polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Smart City e Smart People: dalla realtà urbana alla realtà mista = Smart City and Smart People: from urban to extended reality

Michele De Chiaro

Smart City e Smart People: dalla realtà urbana alla realtà mista = Smart City and Smart People: from urban to extended reality.

Rel. Gabriele Garnero. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Pianificazione Territoriale, Urbanistica E Paesaggistico-Ambientale, 2018

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (16MB) | Preview
Abstract:

Il presente studio si pone come obiettivo la sperimentazione in ambienti urbani con propensione a sviluppo di tipo smart, di una delle tecnologie che da pochissimi anni sta rivoluzionando il mercato tecnologico, invadendo con forza i più disparati settori. Si tratta della realtà virtuale (VR) e più genericamente delle tecnologie appartenenti al mondo della realtà estesa (XR), intesi come possibili strumenti a supporto dei pianificatori per affrontare le attuali sfide urbane: la matrice culturale e l’ambito di applicazione di questo studio è quello delle smart city. Dare una definizione universalmente condivisa di smart city, nonostante siano trascorsi diversi anni dalla sua prima apparizione, risulta un’operazione complessa: è partendo da questa criticità che si è sviluppata la prima parte di questa ricerca, approfondendo tale paradigma a partire dall’analisi della principale letteratura e studi di settore, rispetto alla sua più recente evoluzione e la sua diffusione supportata dalle principali politiche europee.Da qui, effettuando un passaggio di scala, lo studio si è spostato verso le principali smart city italiane e, seguendo il più tradizionale dei modelli, quello proposto da Giffinger e dall’Università Tecnologica di Vienna, è stato analizzato lo stato di avanzamento del paradigma rispetto alle città di Bologna, Firenze, Milano e Torino. Nello specifico sono state esaminate tutte le maggiori iniziative classificabili come smart, ricavate dall’analisi dei principali documenti di settore quali il Vademecum redatto dall’Osservatorio Nazionale Smart City, i report degli annuali iCity Lab, nonché le principali pubblicazioni in ambito accademico. Il risultato di questa prima parte è uno scenario assai complesso e diversificato, ma è proprio la consapevolezza di tale complessità che ha portato negli ultimi anni alla diffusione di questo nuovo paradigma: la città diventa quindi il luogo ideale per la sperimentazione di nuove tecnologie digitali. Lo scopo è quello di migliorare la qualità della vita dei cittadini con il supporto delle più moderne tecnologie ICT, tenendo conto delle esigenze sociali, culturali, ambientali e fisiche di una società.La gestione e la visualizzazione dei dati e quindi delle informazioni, sono due elementi chiave nella pianificazione per il raggiungimento della smartness, e attualmente costituisce, per professionisti e pianificatori, una delle principali sfide. Questi ultimi stanno infatti investendo nella ricerca di nuovi metodi per la simulazione dei dati in tempo reale e quindi nell’analisi degli impatti relativi a “scenari what-if”. È esattamente da queste riflessioni che si sviluppa la seconda parte dello studio.La XR e tutte le tecnologie da essa derivanti rappresentano uno dei potenziali strumenti per raffigurare ed enfatizzare il valore delle informazioni all’interno di una città intelligente, aiutando non solo i tecnici di settore, ma supportando i cittadini nella comprensione delle politiche pianificatorie, soprattutto nelle fasi iniziali della progettazione.La seconda sezione della ricerca si concentra sull’utilizzo di questo tipo di tecnologie. Più precisamente, sono stati indagati gli aspetti legati al ruolo della XR all’interno della pianificazione, attraverso una sintesi riguardante le tecnologie abilitanti trattate poi, in maniera più approfondita, all’interno dell’ultima parte dell’elaborato insieme alla sperimentazione eseguita nella Circoscrizione 2 della Città di Torino. Sono dunque questi i presupposti dai quali si articola lo studio effettuato, con l’obiettivo di poter sperimentare sul campo le potenzialità di tali nuovi strumenti.

Relators: Gabriele Garnero
Academic year: 2017/18
Publication type: Electronic
Number of Pages: 145
Subjects:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Pianificazione Territoriale, Urbanistica E Paesaggistico-Ambientale
Classe di laurea: New organization > Master science > LM-48 - REGIONAL, URBAN AND ENVIRONMENTAL PLANNING
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/7920
Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)