Politecnico di Torino (logo)

Belmonte, Rosa and Paolo, Matilde

Gli aspetti ambientali della fascia Biella-Cossato : dal P.T.P. alle proposte di valorizzazione.

Rel. Roberto Gambino. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2004

Abstract:

Il tema sviluppato in questa tesi nasce dalla volontà di elaborare un quadro di qualificazione ambientale nella fascia pedemontana Biella-Cossato. Morfologicamente l'area si presenta come un'ampia conca che trova delimitazione a nord nelle zone collinari e a sud nel salto orografico della Baraggia defInito dal torrente Cervo. . Con questo lavoro si è cercato di affrontare il tema delle conseguenze di un modello insediativo espressione dei mutamenti della struttura economica, produttiva e sociale degli ultimi decenni che si è concretizzato attraverso il fenomeno della diffusione insediativa, modello che non sembra più confrontarsi con le regole del sistema ambientale e influisce sul territorio storico e culturale, attraverso una crescente e generale omologazione. La fase preliminare dello studio è di tipo analitico e porta alla costruzione di un quadro conoscitivo secondo i principali campi di analisi. Gran parte della documentazione testuale e cartografica è derivata dalla documentazione redatta per il P. T .P. della Provincia di Biella, integrata da quella prodotta dalla Comunità Montana Prealpi Biellesi e dai singoli Comuni interessati dall'indagine. L' analisi dell' area pedemontana è stata preceduta da una prima parte legata all'intero sistema biellese: esso si identifica nel distretto industriale a specializzazione tessile frutto del consolidarsi di strutture produttive originatesi in epoca preindustriale, dove talmente elevata è l'importanza di questa attività che non pervade solamente gli aspetti dell' organizzazione produttiva ma anche quelli territoriali e si esprime in una forte identità storico-culturale. Nella seconda parte della tesi, sulla base di questo quadro generale, si sono specificati i molteplici aspetti dell' area pedemontana compresa tra Biella e Cossato con analisi più dettagliate che riguardano il quadro idrogeomofologico, l'assetto urbanistico insediativo, il paesaggio, i beni culturali e le risorse naturalistiche ed ambientali. Ne emerge una realtà territoriale in cui è riconoscibile, una specifica identità in termini storico-culturali e unitarietà paesistica, oltre ad una comune organizzazione socio-economica e insediativa, e si evidenzia una porzione di territorio contraddistinto da un sistema industriale diffuso, dalla continuità lineare delle aree urbanizzate, da un sistema infrastrutturale lineare che attraversa l' area in senso longitudinale suddividendola in fasce funzionalmente caratterizzate e, infine, da un asse stradale storico che ha perso le sue caratteristiche di asse di collegamento dei centri pedemontani e si definisce come struttura reticolare. La lettura del territorio come prodotto storico di processi evolutivi che hanno visto affiancati uomo e natura e hanno prodotto luoghi dotati di una loro profondità temporale e di una specifica identità, il dilatarsi del principio della conservazione, che investe fatti naturali e fatti culturali, e i problemi di sostenibilità dello sviluppo ci hanno portato a mettere in primo piano il problema della tutela e della valorizzazione del patrimonio territoriale. Il riconoscimento della struttura di questo territorio, ha fatto emergere i sistemi e le relazioni territoriali, il valore delle sue risorse, le potenzialità e le opportunità di particolare interesse, ma anche le fragilità e le criticità di questo territorio. Nella terza parte della tesi, le proposte di valorizzazione individuano nella connessione degli elementi che nell'area sono rappresentativi della cultura del luogo e delle valenze naturalistiche gli strumenti della riqualificazione territoriale: mirando alla riconnessione di due ambiti, quello collinare e quello agricolo-fluviale nettamente separati dal sistema insediativo ed infrastrutturale. Connessione perseguita attraverso assi stradali trasversali pensati, ove possibile, come corridoi ambientali in grado di garantire una certa continuità sia biologica che dei segni paesaggistici e che assumono una valenza di rafforzamento dei caratteri storico-culturali dell' area attraverso la precisazione delle relazioni che si sono estrapolate nella fitta trama di storia e cultura locale e nelle peculiarità morfologiche e ambientali di questo territorio. La proposta si è così concretizzata attraverso corridoi ambientali che investono e connettono riserve naturali istituite, aree che conservano valenze naturali, ambienti fluviali e verde urbano, legando tali emergenze ambientali al recupero dei centri storici, al sistema degli spazi urbani centrali, alla valorizzazione delle emergenze architettoniche, urbanistiche e archeologiche areali e puntuali. Il tentativo del superamento delle criticità territoriali e il riconoscimento delle opportunità che questo territorio offre ha portato infine alla formulazione di un sistema di indirizzi strategici che delineano le potenzialità espresse dall' area. Tali strategie potrebbero dar vita ad un insieme di azioni per la riorganizzazione e la riqualificazione del territorio secondo un principio di naturalità diffusa e di continuità ambientale attraverso una rete ambientale integrata costituita dal reticolo stradale, dal sistema delle acque e dal sistema del verde, interconnessi tra loro e con il sistema storico. Tutto questo nella convinzione che la tutela, la valorizzazione e la fruizione di beni storico-naturalistici ed infine l'arricchimento culturale che ne può derivare non possono che consolidare e radicare la comunità al proprio territorio e che la conoscenza di questo, attraverso la funzione ricreativa, educativa e didattica, possa incentivare la funzione di tutela territoriale, il miglioramento dei caratteri del paesaggio e il rafforzamento dei caratteri storico-culturali locali.

