polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Il sistema culturale di Philae (1898 d.c.-1960 d.c.) : immaginario storico e paesaggio reale di Nubia in ambiente virtuale

Buffa di Perrero, Mattia and Di Gesù, Bruno

Il sistema culturale di Philae (1898 d.c.-1960 d.c.) : immaginario storico e paesaggio reale di Nubia in ambiente virtuale.

Rel. Rosa Tamborrino, Fulvio Rinaudo. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Restauro E Valorizzazione Del Patrimonio, 2017

Abstract:

L’obiettivo di questa tesi è comprendere il Patrimonio Culturale e il Territorio di Nubia, un’area corrispondente oggi all’Egitto Meridionale e al Sudan Settentrionale. E stata analizzata l’identità architettonica, insediativa e paesaggistica Nubiana nell’area specifica della Prima Cateratta del Nilo; a suo corollario è stata esaminata la Regione Culturale di Nubia nella percezione del Mondo Occidentale espressa attraverso le fonti videografiche del XX e XXI secolo d.C.

L’area oggetto dell’analisi considerata è quella Meridionale della Prima Cateratta, corrispondente all’Isola di Philae e al suo sistema, un territorio che è stato caricato da sempre di significati militari, spirituali, politici e culturali. Esso comprende le isole di Philae, Biga, Hesa e gli insediamenti sulla costa orientale del Nilo, tra Shellal ed El-Bab. Il Sistema è stato studiato come un organismo complesso che è stato modificato repentinamente e irreversibilmente nel XX secolo d.C, a causa della costruzione, presso Aswan, della Bassa Diga (1898 d.C.) e dell’Alta Diga (1960 d.C.). La questione si è legata in particolare ai beni dell’Isola di Philae, interessati da diversi studi nel periodo della Campagna di Nubia (1960 d.C.-1980 d.C.), che, nel 1979 d.C, permise loro di entrare nel Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

L’obiettivo di questo studio è quello di analizzare il Patrimonio Paesaggistico e Architettonico del Territorio grazie alle fonti storiche, tradizionali e non. Il Sistema è considerato tassello di puzzle di relazioni territoriali di piccolo e medio raggio, modificatesi a causa di importanti fattori di cambiamento antropici. Raccolti i dati sulle trasformazioni, i loro effetti sono stati simulati sul Patrimonio tangibile per mezzo di strumenti digitali, con l’uso di modelli 3D e del GIS. Inoltre, il presente studio mira a comprendere l’Immagine Occidentale della Nubia e il suo cambiamento nel corso del XX secolo d.C, in risposta alla consapevolezza dell’esistenza di un Patrimonio Nubiano. Perciò si è utilizzato il supporto delle risorse video realizzate da produzioni Europee o Americane, scelte per l’ambientazione egizia e nubiana. Quindi si sono analizzati da una parte i ruoli che Nubia e Nubiani giocano negli intrecci e la considerazione che viene loro data. Dall’altra parte si è ricercato, se Architettura e Paesaggio fossero presentati come testimonianze rilevanti di Patrimonio o meno.

Il metodo utilizzato per la ricerca si è avvalso, anzitutto, della progettazione di un database per raccogliere diversi tipi di dati. Partendo dalla struttura Dublin Core vers. 1.1 si è creata, con l’aiuto del software di Microsoft Office Access, una base, implementabile e ampliabile, per lo studio presente e i futuri. Dunque, le fonti sono state studiate per raccontare, descrivere e definire i significati culturali del sistema paesaggistico e architettonico, persistenti o meno sul Territorio, secondo la linea di pensiero storica dello “spatial turn”. E stata studiata la trasformazione del Sistema di Philae e dei suoi significati, supportati dall’uso di software specifici per Geographic Information System (GIS) e 3D Modelling. Infine, per descrivere il percorso di trasformazione dell’immagine della Nubia in Occidente sono state analizzate le fonti video, classificate in funzione dei loro obiettivi e periodi di realizzazione, e tra loro confrontate.

