polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Tre secoli di ordinaria follia. Analisi architettonica, racconti e memorie dell'ex Ospedale Neuropsichiatrico di Racconigi. = Three centuries of ordinary madness. Architectural analysis, stories and memories of the Neuropsychiatric Hospital of Racconigi.

Aragno, Elisa

Tre secoli di ordinaria follia. Analisi architettonica, racconti e memorie dell'ex Ospedale Neuropsichiatrico di Racconigi. = Three centuries of ordinary madness. Architectural analysis, stories and memories of the Neuropsychiatric Hospital of Racconigi.

Rel. Annalisa Dameri. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Restauro E Valorizzazione Del Patrimonio, 2018

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Accesso al documento: Accesso libero
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (107MB) | Preview
[img] Archive (ZIP) (Documenti_allegati) - Altro
Accesso al documento: Accesso libero
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (20MB)
Abstract:

L'obiettivo del mio lavoro è quello di analizzare la trasformazione dell'architettura manicomiale, in Europa e in Italia, in relazione ai progressi psichiatrici che sono avvenuti nei secoli. Tutto è nato dal mio forte interesse per questi luoghi oscuri che vengono solitamente gettati nel dimenticatoio, perché è sempre molto più facile parlare delle cose luminose e delle opere di cui si va pienamente fieri, piuttosto che di edifici che spesso e volentieri sono stati condannati alla damnatio memoriae. Ma questi luoghi esistono, sono esistiti e hanno avuto una grande importanza. Ecco perché ho scelto di investigarne la storia. Il mio elaborato inizia con tre capitoli introduttivi che, partendo dal generale, scendono sempre di più nel particolare fino a raggiungere il culmine del lavoro con gli ultimi capitoli riservati esclusivamente all'analisi del caso studio, ovvero l’ex Ospedale Neuropsichiatrico di Racconigi. Un edificio affascinante che si staglia con autorevolezza nel pieno centro della città, ma che tutti evitano e allontanano non solo perché sta ormai cadendo in rovina, ma soprattutto perché è simbolo concreto di una storia che spesso non si vuole raccontare. Il capitolo I ha la funzione di introdurre i concetti di psichiatria e malattia mentale e di far emergere come ha avuto origine il concetto di follia e come le popolazioni si sono rapportate ad esso nel corso dei secoli, dalle origini fino ai giorni nostri. Nel capitolo II analizzo la trasformazione, nei secoli, dell'architettura manicomiale europea, fino alla definizione dei modelli italiani, della loro regolamentazione e del loro rapporto con il tessuto urbano. Con il capitolo III mi avvicino sempre di più al caso studio, confrontando tra loro tutti gli ospedali neuropsichiatrici che sono sorti in Piemonte dalla fine del Settecento fino alla loro chiusura nel 1789 per effetto della legge Basaglia. Il capitolo IV è dedicato interamente al caso studio. Attraverso la ricerca d'archivio sono andata a ricostruire quella che è stata la storia del manicomio di Racconigi, le modifiche architettoniche che ha subito negli anni in relazione ai cambi di destinazione d'uso, fino ai giorni nostri con la definitiva chiusura e l'abbandono. Ma se l'analisi del capitolo IV è puramente formale e basata su documenti ufficiali, il capitolo V serve per scendere ancora più in profondità e per analizzare la struttura da un punto di vista più intimo e completamente nuovo e diverso. Attraverso alcune poesie e racconti dei pazienti del manicomio, sono riuscita a concludere il mio elaborato con un'analisi architettonica che sottolinea come l'edificio veniva percepito da chi lo viveva davvero, ogni giorno. Quello che propongo con il mio elaborato è un viaggio attraverso tre secoli di ordinaria follia che hanno reso questo edificio un luogo ricco di testimonianza, segnato dal peso di una memoria storica cruenta, che l'ha portato allo stato attuale di totale abbandono. Ricercando la sua bellezza nascosta tra gli orrori che si sono succeduti tra le sue mura, per poterla mostrare, finalmente, senza filtri e costrizioni, valorizzandola.

Relatori: Annalisa Dameri
Anno accademico: 2018/19
Tipo di pubblicazione: Elettronica
Soggetti:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Restauro E Valorizzazione Del Patrimonio
Classe di laurea: Nuovo ordinamento > Laurea magistrale > LM-04 - ARCHITETTURA E INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/8594
Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)