Relatori: Roberto Gambino
Parole chiave: ambiente
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
U Urbanistica > UB Architettura del Paesaggio
U Urbanistica > UG Pianificazione del paesaggio
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/5
Capitoli:

Introduzione

PARTE PRIMA Il sistema Biellese

1 Configurazione territoriale

1.1 Condizioni geografiche

1.2 Accessibilità

1.3 Articolazione territoriale

2 Quadro amministrativo generale Inquadramento demografico ed economico

2.1 Quadro amministrativo generale

2.2 Inquadramento demografico

2.3 Inquadramento economico

2.4 Classificazione funzionale dei Comuni

3 Contesto storico-territoriale

3.1 Trasformazioni storiche

3.1.1 Origini

3.1.2 Età romana

3.1.3 Alto medioevo

3.1.4 Basso medioevo

3.1.5 Età moderna

3.1.6 Età contemporanea

3.2 Infrastrutturazione storica

3.2.1 Le antiche vie di comunicazione

3.2.2 La rete stradale e ferroviaria nella seconda metà dell'Ottocento

4 Contesto ambientale

4.1 Geomorfologia

4.1.1 Caratteristiche geomorfologiche

4.1.2 Caratteristiche geologiche

4.1.3 Caratteristiche pedologiche

4.2 Idrogeologia

4.2.1 Inquadramento idrogeologico

4.2.2 Corpi idrici sotterranei

4.2.3 Reticolo idrografico superficiale

4.3 Clima

4.4 Flora

4.5 Fauna

4.5.1 Mammiferi

4.5.2 Uccelli

4.5.3 La fauna ittica

4.5.4 Rettili

5 I nuovi processi urbani e territoriali

5.1 Dalla polarizzazione alla diffusione

5.2 L 'organizzazione territoriale a rete

5.3 Rapporto tra i concetti di area e rete

5.4 Locale e globale

5.5 Il sistema a rete regionale

6 Il sistema biellese

6.1 Il distretto industriale biellese

6.2 Da distretto industriale a distretto tecnologico

6.3 Le forme dell' organizzazione territoriale

6.3.1 La fase protoindustriale

6.3.2 Il passaggio all'industria

6.3.3 La pianurizzazione del tessile

6.3.4 Lo sviluppo arteriale reticolare

PARTE SECONDA La fascia pedemontana Biella-Cossato. Le analisi

7 La fascia pedemontana Biella-Cossato

7.1 Demografia

7.2 Dotazione storica

7.3 Caratteristiche geomorfologiche

7.4 Caratteristiche idrologiche

8 Il Torrente Cervo come elemento significativo dell'area

8.1 Evoluzione del torrente Cervo

8.2 Il torrente Cervo e il suo territorio

9 L'asse Biella-Cossato

9.1 Inquadramento

9.2 Genesi storica

9.3 Analisi fisico-funzionale

9.4 La direttrice pedemontana e le trasformazioni territoriali

10 Le dinamiche territoriali

10.1 Uso del suolo

10.2 L 'analisi diacronica

10.3 Le dinamiche territoriali nell'area in esame

10.4 Funzioni urbane e territoriali

10.5 Gli aspetti vegetazionali

10.5.1 Considerazioni su alcune componenti territoriali

11 Vincoli di tutela

12 Il paesaggio

12.1 Sul concetto di paesaggio

12.2 Paesaggio fisiografico e paesaggio sensibile

12.3 La struttura scenica del paesaggio

13 Inquadramento strutturale

13.1 Premessa metodologica

13.2 Profili d'analisi e valutazione

13.2.1 Ambiente fisico

13.2.2 Ambiente biologico

13.2.3 Assetto storico-culturale

13.2.4 Assetto insediativo e infrastrutturale

113.2.5 Assetto paesistico-percettivo

13.2.6 Profili di analisi

13.3 La carta della struttura territoriale

14 Quadro strategico

14.1 Il degrado ambientale-paesistico

14.2 Aspetti socio-economici nell'area studio

14.3 Organizzazione del territorio

14.4 Attese e pressioni di sviluppo

14.4.1 Le attese di sviluppo della Comunità Montana

14.4.2 Attese di sviluppo dall'analisi dei P.R.G.C.

14.4.3 Il potenziamento del sistema infrastrutturale stradale

