polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Progettare gli effetti. Definizione di un modello grafico per l'analisi e lo sviluppo del progetto architettonico. = Design effects. Definition of a graphical model for analysis and development of the architectural project

Ugolotti, Marta

Progettare gli effetti. Definizione di un modello grafico per l'analisi e lo sviluppo del progetto architettonico. = Design effects. Definition of a graphical model for analysis and development of the architectural project.

Rel. Alessandro Armando, Massimo Crotti. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2018

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Accesso al documento: Accesso libero
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (49MB) | Preview
[img] Archive (ZIP) (Documenti_allegati) - Altro
Accesso al documento: Accesso libero
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (2MB)
Abstract:

L’idea per lo sviluppo di questa tesi nasce dal percorso di studio effettuato negli ultimi anni, in particolare prende spunto dal corso di Teoria del Progetto Architettonico, tenuto dai professori Alessandro Armando e Giovanni Durbiano.Il proposito della tesi è quello di tentare di costruire un modello grafico in grado di analizzare le relazioni tra gli attanti che costruiscono il processo evolutivo del progetto. Il testo sarà suddiviso in 3 parti principali: una prima sezione dedicata alla descrizione del contesto, una seconda dedicata allo sviluppo del metodo ed infine una terza dedicata all’applicazione di tale metodo, sia nell’analisi retroattiva dell’area, sia nello sviluppo del progetto vero e proprio.L’area di progetto è l’Alto d’Ajuda, area che si colloca nella parte sud-occidentale della città di Lisbona. L’occasione per sviluppare la tesi in questa specifica zona nasce nel 2014, in cui mi è stata data la possibilità di partecipare al progetto europeo SINERGI, progetto teso a creare una rete di scambio tra le tre città gemellate di Torino, Lisbona e Skopje. In particolare, l’incontro decisivo per la mia tesi è stato quello avvenuto a Lisbona, nel corso del quale tra le varie cose ci è stata presentata quest’area, interessante ma allo stesso tempo complessa sotto vari punti di vista.La prima parte del testo parte dall’analisi del territorio e, in particolare, dei progetti che ne hanno definito la forma. In questa fase i progetti vengono individuati, mappati e analizzati.Nella seconda parte viene sviluppata la metodologia con cui si che tenta di scomporre i progetti e analizzarli prima sincronicamente, individuandone le relazioni tra i principali attori, e poi diacronicamente, attraverso un modello grafico che ne traccia il processo evolutivo. Vi è dunque una prima fase di test del metodo, che viene utilizzato per tracciare retroattivamente i processi che hanno portato al successo (o insuccesso) dei progetti.Terminata la parte di analisi dei progetti si entra nel merito della fase progettuale, incominciando dal progetto del processo: partendo dalla situazione odierna si tenta di disegnare uno dei possibili processi di sviluppo dell’area. In questa parte del testo è importante tenere conto del fatto che non si tratta di una reale previsione ma di un racconto che si costruisce diacronicamente tessendo una trama fatta di negoziazioni e accordi. Ogni nodo disegnato nel processo, ogni azione/negoziazione che io traccio, apre un ventaglio infinito di scelte, che a loro volta si aprono in altrettanti ventagli. Ognuna di queste scelte non può essere determinata a priori e inevitabilmente produce (o non produce) un effetto. Premesso ciò, nella tesi tento di definire un processo basato sulla consequenzialità di questi effetti, tentando di compiere delle scelte che siano in grado, man mano, di convalidare il progetto, costruendo una rete di accordi che lo renda sempre più forte, sempre più effettuale. Vi sarà inoltre una parte in cui si tenterà di definire un possibile rapporto tra il processo e la forma architettonica, in cui si cercherà di capire quali nodi del processo convalidano o modificano la forma del progetto e viceversa, quali forme possono influenzare il percorso processuale.Al termine di questo lungo tragitto evolutivo vi sarà infine il progetto finale, costruito e definito sulla base delle precedenti questioni.

Relatori: Alessandro Armando, Massimo Crotti
Anno accademico: 2017/18
Tipo di pubblicazione: Elettronica
Soggetti:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: Nuovo ordinamento > Laurea magistrale > LM-04 - ARCHITETTURA E INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/7901
Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)