polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Under the bridge : spazi residuali urbani : dallo scarto al riuso per nuove relazioni urbane

Polihroniadis, Stefania

Under the bridge : spazi residuali urbani : dallo scarto al riuso per nuove relazioni urbane.

Rel. Federica Corrado. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2016

Abstract:

INTRODUZIONE

La volontà di analizzare i temi trattati nelle pagine successive nasce dall' immagine della città nella quale sono cresciuta. Salonicco. Non è la mia città natale, ma è la città nella quale ho vissuto tutta la mia infanzia, la mia vita scolastica, il posto dove ho trovato i miei primi amici, dove ho corso per ore e ore nel lotto libero di fronte casa, dove mi sono sbucciata le ginocchia, il luogo che mi ha reso la persona che oggi sono. Quando penso alla mia città mi commuovo. Troppi ricordi, troppe esperienze. Quando sono lontana sento la sua mancanza. Quando sono da lei sono felice.

Salonicco, in greco Өεσσαλovίҡŋ, ovvero Thessaloniki, prende il suo nome dalla sorella di Alessandro Magno, da stesso padre (Filippo secondo) e madre diversa. Una città dove i suoi abitanti sono orgogliosi di provenirci. Tutti i salonicchesi amano la loro città. Quante canzoni sulla bella Thessaloniki, quante storie sulle belle salonicchesi, considerate tra le donne più belle della Grecia. Ogni abitante originario è davvero orgoglioso di poter dire che "sono Salonicchese". Salonicco è come una mamma. Una mamma che vuol bene a tutti i suoi due milioni di figli. Ma anche una mamma che si sente trascurata, che dà tutto ai figli e in cambio non prende nulla, solo disinteresse.

Passeggiando per le stradine del centro, si percepisce una sensazione di abbandono. Edifici alti 10 piani che asfissiano le piccole stradine che passano tra loro, edifici abbandonati, ex negozi ai piani più bassi, che non hanno resistito alla crisi, pieni di graffiti e robaccia buttata qua e là, cartacce dappertutto. E più si esce dal centro, più le cose peggiorano.

Si, siamo tutti fieri di provenire da Salonicco, ma nessuno fa nulla perché anche la città sia fiera di noi. La città del degrado. Tutto lasciato a marcire. Riesci a vedere le rughe del vecchio, nessuno fa "botox" qua, non basta il denaro, massimo ci si mette un velo di make-up che con la prima pioggia sparirà e tutto tornerà come prima.

Riesci a percepire la vita degli edifici e la situazione della città. Ovviamente questo ha il suo fascino. Mi ricordo me stessa da sempre, mi ponevo un sacco di domande. Vedendo un edificio abbandonato o antiche villette in rovina oppure le aree adiacenti alla ferrovia piene di graffiti colorati dove la mamma non ci faceva mai andare. Ancora quando si andava ad esplorare la 'casa stregata' del lotto libero di fronte casa. Cosa c' era lì prima? Perché è stato abbandonato? Perché nessuno se ne occupa più? Dietro a queste domande da piccoli ci facevamo mille idee e ci inventavamo mille storie di mistero. Si, I' abbandono e il degrado creano quel senso misterioso... quel senso che fa nascere domande.

Come Ignasi de Sola- Morales scriveva nel suo articolo Terrain Vague: "Empty, abandoned space in which a series of occurrences have taken place seems to subjugate the eye of the urban photographer. Such urban space, which I will denote by the French expression terrain vague, assumes the status of fascination, the most solvent sign with which to indicate what cities are and what our experience of them is."(Solà- Morales, 1995)

In generale Salonicco è una città del degrado. Per qualche mese ho vissuto nella parte ovest della città, nei sobborghi, la parte più povera di Salonicco. Siamo nella periferia, dove sono accumulate la maggior parte delle infrastrutture della città . All' altezza del mare, il grande porto, il porto militare e la vecchia stazione ferroviaria. Un poco più in alto, la stazione della ferrovia, ponti autostradali verso tutte le direzioni, la stazione delle corriere, I' area industriale. Parliamo di infrastrutture adiacenti a zone abitate o di infrastrutture che fratturano aree, che dividono quartieri.

