=simpl esearchpage&currentpage=simplesearchpage (ultima consultazione novembre 2016)

http://www.fortepan.hu/(ultima consultazione novembre 2016)

http://dprs.uniromal.it/sites/default/files/268.html(ultima consultazione ottobre 2016)

http://budapestcity.org/03-muemlekek/14/Vajdahunyad-var/index-hu.htm (ultima consultazione novembre 2016)

http: //www. mmgm.hu: 8186/monguz/index.jsp? from_page=details&page=details&dbname=database&biblid=4&biblfield = 0&term = 19710(ultima consultazione novembre 2016)

http://saman.fszek.hu/WebPac/CorvinaWeb?

action=language&actualsearchset=&actualsort=&language = l&currentpage=advancedsearch page (ultima consultazione novembre 2016)

https://www.bl.uk/victorian-britain/articles/the-great-exhibition (ultima consultazione settembre 2016)

https://www.era.lib.ed.ac.uk/handle/1842/9886 (ultima consultazione settembre 2016)

http://www.worldfairs.info (ultima consultazione ottobre 2016)

http://www.expomuseum.com (ultima consultazione ottobre 2016)

http://questomeseidee.it/expo-che-fu-ecco-cosa-ci-resta/ (ultima consultazione ottobre 2016)

http://www.bie-paris.org (ultima consultazione ottobre 2016)

http://www.borgomedievaletorino.it

http://www.comune.torino.it/archiviostorico/mostre/expo _2003/index.html http://www.cr.piemonte.it/web/files/torino_internazionale _web.pdf http://www.mepiemont.net (ultima consultazione ottobre 2016)

http://www.worldsfaircommunity.org (ultima consultazione ottobre 2016)

http://www.hosting.universa lsite.org (ultima consultazione ottobre 2016)

http://trove.nla.gov.au/newspaper/article/6099503 http://www.branchcollective.org/? ps_articles=aviva- briefel-on-the-1886-colonial-and-indian-exhibition (ultima consultazione ottobre 2016)

https://archive.Org/stream/cihm_05255#page/n5/mode/2 (ultima consultazione ottobre 2016)

https://archive.org/stream/cihm_05255#page/nl01/mode/2up/search/old + london+street (ultima consultazione ottobre 2016)

https://www.mcgill.ca/architecture/files/architecture/healt hyvictoriancity.pdf(ultima consultazione ottobre 2016)

http://www.lookandlearn.com (ultima consultazione ottobre 2016)

http://www.edinphoto.org.uk/pp_v/pp_wane_internationa l_exhibition_1886_book_page_07.htm (ultima consultazione ottobre 2016)

http://gentl913virtueel.be/exhibits/show/spektakel-en- amusement/het-verleden-als-pretpark (ultima consultazione ottobre 2016)

http://aps.org.au/wp/wp- content/uploads/2015/04/Ghent-1913.pdf (ultima consultazione ottobre 2016)

http://www.nbbmuseum.be/en/2013/01/flashback-to- the-ghent-world-fair-of-1913.htm (ultima consultazione ottobre 2016)

http://mwf2014.museumsandtheweb.com/paper/a- virtual-reconstruction-of-the-1913-world-fair- at-stam- ghent-city-museum/ http://adore.ugent.be/OpenURL/app?type=carousel&id=a rchive. ugent.be: CABO 1DB4-EE77- 11E1-A966-71A38375B242 (ultima consultazione ottobre 2016)

https://biblio.ugent.be/publication/3140665/file/3154061(ultima consultazione ottobre 2016)

http://www.expomuseum.com (ultima consultazione ottobre 2016)

https://babel.hathitrust.org (ultima consultazione ottobre 2016)

http://www.poble-espanyol.com/en/history http://www.barcelonallibres.cat/2013/01/la-ciudad-de-los-prodigios.html http://retallsdesitges.blogspot.it/2012/08/els-gegants- vells.html (ultima consultazione ottobre 2016)

http://lameva.barcelona.cat/barcelonablog/insolit/un- poble-ideal(ultima consultazione ottobre 2016)

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)