polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Biomimetica, materiali biologici e materiali intelligenti (smart materials) : strumenti per una nuova cultura architettonica

Costa, Enrico

Biomimetica, materiali biologici e materiali intelligenti (smart materials) : strumenti per una nuova cultura architettonica.

Rel. Jean Marc Christian Tulliani. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile, 2016

Abstract:

INTRODUZIONE

Lo scopo del progetto biomimetico in architettura è raggiungere l'innovazione nel campo dell'architettura stessa. In particolare, l'intento di indagare le parti comuni dell'architettura e della biologia non è quello di definire dei limiti o di fare ulteriori distinzioni, od anche di identificare un'architettura come un organismo vivente, ma di chiarire quello che accade riguardo alla sovrapposizione delle due discipline. La metodologia di decifrare le conoscenze acquisite dalla natura in soluzioni tecniche comprende l'obiettivo di impiegare la biomimetica come strumento di progettazione nell'ambito dell'architettura mentre l'innovazione contribuisce a risolvere i problemi legati al campo dell'architettura e dell'ambiente così come il confronto strategico con paradigmi biologici contribuisce ad identificare le aree di innovazione. Il suddetto confronto strategico può essere effettuato facendo ricorso al caratteristico approccio alla disciplina della biologia fondato sullo studio dei sistemi della natura secondo una prospettiva attinente alla scienza e tecnologia dei materiali con la conseguente possibilità di ottenere peculiari innovazioni ingegneristiche nell'ambito appunto della scienza e tecnologia dei materiali che possono trovare quindi applicazione nel campo dell'architettura. Questi ultimi due ambiti richiedono spesso nell'ottica di vari contesti applicativi la risposta da parte dei materiali ad esigenze specifiche ed è per questo motivo che negli ultimi decenni la scienza e tecnologia dei materiali costituisce un settore in rapida evoluzione nel sistema culturale ed economico mondiale con lo scopo di produrre materiali innovativi capaci di superare i limiti che potrebbero essere riscontrati con l'utilizzo di materiali sintetici. I materiali innovativi, grazie alle moderne competenze in campo scientifico ed al perfezionarsi della tecnologia, vengono quindi funzionalizzati attraverso modifiche chimico-fisiche e resi idonei ad adempire la loro funzione in modo appunto innovativo sulla base di specifici requisiti richiesti da particolari applicazioni. La possibilità di funzionalizzazione dei materiali innovativi ha di fatto rivoluzionato la filosofia e gli obiettivi di progettazione dei materiali e così in questo modo la comunità scientifica si rivolge al mondo della natura per scoprire nuovi concetti e principi che siano in grado di consentire lo sviluppo di materiali sempre più avanzati rendendo di conseguenza indispensabile l'interazione tra saperi e conoscenze oltre che la cooperazione tra le varie figure professionali operanti in campo scientifico. Nell'ambito dei materiali innovativi questa monografia analizza in particolare i materiali biologici, ossia quei materiali che si interfacciano bene con i sistemi biologici siano essi tessuti viventi piuttosto che microrganismi od organismi, attraverso la descrizione delle proprie caratteristiche e la classificazione dei materiali stessi sulla base della loro natura biologica.

Allo stesso tempo nel campo dei materiali innovativi viene anche esaminata una particolare categoria di materiali conosciuti come materiali intelligenti o smart materials tramite la spiegazione del relativo processo progettuale e delle caratteristiche proprie descritte secondo una classificazione impostata sulla base delle tipologie funzionali direttamente connesse con le proprietà mutevoli che contraddistinguono i materiali intelligenti stessi nell'ambito appunto dell'architettura. I materiali intelligenti vengono così definiti per la loro capacità di sentire e reagire agli stimoli provenienti dall'ambiente esterno modificando appunto le relative proprietà attraverso l'elaborazione di veri e propri comportamenti fisici che portano a presentare delle analogie con i sistemi biologici e gli organismi naturali. Essi sono quindi in grado di modificare la loro struttura, forma, colore o temperatura per mezzo di un impulso esterno che può essere di natura elettrica, luminosa, termica, meccanica o chimica e trovano per questo origine nell'approccio biomimetico. Per questo motivo all'interno del primo capitolo di questa monografia viene introdotto il concetto di biomimetica per fissarne il significato ed inquadrarne la visione storica e contemporanea rispetto al mondo naturale ed artificiale.

L'ultimo capitolo descrive invece i concetti a cui si fa appunto riferimento per la progettazione dei materiali intelligenti oltre che di quei materiali che si ispirano appunto ai sistemi biologici e che prendono il nome di materiali bioispirati ma fornisce anche una panoramica sulle tendenze e sugli sviluppi connessi al mondo dell'architettura che trovano infatti riscontro nell'applicazione di materiali intelligenti e bioispirati.

