Politecnico di Torino (logo)

Fisanotti, Dario

Social lighting : un progetto di luce urbana per il centro storico di Rivoli.

Rel. Chiara Aghemo, Roberta Novascone, Rossella Taraglio. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile, 2014

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Durante il corso dei due anni di laurea magistrale ho potuto avvicinarmi al tema della progettazione dell’illuminazione in senso ampio e generale. Il mio interesse per l’illuminotecnica nasce dalla partecipazione nell’anno 2014 al workshop “Il progetto illuminotecnico”, tenuto dalla prof.ssa Chiara Aghemo e dagli architetti Rossella Taraglio e Gabriele Piccabiotto.

Il corso mi ha dato la possibilità di scoprire una nuova disciplina progettuale, capace attraverso l’uso della luce di comunicare ed esaltare un luogo, modificandone profondamente l’immagine notturna e influenzando notevolmente la percezione che le persone hanno degli spazi in cui vivono e socializzano. La luce infatti agisce sullo spazio, inteso come un sistema di forme in grado di suscitare una serie di emozioni a coloro che stanno vivendo quel determinato luogo.

A questa esperienza si è aggiunta successivamente la possibilità di prendere parte al workshop “Kronach Leuchtet” nell’aprile 2014, tenuto nell’omonima città in Germania. Attraverso questa esperienza ho potuto toccare con mano per la prima volta la progettazione della luce, creando un progetto illuminotecnico per il centro storico e realizzandolo personalmente attraverso l’istallazione degli apparecchi luminosi.

I progetti illuminotecnici creati sono diventati poi protagonisti per due settimane del festival della luce che ogni anno si tiene nella città di Kronach.

Per entrare in merito all’argomento e affrontare il tema della metodologia e degli strumenti illuminotecnici, in modo da proseguire il mio percorso di formazione da uno approccio teorico ad uno sempre più pratico, ho ritenuto fosse utile vivere un’esperienza professionale all’interno di un’azienda che si occupasse della progettazione illuminotecnica e dell’installazione dei apparecchi.

A tale proposito, grazie all’aiuto del architetto R. Taraglio sono entrato in contatto con la ditta “PerlaLuce”, nella quale ho svolto un tirocinio di tre mesi, durante i quali ho appreso moltissime nozioni in merito alla materia trattata, relazionandomi con gli strumenti del progetto illuminotecnico, i modelli, le simulazioni, gli elaborati grafici, fino alle visite dei cantieri in progetto.

La realizzazione di questa tesi nasce inoltre dall’incontro di una serie di interessi personali, concernenti il tema della città, la sociologia urbana e l’illuminazione degli spazi pubblici attraverso la luce artificiale.

L’occasione per entrare in contatto con le tematiche sopra citate è avvenuto con la mia partecipazione alla prima edizione del concorso video internazionale “Riprenditi la città, Rispendi la luce”, bandito dall’associazione AIDI, Associazione Italiana Di Illuminazione e rivolto ai giovani under 30. Il concorso aveva come tema lo spazio urbano notturno con protagonista la luce e si proponeva di far emergere il rapporto dei giovani con la “propria” città dove vivono, studiano, lavorano, attraverso l’elemento della luce, non solo di quella naturale, ma anche di quella artificiale, per una maggiore consapevolezza dell’importanza che questo elemento riveste nella vita di tutti i giorni, all’interno di tre precisi temi: i luoghi della cultura, del tempo libero e del movimento. La luce è stata quindi considerata non solo come un elemento tecnico, ma come un momento essenziale del modo di presentarsi della spazio urbano e come elemento determinante che lo modella. L’obiettivo era quello di riprendere la città, definendo un ambiente, quello notturno, complementare nella sua apparenza di spazio luminoso, a quella ben nota offerta dalla luce del sole e del cielo, in grado di restituire una originale lettura dei luoghi.

