polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Bengt Warne's Naturhus: sustainable living in a Northern European climate

Andrea Antolloni

Bengt Warne's Naturhus: sustainable living in a Northern European climate.

Rel. Andrea Bocco. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2018

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (28MB) | Preview
Abstract:

La prima parte della tesi introduce Bengt Warne e il suo Naturhus (Casa Naturale), evoluto per oltre 40 anni. Vivere nel primo Naturhus ha premesso a Warne di attuare la sua filosofia “Symbio Housing” (coltivare piante per depurare l’aria e ottenere cibo, utilizzare il sole per

risparmire energia, riciclare acque grigie e rifiuti organici). Lo Stensund Wastewater Aquaculture di Warne ha supportato ricerche per il recupero delle acque reflue e per le Living Machines di John Todd. Il libro di Warne På akacians villkor convinse Charles Sacilotto e Anders Solvarm a costruire il loro Naturhus (il secondo è oggetto di specifico approfontimento nel capito 3).

Il Naturhus è una normale casa di legno, racchiusa da una serra. Nello spazio residuo si viene a creare un microclima, con spazi per attività e coltivazione. La temperatura nello spazio cuscinetto è più alta dell’esterno (4-5 °C nel Naturhus di Solvarm, dimostrato da

Liban Usman – paragrafo 3.4). In un clima nord-europeo, questo permette nel periodo marzo-ottobre buone condizioni di crescita per fiori, frutta e verdura mediterranea, protetti dalla serra da neve, pioggia, e vento. In questo spazio è possibile produrre cibo in estate

(75% di autosufficenza per frutta e verdura nel Naturhus di Solvarm, 30% per Sacilotto).

Inoltre, i Naturhus di Solvarm e Sacilotto hanno un sistema di recupero delle acque reflue.

Nel sistema di Sacilotto l’acqua non può essere bevuta; le acque grigie sono usate per irrigare le piante edibili e le acque nere quelle non edibili. Nel sistema di Solvarm, entrambe le acque adibite all’irrigazione, e circa 300 l sono filtrati e utilizzati ogni giorno. I risultati

ottenuti nella tesi confermano che le idee di Warne degli anni '70 erano valide. Il computo metrico effettuato dimostra però che il Naturhus di Solvarm non è un edificio totalmente ecologico dal momento che è formato da calcestruzzo al 28%, acciaio zincato al 3%, e da

un totale del 31% di blocchi Leca e mattoni.

Solvarm fa parte della società GreenHouse Living che riprende le idee di Warne e costruisce Naturhus sempre più efficenti.

Per ulteriori informazioni contattare:

Andrea Antolloni, andrea_a.92@hotmail.it

Relators: Andrea Bocco
Academic year: 2017/18
Publication type: Electronic
Number of Pages: 183
Subjects: A Architettura > AD Green architecture
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: New organization > Master science > LM-04 - ARCHITECTURE AND ARCHITECTURAL ENGINEERING
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/6763
Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)