15 Le alternative di scenario

15.1 Lo sviluppo del settore terziario come segmento di diversificazione economica

15.2 L 'acutizzazione delle problematiche ambientali

15.3 La ricomposizione del disegno urbano

15.4 L 'infrastrutturazione viaria e le misure di mitigazione ambientale

15.5 La marginalità agricola

16 Le interpretazioni reticolari

16.1 Le reti ecologiche

16.2 Da rete ecologica a rete ambientale

16.3 L 'ecologia entra nella pianificazione

16.4 La continuità ecologica: i fattori di pressione nell'area in esame

16.5 Il recupero del sistema delle connessioni eco-biologiche

PARTE TERZA La fascia pedemontana Biella-Cossato. Le proposte di valorizzazione

17 Proposte di valorizzazione storico-ambientale

17.1 Premessa

17.2 La qualità urbana attraverso la ricomposizione della memoria storica

17.3 Il territorio e le sue reti

17.3.1 La rete idrografica

17.3.2 La rete verde

17.3.3 La rete infrastrutturale

18 La continuità del verde urbano e territoriale

18.1 Il territorio verde

18.2 Il sistema del verde nell' ambito urbanizzato e il ruolo degli spazi aperti

18.3 Il sistema del verde

18.4 Le politiche per il verde dei Comuni e della Comunità Montana

19 La rete infrastrutturale

19.1 Le reti infrastrutturali e le problematiche ambientali

19.2 La rete stradale pedemontana

19.2.1 La rete stradale longitudianale

19.2.2 La rete stradale trasversale

19.3 Contrastare la struttura territoriale longitudinale attraverso assi di connessione

20 Gli assi di connessione

20.1 Cosa attraversano e cosa connettono

20.1.1 Asse 1: Biella-Chiavazza

20.1.2 Asse 2: Vigliano Biellese-Candelo

20.1.3 Asse 3: Valdengo

20.1.4 Asse 4: Cerreto castello

20.2 Gli indirizzi strategici

20.3 Gli assi e il sistema dei beni naturalistici e storico testimoniali

20.3.1 Percorsi fruitivi in area collinare

20.3.2 Percorsi fruitivi in area baraggiva

20.3.3 Percorsi fruitivi nelle aree agricole della pianura

20.3.4 Percorsi legati alla storia dell'industria

21 Considerazioni conclusive

Bibliografia

Cartografia

Bibliografia:

-A.A. V.V., a cura di C. Di Maggio e Ghiringhelli R., Reti ecologiche in aree urbanizzate, atti del seminario, Milano 5 febbraio 1999, Angeli P. Milano 1999.

-A.A. V.V ., a cura di Magnaghi A., Il territorio degli abitanti. Società locali e autosostenibilità, Masson S.p.A., Milano 1998.

-A.T.L. Biellese, Comunità Montane del Biellese. Santuari del lavoro, della fede, della natura.

-AA. VV ., a cura di Romano G., Museo del territorio Biellese, Biella Assessorato alla Cultura, 1990.

-AA. VV ., Una filosofia per il museo del territorio Biellese, i documenti del progetto, città di Biella, 1996.

-AA.VV., a cura di Celant A., Nuova città e nuova campagna: l'Italia in transizione, Patròn editore, Bologna 1988.

-Accati E. e Rezza. G., I giardini del Biellese: un 'eredità storica e un patrimonio vegetale inesplorato, Provincia di Biella, Grafica Rogenese, Molteno 1998.

-Ambrosini G., Strade e paesaggi, letture e strumenti progettuali, Celid, 2002.

-Azzoni R., Accanto al Cervo tra bar e Internet, Eco di Biella, 5 agosto 2002.

-Azzoni R., Col college il sogno americano. Eco di Biella, 7 ottobre 2002.

-Azzoni R., L 'ora della Multiplex accanto alla Bennet, Eco di Biella, 2 settembre 2002.

-Azzoni R., Le 21 meraviglie biellesi. Parola di Touring club, Eco di Biel1a, 7 ottobre 2002.

-Barelli M.L. a cura di,Fabbriche formato cartolina. Patrimonio industriale biellese e valsesiano nelle cartoline d'epoca, Celid, Torino 1995.