Il tema da me scelto e stato un luogo della cultura, il Castello di Rivoli, dove è stato girato il video “accendiAMOilcastello” con il quale ho partecipato al concorso. Il concept descrive come l’uomo incontrandosi crea un campo elettrico di relazione tra se stesso, gli altri, l’architettura e lo spazio in cui si trova. Il video è un progetto ideato con lo scopo di dare luce ad una struttura, un castello, un museo d’arte contemporanea, nella sua veste notturna, attraverso semplici torce, cellulari, attraverso sguardi ingenui e curiosi. Una luce discreta, puntuale e incisiva si posa su mattoni che hanno una storia, parlano di passato e contornano il presente durante il giorno, ma si spengono col calar del sole.

Accendere un luogo grazie all’incontro tra persone e il dinamismo dei giovani; una comunità che si crea per illuminare ed essere illuminata in un contesto culturale capace di dare suggestioni anche con la sua vita notturna.

La mia tesi parte proprio da questo video, che ha determinato l’idea iniziale dalla quale è stato concepito e sviluppato il progetto illuminotecnico per il centro storico ed il Castello di Rivoli, che segue i principi appena descritti, inserendoli in un processo di riqualificazione urbana.

Relatori: Chiara Aghemo, Roberta Novascone, Rossella Taraglio
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
S Scienze e Scienze Applicate > SJ Illuminotecnica
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3949
Capitoli:

INDICE:

Premessa

Articolazione della tesi

INTRODUZIONE: L'illuminazione urbana

Capitolo 1: L’illuminazione urbana oggi

1.0 Introduzione

1.1 Definizione

1.2 Funzioni della luce

1.3 La luce e la qualità della vita

Capitolo 2: L’illuminazione urbana moderna

2.0 Introduzione

2.1 Città buia o city beautification

2.2 Strumento urbanistico

2.3 Strumento socio-politico e di marketing

Capitolo 3: La luce e la città

3.1 Il progetto illuminotecnico nella città

3.2 Social lighting

3.3 Conclusioni

Capitolo 4: Una metodologia per la progettazione dell’illuminazione urbana

4.0 Premessa

4.1 Metodologia applicata

4.1.1 Analisi oggettiva

4.1.1.1 Analisi storica

4.1.1.2 Analisi dello stato di fatto del territorio urbano

4.1.1.3 Analisi dello stato di fatto dell’illuminazione

4.1.1.4 Analisi degli spazi e delle funzioni

4.1.2 Analisi soggettiva

4.1.2.1 L’immagine della città

4.1.2.2 La tecnica utilizzata

4.1.2.3 Gli elementi dell’immagine della città

4.1.2.4 Percorsi

4.1.2.5 Margini

4.1.2.6 Quartieri

4.1.2.7 Nodi

4.1.2.8 Riferimenti

4.1.2.9 Analisi del’utenza

PARTE I: Analisi territoriale e urbana

Capitolo 1: Il caso studio

1.0 Introduzione

1.1 Inquadramento territoriale e geomorfologia del territorio

1.2 Inquadramento urbano

1.3 Analisi dello stato di fatto dell’illuminazione architetturale

1.4 Analisi dello stato di fatto dell’illuminazione funzionale

Capitolo 2: Analisi percettiva

2.0 Risultati dell’analisi

2.1 Percorsi

2.2 Margini

2.3 Quartieri

2.4 Nodi

2.5 Riferimenti

PARTE II: Analisi storica

Capitolo 1: Analisi storica del Castello di Rivoli

1.0 Introduzione

1.1 Le origini: le vicende storiche anteriori all’anno 1100

1.2 Il primo documento sul territorio

1.3 Il Castello Medioevale

1.4 I progetti del Castellamonte ed il restauro del Garove

1.5 Il restauro di Juvarra

1.6 Le recenti vicende storiche

Capitolo 2: Il restauro

2.1 Il progetto di restauro

2.1.1 Le coperture

2.1.2 Interventi di consolidamento

2.1.3 I Collegamenti verticali

2.1.4 Gli ambienti interni

2.1.5 I paramenti esterni

2.1.6 La Manica Lunga

PARTE III: Analisi sociologica

Capitolo 1 : Analisi sociologica

1.0 Introduzione

1.1 Osservazione partecipante

1.2 La Tecnica utilizzata

1.3 L’oggetto dell’osservazione

1.4 La registrazione dell’osservazione

1.5 Modalità di registrazione

1.6 Risultati

1.6.1 Zona A - Piazza Martiri della Libertà

1.6.2 Zona B - Via Fratelli Piol

1.6.3 Zona C - Piazza Mafalda di Savoia

1.6.4 Interazioni formali

Capitolo 2: Interviste informatori istituzionali

2.1 Scopi e metodi

2.2 Temi dell’intervista

2.2.1 Accessibilità

2.2.2 Aspetto turistico ed economico

2.2.3 Informazione e gestione

2.2.4 Aspetto illuminotecnico

2.2.5 Note conclusive

2.3 Griglia intervista

PARTE IV: Concept progetto illuminotecnico

Capitolo 1: Concept centro storico

1.0 Introduzione

1.1 Risultati dell’analisi

1.2 Obiettivi Masterplan illuminotecnico

1.3 Concept di progetto: Percorso di Luce Monumentale

1.3.1 Gli apparecchi in progetto

Capitolo 2: Concept Piazza Mafalda di Savoia

2.0 Introduzione

2.1 Risultati dell’analisi

2.2 Obiettivi Masterplan illuminotecnico

2.3mConcept di progetto:mArea espositiva istallazioni luminose

2.4 Concept di progetto:mIlluminazione architetturale

2.5 Concept di progetto: illuminazione mapping 3D

2.6 Filosofia di progetto: Lighting YOURSELF

2.6.1 Concept di progetto: illuminazione interattiva

2.6.2 Concept di progetto: illuminazione sociale

Conclusioni

Bibliografia

Allegato 1: Quadro normativo

Allegato 2: Interviste informatori istituzionali

Allegato 3: Griglie di schedatura osservazione partecipante

Allegato 4: Tavole di progetto

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA:

-A. BAUDI di VESME, Manoscritti, SPABA, Torino, 1966.

-A. BAUDI di VESME, Schede Vesme, vol.II, SPABA, Torino, 1966.

-A. BRUNO, Da residenza sabauda a museo d’arte contemporanea, Umberto Allemandi & C, Torino, 1999.

-A. BRUNO, I. GIANELLI, C. BERTOLOTTO, Il Castello di Rivoli, Umberto Allemandi & C, Torino, 2007.

-A. BRUNO, Il Castello di Rivoli. 1734-1984. Storia di un recupero, Umberto Allemandi & C, Torino, 1984.

-A. CASTELLAMONTE, La Venaria reale palazzo di piacere e caccia, ideato dall’Altezza Reale di Carlo Emanuele II, Torino, 1674.

-A. E. BRINCKMANN, Theatrum Norum pedemontii, Dusseldorf, 1931

-A. M. MAROCCO, Un incompiuto juvarriano, il Castello di Rivoli, Bottega d’Erasmo, Torino, 1981.

-A. TELLUCINI, Il Castello di Rivoli Torinese, in «Bollettino d’Arte», X, 1930-31.

-A. TELLUCINI, Il Castello di Rivoli Torinese, Torino, 1922.

-A. TELLUCINI, L’arte dell’architetto Filippo Juvarra in Piemonte, Torino, 1920.

-A.S.T.O, Sez II, Appanaggio, 1715.

-A.S.T.O, Sez III, Connto Tesorier delle Fabbriche, 1634.

-A.S.T.O, Sez III, Conti della Tesoriera, 1562.

-A.S.T.O, Sez. III, Conto Tesoriera delle Fabbriche, 1596.

-C. MERLINI, Palazzi e curiosità storiche torinesi, Torino, 1923.

-C. ROVERE, Il Piemonte antico e moderno, Torino, 1978.

-D. PROMIS, Monete della Zecca di Asti, Stamperia reale, Torino, 1853.

-D. PROMIS, Memorie di un terrazzano di Rivoli dal 1535 al 1586, Torino, 1865.

-Donazione 18 maggio 1792, Archivio Storico del Municipio di Rivoli

-F. COGNASSO, (a cura di), Cartario dell’abbazia di S. Solutore, 1908.

