polito.it
Politecnico di Torino (logo)

La torre nel deserto

De Francesco, Clara and Ferrante, Simonetta

La torre nel deserto.

Rel. Giacomo Donato, Eleonora Bezzo. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2006

Abstract:

Il nostro percorso progettuale ¨¨ iniziato partendo dapprima da un'indagine di tipo territoriale. Abbiamo allargato il nostro interesse inizialmente sull'intero territorio peruviano reperendo informazioni riguardanti i diversi campi del sapere; successivamente abbiamo indirizzato la nostra ricerca verso la zona oggetto di concorso, la Piana di Nazca, e sul mistero dei numerosi segni tracciati su di essa. In seguito a questo primo excursus ¨¨ iniziata per noi la fase progettuale vera propria che attraverso l'utilizzo di numerosi spunti e schizzi di getto ci ha condotto all'elaborato finale.

Esso consiste sostanzialmente in una torre e un edificio a un solo piano fuori terra di cinque metri di altezza, ospitante: un museo che si snoda su più sale con annesso bookshop, una sala conferenze , un bar e un ristorante. Adiacente ad esso e collegato da passerella si trova un albergo di quattro piani fuori terra che si affaccia ad arco sulla Piana di Nazca.

Il concorso stabiliva di realizzare l'opera a sinistra della strada "Panamericana" in modo da sfruttare il dislivello creato da una collina; noi invece abbiamo optato per un'altra posizione, ossia a destra della suddetta strada, laddove appunto si dipartono le linee di Nazca. Pensiamo che questa sia un'idea più, poetica e più in sintonia con lo scopo del progetto che nasce appunto dall'esigenza di soddisfare il visitatore e permettergli di ammirare il paesaggio formato da segni e linee; ed ¨¨ proprio in virtù di questi che si sprigiona la forza del nostro intervento. Esso infatti si pone come forma unitaria derivata dall'incrocio di altre forme; sono curve che si incontrano ora con altre curve ora con rette che improvvisamente si spezzano per incontrare un cerchio e così formare spigoli vivi. Il tutto sembra casuale ma in realtà nasce dall'esigenza di restare fedeli al contesto e al sostrato culturale che esso porta con sé. Nel definirlo "moderno geoglifo" pecchiamo di presunzione o superbia ma in realtà il termine vuole dimostrare il rispetto che esso porta con sé nei confronti della terra su cui poggia, e quando di notte le linee e i geoglifi non sono più visibili, ecco che la struttura si illumina mettendo in risalto altre linee e altre forme. Il tutto ¨¨ ricondotto al "segno", l'architettura stessa ¨¨ fatta di "segni" e non ¨¨ forse dalla "linea" che nasce il progetto?

La torre svetta in alto per offrire al visitatore, a centotrenta metri di altezza, un osservatorio capace di renderlo padrone di ciò che si trova li attorno; perno dell'edificio sottostante, essa sale snella tra curve di acciaio che sfociano in lame, che vengono illuminate dal sole in ogni punto, per oltrepassare la piattaforma-osservatorio sovrastante e culminare in tubi fittili.

All'esterno, parcheggi non interrati ma in spazi sempre curvi, piante e alberi su tracciati spiraliformi, specchi d'acqua ad arco, tracciati dritti di luce che dettano i percorsi.

Relatori: Giacomo Donato, Eleonora Bezzo
Tipo di pubblicazione: A stampa
Parole chiave: torre - perù
Soggetti: A Architettura > AO Progettazione
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/629
Capitoli:

1 Il sito

1.1 II Perù e il suo territorio

1.2 Le città

1.3 Sistemi di trasporto

1.4 Storia e tradizioni

1.5 II popolo degli Inca

1.6 La religione del sole

1.7 Prime forme di tecnologia

1.8 L'arte

2 La civiltà Nazca

2.1 Cenni storici

2.2 Cultura della popolazione Nazca

2.3 Forme di espressione artistica Nazca: la ceramica

3 I geoglifi

3.1 I geoglifi del popolo Nazca

3.2 Successione cronologica dei geoglifi

3.3 Iconografia geoglifica

3.4 Teoria sulla funzione dei geoglifi

3.5 Casi analoghi nel mondo

4 II concorso

4.1 Descrizione del percorso di progetto

4.2 II bando

4.3 I risultati del concorso

4.4 Commenti

5 Suggestioni attraverso le altre architetture

6 Iter progettuale

6.1 Schizzi

6.2 Prime fasi del progetto

Allegati

Bibliografia:

Monografie

- Carlo AMERIO, Giovanni CANAVESIO, "Tecniche ed elementi costruttivi".

Società Editrice Internazionale, Torino 1996.

- Carlo AMERIO, Giovanni CANAVESIO, "Materiali per l'edilizia", Societ¨¤ Editrice

Internazionale, Torino 1996.

- Federico KAUFFMAN DOIG, Per ”atto primo", Erizzo, Venezia 1993.

- Giuseppe OREFICI, "Nasca: arte e società del popolo dei geoglifi", Jaka Book,

Milano 1993.

- Luigi PERA, "Tecnica dell'architettura tipologia strutturale", Goliardica, Pisa

1987.

- ISTITUTO GEOGRAFICO DE AGOSTINI, "Attente mondiale e dizionario

geografico", I.G.D.A., Officine Grafiche, Novara 1979.

- Simone WAISBARD, "Le piste di Nazca", Euroclub, Milano 1979.

Tesi

- Riccardo MONDELLO, "Il bambù´ come materiale da costruzione", (Tesi di

Laurea, Facoltà di Architettura di Torino), relatore Massimo Foti, 2003.

- Luisa SILENO, "Architettura sostenibile per l'habitat sociale: la tecnologia del

bambù", (Tesi di Laurea, Facoltà di Architettura di Torino), relatore Nuccia

Maritano Comoglio, 2003.

- Francesco MOLLICA, "Albergo in Torino", (Tesi di Laurea, Facoltà di

architettura di Torino), relatore Giacomo Donato, 2002.

- Antonio CAMINITI, "I rivestimenti esterni e le coperture con lastre di titanio",

(Tesi di Laurea, Facoltà di Architettura di Torino), relatori Giovanni Canavesio,

Roberto Doglione, 1999.

- Gabriello Cresta, "L'uso dei materiali vegetali nelle abitazioni a basso costo:

bambù tradizioni e prospettive", (Tesi di Laurea, Facoltà di Architettura),

relatore Massimo Foti, 1999.

- Cristiano ROSSETTO, "Impero Inca: manifestazione di una architettura, sua

tutela e conservazione", (Tesi di Laurea, Facoltà di architettura di Torino),

relatore Andrea Bruno, 1990.

Sitografia

- www.arquitectum.com

- www.emissionizero.net

- www.generativedesign.com

- www.peru.sudamerica.it

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)