polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Interventi di conservazione e sviluppo nel centro storico di Esfahan

Khalesi, Elaheh

Interventi di conservazione e sviluppo nel centro storico di Esfahan.

Rel. Giuseppe Cinà, Luca Lazzarini, Ahmadreza Shirvani Dastgerdi. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2017

Abstract:

Introduzione

1-Il sistema urbano di Chaharbagh: problemi principali

In quanto dotata di alcuni giardini di pregio, Chaharbagh, si considerava come uno dei più importanti spazi del divertimento ad Isfahan nel tempo Safavide. Guardando alla storia della strada Chaharbagh, si può dire che l’obbiettivo della progettazione e della costruzione di questa via non era solo di creare una tipica strada funzionale nel tessuto di Isfahan Safavide, ma, oltre ai suoi aspetti funzionali e di accessibilità rispetto all'accesso ai giardini, è stata creata come un luogo di ricreazione per i cittadini. Per questo nel caso degli anni è stata vissuta maggiormente per la ricreazione rispetto alla circolazione stradale. Nel 1931, all’epoca di Reza Shah, con l’avvento delle auto nella vita urbana, è cambiato improvvisamente il volto della città. Su ordine del sindaco Shahande, i canali d’acqua che si trovavano nel viale centrale di Chaharbagh, sono stati coperti con la terra, modificando anche i passaggi pedonali, spine dorsali degli spazi ricreativi della via. In quel momento molti chioschi e ingressi dei palazzi di cui erano rimaste solo le rovine, sono stati venduti e al loro posto sono stati costruiti numerosi negozi e appartamenti facendo diventare Caharbagh un importante asse economico e commerciale. L’asse attuale di Chaharbagh Abbasi, compresi gli spazi commerciali e i centri commerciali, così come i nuovi spazi culturali quali seminari, i cinema e le librerie, utilizza una varietà di spazi e oggetti, rimanendo ancor oggi, uno spazio urbano dinamico importante e vitale per i cittadini, ma che purtroppo oggi soffre la mancanza dell’identità, trasformatasi oggi in un luogo caotico.

Da qui nasce la necessità di trovare rapidamente una soluzione, formale e funzionale. In effetti, uno dei principali problemi di Chaharbagh Abbasi di oggi è la progressiva riduzione del suo valore culturale e ricreativo, e nel processo che la sta portando a diventare un centro commerciale ed economico, senza tener conto dei valori storici che la caratterizzano. Una delle questioni importanti che può essere posta per la situazione di Chaharbagh di oggi è la necessità di elaborare una conformità culturale e storica, peraltro il problema di Isfahan, città tentacolare e caotica, con una immagine compromessa dalle recenti trasformazioni urbane (Ayatollah zade Shirazi, 2006)

La via Caharbagh è uno dei contesti storici della città. Risulta circondata da tantissimi monumenti storici. Nonostante il permanere di questi monumenti nel percorso storico, Caharbagh si è dovuta adattare ai cambiamenti della vita imposti dalla modernizzazione. Sebbene questa zona sia un’area ereditata dall’età di safavide, non rappresenta più l’unità nella molteplicità delle strutture importanti safavide di una volta a causa della trasformazione e il cambiamento della funzionalità della strada.

Alcuni problemi emergono nella loro urgenza:

• la perdita del suo carattere funzionale di collegamento tra i principali recapiti storico-architettonici dell’area, simbolici e funzionali, e tra le due parti di città che tocca;

• la presenza di inquinamento e congestione dovuti al traffico automobilistico che caratterizza oggi la via storica Caharbagh;

• la costellazione ai suoi lati da negozi e centri commerciali che per la loro immagine non hanno niente a che vedere con la struttura storica e che causano la riduzione del suo valore storico-culturale.

• l’assenza di una vera consapevolezza civile e politica per questo contesto storico, dovuta alla discordanza tra Iran Cultural Heritage, Handcrafts and Tourism Organization dei Beni culturali, Artigianato e Turismo dell'Iran e la Comune d’isfahan. Un problema fondamentale nel percorso di questa ricerca per trovare andamento storico dei cambiamenti dell’asse Caharbagh era l’ottenimento dei dati e delle informazioni paracahar Bdossali e contraddizioni tra l’organizzazione dei Beni culturali e il comune d’isfahan.

• La debolezza del “city manager” (Il direttore generale in organizzazione e protezione dei contesti storici della città d’isfahan) nel gestire le problematiche sopra enunciate. La dimostrazione di tale debolezza è la presenza dei progetti eterogenei al contesto storico, compreso il progetto della metropolitana che attraverserà la zona storica della città (Isna, 2009).

I contesti storici, al di là di avere grandi valori estetici, restituiscono anche la continuità delle memorie collettive e le fonti dell’identità di una città, dei luoghi in cui abitano milioni di cittadini; queste strutture con tale valore nel caso dei disastri naturali, sono spesso vulnerabili, particolarmente rispetto all’avanzare della modernità. (Pur Ahmad, 2005: 28). Il ruolo della città e degli ambienti nella vita umana è evidente e innegabile per spiegare l’autenticazione e per la rappresentazione delle ideologie, e alla fine per specchiare l’identità della società.