Le periferie urbane sono in genere costituite da una successione di luoghi assai complessi, caratterizzati soventemente dal disordine, dalla presenza di interferenze e da un insufficiente grado di relazione funzionale fra di essi. In questo contesto il passaggio dell'autostrada lungo i margini della città si presenta come un ulteriore squarcio al tessuto, trascinando con sé il proliferare casuale di capannoni e di attività diverse (Morelli, 2004)

Essendo la parte più povera, molti senzatetto trovano rifugio in queste aree, sotto ai ponti, in edifici abbandonati. Sopra lo spazio per la mobilità, sotto lo spazio per chi non ha.

Le infrastrutture sono anche andate a circondare I' area più pericolosa di Salonicco: Dentropotamos (Δενδροπόταμος). Area quasi cancellata dalla mappa della città. Se non hai qualcosa da fare, non puoi passarci per caso. La tua macchina si troverà presto circondata da uomini armati che ti chiederanno cosa vuoi. La maggior parte delle droghe provengono da li, tutti i tossicomani della città viaggiano percorrendo chilometri e chilometri a piedi attraversando la città per procurarsi la loro dose.

Quest' area però è circondata dal grande ponte autostradale da una parte, autostrada dall' altra e la via principale che esce da Salonicco per andare a trovare il nodo autostradale verso tutte le direzioni, nessuno entra. Nella stessa area non si può non notare il grande ponte autostradale sopraelevato che connette la stazione delle corriere con I' autostrada e il resto dei sobborghi ovest della città.

Ecco, è appunto in luoghi come questi che penso sia importante cercare di capire cosa succede e come intervenire. Il ponte è stato creato per connettere, per fare muovere i veicoli più velocemente. Ma essendo posizionato in zone abitate, ha creato problemi. Sociali principalmente. Il suo di sotto è diventato un luogo dello scarto.

Perché una architettura, per velocizzare la mobilità deve distruggere altre aree? Perché nessuno ha pensato a cosa vuole dire creare infrastrutture in città per le società e che ci vive intorno? Perché nessuno ha pensato o si è interessato ai nuovi spazi che si creano attorno? Questo e molto altro mi piacerebbe analizzare, cercando casi simili in giro per il mondo, confrontando cosa succede in zone diverse, come vengono risolti questi problemi ed infine vedere come io posso risolvere un problema del genere nella mia città. Una città con molti problemi, dove mancano gli spazi pubblici, gli spazi di ritrovo, gli spazi verdi.

La tesi intende iniziare dall' osservazione della realtà, guardando il tutto con un occhio diverso, costruendo un apparato teorico di riferimento, comparando varie situazioni e casi tra loro, per individuare nuovi scenari e nuove relazioni per un paesaggio urbano socialmente sostenibile.

Secondo Ceccarelli (2015), nella città del XXI è necessario cambiare punto di vista. Percorrere strade non praticate, immaginare futuri inconsueti, "perché affrontare la complessità della realtà urbana contemporanea con consolidati modelli non funziona più, non produce esiti significativi".

In un mondo dove la frantumazione dello spazio è sempre più evidente.

In una città contemporanea dove le segregazioni aumentano di giorno in giorno. Segregazioni tra ricchi e poveri, tra periferia e centro, tra la comunicazione, per la paura del diverso, mi è sembrato opportuno occuparmi di un elemento evidente nella mia città che potrebbe ricucire le ferite create fino ad oggi. Come Magnaghi afferma preoccupato, è necessaria una rinascita, attraverso nuovi atti fecondati, che producano nuovamente territorio, ovvero, nuove relazioni fertili fra insediamento umano e ambiente (Magnaghi, 2000).

"Frammentaria, eterogenea, dispersa, la citta contemporanea si estende senza soluzione di continuità su porzioni di territorio sempre più ampie.

