Politecnico di Torino (logo)

Galla, Alberto

Origine, rilievo, rifunzionalizzazione villa Bria.

Rel. Giuseppe Orlando. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2004

Abstract:

L'oggetto del nostra tesi è rappresentato dal complesso architettonico denominato Villa Bria. Sito sulla collina torinese - all'interno del territorio di Bussolino - frazione di Gassino - viene edificato nella prima metà del XVIII secolo dal Conte Carlo Domenico Beria. Il lavoro svolto consiste in un analisi del manufatto, seguendo un percorso che si indirizza consapevolmente verso la conservazione del bene culturale. Inizialmente abbiamo indagato sul contesto storico in cui sorge la Villa, partendo dal generale - il barocco e tardo barocco - fino ad arrivare al livello locale con la Torino secentesca e settecentesca e lo sviluppo del fenomeno della "Vigna" in Piemonte. - L'analisi storico - ambientale del territorio ove si insedia la fabbrica, svolta attraverso il recupero di documenti redatti dalle Istituzioni (Carta di sintesi - che descrive la situazione geomorfologica della vallata . Carta tecnica regionale che attraverso le isoipse o curve di livello ci comunica in piano quelli che sono i rilievi collinari). Inoltre ci si e' soffermati sull'evoluzione e la trasformazione negli anni della vegetazione e delle coltivazioni locali, analizzando le informazioni presenti nei catasti delle varie epoche. La fase saliente del nostro lavoro e' rappresentata dalla conoscenza precisa e approfondita dell'organismo edilizio: parallelamente al rilievo puntuale sullo stato attuale del manufatto, la ricerca in archivio ci ha permesso di ricostruire, confrontare e infine delineare le fasi costruttive, le trasformazioni , le aggiunte e le demolizioni ad opera delle proprietà che si sono succedute. Particolare attenzione, durante il rilevamento oltre che durante la sua restituzione grafica, è stata data alla consistenza dei materiali e delle strutture ed al loro degrado. Per meglio evidenziare lo stato dei difetti ci siamo avvalsi della metodologia delle icone e delle campiture retinate sviluppata dal Prof. Mario Dalla Costa. - Infine l'ultima fase del lavoro e' rappresentata da una ipotesi di riuso del manufatto, adattandolo ad una nuova funzione, ma cerando di mantenere i caratteri già esistenti del complesso edilizio. La rifunzionalizzazione è volta a anch'essa a garantire la conservazione e la tutela del bene culturale.

Relatori: Giuseppe Orlando
Parole chiave: villa Bria - rilievo - rifunzionalizzazione
Soggetti: R Restauro > RA Restauro Artchitettonico
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/46
Capitoli:

Introduzione

PARTE PRIMA: IL CONTESTO STORICO ARCHITETTONICO

I. L'età barocca

I.l. Origine dello stile

I.2. Il mondo del XVII secolo

I.3. I caratteri del Barocco

I.4. Il Tardo Barocco

II. Il contesto locale

II.1. Torino secentesca e settecentesca

II.2. Le "Vigne" delle colline Piemontesi

PARTE SECONDA: ANALISI DEL BENE CULTURALE

I. Indagine storica

I.1. Fonti scritte e analisi documentale

I.2. Le fasi costruttive

I.3. Le trasformazioni storiche dell'ambiente e della fabbrica

II. Conoscenza del manufatto

II.1. Il rilievo

II.2. Descrizione del complesso

II.3. Analisi del degrado

PARTE TERZA: LA RIFUNZIONALIZZAZIONE

I. Ipotesi per un riuso compatibile

Bibliografia

Bibliografia:

AA.VV. Enciclopedia dell'Architettura, 1 a ed., Milano, Garzanti, 1996, pp. 1036.

AA.VV. Dictionnaire de trevoux, Francia, 1771.

Argan, Giulio Carlo, La «Rettorica» e l'arte barocca, Atti del III Congresso internazionale di studi umanistici: «Retorica e Barocco», Roma, 1955.

Argan, Giulio Carlo, L'architettura barocca in Italia, 1 a ed., Milano, Garzanti, 1957, pp.11

Argan, Giulio Carlo, L'Europa delle capitali. 1650-9750, 1a ed., Genève, Skira, 1964

Battisti, E., Rinascimento e Barocco, Torino, 1960

Brusasco, Pio, Luigi, Architettura e imitazione, 1a ed., Firenze, Alinea, 1992, pp. 231.

Burckhardt, j. , Il Cicerone,1° ed., Milano, Rizzoli, 1994, 2 vol..

