polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Il museo di Munch: un nuovo polo culturale per il waterfront della città di Oslo = The Munch museum: a new cultural centre for the Oslo waterfront

Sara Capobianco

Il museo di Munch: un nuovo polo culturale per il waterfront della città di Oslo = The Munch museum: a new cultural centre for the Oslo waterfront.

Rel. Roberto Giordano, Michele Bonino. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile, 2018

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (185MB) | Preview
Abstract:

Il lavoro svolto nella tesi ha come obiettivo la progettazione del nuovo museo di Edvard Munch all’interno dell’emergente panorama culturale e architettonico della città di Oslo, Norvegia. Sarà l’area di Bjørvika ad ospitare il nuovo edificio che, insieme al Teatro dell’Opera e alla nuova biblioteca nazionale di Deichman andrà a costituire un importante polo culturale per la città. Puntare alla crescita culturale ha un profondo valore per Olso, infatti, il piano di sviluppo si propone come strumento per far diventare Oslo la “Fjord City”. La prima parte del lavoro si è concentrata sull’analisi del territorio; lo studio dell’evoluzione urbana della città è stato necessario per analizzare l’attuale “volto del sistema città” e, inoltre, per comprendere le scelte intraprese nei piani di trasformazione futuri. Dopo anni di dibattiti, la riqualificazione del waterfront è stata individuata come maggiore azione di sviluppo e costituisce il più ampio programma di crescita della città. Il porto accoglierà diverse funzioni ricreative, residenziali, commerciali e culturali collegate da una lunga promenade ciclo-pedonale di 9km potenziata in diversi punti strategici mediante l’inserimento di tantissime attività di svago e aree di sosta. Per questo motivo e per tutte le caratteristiche che rendono Oslo una città estremamente all’avanguardia nel panorama culturale e architettonico europeo, è stata identificata come lo scenario adatto per la realizzazione di questo lavoro. Inquadrato il contesto attraverso i diversi programmi di sviluppo per la città di Oslo, è stata individuata la competition del 2009 per la realizzazione del nuovo museo di Munch. La localizzazione sul waterfront e l’affaccio privilegiato sul mare e sui fiordi sono stati interpretati come una grande sfida per poter coniugare tutti questi aspetti e tradurli in architettura. Il testo della competition è stato rispettato per le linee guida della progettazione e da questo sono emersi gli aspetti positivi e negativi di una strategia di progetto su larga scala. Inoltre, sono stati riassunti alcuni casi studio di architetture per la cultura al fine di poter analizzare diverse strategie di progetto e soprattutto di inserimento nel contesto. Entrando nel merito della progettazione, la prima fase ha riguardato lo studio delle dinamiche di un museo. La metodologia del metaprogetto è stata fondamentale a tal proposito e ha permesso di delineare le tipologie d’utenza, le unità ambientali e gli elementi spaziali, per poter infine individuare le esigenze e i requisiti richiesti all’interno di un sistema così complesso come quello museale.Successivamente le analisi dell’area e le analisi climatiche hanno consentito di comprendere meglio le influenze della specifica zona di progetto. La definizione della forma e la distribuzione degli ambienti sono state dettate dalle esigenze dell’ambiente esterno al fine di garantire comfort all’interno edificio anche in un clima rigido come quello Norvegese. L’aspetto della sostenibilità ha guidato tutte le scelte progettuali, a partire dalla scelta dell’esposizione degli ambienti, ai sistemi di approvvigionamento energetico da fonti di energia rinnovabili, alla definizione dei pacchetti tecnologici e dei materiali. Sono stati scelti materiali riciclati e riciclabili, rivolgendo particolare attenzione sia all’impatto ambientale derivante dalla lavorazione del prodotto sia alla possibilità di poter riutilizzare o riciclare i componenti dell’edificio a fine vita

Relators: Roberto Giordano, Michele Bonino
Academic year: 2017/18
Publication type: Electronic
Number of Pages: 242
Subjects:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile
Classe di laurea: New organization > Master science > LM-04 - ARCHITECTURE AND ARCHITECTURAL ENGINEERING
Ente in cotutela: x (NORVEGIA)
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/8299
Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)