E' un' unica città senza inizio né fine, che accoglie un enorme varietà di oggetti edilizi, isolati o aggregati, ma anche di spazi vuoti, suoli in attesa. Questo vasto territorio segnato da 'sussulti individuali' può riscattare la sua indeterminatezza, offrendosi come campo d' azione per un processo di rigenerazione urbana fondato su un progetto di suolo, un azione pragmatica che si pone I ‘obbiettivo di conferire senso e qualità allo spazio senza scatola, allo spazio neutro che si dispone tra le cose"

(Coccia, 2010)

Relatori: Federica Corrado
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: A Architettura > AK Edifici e attrezzature per l'industria
U Urbanistica > UK Pianificazione urbana
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: Nuovo ordinamento > Laurea magistrale > LM-04 - ARCHITETTURA E INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/5874
Capitoli:

INDEX

Introduzione

1.CONCETTI DI SPAZIO, LUOGO E TERRITORIO

1.1.Spazio luogo

1.2.Territorio

1.3.Scarto e degrado

2.INFRASTRUTTURE, MOBILITA' E SPAZI RESIDUALI

2.1.Infrastrutture come luoghi di flussi e infraspazi tra luoghi e nonluoghi

2.1.1.Riciclare Spazi in Città

2.1.2.Terrain Vague

2.1.3.Architettura partecipata

2.2.Lo spazio pubblico delle infrastrutture

2.3.Mobilità, infrastruttura e individuo

3.ATTORNO, SOTTO E SOPRA IL PONTE

3.1.Ponti e sottoponti come luoghi problematici nel mondo

3.2.Nuovi luoghi possibili

4.IL CASO STUDIO DI SALONICCO

4.1 Breve storia della città e fatti urbanistici

4.1.1.Dalla fondazione fino alla fine del Bisanzio (315 a.C.-1430)

4.1.2.La conquista Ottomana, XV- XIX secolo

4.1.3.Dal primo decennio dello scorso secolo. Finalmente la città è greca

4.1.4.Dalla seconda guerra mondiale e ¡1 perché dell' immagine di oggi

4.1.5.L' evoluzione dei fatti urbanistici e il passaggio al XXI secolo

4.2.Una lettura di spazi residuali e centralità

4.2.1.II caso di Dentropotamos

4.3.Descrizione delle aree adiacenti

4.4.Come gli abitanti percepiscono il luogo

4.5.Il ponte

4.5.1.Divisione del ponte

4.5.2.Funzioni del ponte

5.PROPOSTA DI IDEE

Appendix tavole

Bibliografia

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

Ananiadou - Tzimopoulou M., Zacahariadou-Tsokou N., Gli spazi Uberi e verdi a Salonicco, Comitato di Coordinamento delle Società Scientifiche, Salonicco, 1979.

Ananiadou - Tzimopoulou M., L'analisi del paesaggio del contributo Design 'alla ricerca Architettura del Paesaggio, Tesi di dottorato, Salonicco, 1982

Agnew J., The territorial trap: the geographical assumption of international relations theory, Review of international political economy, vol 1, 1994, pp. 53-80

Appleton, J. Hv The experience of Landscape, John Wiley and Sons, London and NY, 1975

Ardita V., Architettura e paesaggi infrastrutturali, Maggioli editore, Segrate, 2012

Augé M., Nonluoghi, Elèuthera, Milano, 2009 _Barbieri P., Infraspazi, Meltemi editore, Roma, 2006 _Boeri S., L'anticittà, Laterza, Bari, 2013

Bradaschia M., Decalogo post-urbano, progetti e politiche per Trieste, Meltemi, Roma, 2003

Burgi P., Percezione, in Loredana P., Cesare M., Nuove infrastrutture per nuovi paesaggi, Skira, Milano 2003, pag. 25.