-F. GABOTTO,(pubblicato da), Inventario 20 gennaio 1417 dei beni mobili esistenti nel Castello di Rivoli, 1908.

-G. BORGHEZIO, Briciole di storia rivolese, 1971.

-G. CASALIS, dizionario geografico, storico, statistico, commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, Voi. XVI, voce: Rivoli, Torino, 1847.

-G. GIACOSA, Castelli Valdostani e Canavesi, Enrico librai editori, Ivrea, 1897.

-G. GRITELLA, Rivoli. Genesi di una Residenza Sabauda, Panini, Modena, 1986.

-I. GIANNELLI, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea. La Residenza Sabauda. La collezione, Skira, Milano, 2008.

-L. MASINI, La vita e l’arte di Filippo Juvarra,« in atti SPABA», IX, 1920.

-L. ROVERE, V. VIALE e A. E. BRINCKMANN, Filippo Juvarra, (a cura della città di Torino), Milano, 1937.

-L. TAMBURINI, Il Castello di Rivoli, Rivoli, 1981.

-M. CELLI, Architettura tra storia e progetto. Interventi di recupero in Piemonte. 1972-1985, Umberto Allemandi & C, Torino, 1985.

-M.F. VIALE, Filippo Juvarra scenografo e architetto teatrale, Torino, 1970.

-B. ZEVI, Saper vedere la città, Einaudi, Torino, 1960.

-C. CARDANO, La ricerca Entnografica, in Ricolfi (a cura di), 1997.

-C. CUPRANI, Il ciclo metodologico della ricerca sociale, Angeli, Milano, 1998.

-C. GEERTZ, The Interpretation of Cultures, BasicBook, New York, 1973; trad. it. Interpretazione di culture, Il mulino, Bologna, 1978.

-C. GUALA, Intervista e conversazione, Costa & Nolan, Genova, 1996.

-C.F. CANNEL, The Dynamics of Interviewing, New York, Wiley; trad. it. La dinamina dell’intervista, Marsilio, Padova, 1968.

-E.J. HAMMERSKLEY, P. ATKINSON, Ethnography: Principles in Practies, Tavistok, London, 1983.

-F. DAVIS, The Martina and the Covert: Ontological Polarities in Social Research, in «Urban Life»

-F. MATTIOLI, Sociologia visuale, Nuova Eri , Torino, 1991.

-G. GOBO, Descrivere il mondo. Teoria e pratica del metodo etnografico in sociologia, Carocci, Roma, 2001.

-J. LOFLAND, Analizing Social Setting, Belmont, Wadsworth, 1971.

-J. LOFLAND, L.H. LOFLAND, Analizing Social Setting, Belmont, Wadsworth, 1995.

-K. LYNCH, The image of the city, Massachusetts Institute of Technology, 1964.

-K.D. BATLEY, Methods of Social Research, New York, The Free Press; trad. it. Metodi della ricerca sociale, Bologna, Il Mulino, 1995.

-L. ALFIERI, A. PERINO, Con gli occhi e con le parole. L’osservazione come tecnica di ricerca,in Cipolla, 1988.

-L. BENEVOLO, La città nella storia d’Europa, Laterza Editore, Roma, 1993.

-P. CORBETTA, Le tecniche qualitative II Mulino, Bologna, 2003.

-P.J. SPRADLEY, Participant Observation, Renhert Winston, New York, 1980.

-W. LABOW, Sociolinguist Patterns, Philadelphia, University of Pennsylvania Press, 1972.

-A. BESSI, Soluzione innovativa per la gestione della luce e risparmio energetico -apparecchi intelligenti per l’illuminazione dinamica e personalizzata, Atti Convegno Nazionale AIDI: Luce,Arte, Scienza e Norma, Genova, 15-16 novembre 2004 W, SCHIVELBUSCH, Luce, Nuove Pratiche Editrice, Parma, 1994.

-A. Masboungi, Penser la ville parla la lumière, Editions de La Villette, 2003, Paris.

-AAVV, Illuminare la città. Sviluppo dell’illuminazione pubblica a Torino, AEM-Celid, Torino, 1994.

