polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Analisi della città storica di Rivarolo Canavese: linee guida per la conservazione

Mancuso, Francesca and Passarella, Veronica

Analisi della città storica di Rivarolo Canavese: linee guida per la conservazione.

Rel. Carla Bartolozzi. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2006

Abstract:

Questo lavoro di tesi è volto a fornire riflessioni e possibili spunti sull'elaborazione di una metodologia da applicare a casi concreti nell'ambito del Restauro Urbano. Come caso studio la scelta è ricaduta su Rivarolo Canavese, centro di medie dimensioni sito a pochi chilometri da Torino, per ragioni di tipo affettivo verso il fascino discreto di questa cittadina.

Nella decisione di affrontare un tema di restauro urbano, abbiamo colto la necessità di individuare tutti i possibili elementi caratterizzanti l'impianto socio-culturale, edilizio ed urbanistico che abbiano contribuito ed in qualche modo condizionato o sviluppato le scelte della comunità rivarolese. Come prima analisi abbiamo cercato di individuare le fasi del dibattito concernente la salvaguardia delle città storiche e, più in particolare della loro conservazione, che ha portato a considerare il restauro urbano una complessa ed autonoma disciplina.

Si è introdotto il concetto di edilizia storica come punto di partenza per la tutela e la conservazione, considerando il Centro Storico non solo per la singola opera che lo costituisce, ma come entità caratterizzata dall'ambiente urbano e paesistico che lo circonda rappresentando una testimonianza insostituibile. Attraverso una attenta e meticolosa analisi storica e storico-urbanistica della città di Rivarolo, effettuata esaminando i documenti conservati presso l'Archivio Storico Comunale di Rivarolo Canavese, cercando di affrontare la fase di conoscenza dell'intera struttura urbana della città attraverso la cartografia, parte del materiale pubblicato e tutti gli strumenti urbanistici che hanno caratterizzato lo sviluppo urbano della città stessa, abbiamo potuto fare alcune ipotesi sulla condizione dello sviluppo sociale e di conseguenza di quello urbanistico, viario ed edilizio che hanno condizionato lo sviluppo protoindustriale.

Per la lettura dei caratteri e della consistenza dell'ambiente urbano, abbiamo introdotto una specifica metodologia di analisi che fosse in grado di valutare i singoli elementi urbani, ma che allo stesso tempo non li riducesse in entità a sé stanti. Il riferimento fondamentale è l'analisi dei tre momenti del progetto di restauro architettonico, la conoscenza, il restauro e la rifunzionalizzazione che, dopo una prima fase teorica sono stati analizzati a livello pratico rispetto al caso del Centro Storico di Rivarolo.

La seconda fase di ricerca si è improntata sull'analisi degli strumenti urbanistici: dal Piano di abbellimento e rettilineamente del 1826 all'analisi dell'attuale strumento urbanistico vigente. Questo ci ha consentito di individuare nell'ambito urbano gli elementi con caratteristiche omogenee rispetto al tessuto edilizio ed elementi con caratteri edilizi riconoscibili e riconducibili a particolari periodi di trasformazione.

L'analisi del tessuto urbano e dei caratteri dominanti dovrebbe servire al riconoscimento degli elementi da tutelare, non solo riferiti ad un opera singola come potrebbe essere un monumento, ma all'ambiente urbano e paesistico, che costituisce, con i propri valori corali, una testimonianza culturalmente insostituibile, fatta di elementi da recuperare e valorizzare attraverso possibili ed eventuali interventi di conservazione e restauro. Questo concetto è stato oggetto di diversi, e ancora attuali, ripensamenti ed interpretazioni che però, non ha mai portato in Italia ad una normativa finalizzata, di fatto, alla conservazione dell'ambiente costruito.

Data la vastità del tema della conservazione nella stratificazione storica dell'architettura e dell'edilizia rivarolese con le sue invarianti e caratterizzazioni nel progetto del costruito, l'ambito della ricerca risulta ristretto, come già accennato, allo studio delle trasformazioni funzionali e costruttive edilizie ed architettoniche a partire dalla metà del XVIII secolo, valutandone l'influenza sulle trasformazioni architettoniche.