In sintesi la finalità della tesi è duplice: in primo luogo, si è approfondita la storia del Patrimonio Culturale Nubiano e della sua percezione nella cultura del Mondo Occidentale del XX secolo d.C. utilizzando fonti videografiche e, in secondo luogo, si è applicato il metodo di analisi e studio, basato su competenze legate alle Information and Communications Technologies (ICT), come nuova metodologia per lo studio della Storia, del Territorio, del Patrimonio e del loro rapporto e interdipendenza.

Relatori: Rosa Tamborrino, Fulvio Rinaudo
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: A Architettura > AP Rilievo architettonico
ST Storia > STA Antichità classiche
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Restauro E Valorizzazione Del Patrimonio
Classe di laurea: Nuovo ordinamento > Laurea magistrale > LM-04 - ARCHITETTURA E INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/6151
Capitoli:

Abstract

Introduzione e cronologia di riferimento

1 Studiare il Patrimonio Culturale

1.1 Fonti per la Ricerca Storica

1.2 Progettazione del Database

1.3 Studio del territorio con il Geographic Information System

1.4 Visualizzare con il 3D Modelling

1.5 Ricezione del Patrimonio

2 Sistema di Philae e Storia del suo Territorio

2.1 Prima Cateratta

2.2 Sistema di Philae e la sua importanza

3 Patrimonio e azioni di Tutela

3.1 Patrimonio Architettonico di Philae

3.2 Patrimonio Insediativo del Sistema

4 Ricezione della questione del Patrimonio Nubiano nel Mondo Occidentale

4.1 Fonti videografiche

4.2 Nubiani e il loro patrimonio nel Cinema

Riferimenti

Bibliografia

Sitografia

Appendici

A_Relazione di progetto della struttura del Database

B_Relazione di progeto GIS

C_Relazione di progetto della modellazione

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

AAW, Description de l’Egypte. 'Publiée sous les ordres de Napoléon Bonaparte, Paris, Inter livres, 1809-1829 (ried. 1995).

DAVID ROBERTS, The Holy Land, Syria, Idumea, Arabia, Egypt, & Nubia., II Cairo, National Printing Department, 1855.

JOHN BALL, A description of First or Aswan Cataract, London, Day & Son, 1907. HENRY GEORGE LYONS, A Report on the Temples of Philae, II Cairo, National Printing Department, 1908.

GEORGE REISNER, The Archaeological Survey of Nubia. Report for 1907-1908, II Cairo, National Printing Department, 1910.

CECIL MALLABY FIRTH, The Archaeological Survey of Nubia. Report for 1908-1909, II Cairo, Government Press, 1912.

CECIL MALLABY FIRTH, The Archaeological Survey of Nubia. Report for 1909-1910, II Cairo, Government Press, 1915.

CECIL MALLABY FIRTH, The Archaeological Survey of Nubia. Report for 1910-1911, II Cairo, Government Press, 1927.

Consortium of Consultin Engineers <& Architects Cairo, Study on the Salvage of Philae Monuments based on removal to Agilkia Island, Alexandria, Imprimerie Capsalis, 1968.

“The Unesco CourierFebbraio/Marzo 1980,1980.

Robert STERN, Mohamed GAMAL ABDELSALAM, The Origin of the GreatBend of the Nile from SIR-C/X-SAR Imagery, in rivista: “Science”, n. 274 (06/12/1996). Edda BRESCIANI, Sulle rive del Nilo. L’Egitto al tempo dei faraoni, Bari, Gius. Laterza & Figli, 2000.

ALFREDO CASTIGLIONI, ANGELO CASTIGLIONI, Nubia. Magica terra millenaria, Firenze, Giunti Gruppo Editoriale, 2006.

EUGEN STROUHAL, Anthropology Of The Egyptian Nubian Men, in “Anthropologie”, n. 45 (2007).