-Basilico G., Esplorazioni di fabbriche, Electa, Milano 1989.

-Bertolino S, La biodiversità a piccola scala,

www.regione.piemonte.it/parchi/rivista/speciali/conferenza/biodiversità.htm

-Bianchi P., Corpo a corpo con il crudele Dio dei Padri, in Bell' Italia n°125, editoriale Mondadori G., settembre 1996.

-Bianco B., Fiermonte F ., Spaziante A., I paesaggi visibili, in ITATEN : indagini sulle trasformazioni degli assetti del territorio nazionale, rapporto sulla regione Piemonte, Roma 1995.

-Bocchietto L., Abitare nel Biellese, M&B Publinshing S.r.L., Milano1999. -Boeri S. e Lanzani A., Gli orizzonti della città diffusa, in "Casabella" n° 588/1992.

-Bonora M., Il paesaggio nascosto della brughiera: le Baragge, tesi di laurea Facoltà di Architettura A.A. 1997-98.

-Boscacci F ., Il contributo dell'agricoltura all'equilibrio del sistema metropolitano, in Terra, 07, Patron Editore., Bologna, Luglio-Settembre 1989.

-Bosticco A, L' agricoltura Piemontese tra la fine del XVII e l 'inizio del XVIII sec. Torino 1996.

-Bottelli F ., Gli spiriti delle Baragge, in Piemonte Parchi, dic. 1998.

-Brecciaroli Tamburelli L., Alle origini di Biella. La necropoli Romana, Umberto Allemandi & C., 2000.

-Brondi B., Ecologia dei sistemi ambientali, il ruolo dei corridoi ecologici, Politecnico di Torino, Facoltà di Architettura, A.A. 1996-97.

-Calleri G., Una filosofia per il museo del territorio Biellese, Città di Biella, 1994.

-Caracciolo A, L 'ambiente come storia, il Mulino, Bologna 1998.

-Caselli C., Una storia scritta sulle mura dei palazzi, in Bell' Italia n° 125, editoriale Mondatori, settembre 1996.

-Caselli G., Ville biellesi: la Malpenga, Coi tp di Rocci &C., Torino, aprile 1942.

-Catalogo della mostra: Biella l'immagine della città dal '600 ad oggi, la costruzione della città nelle rappresentazioni cartografiche, Assessorato all'Urbanistica, Città di Biella 1995.

-Cervellati P.L., L 'arte di curare la città, Il mulino, Bologna 2000.

-Cervellati P.L., La città bella, n recupero dell'ambiente urbano, Il mulino,

Bologna 1991.

-CESDI, Il distretto Biellese nel mercato globale, Angeli P., Milano 1999.

-Città di Biella, Assessorato all'ambiente, I giardini di Biella, Eventi e Progetti editore, Biella 2002.

-Città di Candelo, Provincia di Biella, Osservazioni in merito al collegamento Carisio-Vigliano, rilievi al progetto preliminare.

-Città di Cossato, P.R.G.C., variante strutturale per la revisione del P.R.G. vigente, Documento di indirizzo programmatico, Maggio-Settembre 2000.

-Colantonio Venturelli R., Introduzione all'ecologia del paesaggio, Lothar Pinke, Angeli P., Milano 1993.

-Comoli Mandracci V., Il territorio storico-culturale della regione piemontese: temi e contributi, Celid, Torino 1982.

-Comune di Biella, Revisione al P.R.G.C, Documento direttore, maggio 1995.

-Comune di Candelo, Assessorato alla Cultura, Il Ricetto: un paese nel paese, Candelo 1992.

-Comune di Candelo, Provincia di Biella, Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n° 9 del 11/04/2001: Grande viabilità e centri commerciali del Biellese.

-Comune di Cossato, Cossato si progetta, Agenda 21 locale, interventi per lo sviluppo sostenibile locale, 2004.

-Comune di Vigliano, ipotesi di realizzazione di un parco sub-urbano presso la sinistra idrografica del torrente Cervo nel territorio di Vigliano, 1997.

-Comunità Montana Prealpi Biellesi, Piano di Sviluppo Socio-economico 2000.

-Comunità Montana Prealpi Biellesi, Progetto speciale integrato per la valorizzazione della collina di Vigliano Biellese,

-Comunità Montane Valle Sessera e Valle Mosso, Archeologia industriale nelle vallate del Sessera e dello Strona, Tipografia Tonso, Mosso S. Maria 1984.

-Consociazione amici dei sentieri del Biellese, Sentieri del Biellese, Notiziario n° 16, Luglio 2000.