-C.AGHEMO, L. BISTAGNINO, C. RONCHETTA, Illuminare la città, AEM, Torino, 1994.

-C. M. CLEMENTE, Ingo Maurer. Percorsi di luce, Testo & Immagine, Torino, 2001.

-C. TERZI, I piani della luce, Editoriale Domus, Milano, 2001.

-D. RAVIZZA, Architetture in luce: il progetto di illuminazione di esterni, ruoli funzioni della luce, criteri e metodologia di progetto, materiali e tecnologie, realizzazioni, Angeli, Milano, 2006.

-DELEUIL, Jean-Michel, Lyon la nuit, pratiques et images, Presses universitaires de Lyon, Lyon), 1994.

-F. BIANCHI, G PULCINI, Manuale di illuminotecnica, La Nuova Italia Scientifica, Roma, 1995.

-G. FORCOLINI, illuminazione di esterni, Hoepli Editori, Milano, 1993.

-M. MAJOR, Penser la ville par la lumière, Editions de La Villette,2003, Paris.

-M. ROSSI, Designe della luce: fondamenti ed esperienze nel progetto della luce per gli esseri umani, Maggioli Editore, Ravenna, 2008.

-Ordine degli Architetti PPC di Firenze, Ordine degli Architetti PPC di Prato, Fondazione centro studi e ricerche Professione Architetto - ONLUS “Carta della luce delle città d'arte”, Firenze 27 novembre 2003, art. 1, 2, 3, 4, 6, 8.

-P. PALLADINO, Illuminazione architettonica in esterno. Guida alla progettazione degli impianti, Tecniche Nuove, Milano, 1993.

-P. PALLADINO, La luce in architettura. Guida alla progettazione degli impianti, Maggiore Editori, Milano, 2012.

-P. PALLADINO, Manuale di illuminazione, Tecniche Nuove, Milano, 2005.

-S. DE PONTE, Architetture di luce. Luminoso e sublime notturno nelle discipline progettuali e di produzione estetica, Gangemi Editore, Roma, 1996.

ARTICOLI SU RIVISTE:

-A. ANDORLINI, Luce e ambiente, in LUCE n.2, 2004.

-AA.VV, Piazza del Popolo di Faenza, Rivista n.5 Progetti Bologna, 2012.

-AA.VV, Sorgenti di luce. Stato dell’arte e prospettive, in LUCE, n.3, 2005.

-C. AGHEMO, E. BORDONARO, Evoluzione del rapporto Luce e Città, AIDI, Venezia, 2006.

-E. BORDONARO, Intervista rivista LUCE n.303/5, aprile 2013 LOUSI CLAIR, Intervista, in LUCE n° 4, 2006.

-M. SUSS, Il ruolo dei piani comunali di illuminazione pubblica, in LUCE n° 5, 2003.

-M. VILLA, Un incontro con Louis Clair. Il progetto? Vedere ad occhi chiusi, in LUCE, n°7, 2001.

-P. SOARDO, Il convegno AIDI a Genova - La tavola rotonda su illuminazione ed astronomia, in LUCE n° 6, 2004.

-S. OLDANI, Città e luce, Da Monet ad Andy Warhol, da Le Corbusier a Rem Koolhaas, in LUCE n°5, 2008.

TESI DI DOTTORATO E LAUREE:

-A. ACETO, L. MATERA, L’illuminazione pubblica: proposta di linee guida, relatore: C. Aghemo, Torino, 2014.

-E. BORDONARO, Luce e città: linee guida per la progettazione dell’illuminazione urbana, relatore: C. Aghemo, Torino, 2006.

-E. BRUNETTI, Un progetto di illuminazione urbana. Il caso del centro storico di Ciriè, C. Aghemo, Torino, 2012.

-F. CAVALLARO, Un progetto di luce per il centro storico di Moncalieri, C. Aghemo, Torino, 2012.

-R. IACUZZO, Luci in scena: progetto di riqualificazione per la piazza Turietti di Savigliano, C. Aghemo, Torino, 2013.

-S. FIORINA, Paesaggi urbani illuminati, relatore: C. Aghemo, Torino, 2014.