SILVIA EINAUDI (a cura di), Viaggio in Egitto. L’Ottocento riscopre la terra dei faraoni, Castello di Miradolo a San Secondo di Pinerolo (TO), mostra: 1 ottobre 2011 - 29 gennaio 2012, Torino, Daniela Piazza Editore, 2011.

CLAUDIA MAZZOLENI (rei. PIER FEDERICO MAURO CALI ARI), Nuova e Vecchia Philae. ha Traccia e il Simulacro, Tesi, Laurea in Progettazione Architettonica e Urbana, Politecnico di Milano, 2010/2011.

PIERLUIGI BAIMA BOLLONE, L’Antico Egitto. Storia e scienza, Borgaro Torinese (TO), Priuli e Verlucca, 2014.

SALIMA IKRAM (trad. ILARIA INCORDINO), Antico Egitto, Trofarello (TO), Kemet Edizioni, 2015.

LUIGI POLACCO (a cura di), CARLO ANTI, Propedeutica archeologica, Padova, CE- DAM - Casa Editrice dott. Antonio Milani, 1966.

MICHEL FOUCAULT (trad. GIOVANNI BOGLIOLO), L’Archeologia del sapere, Milano, Rizzoli, 1971 (ried. 2015).

DAVID J. BODENHAMER, JOHN CORRIGAN, TREVOR M. HARRIS (a cura di), The Spatial Humanities. GIS and the future of humanities scolarship, Bloomington, Indiana University Press, 2010.

SERGIO LUZZATTO (a cura di), Prima lezione di metodo storico, Bari, Gius. Laterza & Figli, 2010.

SLOBODAN MANDlC, Internet Archive e nuove tipologie di fonti, in “Diacronie: studi di storia contemporanea” n. 8 (29/10/2011).

ROSA TAMBORRINO (a cura di), Digital Urban History. Telling the history of the city in the age of ICT revolution, Roma, Centro per lo studio di Roma-Università degli studi Roma Tre, 2014.

NORA HANTSCH, Access 2002. Gestione completa dei database, Milano, Apogeom s.r.l., 2002.

Remo BADOER, Vincenzo BAZZOCCHI, Marina CENNAMO, Antonella GALEOTTI, Cristina MAGLIANO, Patrizia MARTINI, Marco TURCI (a cura di), La catalogatone del materiale video in SBN, opera digitale, draft, Roma, ICCU, 2007.

Area Standard Norme Catalografiche e Didattica (a cura di), Guida alla catalogatone in

SBN materiale moderno, opera digitale, draft, Roma, ICCU, 2007.

Commissione permanente per la revisione delle regole italiane di catalogazione (a cura di), Regole italiane di catalogazione, opera digitale,^//, Roma, ICCU, 2009.

GIOVANNA GENOVESIO (rei. FULVIO RINAUDO), La Tecnica GIS per la documentazione del Patrimonio Costruito, Tesi specialistica, Laurea Specialistica in Architettura, Politecnico di Torino-II Facoltà di Architettura, 2008/2009.

PAOLO ATZENI, STEFANO CERI, PIERO FRATERNALI, STEFANO PARABO- SCHI, RICCARDO TORLONE, Basi di dati. Quarta edizione, Milano, Me Graw- Hill Education, 2014.

GIULIA SAMMARTANO (rel. ANTONA SPANÒ), Cinque Terre. Conservazione dell’ordinario e rischio dello straordinario. Una proposta di database geografico-spaziale per il Patrimonio Paesaggistico di Vernazza (SP), Tesi di laurea magistrale, Architettura per il Progetto Sostenibile, Politecnico di Torino-Facoltà di Architettura, 2014.

SITOGRAFIA

dictionary.cambridge.org

www.treccani.it

nubianstudiessociety.wordpress.com

www.condotte.com

dublincore.org

wwiv.iccu.sbn.it

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)