Fecalizzando l'attenzione su questi elementi, pensiamo di poter fornire alla cittadina rivarolese una dimostrazione circa il mantenimento e la conservazione di una parte di città che ci è giunta dall'Ottocento.

Il nostro intento è quello di indicare dei criteri ai quali attenersi per riscoprire la valenza del nostro patrimonio architettonico, dandogli una impostazione che speriamo possa essere, in futuro, applicata anche per altri casi studio, come se fosse una sorta di Iter procedurale.

Relators: Carla Bartolozzi
Publication type: Printed
Uncontrolled Keywords: analisi architettonica - Rivarolo - conservazione
Subjects: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
R Restauro > RA Restauro Artchitettonico
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
Classe di laurea: UNSPECIFIED
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/500
Chapters:

PREMESSA p. 1

CAPITOLO 1 : RESTAURO URBANO

1.1 Alcune moderne definizioni per la comprensione del restauro p.4

1.2 Evoluzione della teoria e del dibattito sulla salvaguardia dei centri

storici p.11

1.3 Indirizzi attuali p.14

1.4 Indicazioni metodologiche per la conservazione p.18

1.5 Conclusioni. Riflessioni finali sul tema del Restauro urbano p.22

CAPITOLO 2:

LA RICERCA STORICA PER LA COMPRENSIONE DEL CASO STUDIO DELLA CITTÀ DI RIVAROLO

FASE DI CONOSCENZA: Studio dei caratteri dell'ambiente urbano.

