polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Recupero, conservazione e revitalizzazione economico sociale della conca del Rio Fucha, Bogotà

Bosco, Federico

Recupero, conservazione e revitalizzazione economico sociale della conca del Rio Fucha, Bogotà.

Rel. Gustavo Ambrosini. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2016

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

"Hacer arquitectura en Latinoamérica hoy es un acto político, además de ser estético y cultural. Toda acción que transforme los espacios en función del bienestar, la participación y la apropiación de pro-puestas ciudadanas para el encuentro y la acción, sean de protesta o de apoyo a las democracias, son necesarias y la arquitectura no puede estar ausente. La estética debe ser una ética".

"Fare architettura oggi in America Latina è un atto politico, oltre che un atto estetico e culturale. Qualsiasi azione volta a trasformare la spazialità a favore del benessere, la partecipazione cittadina e la realizzazione di proposte cittadine per l'incontro e l'azione, sia di protesta o di sostegno alla demo-crazia, è necessaria e l'architettura non può essere estranea. L'estetica deve essere etica."

Le parole di Rogelio Salmona descrivono perfettamente il problema della progettazione nel continente Sudamericano e, in particolare, nel contesto della città, luogo di aggregazione per eccellenza ma anche catalizzatore di contrasti e specchio della società. Bogotà è una metropoli complessa, la stratificazione socio-culturale iniziata dal suo altopiano molto prima della fondazione della città costituisce una ricchezza imponente, come imponente è l'ambiente naturale in cui si colloca e il potenziale del paese di cui è la capitale. Bogotà, come le altre città colombiane, sta ora vivendo un periodo di relativa stabilità e di crescita economica, sostenuta dalla pacificazione dei conflitti che hanno dilaniato i suoi territori, un periodo di fermento che trae origine dal desiderio di invertire l'approccio negativo seguito fino ad ora in ambito ambientale e sociale.

Il mio intervento sulla città ha come oggetto il recupero di un elemento naturale, il Rio Fucha, come risposta a problematiche quali il deterioramento della struttura ecologica locale e regionale, la segregazione crescente delle fasce più sensibili della popolazione e l'assenza di uno spazio pubblico in grado di riavvicinare i cittadini alla principale ricchezza delle città colombiane, la natura. Gli assi costituiti dal Fucha e dagli altri affluenti del Rio Bogotà costituiscono un'intelaiatura su cui tessere i presupposti di una città che si prepara a rappresentare un paese tra i più promettenti dell'America latina. Il progetto vuole dotare la città di un'infrastruttura verde che catalizzi i futuri sviluppi economici di Bogotà, rompendone lo schema di sviluppo, ormai al limite del collasso. E' attraverso lo spazio pubblico che lo spirito della città si manifesta. Quando vi è appropriazione dello spazio da parte del cittadino, lo spazio pubblico può contribuire a formare il cittadino. Non solo è un luogo di scambio tra gli abitanti della città, ma anche tra cittadini e città. Lo spazio ha subito un processo di atomizzazione determinato dalla privatizzazione della città, dalla priorità data alla costruzione dei grandi assi viari che come coltellate dividono il tessuto urbano, creando immense distese di spazio inabitabile dall'uomo. In questo scenario, il recupero di un fiume importante come il Fucha può donare alla città uno spazio che ne incoraggi l'esplorazione.

La tesi presenta un lavoro preliminare di analisi del contesto, in primo luogo del paese Colombia, per concentrarsi poi sul bacino del Rio Fucha. La parte centrale dello studio illustra il lavoro svolto presso il L.A.R Laboratorio de Arquitectura y Paisaje di Medellin, in occasione del concorso pubblico a cui ho collaborato durante il mio stage in Colombia e infine l'analisi personale del tratto superiore del bacino del Fucha, luogo prioritario dell'intervento di recupero dell'elemento naturale.

Relatori: Gustavo Ambrosini
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GE Geografia
SS Scienze Sociali ed economiche > SSG Sociologia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: Nuovo ordinamento > Laurea magistrale > LM-04 - ARCHITETTURA E INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA
Aziende collaboratrici: Universidad Nacional de Colombia
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4872
Capitoli:

INDICE

1.ABSTRACT

2.INTRODUZIONE

3.CONTESTO

3.1.Colombia

3.2.Bogotà

3.3.Fucha

4.LAP

5.PROGETTO

5.1.cerros

5.2.sabana

5.3.conclusione

6.BIBLIOGRAFIA

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

Arango, Silvia; Tendencias actuales de la arquitectura en Colombia. Intervento tenuto durante il primo convegno di Architettura in Latinoamérica, Cali 1980

Bauman, Zygmunt; Modernità liquida. GLF Laterza, 2002.

Burdett, Ricky ; Sudjic, Deyan; The endless city. Phaidon, 2007.

Burdett, Ricky ; Sudjic, Deyan; Living in the endless city. Phaidon, 2011.

Kullmann Karl, Thin Parks/thick edges: towards a linear park typology for (post)industrial sites. Journal of Landscape architecture. 1 Febbraio 2012

McHarg, Ian; Progettare con la Natura, Franco Muzio editore, 1989

Mesa, Miguel; Archipelagos de Arquitectura, Mesa Editores, 2010

Mesa, Miguel; Escenarios Deportivos, Mesa Editores, 2010

Mohsen Mostafavi, Ecological Urbanism. Lars Müller Publishers, 2010

Salmona, Rogelio; La Ciudad Destruida, Simposio de Arte no Objec- tual, Medellin 1980

Salmona, Rogelio; Espacios abiertos/Espacios Colectivos, Sociedad Colombiana de Arquitectos, 2006.

Stimberg, Stokman, Zeller, Prominski, Voermanek, River.Space.Design. Planning Strategies, Methods and Projects for Urban Streams. Birkhauser, 2012.

Urbam EAFIT, Civilizar las Calles. Universidad EAFIT,2011

Urbam EAFIT, Rehabitarl la Ladera. Universidad EAFIT,2012

Urbam EAFIT, Rehabitarl la Montaña. Universidad EAFIT,2013

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)