-Conti F., Dallo spreco di suolo al progetto dell'ambiente: il nuovo progetto finalizzato C.n.r. Raisa e una conferenza nazionale a Milano, In Territorio n° 8/1991.

-Dansero E., Ecosistemi locali. Valori dell'economia e ragioni dell'ecologia in un distretto industriale tessile, Angeli p ., Milano 1996.

-De Bartolomeis L., Notizie topografiche e statistiche sugli Stati Sardi, Tipografia Chirlo e Mina, Torino 1843.

-Defabiani V ., Ville e residenze di campagna tra Sei e Ottocento in Biellese: una esemplificazione tipologica tra reperto materiale e progetti, in: " Bollettino della società Piemontese di Archeologia e Belle Arti", Biella 1991-92.

-Dematteis G., Contesti e situazioni territoriali in Piemonte. Abbozzo di una geografia regionale dei possibili, in Urbanistica n°96/1989.

-Dematteis G., Controurbanizzazione e strutture reticolari, in A.A. VV.,a cura di Bianchi G. e Magnani, Sviluppo multiregionale: teorie, metodi, problemi, Angeli P., Milano 1985.

-Dematteis G., Dalle " cento città " alle reti europee. Immagini del cambiamento del territorio italiano, in A.A. VV., a cura di Dematteis G., Dansero E., Rossignolo C., Sistemi locali e reti globali, Celid 2000.

-Dematteis G., Dallo spazio polarizzato allo spazio reticolare, in A.A. VV., a cura di Dematteis G., Dansero E., Rossignolo C., Sistemi locali e reti globali, Celid 2000.

-Dematteis O., Immagini e interpretazioni del territorio piemontese dal dopoguerra ad oggi, in IT A TEN : indagini sulle trasformazioni degli assetti del territorio nazionale, rapporto sulla regione Piemonte, Roma 1995.

-Dematteis G., Modelli urbani a rete, considerazioni preliminari, in A.A. VV., a cura di Curti P. e Diappi L., Gerarchie e reti di città: tendenze e politiche, Angeli P., Milano 1990.

-Dematteis G., Sistemi territoriali locali come nodi di reti, in A.A. VV., a cura di, Dematteis G., Dansero E., Rossignolo C., Sistemi locali e reti globali, Celid 2000.

-Dematteis G., Sistemi territoriali locali come nodi di reti, in A.A. VV ., a cura di Curti F. e Diappi L., Gerarchie e reti di città: tendenze e politiche, Angeli F., Milano 1990.

-Dematteis G., Spazio areale/spazio reticolare, in A.A. V.V. a cura di Dematteis G., Dansero E., Rossignolo C., Sistemi locali e reti globali, Celid, Torino 2000.

-Di Giacinto M. C. e Pisu M., Nuove forme di organizzazione territoriale nella zona pedemontana: il caso del Biellese, tesi di laurea, Politecnico di Torino, facoltà di Architettura, 1988-89.

-Donati V., Biellese nei secoli, Atlante di storia Biellese, Libreria Giovannacci V., Biella 1998.

-Emanuel C. e Tancredi S., La rappresentazione del locale tra modelli e progettabilità, in Urbanistica n°96/1989.

-Emanuel C., L' organizzazione reticolare intermetropolitana: alcuni elementi per l' analisi e il progetto, in A.A. VV., a cura di Curti F. e Diappi L., Gerarchie e reti di città: tendenze e politiche, Angeli F ., Milano 1990.

-Emanuel C., Le trasformazioni recenti nelle reti urbane nella Padania centro-occidentale, C.N.R, sottoprogetto 4: la diffusione territoriale dello sviluppo, tema 8, quaderno 8, 1989.

-Emanuel C., Trame insediative e transizioni demografiche nei sistemi urbani, in Dematteis C. e Bonavero P ., il sistema urbano italiano nello spazio unificato europeo, Il mulino, Bologna 1997.

-Ente di gestione aree protette Baragge, Bessa e Brich di Zumaglia, Area Attrezzata Brich di Zumaglia e Mont Preve.

-Esposito S., Per la strada " di gronda " c 'è il progetto definitivo. Il Biellese, 5 luglio 2002.

-Fabbri P., Il paesaggio fluviale: una proposta di recupero ecologico della Dora Riparia, Ed. Angelo Guerini, Torino 1991.

-Fabbri P., Il verde nel paesaggio, Guerini studio, Milano 1989.

-Fabbri P., Introduzione al paesaggio come categoria quantificabile, Celid, Torino 1984.

-Ferla E., Evoluzione dei distretti industriali: il caso di Biella, tesi di laurea, Università commerciale L. Bocconi, Milano, A.A. 1993-94.