2.1 Primi insediamenti e territorio p.24

2.2 Segni di romanizzazione nel Canavese e nel Rivarolese p.26

2.2.1 Probabili origini romane di Rivarolo Canavese p.28

2.2.2 La centuriazione romana p.33

2.3 Sviluppo storico del Canavese p.34

2.4 Rivarolo nel periodo alto medioevale (V-X secolo) p.39

2.5 Rivarolo nel periodo feudale (XII-XIII secolo) p.41

2.5.1 Lo sviluppo del feudo p.42

2.6 II XIV ed il XV secolo p.45

2.6.1 L'organizzazione sabauda: i primi statuti del 1358 p.49

2.6.2 La fondazione del borgo di Rivarolo p.53

2.7 Gli sviluppi nei secoli XVI e XVII p.56

2.8 II rinnovamento architettonico del XVIII secolo p.60

2.9 La dominazione francese e le trasformazioni ottocentesche p.66

2.10 Urbanistica ed edilizia da inizio secolo agli anni ottanta p.74

2.11 Derivazione del termine "Canavese" e significato del nome "Rivarolo" ...p.77

2.12 Collocazione geografica e caratteristiche del Territorio p.79

CAPITOLO 3: RIVAROLO ATTRAVERSO GLI STRUMENTI URBANISTICI

FASE DI CONOSCENZA: Inquadramento dell'ambiente negli strumenti urbanistici

3.1 Piano di abbellimento e rettilineamento p.82

3.2 Regolamento d'Ornato 1844 p.84

3.3 Regolamento di Polizia Urbana p.91

3.4 Regolamento Edilizio 1873 p.92

3.4.1 Varianti al regolamento edilizio (1896) p.94

3.5 Interventi e regolamenti nel '900 p.96

3.6 II Piano Regolatore del 1959 p.98

3.6.1 Opposizioni al Piano Regolatore, modifiche e approvazioni p.106

3.7 Studi e Indagini sulla variante organica al P.R.G.1968-1969 p.108

3.8 Piano Regolatore Generale. Variante organica e nuovo Piano 1974 p.112

3.9 Analisi dello schema del Piano Territoriale Comprensoriale (P.T.C.) di Torino.

(1982) p.119

3.10 Analisi del piano Regolatore Generale di Rivarolo del 1990 p.122

3.10.1 Indicazioni relative al Quadro urbanistico esistente, alle ipotesi di

sviluppo assunte e ai fabbisogni di intervento p.123

3.10.2 Strutturazione e disegni del progetto definitivo p.125

3.11 Variante generale al Piano Regolatore Comunale .Progetto Preliminare

1998 p.129

3.12 Variante generale al Piano Regolatore Comunale.Progetto definitivo

2001 p.131

3.12.1 II sistema ambientale p.133

3.12.2 Analisi della mobilità p.134

3.12.3 Perimetrazione dell'Insediamento Centrale Storico p.136

3.12.4 Le misure previste per impedire, ridurre e compensare gli impatti

ambientali significativi derivanti dall'attuazione della variante p.137

3.13 II Piano del colore e dell' arredo urbano 2002 p.138

3.13.1 II metodo delle p.140

3.13.2 La struttura normativa del piano del Colore p.142

3.13.3 L'analisi dei fronti edilizi p.143

3.13.5 La struttura della scheda d'indagine p.143

3.13.6 II rilievo diretto p.144

3.14 Variante Generale al Piano Regolatore Comunale. Progetto definitivo

(2005) p.146

CAPITOLO 4: TRASFORMAZIONI, INNOVAZIONI E RESTAURI DAL 18° AL 21° SECOLO.

FASE DI CONOSCENZA: Lettura tipologica e morfologica dell'ambiente. Indagine diretta e conoscitiva del costruito..

4.1 La roggia di Rivarolo p.147

4.2 II territorio e la sua viabilità attraverso la mappa del 1749 p.149

4.2.1 La viabilità del territorio comunale attraverso la mappa del 1791....p. 150

4.2.2 Confronto tra le due mappe del 1749 e del 1791. Similitudini e

differenze p.154

4.3 Viabilità nel territorio Comunale nel XIX secolo p.154

4.4 Viabilità nel territorio Comunale nel XX secolo p.158

4.5 II ponte detto della Botteria (1821) p.162

4.6 II Cimitero di Rivarolo (1823) p.164

4.7 II ponte sull'Orco (1840-1852) p.167

4.8 La ferrovia del Canavese. (1854-1855) p.172

4.8.1 Trasformazione della ferrovia da cavalli a vapore p.177

4.9 L'edificio della Stazione (1875) p.178

4.10 La pubblica illuminazione a gas (1878) p.181

4.11 II progetto della rete idrica (1886) p.183

4.12 Impianto di una conduttura eiettrica (1920) p.185

CAPITOLO 5:

ANALISI DEL PATRIMONIO STORICO, ARCHITETTONICOED URBANISTICO DEL TESSUTO URBANO

FASE DI RECUPERO E CONSERVAZIONE: Recupero del patrimonio storico - edilizio.

5.1 Metodologia applicata p.187

5.2 Preesistenze nel Borgo di Rivarolo p.189

5.2.1 Edifici e paramenti medioevali p.190

5.3 Ricognizione del tessuto edilizio p.197

5.4 Luoghi di interesse comune p.200

5.4.1 II Teatro di Rivarolo p.201

5.4.2 L'asilo infantile p.209

5.5 Gli edifici religiosi p.213

5.5.1 Chiesa e Convento di San Francesco p.214

5.5.2 Parrocchiale di San Michele Arcangelo p.216

5.5.3 Parrocchiale di San Giacomo p.220

5.6 Le Confraternite p.222

5.6.1 La Confraternita dei SS. Rocco e Carlo p.223

5.6.2 La Confraternita del Santissimo nome di Gesù p.225

5.7 I Castelli p.227

5.7.1 II Castello di Malgrà p.228

5.7.2 II Castellazzo p.234

5.8 Edilizia residenziale p.238

5.8.1 Palazzo Lomellini, sede del Municipio p.241

5.8.2 Palazzo Farina p.244

5.8.3 Palazzo Palma di Borgofranco p.245

5.9 II centro storico, vie, piazze e vicoli p.247

CAPITOLO 6:

IL CENTRO STORICO E L'INTERPRETAZIONE DEL

TESSUTO URBANO PER UNA METODOLOGIA DI

RESTAURO.

