polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Nouveaux Voyages dans les Alpes: Attraverso il Moncenisio = New travels in the Alps: Through the Moncenisio

Schiari, Edoardo

Nouveaux Voyages dans les Alpes: Attraverso il Moncenisio = New travels in the Alps: Through the Moncenisio.

Rel. Antonio De Rossi, Laura Cantarella. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2018

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Accesso al documento: Accesso libero
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (146MB) | Preview
[img] Archive (ZIP) (Documenti_allegati) - Altro
Accesso al documento: Accesso libero
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (159MB)
Abstract:

La tesi, attraverso un’approfondita fase di indagine storica, legata all’iconografia, vuole portare alla luce la storia del territorio del Moncenisio e della Val Cenischia in Valle di Susa. Attraverso la reinterpretazione fotografica e lo studio di nuovi itinerari turistici si intende attuare un progetto di recupero e valorizzazione del territorio. Questa tesi, si pone come obbiettivo, un progetto che non è fine a se stesso, ma una valorizzazione ad ampia scala; un progetto integrato che porta a dialogare tra di loro, il tema storico con quello del recupero architettonico, ipotizzando soluzioni atte a sostenere e promuovere la valorizzazione culturale e turistica.

La storia delle strade costituisce un tema che affascina da sempre chi si interessa alla tematica dei viaggi. Esse sono intrise di storia e racconti, e tanto più sono antiche tanto più diventa interessante studiarle per scoprire chi, come e perché le ha attraversate, anche se molte volte di questi percorsi rimane solo un nome, un racconto o qualche frammento. Quando si inizia a parlare di strade, particolare attenzione va rivolta alle vie alpine; esse si differenziano dalle altre per alcune caratteristiche peculiari. Da sempre, infatti, le Alpi si pongono come una cinta che offre un numero limitato di porte attraverso le quali è possibile passare; questa caratteristica consente di individuare con facilità l’area in cui questi tracciati attraversassero le montagne. Più difficile invece, risalire con precisione agli antichi percorsi; la grande esposizione agli elementi naturali quali esondazione di torrenti, frane e valanghe, infatti, ha portato in molti casi a modificare più volte nel corso del tempo i tragitti di queste vie. La presente tesi intende indagare la storia di un preciso passaggio nelle Alpi: il valico del Moncenisio, prefigurando e auspicando una rinascita e valorizzazione dell’adiacente Val Cenischia, da sempre percorsa dai viaggiatori che intendono attraversare il Colle.

Il Moncenisio e la Val Cenischia, dopo aver visto scomparire la loro rilevanza strategica ed economica, necessitano di interventi progettuali mirati che permettano di dare unità e continuità al territorio, incontrando la volontà collettiva dimostrata da Enti Pubblici e privati di dare una nuova immagine al paesaggio vallivo, volendone prefigurare un nuovo futuro a partire dalla loro millenaria storia. Con questa tesi si intende proporre un progetto di valorizzazione a partire da un’analisi narrativa del territorio stesso: un racconto che fa dell’iconografia storica il materiale di studio e della fotografia il suo mezzo interpretativo, per giungere infine ad un “progetto infrastrutturale” escursionistico, turistico e architettonico per una completa valorizzazione del territorio. Il “fil-rouge” scelto riguarda nello specifico lo studio dei tracciati storici che attraversano la Val Cenischia. Le strade, come già detto, sono uno dei migliori strumenti di analisi a disposizione: permettono di trovare legami storici, geografici e progettuali all’interno di un territorio così articolato e complesso. A partire dalle strade si intendono proporre nuovi itinerari escursionistici che consentano una più efficace valorizzazione del territorio e dei suoi beni, attuando il recupero dei tracciati storici e ponendosi come innesco per la creazione di nuove strutture ricettive. Il turismo contemporaneo favorisce e promuove sempre più il movimento alla sosta, attraverso la proposta di itinerari e vie ciclabili ed escursionistiche. Numerosi sono inoltre, i progetti di valorizzazione in atto, come il piano Europeo “Cammini d’Europa” che intende individuare e valorizzare gli itinerari storici, artistici, culturali, religiosi... Vi sono poi i temi della mobilità dolce, del turismo sostenibile e della ricettività diffusa; contemporanei slogan a cui si vuole dare seguito concreto e reale, proponendo e ipotizzando un progetto di itinerario su scala territoriale facilmente inseribile in piani di valorizzazione più ampi, come la via Francigena o il Piano di Valorizzazione “Valle di Susa Tesori di Arte e Cultura Alpina”.

Per ulteriori informazioni contattare:

Edoardo Schiari, schiari.edoardo@gmail.com

Relatori: Antonio De Rossi, Laura Cantarella
Anno accademico: 2017/18
Tipo di pubblicazione: Elettronica
Soggetti: A Architettura > AF Edifici e attrezzature per il tempo libero, le attività sociali, lo sport
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: Nuovo ordinamento > Laurea magistrale > LM-04 - ARCHITETTURA E INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/6730
Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)