-Ferraci C. e Baroni L., Alta velocità e mitigazione ambientale: il caso di Modena, in Urbanistica n°113/1999.

-Fiorio C., Lo sviluppo demografico in Piemonte dall'unità d'Italia ai nostri giorni, tesi di laurea, Università degli Studi di Pavia, A.A. 1990-91.

-Gambino R. , Progetti per l'ambiente, F. Angeli, Milano 1996.

-Gambino R., Condizioni ambientali, consumo del suolo e infrastrutture, In AA. VV .a cura di Dematteis G, F. Angeli, Milano 1989.

-Gambino R., Conservare, innovare: paesaggio ambiente territorio, UTET libreria, Torino 1997.

-Gambino R., I parchi naturali Europei: dal piano alla gestione, NIS Roma 1994.

-Gambino R., I parchi naturali: problemi ed esperienze di pianificazioni nel contesto ambientale, NIS Roma 1991.

-Gambino R., Lo spazio polarizzato, Celid, Torino 1987.

-Gambino R, Progettare la città reticolare, in AA. VV., a cura di Curti F. e Diappi L., Gerarchie e reti di città: tendenze e politiche, F .Angeli, Milano 1990. .

-Gambino R., Reti urbane e spazi naturali, in AA. VV., a cura di Salzano E., La città sostenibile, edizioni delle autonomie, Roma 1992.

-Gambino R., Separare quando necessario, integrare ovunque possibile, Urbanistica 104, giugno 1995.

-Gillio P. e Pizzato R., Parchi reticolari e strutture urbane diffuse: il caso delle colline moreniche eporediesi, tesi di laurea, Politecnico di Torino, Facoltà di Architettura, 1994.

-Giovannacci Amodeo G., Nuova guida di Biella e provincia, Libreria Giovannacci V., Biella, settembre 1994.

-Governa F., Il milieu urbano. L 'identità territoriale nei processi di sviluppo, F. Angeli, Milano 1997.

-Governa F ., Il ruolo del milieu e della rete locale nei processi di sviluppo locale, a cura di Dematteis G., Dansero E., Rossignolo C., Sistemi locali e reti globali, Celid, 2000.

-I.R.E.S., Progetto Po, Rosemberg & Selliers, Torino 1989.

-Ielardi G., dieci idee per i parchi.

www.regione.piemonte.it/parchi/rivista/speciali/conferenza/idee.htm

-Ingegnoli V., L'ecologia del paesaggio in Italia, Città Studi, Milano 1996.

-La Bua P., Milioni per strade, rotonde e asfalto, Eco di Biella, 7 ottobre 2002.

-Lanzani A., Reti di città: questioni interpretative e progettuali, in Urbanistica n° 98/1990.

-Lava F., Pelliccia V ., Baraggia, Eventi&Progetti, Biella 1992.

-Lebole D., Villaggi medioevali scomparsi, in: Bollettino della società Piemontese di Archeologia e Belle Arti, Biella 1991-92.

-Lesca A., Il territorio di Biella, tesi di laurea, A.A. 1979-1980.

-Linch K., L 'immagine della città, Marsilio editori, Padova 1969.

-Longo A., a cura di, GrunGurtel Frankfurt, Emscher Landschaftspark: politica degli spazi aperti in Germania, Urbanistica 107 dicembre 1996.

-Maffioletti. G.P., La tutela della risorsa del territorio agricolo nella pianificazione comprensoriale del lodigiano: un 'esperienza concreta, Territorio N° 6,1997. .

-Malcevschi S., Gariboldi Bisogni, Reti ecologiche e interventi di miglioramento ambientale, il Verde Editoriale, Milano 1996.

-Malcevschi S., La rete ecologica nella provincia di Milano, analisi e studi di settore per il progetto di P.T.C.P ., F. Angeli e Amministrazione Provinciale di Milano, Milano 1999.

-Malcevschi S., Reti ecologiche. Quale connessione?, Acer 3/2001.

-Maniglio Calcagno A., Reti ecologiche in aree urbanizzate, Atti del Seminario, Milano 05/02/1994.

-Marubbi Buratti M.G., Tutta Chiavazza, Tipografia A Tonso, Mosso S. Maria (VC), aprile 1988.

-Migliorini F., Parchi, giardini, paesaggio urbano: lo spazio aperto nella costruzione della città moderna, F.Angeli, Milano 1989.

-Mosca L., Il territorio agrario nel Biellese secondo antiche attestazioni canonicali, tesi di laurea, Universita degli studi, Torino 1972-73.

-Na.tur.arte, Progetto Arca, Indagine bibliografica, Biella 1998.