Ceccarelli P., Becchi A., Bianchetti C., Indovina F., La città del XXI secolo. Ragionando con Bernardo Secchi, Francoangeli, Milano, 2015

Cerver F. A., Urban Space Details - Landscape Architecture - Plans of Architecture, Arco Editorial, Spain, 1998

Chadjimichalis K., Gerolibou A., Kalogerou, N., Kafkoula, K., Papamichos, N., Tsoulouvis, Av., Chastaoglou B., The City - raccolta di testi sulla città e urbanistica, Salonicco 1986

Chemetoff Al., Croset Pierre-Alain, Yves Lion, Gustavo Gilli Edition, Barcellona, 1992

Chekimoglou E., Ampelokipoi hanno la loro storia, ianos, Salonicco, 1998

Choay F., Espacements: figure di spazi urbani nel tempo, Skira, Milano, 2003

Clemens A., Remaking the terrain vague, Thesis, Cape Town university, Cape Town, 2012

Coccia L. (a cura di), House, Spazio Ricerca n.4, Kappa, Roma, 2004

Coccia L., Cao U., Polveri Urbane, Meltemi, Roma, 2003

Corboz A., Le territoire comme palimpseste et autres essays, Besançon, Editions de l'Imprimeur, 2001

Comune di Menemeni, Sezione servizi tecnici, Studio analitico di azioni del comune per i Rom, Salonicco, 2001, pp.4

Crespi L., La stazione, il parco, la città, progetti per l'area di interscambio di Saronno, Alinea, Firenze, 1997

Croset P.A., Il moderno e la codificazione degli spazi aperti, in Casabella 597-598, Il disegno degli spazi aperti, Milano, 1993

Crotti S., in Fabrizio Zanni,(a cura di), Architettura, progetto, reti, Clup, Milano, 2002

Crowe S., The landscape of roads, Architectural Press, New York, 1960

Cullen G., The Concise Townscape, Architectural press, New York, 1971

De Cesaris A., Infrastrutture e paesaggio urbano, Edilstampa, Caserta,2012

Dell' Agnese E. (a cura di), GEO-GRAFIA strumenti e parole, Edizioni Unicopli, Milano, 2009

Di Girolamo C., Infrastrutture innogenetiche : spazi catalitici per uno sviluppo urbano sostenibile, Maggioli editore, Segrate, 2014

Forman T. R., Sperling D., Road Ecology. Science and solutions, Island Press, Washington, Covelo, London, 2003

Gabbianelli A., Spazi residuali conferenza, IUAV, Venezia, Maggio 2012

Gavrilidou E., Kleinmann H., Oureilidou E., Zafeiropoulos S., Urban Agriculture in Thessaloniki.

An Academic Project Meets Reality, in RI-VISTA Firenze Journal, Firenze University Press, Firenze, vol2, 2015, pp.60-85

Geertz C., Interpretazione di culture, Il Mulino, Bologna, 1987

Geddes P., Cities in evolution, an introduction to the town planning movement and the study of civics, Williams & Norgate, London, 1915

Giedion S., Space, time and architecture: The Growth of a New Tradition, Harvard University Press, Cambridge, 1967

Hawk T., Keller R., Kleinekort V., Infrastructural Urbanism. Addressing the In-between, DOM Publishers, Berlin, 2011

Heidegger M., L'arte e lo spazio, il Melangolo, Genova, 2000, pp.37

Hillier B., Space is the Machine, A Configurational Theory of Architecture, Cambridge University Press, UK, 1996

Houben F., A room with view, NAI Pubblishers, Rotterdam, 2003

Joannidou A., I Rom di dentropotamos, Annuario Scientifico del Centro di Storia di Salonicco, Vol.2, Salonicco, 1990,

Manzone C., tesi: Il ruolo del marketing territoriale nello sviluppo di un nuovo sistema produttivo a Mirafiorisud, Università degli studi di Torino, Facoltà di scienze politiche, 2011

Markus T., Buildings & Power: Freedom and control in the origin of modern types, Psycology Press, London, 1993