FASE DI RECUPERO E CONSERVAZIONE. Programma operativo

6.1 Lettura della città per un Restauro a scala Urbana p.267

6.2 Tematiche ed indirizzi di restauro p.269

6.2.1 Proposte per un restauro a scala urbana p.269

6.3 Approfondimenti delle tematiche. Il verde nella città p.270

6.4 L'impianto Viario p.283

6.4.1 Viabilità Principale p.283

6.4.2 Viabilità Secondarla p.286

6.5 Le Piazze p.292

6.6 Principali edifici pubblici e privati ed architetture contemporanee dell'ambito

urbano p. 295

6.7 Considerazioni finali p. 309

CAPITOLO 7:

ANALISI E PROPOSTE PER LA CONSERVAZIONE DEL TESSUTO URBANO

FASE DI RECUPERO E CONSERVAZIONE: Programma operativo.

7.1 Analisi comparativa tra le caratteristiche tipologiche e costruttive dell'edilizia,

consistenza del costruito e prescrizioni normative p.

7.2 Confronti fra norme ed analisi effettuate. Analisi dello stato attuale del

costruito, compatibilità d'uso con indicazione degli strumenti normativi p.

7.3 Dibattito culturale sul centro storico e sua valorizzazione p.

7.4 Principali interventi pubblici in programma p.

7.5 Conclusioni sul progetto di restauro urbano come salvaguardia della città

storica nel rispetto della tradizione costruttiva e materiale p.

BIBLIOGRAFIA p.

REGESTO p.

ELENCO TAVOLE

Bibliography:

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Per gli argomenti riguardanti il Canavese

lacopo Duranti, Della Marca d'Ivrea, tra le Alpi, il Ticino, l'Amatone il Po, Torino 1804.

Goffredo Casalis , Dizionario geografico - storico - statistico -commerciale degli Stati di S.M. il Re dì Sardegna, fascicolo 69, Torino 1848.

Clemente Rovere, Il Piemonte antico e moderno delineato e descritto da Clemente Rovere, Torino 1858.

Antonino Bertolotti, Passeggiate nel Canavese, tomi II-VI, Ivrea, 1873.

Antonino Bertolotti, Gite nel Canavese ovvero guida corografica- storica alle tre ferrovie, da Chivasso ad Ivrea, da Settimo Torinese a Rivarolo, e da Tonno a Ciriè,Torino 1874.

Luigi Vaccarone, Costantino Nigra, Le valli dell'Orco , di Soana e del Chiuse/la, Torino 1878.

Ferdinando Gabotto, Le carte del/Archivio Vescovile di ivrea fino ai 1313, Biblioteca della Biblioteca della Società Storica Subalpina diretta da F. Gabotto IV, Pinerolo 1900.

Costantino Nigra - Giovanni De Jordanis - Ferdinando Gabotto - Stanislao Cordero di Pamprato, Documenti e studi sulla storia d'Ivrea pubblicati sotto il patronato di S.M. il Re, in Eporediensia, Biblioteca della Società Storica Subalpina diretta da F. Gabotto IV, Pinerolo 1900

G.M. Lombardo, Memorie Canavesane, Torino, 1903.

Camillo Boggio, Le chiese dei canavese dai primi secoli ai giorni nostri, Ivrea 1910.

Francesco Guasco, Dizionario feudale degli antichi stati sardi e della Lombardia (dall'epoca Carolingia ai nostri tempi) ( 774-1909), Biblioteca della Società Storica Subalpina diretta da F. G. IV, volume III, Pinerolo 1911.

G. Frola, Statuta Communis canapicii, vol. Il, Torino 1918.

Gian Domenico Serra, Vie romane e romee nel Canavese, Ivrea, 1927.

