polito.it
Politecnico di Torino (logo)

St.Art.: progettare il futuro delle "Officine Grandi Motori" = St.Art.: future design for "Officine Grandi Motori"

Esposito, Serena and Graglia, Francesca

St.Art.: progettare il futuro delle "Officine Grandi Motori" = St.Art.: future design for "Officine Grandi Motori".

Rel. Paolo Mellano, Mario Artuso, Orio De Paoli. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile, 2018

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Accesso al documento: Accesso libero
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (12MB) | Preview
[img] Archive (ZIP) (Documenti_allegati) - Altro
Accesso al documento: Accesso libero
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (51MB)
Abstract:

La questione del recupero e della rivalorizzazione dei quartieri periferici delle città italiane è un argomento molto discusso negli ultimi decenni, sul quale molti studiosi e tecnici si sono espressi: nel corso dell'ultimo anno accademico, le candidate hanno affrontato questa tematica mediante la stesura di un saggio di ricerca, punti chiave della trattazione sono stati l’attenta lettura e l'analisi critica di numerose fonti, opera di autori con i più eterogenei background culturali e lavorativi, da cui è stato possibile dedurre e comprendere le diverse filosofie di pensiero e di approccio al delicato tema. L'idea alla base della tesi è scaturita da questa ricerca, e si pone l’obiettivo di restituire identità ad una parte di città che da tempo è abbandonata al degrado e all'incuria, quella delle ex Officine Grandi Motori, un luogo che ha avuto un’importanza storica per la città. Con l’avvio della deindustrializzazione e della conseguente dismissione degli impianti, Torino si è riempita di numerosi nonché enormi vuoti nell'agglomerato urbano. Il primo approccio a quest'area di lavoro risale a cinque anni fa; nel corso del tempo si è discusso e dibattuto a lungo, in sede comunale, su quale potesse essere il destino dell’area anni in cui i cittadini hanno visto le azioni del tempo via via lasciare il segno del loro passaggio sui manufatti e il succedersi di diversi progettisti, investitori e con essi diverse proposte progettuali di fatto poi mai avviate o, addirittura, bloccate. Proprio l'immobilità progettuale, con tutte le problematiche ad essa connesse, ci ha spinte ad approfondire maggiormente il tema del recupero delle aree periferiche e di concentrare la nostra attenzione proprio su quest'area. "St.Art." nasce dalla volontà di ricostruire, rivitalizzare e ridare splendore ad un luogo che ormai da troppo tempo versa in uno stato di abbandono, di degrado e trascuratezza tali da rischiare di finire nell'oblio dei cittadini torinesi. La presenza di manufatti simbolo dell'Archeologia Industriale ha rappresentato una sfida e uno stimolo per cercare una soluzione progettuale ottimale in cui "vecchio" e "nuovo" potessero coesistere; punto fondamentale è stato la scelta di un tema trainante a tal punto da poter avere ripercussioni positive sul quartiere stesso e apportare benefici a tutta la popolazione. È qui che entrano in gioco la figura dello Studente e il suo ruolo all'interno del progetto stesso a tal punto di ripensare e proporre un quartiere a "misura di universitario" in cui ogni singola funzione inserita rispondesse alle sue esigenze e a quelle degli abitanti del quartiere. Il progetto si pone quindi come occasione per dare una risposta al grande punto di domanda irrisolto che ancora pende sul futuro di quest'area mediante l’elaborazione di una soluzione che mira al domani, puntando non solo a soddisfare i bisogni dei residenti, ma cercando di attrarre anche nuovi fruitori all'interno dell'area, puntando sulla cultura, sull'università e sullo studio. Un'area che vanta migliaia di studenti al suo interno è un'area viva e attiva, a qualsiasi ora del giorno e della notte; è un'area in cui la necessità di avere servizi cresce in maniera esponenziale; è un'area in cui lo sviluppo e la crescita non si esauriscono nei limiti imposti dai suoi confini, ma si estendono a macchia d'olio in tutto il circondario, arrivando così ad avere ripercussioni positive per l'intero quartiere.

Relatori: Paolo Mellano, Mario Artuso, Orio De Paoli
Anno accademico: 2018/19
Tipo di pubblicazione: Elettronica
Soggetti:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile
Classe di laurea: Nuovo ordinamento > Laurea magistrale > LM-04 - ARCHITETTURA E INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/9959
Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)