Mela A., Belloni M.C., Davico L., Sociologia e progettazione del territorio, Carocci, Roma, 2000

Mela A., Sociologia delle città, La nuova Italia scientifica, Urbino, 1996

Mela A., Appunti di politica territoriale: 13 progettazione urbanistica e sociologica, Celid, Torino, 2007

Mosco V.P., L'architettura delle infrastrutture, in TC Trasporti e Cultura, No 8, Campanotto editire, Udine, 2004

Karadimou-Yerolymbou Al., Caserma fortificata, città non fortificata, University Studio Press, Salonicco, 2016

Karadimou-Yerolymbou Al., Ridisegnare l'asse monumentale Salonicco, General Print Publication, Salonicco, 1997

Karadimou-Yerolymbou Al., L'emergere della Salonicco moderna, University Studio Press, Salonicco, 2014

Khoolas R., Junkspace, Quodlibet, Macerata, 2013

Kurtuncu, B., Koknar, S., Dursun, P., Decoding Spatial Knowledge and Spatial Experience, Proceedings of Design Train Congress, Amsterdam, The Netherlands, 05-07 June, 2008, vol.2.

Labrianidis L., Kafkalas G., Papamichos N., Salonicco al confine, la città come processo di cambiamenti, Kritiki, Salonicco, 2008

Lawson B., How Designers Think, Architectural Press, Oxford, 2003

Lawson B., 2005, The Language of Space, Architectural Press, Oxford, 2005

Lefebvre H., The Production of Space, Blachwell Publishers Ltd, Oxford, 1998

Lynch K., Waisting away, Sierra Club Books, San Francisco, 1990

Lynch K., The image of the city, MIT press, Cambridge Massachusettes, 1960

Maffioletti Serena, Infrastrutture e paesaggi contemporanei

Maggioli M., Dentro lo Spatial Turn: luogo e località, spazio e territorio, in Semestrale di Studi e Ricerche di Geografia, XXVII, Fascicolo 2, Roma, 2015

Magnaghi A.(a cura di), Il territorio bene comune, University Press, Firenze, 2012

Marini S.(a cura di), Santangelo Vincanza,Recycleland, Aracne editrice, Roma, 2013

Marini S., Nuove terre: architetture e paesaggi dello scarto, Quodlibet, Macerata, 2011

Marini S. (a cura di), Giancarlo De Carlo. L'Architettura della partecipazione, Quodlibet

Mazower M., City of Ghosts: Christians, Muslims, and Jews, 1430-1950, Alexandria, Atene, 2006

McDonough W. e Braungart M., The Upcycle: Beyond Sustainability. Designing for Abundance, North Point Press, New York, 2013

Mouzakitis A., Analisi della situazione attuale del complesso urbano di Salonicco e il confronto dei distretti occidentali e orientali in conformità

con i valori delle loro case. Tesi, Università Aristotele di Salonicco, Salonicco, 2015

Pasqualotto G., Estetica del vuoto, Marsilio, Venezia, 2007, pp.87

Pezzullo L., in M.T. Fenoglio, Andar per luoghi. Natura e vicende del legame con i luoghi, Ananke, Torino, 2007, p. 119

Prisco M. Rv Spazio, luoghi, territorio: ripensare la spazialità delle politiche di coesione territoriale, 2015

Proshansky, H.M., Ittelson W.H., Rivlin L.G., Environmental Psychology: Man and His Physical Setting, Holt, Rinehart and Wiston, USA, 1970

Quaini M., Gemignani C. (a cura di), Cantiere paesaggio. Materiali per la costruzione degli osservatori locali, FrancoAngeli, Milano, 2014

Raffestin C., 'Ecogenese terririale et territorialité', in Auriac Brunet, Espaces, jeux et enjeux, Fayard & Fondation Diderot, Paris, 1986, pp. 175- 185

Relph E., Place and Placelessness, Research in planning and design, vol. 1, Pion Limited, London, 1976