Croce, B. , Storia dell'Età Barocca in Italia, Bari, 1929.

Delogu G, , L'architettura italiana del Semento e del Settecento, 1a ed., Bari, Edizioni Dedalo, 1980, pp. 160

Fregi-, D., Architettura barocca, Roma- Milano, 1926.

Giedíon, S., Spazio, tempo e architettura, l'ed., Milano, Hoepli, 1984, pp.755.

Griseri, Andreina, Le metamorfosi del barocco, la ed., l Orino, Einaudi, 1967

Kurz, O., Barocco: storia di una parala, in «Lettere italiane», hII (1960).

Milizia, F., Memorie defili architetti antichi e moderni, Bassano, 1785.

Milizia, F., Dizionario delle Belle Arti, Bassano, 1797.

Norberg-Shulz, Christian, Architettura Barocca, la ed., Milano, Electa, 1971, pp. 223.

Norberg-Shulz, Christian, Architettura Tardobayncca, l'ed., Milano, Electa, 1972, pp.217.

Norberg-Shulz, Christian, Centralità ed estensione nelle opere sacre di Bernardo L'inane, Atti del Convegno internazionale promosso dall'Accademia delle Scienze di Torino: « Bernardo Vittone e la disputa fra Classicismo Barocco nel Settecento», Torino, 1972.

Norberg-Shulz, Christian, Significato nellArchitPtiura occidentale 1'ed., Milano, Electa, 1974

Pevsner, N., Storia dell'architettura europea, l'ed., Roma-Bari, Latenza, 1966,

Pevsner N.; Fleming J.; Honour H., Dizionario di architettura, l'ed., Torino, Einaudi, 1981.

Tagliabue, G., M., Aristotelismo e barocco, Atti del III Congresso internazionale di studi umanistici: «Retorica e Barocco», Roma, 1955.

Wittkower, R., Arte e Architettura in Italia. 1600- 1750, la ed., Torino, Einaudi, 1972, pp. 439.

Wolfflin, H.,Rinascimento e Barocco, 1a ed. italiana, Firenze, Vallevecchi Editore, 1928, pp. 255

Bernardi, M.., Carbonieri, N., Viale, Mostra del Barocco Piemontese, catalogo, 3 voll., Torino, 1963.

Brayda, c., Colli, L., e Sesia, D., Ingegneri e architetti del Sei eSettecento in Piemonte, in « Atti e rassegna tecnica della Società degli ingegneri e architetti in Torino», XVII, 1963.

Cavallari Murat, A., Forrna urbana e architettura nella Torino barocca, Torino, 1968

Chevalley, G., Gli architetti, l'arcbitettura e la decorazione delle ville piemontesi nel X LIIII secolo, Torino, 1912.

Chierici, G., Il palazzo italiano dal secolo XVII al XIX, Milano, 1957.

Comoli Mandracci, V., Le città nella storia d'Italia. Torino, Bari, 1983

Defabiani, V., Roggero Bardelli, C., Lettura storica delle ville e vigne della collina torinese, in A.A. V.V. �Beni Culturali e ambientali del Comune di Torino", Torino, 1984

De Rossi, O., Nuova guida per la città di Torino, Torino, 1781.

Fattori, B., Geraci, O., Le ville di San Maurn. Gli edifici del 1700 di pregio ambientale, San Mauro, 1985

Gribaudi Rossi, E. Ville e vigne della collina torinese, Torino, 1975

Marini, G., L., L'architettura barocca in Piemonte, Torino, 1963.

Passanti, M., Le trasfonrtatizoni barocche entro l'atra di Torino antica, Atti del X Congresso di storia dell'architettura, Roma 1959, pp. 69-100.

Passanti, M., Architettura in Piemonte, Torino, 1945.

Pedrini, A., Ville dei secoli XVII e XVIII in Piemonte, Torino, 1965.

Telluccini, A., L'Arte dell'architetto Filppo Juvarra in Piemonte, 1° ed., Torino, 1926

Amore, G.,Storia dalle origini ad oggi dei Comuni di Cassino Torinese, Bardassano, Bussolino, Castiglione, Cintiano, Rivalba, San Raffaele Cimena, Sczoke, Gassino, 1977

Casalis, G., Dizionario geografico storico commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, Torino, 1834

Maddio, G., Notizie storiche sul comune di Gassino, Torino, 1896

Rabbini, A., Elenco dei nomi dei prnprietari delle cascine e fabbriche designate sulla carta topografica della città.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)