Nel caso di Caharbagh, che oggi ha perso la sua gloria passata sentendosi in pericolo di perdere la sua identità per il motivo di crescita della popolazione e le nuove regole civili, la continutà di questo andamento porterebbe a perdere ancor di più la sua identità funzionale e di conseguenza perderebbe anche una grossa parte del patrimonio della storia urbanistica dell’età safavide. Per farla rivivere dovrebbe esserci un progetto adatto, sebbene restaurarla e farla rivivere come era un giorno sarebbe complicato. Comunque esistono dei progetti fattibili per raggiungere tale impresa fin adesso ignorata da parte degli amministratori locali. Fino ad oggi la maggior parte degli studiosi e dei ricercatori, nonché degli amministratori locali si sono concentrati solo sulla apparenza estetica (Purmokhtar, 2014; Alikhani Rad, 2013), e quindi sarebbe necessario prendere in considerazione una più attenta considerazione dei suoi aspetti critici.

La scelta di questa via ci porta ad un punto di vista in cui questa zona geografica, una delle più antiche nel centro storico della città con il ruolo d’asse principale per tutta Isfahan e con tutte le sue strutture storiche attorno, è stata considerata come un'interessante collezione degli elementi urbanistici della città. Questa parte della città dal punto di vista commerciale, culturale e turistico e come luogo di passaggio, ha un’importanza di rilievo. É da notare che la diversità e la complessità delle funzionalità esistenti in questa zona possono creare condizioni difficili per la rinascita dello spazio urbano. Tuttavia è la parte più importante e più interessante della città anche per la potenzialità di essere un centro culturale e turistico della città.

2- L’obiettivo

L’obiettivo principale del presente studio è valutare la possibilità o la fattibilità di una rinascita dell’identità e della struttura fisica della via di Caharbagh Abbasi come uno degli assi storici più importanti della città e per miglioramento dando ad esempio la priorità ai pedoni, aumentando l’identità della città, enfatizzando i valori culturali nascosti nella struttura della città e tentare di compensare le mancanze e i difetti nella capacità di preservare i suoi beni culturali, per poi andare verso una pianificazione dei funzionamenti culturali, dei servizi comunali e turistici ed enfatizzare l’identità civile delle via di Caharbagh.

Alla base di questo studio si introducono le seguenti domande :

Quali sono gli interventi che possono essere messi in campo oggi per migliorare l’odierna struttura della via di Caharbagh?

Come migliorare la funzionalità della via?

Come aumentarne la vivibilità da parte degli abitanti della città?

Quali sono le potenzialità e gli ostacoli alla riqualificazione dell’identitià storica di Caharbagh?

3- Metodologia dello studio

Il metodo di questa ricerca usando le bibliografie esistenti, studiandole e utilizzando dei metodi analitici quali sondaggi e osservazioni dirette dello spazio e le interviste con le persone della zona in questione, cerca di raccogliere e analizzare i dati applicando la tecnica SWOT.

La tesi comprende quatro capitoli.

Nel primo capitolo riguarda la definizione del centro storico, la riqualifìcazion centro storico e ed anche presenta una disamina di punti di vista teorici sui temi della qualità urbana.

Nel secondo capitolo si indaga la storia dell’asse di Caharbagh, cercando anche di trovare i motivi e i fattori efficaci sulla formazione e il processo dei suoi cambiamenti.

Nel terzo capitolo e dopo si prendono in esame le sue condizioni dal punto di vista spaziale, sociale e considerando i criteri delle analisi urbane, usando l’analisi SWOT e alla fine cercare di conoscere gli ostacoli e le potenzialità esistenti mettendo in considerazione le idee e le soluzioni per raggiungere l'identità urbana ideale. 

Il quarto capitolo illustra una proposta progettuale sia pure a livello schematico che include:

1.Pedonalizzazione dell’area

2.Il disegno del suolo

3. Aggiungere le nuove funzionalità nel luogo come un’anfiteatro e un mercato semi aperto, disegnato nei due siti nell’area di progetto già comprato dal comune dai proprietari per aggiungere i nuovi funzioni pubblici, uno si trova nel lato est della via ed un altro nel sud della via Chahrbagh, davanti il ponte Siosepol.

4. Ripristino delle facciate urbane lungo via Chaharbagh

Relators: Giuseppe Cinà, Luca Lazzarini, Ahmadreza Shirvani Dastgerdi
Publication type: Printed
Subjects: A Architettura > AF Buildings and equipment for leisure, social activities, sport
A Architettura > AO Design
U Urbanistica > UK Pianificazione urbana
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: UNSPECIFIED
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/6333
Chapters:

Introduzione

1. Le problematiche dell’asse storico di Chaharbagh

2. L’obiettivo

3. Metodologia della ricerca

CAPITOLO I Lariqualificazione urbana

1.1 Diversi approcci alla riqualificazione urbana

1.2 Fondamenti teorici

1.2.1 Riqualificazione urbana

1.2.2 II centro storico

1.2.3 L’identità

1.2.4 La qualità dell'ambiente urbano

1.4 Interventi e politica di riqualificazione urbana in Iran

CAPITOLO II La trasformazione di Chaharbagh Abbasi

2.1 storia delle ricerche precedenti sulla via Chaharbagh

2.2 Chaharbagh Abbasi, descritta dal punto di vista dei viaggiatori dal Safavide fino al periodo

Pahlavide in ordine di arrivo

2.2.1 II periodo Safavide

2.1.1. Viaggiatore italiano Pietro Della Valle ( 1616-1623)

2.1.1. Viaggiatore francese Jean-Baptiste Tavemier (1632-1668)

2.1.1. Viaggiatore francese Jean Chardin (1664-1670)

2.1.1. Viaggiatore tedesco Engelbert Kaempfer (1684-1688)

2.2.2 II periodo Qajar (1797-1925)

2.2.2. Viaggiatore francese Xavier Pascal Coste(1839)

2.2.2. Viaggiatore Doctor Wells(1869)

2.2.2. C Viaggiatore francese Henry-René d'Allemagne ( 1907)

2.3 II periodo Pahlavide (1925-1979)

CAPITOLO III Chaharbagh Abassi: forma e carattere dell’asse storico

3.1 La situazione attuale

3.2 Analisi SWOT di viale Chaharbagh

3.2.1 Punti di forza

3.2.2 Punti di debolezza

3.2.3 opportunità

3.2.4 minacce

3.3 Strategie per migliorare la qualità di Chahar Bagh uscità da analisi SWOT

CAPITOLO IV Un piano per Chaharbagh Street

4.. 1 La mobilità(pedonalizzazione dell’area)

4.. 2 La pavimentazione

4.. 3 Funzionalità

4.3.1 Il mercato

4.3.2 Anfiteatro

4.. 4 Interventi sul miglioramento della qualità visiva della facciata urbana di Chaharbagh

conclusioni

Bibliography:

• Ahmadi, A (2013) "Tutela e Valorizzazione dei siti UNESCO in Iran:Una proposta metodologica per il piano di gestione di Naqshe Jahan"

• Ansari, M. (2001). Baghshahr- Chaharbagh Isfahan (safavie) [Olgoy-e to’sehe shahr barasas-e bagh-e irani, garden city- Chaharbagh Isfahan (safavid)]. The pattern of urban development based on Iranian garden. (Collector: Dehghan,M. ) Conference of Isfahan & Safavid era. Isfahan: University of Isfahan.

• Beygzade Zamagh, H.,(2000) "la pianificazione per la resurrezione fìsica del vecchio tessuto", Tarbiat Modarres Università, Teheran.

• Carmona, M., Heath, T., Oc, T. and Tiesdell, S. (2003), "Public Places-Urban Spaces, " Architectural Press, Oxford.

• Chardin, J. (1996). Itinerary of Chardin. Translated to Farsi by Yaghmaee, E. Tehran: Toss.

• Coste, P., 1867. Monuments modemes de la Perse mesurés, dessinés et décrits par Pascal Coste,..., publiés par ordre de son excellence le ministre de la maison de l'Empereur et des beaux-arts. Paris: Le ministre de la maison de l'empereur et des beaux-arts.

• Della Valle, Pietro, 1586-1652; Schipano, Mario Viaggi di Pietro Della Valle il pellegrino.

• Gholipour, S., 2014. Baz afarini-e Khiaban-e Chahar Bagh Abbasi Esfahan Dar Dorehay Safaviyye va Qajar, bagh-e Nazar

• Golkar ,k (2001), "Parametri di qualità di progettazione urbana"

• Golkar ,k (2004), " La tecnica di analisi SWOT adatto in progettazione urbana”.

• Habibi, SM e Maghsoodi,M , (2002) "restauro urbano: definizioni, teorie, esperienze, carte e risoluzioni intemazionali, metodi ", Università di Teheran.

• Holtzer, E. (1976). Iran in one hundred and thirteen years ago. Translated to Farsi by Asemi, M. Tehran: publications of the Ministry of Culture and Art.

• Honarfar, L. 1967. Historical Monuments of Isfahan. 4 edn. Tehran: Ziba Press, Tehran.

• Kashi, H e Boniadi ,N (2014) "Senso del luogo e dell’identità nella definizione elementi e dimensioni di locale"

• Kaempfer, E. (1969). Am hofe des persischen grosskeonings (1684-85). Translated to Farsi by Jahandari, K.Tehran: Kharazmi.

• Lazari , G (2014) , " La riqualificazione urbana ", Dipartimento di Giurisprudenza Cattedra di Diritto Amministrativo II

• Pimia, M.K. (2003). Methodology of Iranian Architecture. Collector: Memarian, GH.H.Tehran: Publication of Pazhouhandeh me’mar.

• Shafaghi, S.(2002) Goghrafia -ye Isfahan. Isfahan: Publication of Isfahan University.

• SHIRAZI, B., 1974. Isfahan, the Old; Isfahan, the New. Iranian studies.

• TAVERNIER, J.B. (1984) Itinarary of Tavemier.tradutto in Persiano con Nouri, A. Isfahan: Sanayi Library & Tayidieh Bookstore.

Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)