Scaglia M., Nuovi domini dello spazio pubblico, in gizmoweb.org/2014/03/nuovi-domim-dello-spazio

Secchi B., La città dei ricchi e la città dei poveri, Editori Laterza, Bari, 2013

Secchi Bv La città del ventesimo secolo, Editori Laterza, Bari,

Secchi Bv Prima lezione di urbanistica, Editori Laterza, Bari, 2000

Sichirollo L., Giancarlo De Carlo, Gli spiriti dell'architettura, Editori Riuniti, Roma 1992

Siobhan D.l, Recycling Space Reframing Urban Derelict Sites and Properties. Exploring Space Theories from Henri Lefebvre to Urban Catalyst, Master of Arts in Cultural Studies, Belgio, 2015

de Sola- Morales Ignasi, Terrai Vague, em Territorios, Editorial Gustavo Gili, SA, Barcellona, 2002

Tagliapietra, Lo spazio e il luogo. La memoria ospitale, dal Convegno "Spazi del contemporaneo, Alghero, 29 settembre -2 ottobre 2005

Toscani Chiara, Le forme del vuoto: spazi di transizione dall' architettura al paesaggio, Maggioli Editore, Segrate, 2011

Tschumi B., Architettura e disgiunzione, Pendragon, Bologna 2005; pp. 143-198

Tuan Yi-Fu , Space and place, The perspective of experience, University of Minnesota Press, Minneapolis, 1977

Turco A., 'Il luogo, bene commune', in Turco A. (a cura di) Paesaggio, luogo, ambiente, La configuratività territoriale come bene comune, Unicopli, Milano, 2014, pp. 149-186

Venturi R., Scott Vrown D., Izenour S., Laerning from Las Vegas, thè MIT Press, Cambridge, Macssachusetts and London, 1972

Vinci I. (a cura di), Il radicamento territoriale di sistemi locali, Francoangeli, Milano, 2010

Yannakis K., Nikiforidis P., Petridou K., Tarani P., Salonicco Su e Giù, Camera tecnica di Grecia sezione Macedonia Centrale, Salonicco, 2004

Zanni F., (Infra)luoghi: Infrastruttura- Architettura, Maggioli editore, Segrate, 2010

Zanni F., Abitare la piega, Maggioli editore, Segrate, 2010

SITOGRAFIA

sauceskateboardzine.blogspot.gr/2011_10_01_archive.html#

cairobserver.com/post/121347402899/utilizing-lost-spaces-under-cairos-flyovers#.V6whfyh96M8

skatepark.org/park-development/2011/05/ten-diy-skateparks/

timeout-test.candrholdings.com/big-smog/features/57756/under-the-bridge-a-space-conundrum.html

sentimentodellospazio.wordpress.com/2012/03/30/il-senso-del-luogo/

users.auth.gr/~marrep/LESSONS/ERGASTIRI/TOPIKH_ISTORIA/

users.auth.gr/~marrep/LESSONS/ERG ASTIRI/NEW_TECHN0L0GY/2.2.html#TioA.Eo6

www.kordelio-evosmos.gr/index.php?option=com_contentHYPERLINK

gis.dke.gr/kordelio/

rossexoadams.com/2015/ll/16/on-territory-architecture-and-the-urban

lr-a.eu/pages/lab_0.htm

ypes.gr/el/Ministry/

gis.thessaloniki.gr/CityGuideThes/fp/index.html

psxm-tkdm.gr/xriistika/perivalon/115-dendropotamos

greenme.it

lifeme.it/2016/06/10-fiori-e-piante-da-coltivare-un-balcone-terrazzo-ombra-mezzombra.html

thegardenhelper.com

gizmoweb.org/2014/03/nuovi-domini-dello-spazioreboc2.wordpress.com/

sentimentodellospazio.wordpress.eom/2012/03/30/il-senso-del-luogo

sardegna-cina.blogspot.gr/2013/06/pa-lo-spazio-pubblico-nelle-citta.html

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)