Reynaudi {a cura di) , // Canavese: guida turistica della regione ampliata per la parte storico - descrittiva da Celeste Ferdinando Scavini e da Giovanni Savarino per la parte alpino - escursionistica, Torino 1929.

Carlo Nigra, Vicende di un Castello canavesano, Bollettino SPABA, 1934. Ermanno Franchetto, Mario Minardi, // Canavese Ieri e oggi, Torino, 1960 Giuseppe Melano, La popolazione dei Piemonte nel secolo XIX, Torino 1961.

Camillo Boggio, Torri, case e castelli nel Canavese, Torino : Quaderni di studio, 1965.

Federico Perinetti, Ivrea romana, Cuorgnè, 1965. Livio Buracchi, Vecchio Canavese, Pavone Canavese, 1971. Augusto Cavallari Murat, Tra Serra d'Ivrea Orco e Po, Torino 1976. Alberto Fenoglio, Fatti e misfatti nei castelli canavesani, Torino 1976.

Luigi Faletto - Giuseppe Ravera, Ivrea e canavese nelle antiche stampe, Ivrea, 1977

Giuseppe Musso, Invito al Canavese, Torino 1977.

Franco Panero, in AA.VV., Il Canavese. Da Ivrea tutto intorno. Torino 1977.

Pietro Ramella, Civiltà del Canavese, Archeologia- geografia- storia- religione-cultura- economia -la gente - le radici - la lingua, Pavone Canavese, 1977.

Scavino Pene Vidari, Una famiglia canavesana contadina e popolare nel secolo XVIII:A.M.Verna, Savigliano, 1978.

Micaela Viglino Davico, I Ricetti. Difese collettive per gli uomini del contado nel Piemonte medioevale, Torino 1978.

Piero Pollino, Guida del Basso Canavese sud occidentale, Torino 1980.

Pietro Ramella, Archeologia in Piemonte e Valle d'Aosta (con dati di storia antica), Ivrea, 1986.

Pietro Ramella, Castelli, torri, borghi e ricetti nel Canavese. Ivrea, 1986 Pietro Ramella, La provìncia di Ivrea e il Canavese , Ivrea, 1987.

Giovannella Cresci Marrone, Enrica Culasso Gastaldi {a cura di), Torino romana tra Orco e Stura, Torino 1988.

Federico Perinetti, Ivrea storia breve dalle origini ai giorni nostri, Ivrea, 1989. Alda Rossebastiano, in Nuovo dizionario toponomastico UTET, Torino 1991. Paolo Carra, Millenium: storie dell'anno 1000 nella marca d'Ivrea, Ivrea, 1994. Celeste Ferdinando Scavini, Torri e castelli canavesani, Torino, 1994. Walter Canavesio, // nuovo volto: architettura ed edilizia nel Canavese, Ivrea 1996.

Walter Canavesio, Architettura ed edilizia nel Canavese dell'800, Ivrea Società Accademica di Storia ed Arte Canavesana, 1996.

Antonio Marzi, Receptum sive villa vel burnus: Borghi nuovi e ricetti tra Dora, Orco e Stura, in Bollettino storico-bibliografico Subalpino, Fascicolo II, secondo semestre, Torino 1998.

Mario Torelli, Urbanistica e architettura nel Piemonte romano, in Liliana MERCANDO (a cura di), "Archeologia In Piemonte", volume II - l'età romana, Umberto Alemandi & C, Soprintendenza Archeologica del Piemonte, Torino, 1998.

Per gli argomenti riguardanti la città di Rlvarolo Canavese

Luigi Palma, Saggio corografico - storico di Rivarolo Canavese del Cavalier Luigi Palma, Torino, 1748.

Alberto Fiore, Vita del glorioso principe San Rocco compatrono di Rivarolo, coll'istoria dell'orìgine, e progresso della molto venerabile Confraternita eretta in detto luogo sotto il titolo de santi Rocco e Carlo, dedicata sai Confratelli della medesima, Torino, 1778.