-Neiretti M. e Vacchino G., a cura di La lana e le pietre. Il Biellese nell' archeologia industriale: le valli orientali, catalogo della mostra, Doc.Bi, Biella 1987.

-Neiretti M., La "nuova geografia " del Piemonte settecentesco: Giovan Tommaso Mulattera (1727-1805), medico, storiografo, geografo biellese. Bollettino Doc.B4 1977.

-Oliva. F., a cura di, Piani regolatori sostenibili, in Urbanistica 112, giugno 1999.

-Oneto G. e Boga D., Analisi paesaggistica, Pirola editore, Milano 1990.

-Oneto G., Manuale di pianificazione del paesaggio, Il Sole 24 Ore, Pirola S.p.A., Milano1997.

-Piano faunistico-venatorio della provincia di Biella.

-Piano stralcio delle fasce fluviali, Autorità di Bacino del fiume Po, Parma.

-Piano Territoriale Provinciale della provincia di Biella, Articolazione territoriale della provincia di Biella, Febbraio 1998.

-Piano Territoriale Provinciale della provincia di Biella, Documento di intenti, marzo 1998. .

-Piano Territoriale Provinciale della provincia di Biella, Le carte dell'uso del suolo e lo studio diacronico delle dinamiche territoriali (bozza) , Marzo 1999.

-Piano Territoriale Provinciale della provincia di Biella, Relazione socio- economica, Ottobre 1997.

-Piano Territoriale Provinciale della provincia di Biella, ricerca sull'uso del suolo e la vegetazione. Le dinamiche territoriali, dati comunali, aprile 1999.

-Piano Territoriale Provinciale della provincia di Biella, Struttura insediativa storica: relazione e schede comunali, ottobre 1998.

-Piano Territoriale Provinciale della provincia di Biella, Uso reale del suolo, relazione illustrativa, .dati comunali, marzo 1997.

-Piva C., a cura di, I villaggi operai Trossi e Rivetti, un 'analisi storico-architettonica, Chioma di Berenice, edizioni S.N.C., Vigliano Biellese 2000.

-Pizzuto P., Archeologia industriale a Biella tra '800 e '900, tesi di laurea, Università degli Studi Milano AA. 1998-99.

-Portinaro P. L., La provincia di Biella nelle antiche stampe, Giorgio Tacchino editore, Vercelli 1984.

-Provincia di Biella, Assessorato alla tutela ambientale, Relazione sullo stato dell'ambiente della provincia di Biella (sintesi), maggio 1998.

-Provincia di Biella, ASTM S.p.A., Realizzazione del collegamento autostradale Carisio (A4)-Biella (S.S. 142, Variante), Studio di fattibilità ambientale, Relazione generale.

-Provincia di Biella, L 'Ecomuseo del Biellese.

-Ramella P., Terre e telai, Einaudi, Torino 1984.

-Regione Piemonte, Piano Territoriale Regionale, approfondimento della Valle di Susa: Inquadramento strutturale e Inquadramento strategico.

-Regione Piemonte, Provincia di Biella, L' ecomuseo del Biellese, 2002.

-Romano B., La continuità ambientale nella pianificazione, Urbanistica 112, giugno 1999 .

-Romano B., Oltre i parchi la rete verde regionale. Una ricerca sull'idoneità territoriale per i corridoi ecologici dell' Appennino Centrale, Andromeda Editrice, Colledara (TE) 1996. .

-Romano B., Il verde nel Biellese: variazioni del sistema ambientale, tesi di laurea, Politecnico di Torino, facoltà di Architettura, A.A. 1997-98.

-Scarzella P. e Scarzella M., Immagini del vecchio Biellese, vol 2, Tradizioni Biellesi, l'artigianato e le antiche strade, Libreria Giovannacci, Biella 1993.

-Sciolla G. C., Il Biellese dal medioevo ali '800: artisti, committenti, cantier, S. Pozzo, Torino 1989.

-Sciolla G. C., Terre ed economie Biellesi del XVII sec. I diari dell'abate Gromo G. E. di Ternengo, in bollettino Doc.Hi., Centro Studi Biellesi 1997.

-Signoretto M., Treni e tram nel Biellese, storia ed attualità dei mezzi pubblici del Biellese, Libreria De Nessi, Biella 1988.

-Sodano M., Come nacque l 'industria a Vigliano Biellese, ieri, oggi e domani, numero unico 1967.

-Sola A, Bordignon L., Vanzi R., Le Baragge, Piemonte Parchi n° 51, Giugno 1993.

-Sola A, Cento anni di storia a Vigliano Biellese, mostra documentaria, 20 aprile 1985.

-Sola A., Il territorio di Vigliano Biellese attraverso la toponomastica, Comune di Vigliano Biellese, 1989.

