polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Scenari di progetto e riconnessione urbana per la riqualificazione dell’area di contesto del Parco Ruffini = Project scenarios and urban reconnection for the redevelopment of the Ruffini Park context area

Giulia Donadi

Scenari di progetto e riconnessione urbana per la riqualificazione dell’area di contesto del Parco Ruffini = Project scenarios and urban reconnection for the redevelopment of the Ruffini Park context area.

Rel. Enrico Moncalvo, Stefania Maria Guarini. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile, 2018

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (78MB) | Preview
[img] Archive (ZIP) (Documenti_allegati) - Other
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (17MB)
Abstract:

Il punto di partenza della presente ricerca progettuale si configura con la consapevolezza di trovarsi in un delicato periodo storico dettato da innumerevoli problematiche, alla ricerca di uno stile di vita sempre più semplice e che si avvicina all’idea di ritornare alle origini, alla naturalità. La consapevolezza sostenibile sta alla base di quello che è stato il nostro percorso di studi, Architettura per il progetto sostenibile appunto. La questione principale per la riduzione dell’inquinamento mondiale si affianca all’emergenza per la limitazione dell’utilizzo delle risorse naturali, affrontando inoltre la problematica del consumo di suolo. Focalizzando lo sguardo sulla città di Torino si genera un pensiero di riguardo verso quello che è il patrimonio torinese di edifici dismessi di proprietà pubblica e lo spazio potenzialmente riutilizzabile, migliorativo per la trama urbana. Il fulcro della presente ricerca si configura con l’interessamento e l’avvicinamento all’edificio ospitante l’Istituto Sociale di Torino, durante il periodo di tirocinio svolto l’ultimo anno accademico. Istituto scolastico di grande rilevanza torinese si caratterizza per essere gestito dalla Compagnia del Gesù e per proporre agli studenti un percorso di studi completo, che va dall’educazione infantile alla scuola superiore di secondo grado. La natura innovativa del complesso scolastico vuole trasformare il sistema scolastico in una sorta di campus, considerando inoltre le nuove normative in materia di rinnovamento della didattica. Un’approfondita analisi dell’intorno dell’Istituto, ha portato a scoprire un contesto potenzialmente valido e per certi versi da riorganizzare. La zona interessata si caratterizza per essere un’area densamente edificata, residenziale e costellata da centri per l’istruzione, zone demaniali e centri sportivi privati e pubblici di livello. Nelle immediate vicinanze troviamo infatti il Parco Ruffini, parco nato come successivo al Parco del Valentino e ospita importanti poli sportivi. Allargando lo sguardo si scopre come quest’ultimo sia affiancato da un’importante spina verde e incolta gestita dal Demanio che si identifica come una barriera inoltrata all’interno del quartiere. In questo luogo si localizzano il C.I.E., l’Ex Poligono Genio Ferrovieri, la Caserma Cavour ed il Magazzino militare del Genio Guastatori. La conoscenza della zona e l’individuazione di elementi critici, ha generato un pensiero progettuale finalizzato al recupero, unita alla consapevolezza della molteplicità del patrimonio immobiliare pubblico torinese che necessitano di questo tipo di interventi, cercando di contrastare il fenomeno del consumo di suolo. Il percorso di analisi e di progettazione ha come finalità quella di riorganizzare e riqualificare la zona interessata, andando così ad eliminare gli elementi demaniali barriera e successivamente a riconnettere il tessuto urbano. L’obiettivo progettuale si concretizza trasformando i recinti militari in elementi permeabili generando un ampliamento del parco esistente con una spina verde, fruibile dai quartieri limitrofi, un asse naturalistico e sportivo, sia per lo svago che per attività. La ricomposizione del tessuto cittadino tra i quartieri di Borgo San Paolo e Pozzo Strada nasce da un recupero dello spazio incolto ed in disuso; per questo motivo, il progetto si predispone per mantenere il concetto di oasi cittadina, lasciando in un certo senso la percezione di incolto e accentuando il senso di biodiversità.

Relators: Enrico Moncalvo, Stefania Maria Guarini
Academic year: 2018/19
Publication type: Electronic
Number of Pages: 239
Subjects:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile
Classe di laurea: New organization > Master science > LM-04 - ARCHITECTURE AND ARCHITECTURAL ENGINEERING
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/8551
Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)