Comitato Celebrazioni del 1° CENTENARIO (a cura di), Città di Rivarolo. Pagine di vita cittadina 1863-1963, Rivarolo Canavese 1963.

Antonio Besso Marcheis, Architettura e decoro durante l'eclettismo a Rivarolo, in Guida del basso Canavese Sud occidentale" a cura di Piero Pollino, Guida del Basso Canavese sud occidentale, Torino 1980.

Riccardo Poletto, Rivarolo tra cronaca e storia 1798-1886, Citta di Rivarolo Canavese, San Giorgio Canavese, 1987.

Riccardo Poletto, La parrocchia di San Giacomo Apostolo di Rivarolo, in Bollettino Parrocchiale, Ivrea 1993.

Riccardo Poletto, Rivarolo fra vie, piazze e vicoli. Alia scoperta della Toponomastica di una città del Canavese, Rivarolo 1998.

Walter Canavesio, Pietro Bonvicini a Rivarolo Canavese, in Società accademica di Storia ed Arte Canavesana, Bollettino n° 25, Ivrea 1999.

Aa.vv, // Canavesano, almanacco 2000, Ivrea 2000.

Associazione amici del castello di Malgrà, II castello di Malgrà, Rivarolo, 2003.

Don Mario Bosio, Appunti di storia Rivarolese, archivio Chiesa Parrocchiale di Rivarolo. Non datato

Per gli argomenti riguardanti il Restauro Urbano

Cesare Brandi, voce Restauro, in "Enciclopedia universale dell'arte", vol. XI, Roma, 1963.

Giampiero Vigliano, il Borgo: criteri di scelta dell'area, in Beni Culturali Ambientali in Piemonte, Quaderno n° 5, Torino 1969.

Carlo Ceschi, Teoria e storia del Restauro, Roma,1970

Roberto Pane, li Convegno di Parigi sulla Carta di Venezia, in "Restauro: quaderni di restauro dei monumenti e di urbanistica dei centri antichi", Venezia, 1976.

Mario Dalla Costa, Architettura e Ambiente. Conoscenza e conservazione: considerazioni, Torino,1994

Marco Dezzi Bardeschi, Vittorio Locatelli {a cura di), Restauro: punto e da capo. Frammenti per una (impossibile) teoria, Milano, 1996.

Giovanni Carbonara, Avvicinamento al Restauro,Teorìa, Storia, Monumenti, Napoli, 1997.

Carlo Perogalli, Momenti e metodi di valorizzazione, Milano, 1999.

Andrea Bruno, Perché e per chi conservare?, Che cosa merita di essere conservato?, in Premio Tercas Architettura XVI Edizione 2003

Tesi di Laurea

Silvia Vacca, Il borgo di Rivarolo nell' Ottocento, progetti e restauri: il Castello Malgrà, Rel. M.G. Vinari, luglio 1995

Stefania Sgobba, Progetti e restauri nelle trasformazioni urbanistiche del Comune di Rivarolo Canavese, Rel. prof.ssa M.G. Vinari, C. Bonari, febbraio 2000

Nadia Ciocia, Alessio Re, Considerazioni sull'attualità del Restauro Urbano e applicazione alla Città di Chieri, Rel. M. dalla Costa, E. Romeo, luglio 2001

Silvia Prosio, Moncalvo: studi e proposte per la conservazione del tessuto urbano,

Rel. C. Bartolozzi, V. Comoli, ottobre 2002

Serena Grassino, Marco Luino, Un intervento dì Restauro Urbano a Ivrea: considerazioni di metodo e spunti per una metodologia, Rel. E. Romeo, Correi. A. Re, ottobre 2003

Periodici

"Tema", n.1, 1996

"Quasar" n. 23 serie di restauro, gennaio-luglio 2000

RIFERIMENTI ARCHIVISTICI

Archivio Storico del Comune di Rivarolo

Presso l'Archivio Storico del Comune di Rivarolo sono conservati tutti ì documenti del borgo dal 1400 ad oggi. Per la stesura del presente lavoro di tesi è stata analizzata la seguente documentazione:

Serie tipologiche e carteggio anteriore al 1897: Lavori pubblici in genere (1570-1900). Acque (1524-1901)

Carteggio posteriore al 1897: Categoria X- lavori pubblici

- Classe 1 - Strade e piazze 81899-1968)

- Classe 2 - Ponti e fognature (1900-1965)

- Classe 3 - illuminazione pubblica (1904-1966)

- Classe 7 - Poste, telegrafi e telefoni (1902-1965)

- Classe 8 - Trasporti (1937-1965)

- Classe 9 - ufficio tecnico (1941 -1965)

- Classe 10 - Edilizia ed urbanistica (1911-1965)

- 1763 Relazione di visita delle strade pubbliche

- 1768 Relazione di visita delle strade pubbliche

- 1772 Strada della fornace

- 1772 Relazione di visita delle Regie Strade

- 1778 Relazione di visita delle strade dì Rivarolo (calcolo della spesa per

un arco per porta d'ingresso)

- 1780 Strade, Regolamenti

- 1790 Regolamenti di amministrazione per l'ospedale eretto a Rivarolo

detto si S. Giuseppe

- 1798 Saggio coronografico storico di Rivarolo del Cav. Luigi Palma

- 1819 Regolamento di Polizia urbana

- 1826 Piano di abbellimento per il borgo di Rivarolo

- 1830 Fabbricati da costruirsi lungo piazza della Cariggia

- 1830 Rettilineamento dei fabbricati in piazza della Cariggia

- 1831/32 Interventi nella piazza detta di Saccaria

- 1832 Restauro piazza Saccaria

- 1832 Adattamento piazza Saccaria

- 1833 Riadattamento piazza della Cariggia

- 1834 Lavori nelle due piazze, Saccaria e Cariggia

- 1836/40/41/68 Elenco strade

- 1838 Formazione di due viali a fianco della strada provinciale di Ivrea per

Cuorgnè

- 1843 Piano di abbellimento

- 1844 Regolamento d'ornato ed elenco strade comunali

- 1849/72/97 Documenti relativi al Teatro

- 1847 Restauro della casa comunale; Relazione di collaudo

- 1858 Regolamento polizia comunale

- 1864 Relazione di perizia e calcolo estimativo via di circonvallazione

- 1870/90 Regolamento edilizio

- 1870 Elenco delle strade comunali obbligatorie

- 1871 Riadattamento vicolo S. Rocco

- 1877 Nuovo piano per la strada di Pasquaro

- 1878 Strada di Malgrà

- 1879 Relazione di visita alla stazione

- 1880 Progetto di circonvallazione tra C.so Torino e Strada al castello

Malgrà

- 1882 Acquisto terreno per apertura nuova strada; adattamento condotto

contrada Cariggia

- 1889 Pensilina per il Comune

- 1891 Rettilineo casa in via S. Michele

- 1897 Modifiche al regolamento edilizio

- 1902 Strada Barbacana;muro piazza ltalia;Via Ospedale

- 1902 Bealera comunale

- 1906 Sistemazione stazione (Piazza Umberto I)