-Sola A., Ricerca sull'origine e fondazione del Biellese, Libreria Giovannacci V., Biella 1984.

-Sola A., Rinvenimenti archeologici in Vigliano Biellese, Biella 1972.

-Sommo G., Luoghi fortificati fra la Dora Baltea, Sesia e Po, Atlante aereofotografico dell'architettura fortificata sopravvissuta e dei siti abbandonati, Edizioni Gruppo Archeologico Vercellese, Vercelli 1993.

-Spandonari M., La "città diffusa" biellese, innovazione d'industria e trasformazioni territoriali in ITATEN: indagini sulle trasformazioni degli assetti del territorio nazionale, rapporto sulla regione Piemonte, Roma 1995.

-Spaziante A. e Vico F ., I paesaggi economici, sociali, istituzionali: permanenze e innovazioni, in ITATEN : indagini sulle trasformazioni degli assetti del territorio nazionale, rapporto sulla regione Piemonte, Roma 1995.

-Spina L., a cura di, Candelo. Architettura e arte sacra, Eventi e Progetti, 2000.

-Spina L., a cura di, Impronte: piccole guide del territorio del Biellese, Sandro Maria Rosso editore, Biella Piazzo 1995.

-Spina L., Volontà D., Gli opifici, Città di Biella 1989.

-Torrione P. e Crovella V., Il Biellese ambiente uomini e opere, Centro studi Biellese 1963.

-Triban G., Ricerche sui bandi campestri e politici di Valdengo, Vigliano e Monte Cavallo, Università degli Studi di Torino, Facoltà di Giurisprudenza, A.A.1988-89.

-Turismo in crescita nel Biellese,

Biella on line: www.biol.it/econo/eco160200a.htm.14/8/2000.

-Vacchino G. a cura di, Le fabbriche e le foreste, forme e percorsi del paesaggio Biellese, edizione DocBi, 2000.

-Vanzi R., Natura del Biellese, Libreria Giovannacci, Biella 1997

-Verzoletto G., Il sistema di ville di Cerreto Castello, tesi di laurea, Facoltà di Architettura, Milano, A.A. 1996-97.

-Viola F., Reniero S., Gonzato R., Barbariol G.P., Fiduccia A., Rete ecologica a scala urbana, Rivista della Federazione Italiana Parchi e delle Riserve naturali N° 29, febbraio 2000.

-W.W.F., Associazione turistica proloco Candelo: Baraggia, guida alla natura, Candelo 2000.

-Zampicinini F., Osservazioni sulle edicole sacre nel Biellese: cappelle piloni votivi, dipinti murali, in: Bollettino della società Piemontese di Archeologia e Belle Arti, Biella 1991-92.

-Zerbi M.C., Il paesaggio tra ricerca e progetto, Giappichelli editore, Torino 1994.

-Zorio R., Biella, città e piani nella trasformazione, tesi di laurea, Facoltà di Architettura, Torino 1986.

Cartografia

-Carta del Biellese, scala 1 :25000.

-C.M. Prealpi Biellese, Carta dei vincoli, scala 1 :25000.

-C.M. Prealpi Biellese, Carta delle aree di pregio ambientale, paesaggistico e delle emergenze architettoniche, scala 1 :25000.

-C.M. Prealpi Biellese, Carta geologica, scala 1 :25000.

-C.T.R., scala 1:10000.

-Comune di Biella, Carta dei condizionamenti e delle opportunità naturalistiche ed ecosistemiche, scala 1:10000.

-P.T.P. della provincia di Biella, Carta dei vincoli da P.R.G.C., scala 1 :25000.

-P.T.P. della Provincia di Biella, Carta dell'uso reale del suolo al 1994, scala 1:25000.

-P.T.P. della Provincia di Biella, Carta delle tutele paesistiche, scala 1 :25000. .

-P.T.P. della Provincia di Biella, Carta dello sviluppo insediativo, scala 1 :25000.

-P.T.P. della Provincia di Biella, Evoluzione diacronica dell'uso del suolo, scala 1 :25000.

-P.T.P. della Provincia di Biella, Funzioni urbane e territoriali, scala 1 :30000.

-P.T.P. della Provincia di Biella, Infrastrutturazione storica, scala 1 : 100000.

-P.T.P. della Provincia di Biella, Mosaicatura dei P.R.G.C., scala 1 :25000.

-P.T.P. della Provincia di Biella, Reticolo idrografico, scala 1 :25000.

-P.T.P. della Provincia di Biella, Struttura storico insediativa, scala 1 :50000.

-Piano stralcio delle fasce fluviali, Autorità di Bacino del Fiume Po, Panna.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)