RIFERIMENTI NORMATIVI:

-Dlgs 360/93 Disposizioni correttive ed integrative del Codice della Strada

-DPR 495/92 Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada

-UN110819: 1999 Luce e illuminazione - Impianti di illuminazione esterna - Requisiti per la limitazione della dispersione verso l’alto del flusso luminoso

-UN111248/2012 Illuminazione stradale - Selezione delle categorie illuminotecniche

-UNI EN 13201-2:2004 Illuminazione stradale - Parte 2: Requisiti prestazionali

-UNI EN 13201-2:2004 Illuminazione stradale - Parte 3: Calcolo delle prestazioni

-UNI EN 13201-2:2004 Illuminazione stradale - Parte 4: Metodi di misurazione delle prestazioni fotometriche

-Allegato II Direttiva 83/189/CEE legge del 21/08/1986 n. 317 Realizzazione degli impianti a regola d’arte

-Legge n.10 del 9/01/1/1991 Norme per l’attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell’energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia

-Dlgs n.285 del 30/4/1992 Nuovo codice della strada

-D.M. 12/04/1995 Supp. ordinario n.77 alla G.U. n.146 del 24/06/95 Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei Piani Urbani del Traffico dell’inquinamento luminoso dell’inquinamento luminoso

-Legge Regionale del Veneto, n. 22 del 01/07/1997 Norme per la prevenzione

-Legge Regionale della Valle d’Aosta, n. 17 del 28/04/1998 Norme in materia di illuminazione esterna

-Legge Regionale della Toscana, n. 37 del 21/03/2000 Norme per la prevenzione

-Legge Regionale del Piemonte, n. 31 del 24/03/2000 Disposizioni per la prevenzione e lotta all’inquinamento luminoso e per il corretto impiego delle risorse energetiche

-Legge Regionale della Lombardia, n. 17 del 27/03/2000 Misure urgenti in tema di risparmio energetico ad uso di illuminazione esterna e di lotta all’inquinamento luminoso

-Legge Regionale della Basilicata, n. 41 del 10/04/2000 Inquinamento luminoso e conservazione della trasparenza e stabilità atmosferica dei siti di ubicazione di stazioni astronomiche,

-Legge Regionale del Lazio, n. 23 del 13/04/2000 Norme per la riduzione e per la prevenzione dell'inquinamento luminoso - Modificazioni alla legge regionale 6 agosto 1999, n. 14

-Legge Regionale delle Marche, n. 10 del 24/07/2002 Misure urgenti in materia di risparmio energetico e contenimento dell’inquinamento luminoso

-Legge Regionale della Campania, n. 12 del 25/07/2002 Norme per il contenimento dell'inquinamento luminoso e del consumo energetico da illuminazione esterna pubblica e privata a tutela dell'ambiente, per la tutela dell'attività svolta dagli osservatori astronomici professionali e non professionali e per la corretta valorizzazione dei centri storici

-Legge Regionale dell’Emilia Romagna, n. 19 del 29/09/2003 Norme in materia di riduzione dell’inquinamento luminoso e di risparmio energetico

-Legge Regionale dell'Umbria, n. 20 del 28/02/2005 Misure urgenti in materia di risparmio energetico e contenimento dell’inquinamento luminoso

-Legge Regionale dell’Abruzzo, n. 15 del 18/03/2005 Misure urgenti per il contenimento dell’inquinamento luminoso e per il risparmio energetico

SITOGRAFIA:

-www.jackbenimble.de/en/

-www.accademiadellaluce.it

-www.aidiluce.it

-www.castellodirivoli.org

-www.contemporarytorinopiemonte.it

-www.diwalifestival.org

-www.festivalarbresetlumiers.eh

-www.festival-of-lights.de

-www.fetedeslumieres.lyon.fr

-www.gamtorino.it

-www.giasgowswinterfestivals.com

-www.gioweindhoven.nl/

-www.guerriilalighting.net/

-www.iguzzini.it

-www.ledfestival.it

-www.lighting.phiiips.it

-www.iucidancona.biogspot.com

-www.lucidartista.comune.saierno.it

-www.luminapolis.com

-www.polito.it

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)