- 1907 Fognatura

- 1910 Risistemazione via Favria

- 1914 Ampliamento abitato

- 1916 Rettilineamento vìa Asilo Infantile

- 1921 Illuminazione pubblica

- 1922 Sistemazione via Trieste

- 1923 Cantina sotterranea Via Ivrea

- 1924 Piazzetta Comunale

- 1924 Prolungamento via Reyneri

- 1926 Sistemazione via Ivrea e C.so Torino

- 1926 Pubblica illuminazione

- 1932 Concessioni precarie, condutture sotterranee

- 1932 Prolungamento via Malgrà

- 1934 Elenco strade comunali

- 1934 Esecuzione lavori stradali

- 1935-39 Interventi per valorizzazione della città

- 1936 Corso Torino

- 1936 Via Ivrea

- 1936 Avviso d'asta per pavimentazione via Ivrea e via S.Francesco

- 1936/37 Sistemazione C.so Torino

- 1940- 1950 Sistemazione fabbricati

- 1940 Sistemazioni varie; comunicazioni PRGC

- 1941 Sistemazione vie del concentrico

- 1950 Illuminazione

- 1950 Ina casa

- 1952 Regolamento edilizio

- 1952 Sistemazione Piazza Italia

- 1954 PRGC Relazione illustrativa e opposizioni

- 1955 Sistemazione via Ospedale; sistemazioni varie

- 1958 Ina casa: costruzione case popolari

- 1959 Sistemazione pavimentazioni;opere di vario genere;tasse di

Circolazione

- 1959 Perizia per demolizione casa Rossa; Sistemazione circonvallazione

- 1960 Pratica edificio Via Ivrea

- 1960 opere di sistemazione a seguito alluvioni

- 1960 Rete viaria

- 1962 Ricovero dei vecchi

- 1962 Sistemazione vie

Progetto di coprimento balera (disegni)

Restauro facciata esterna palazzo comunale, orologi pubblicitari

Archivio dell'Ufficio Tecnico del Comune di Rivarolo

Nell'archivio dell'Ufficio Tecnico, sezione urbanistica, sono conservate le concessioni edilizie dal 1935 ad oggi. Sono state analizzate alcune concessioni e progetti e tutti i Piani Regolatori dal 1968 ad oggi.

- Studi e indagini sulla Variante organica del piano Regolatore Comunale

1968-1969, Piano non approvato.

- Piano Regolatore Generale, Variante organica e nuovo Piano Regolatore

Commerciale, Progetto approvato con delibera del 18/07/1974

- Piano Territoriale Comprensoriale (P.T.C.) di Torino 1982. Analisi dello

schema.

- Piano Regolatore Generale 1986, Progetto approvato con delibera n. 302

del 17/12/1986.

- Analisi del piano Regolatore Generale di Rivarolo del 1990 Piano pubblicato

il 12/12/1990.

- Relazione illustrativa alia Variante generale ai Piano Regolatore Comunale

(art. 17 L.U.R. n. 56/77) - Progetto preliminare approvato il 24/07/1998 per

la città di Rivarolo Canavese.

- Variante generale al Piano Regolatore Comunale. Progetto definitivo 2001,

Progetto approvato il 29/11/2001.

- II piano dei Colore e dell'arredo Urbano, 2002.

- Variante Generale al Piano Regolatore Comunale, Progetto definitivo 2005,

Progetto approvato con delibera n. 47 del 23/07/2005.

Archivio di Stato di Torino

Presso I' Archivio di Stato sono stati analizzati documenti relativi ai lavori pubblici inerenti la città di Rivarolo relativi allo sviluppo urbanistico del borgo.

Città e paesi per A e B, anni 1816-1848, mazzo 11.

- Fascicolo n° 5 - erezione in capoluogo di cantore (1799)

- Fascicolo n° 7 - opere pubbliche (1816)

- Fascicolo n° 10 - acquisto casa (1819-1820) '

- Fascicolo n° 14 - selciato di Rivarolo (1821 )

- Fascicolo n° 15 - concessione per mercato (1821 -1822)

- Fascicolo n° 19 - abbellimenti (1826)

- Fascicolo n° 22 - illuminazione notturna (1827)

- Fascicolo n° 49 - diritto di piazza, dazi per mercati e fiere (1841 )

- Fascicolo n° 54 - regolamento polizia urbana e rurale (1858)

- Fascicolo n° 55 - acquisto casa (1859)

Pergamene

- Consegnamento della città di Rivarolo (1506, 26 aprile), pergamena n° 7.

- Acquisto terreni per costruzione viali lungo strada provinciale (1845).

- Scritture e disegni Asilo infantile (1870-1873).

Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)