Relatori: Jean Marc Christian Tulliani
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: S Scienze e Scienze Applicate > SC Chimica
T Tecnica e tecnologia delle costruzioni > TE Tecnologia dei materiali
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4780
Capitoli:

Introduzione

Capitolo 1: La biomimetica

1.1 La biomimetica: definizione

1.2 La biomimetica: orientamento storico e contemporaneo

1.3 La biomimetica: il mondo animale e vegetale

1.4 La biomimetica: relazione tra il mondo naturale ed il mondo artificiale

Capitolo 2

Ispirarsi alla natura: i materiali

biologici

2.1 Introduzione ai materiali biologici

2.2 Caratteristiche dei materiali biologici

2.3 Classificazione dei materiali biologici

Capitolo 3

Uno strumento innovativo: i materiali intelligenti

(smart materials)

3.1 Concetto di smart materials e descrizione del processo progettuale

3.2 Caratteristiche e classificazione dei materiali intelligenti (smart materials)

Capitolo 4

L'architettura come ambito applicativo per la biomimetica e per i materiali biologici ed intelligenti (smart materials)

4.1 Premessa

4.2 Esempi applicativi

5.Conclusione

6.Bibliografia e sitografia

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

GIACOMO CHIESA, Biomimetica: tecnologia e innovazione per

l'architettura, Celid, Torino, 2010.

JANINE BENYUS, Biomimicry. Innovation inspired by nature, Harper&Collins, New York, 1997.

ANGELI SACHS, Nature Design: from inspiration to innovation, BARRY BERGDOLL, DARIO GAMBONI, PHILIP URSPRUNG (a cura di), Lars Muller Publishers, Zurich, 2007.

NANCY JACK TODD, JOHN TODD, Progettare secondo natura, Eleuthera, Milano, 1989.

GIUSEPPE SALVIA, VALENTINA ROGNOLI, MARINELLA LEVI, II progetto della Natura: gli strumenti della biomimesi per il design, Franco Angeli, Milano, 2009.

VIKTOR PAPANEK, Progettare per il mondo reale, Milano, Mondadori, 1973.

PAOLO PORTOGHESI, Natura e architettura, Skira, Milano, 1999.

FABRIZIO TUCCI, Tecnologia e Natura: gli insegnamenti del mondo naturale per il progetto dell'architettura bioclimatica, Alinea Editrice, Firenze, 2008.

FREI OTTO E RAINER BARTHEL, BERTHOLD BURKHARDT E ALTRI,

L ' architettura della natura : forme e costruzioni della natura e della tecnica e processi della loro formazione, Il saggiatore, Milano, 1984.

JUHANI PALLASMAA, PREFAZIONE DI STEVEN HOLL, Gli occhi della pelle : l'architettura e i sensi, Jaca Book, Milano, 2007.

MARC ANDRE' MEYERS, PO-YU CHEN, ALBERT YU-MIN LIN, YASUAKI SEKI, Biological materials: structure and mechanical properties, in Science Direct n.53, 2008, pp. 3-11, 42-177.

FLORIAN BOUVILLE, ERIC MAIRE, SYLVAIN MEILLE, BERTRAND VAN DE MOORTELE, ADAM J. STEVENSON, SYLVAIN DEVILLE, Strong, tough and stiff bioinspired ceramics from brittle constituents in Nature Materials, 2014, p. 2.

MARIAN PLOTKIN, IDAN HOD, ARIE ZABAN, STUART BODEN, DARREN BAGNALL, DMITRY GALUSHKO, DAVID BERGMAN, Solar energy harvesting in the epicuticle of the oriental hornet (Vespa orientalis) in The Science of Nature n.97, 2010, pp. 1067-1068.

JIE LI,GUANQUAN LIANG,XUELIAN ZHU,SHU YANG, Exploiting Nanoroughness on Holographically Patterned Three-Dimensional Photonic Crystals in Advanced Functional Material n.22,2012,p.2980.

LEI JIANG,LIN FENG,Bioinspired Intelligent Nanostructured Interfacial Materials, World Scientific Publishing e Chemical Industry Press,Cina,2010.

MARCO CARDILLO,MARINELLA FERRARA,Materiali intelligenti, sensibili, interattivi-.materiali per il design, Lupetti, Milano,2008.

AXEL RITTER,Smart materials in architecture,interior architecture and design,Bvckh&usQV, Basilea,2007.

PETRA GRUBER, Biomimetics in Architecture: Architecture of life and buildings, SpringerWien, New York, 2011.

PO-YU CHEN, JOANNA MCKITTRICK, MARC ANDRE' MEYERS, Biological materials: Functional adaptations and bioinspired designs, in Progress in Materials Science n.57, 2012, pp. 1653-1655.

SITOGRAFIA

http://www.biomimicryguild.com/

http://biomimicry.net/

http://biomimicryinstitute.org/

http://cleantechnica.com/improved-solar-cells-and-batteries-thanks-to- research-on-snail-teeth/

http://www.fotovoltaicosulweb.it/guida/i-denti-di-mollusco-migliorano-le- celle-solari.html

http://www.treccani.it/enciclopedia/cicatrizzazione(Universo-del-Corpo)/

http://ben.biomimicry.net/curricula-and-resources/university-curricula/case- study-purebond/

http://www.chameleonnews.com/04NovAndersonColor.html

http://www.wired.com/2015/03/empzeal-eiffel-tower/#slide-7

JIE LI,GUANQUAN LIANG,XUELIAN ZHU,SHU YANG, Exploiting Nanoroughness on Holographically Patterned Three-Dimensional Photonic Crystals in Advanced Functional Material n.22,2012,p.2980.

LEI JIANG,LIN FENG,Bioinspired Intelligent Nanostructured Interfacial Materials, World Scientific Publishing e Chemical Industry Press,Cina,2010.

MARCO CARDILLO,MARINELLA FERRARA,Materiali intelligenti, sensibili, interattivi: materiali per il design, Lupetti, Milano,2008.

AXEL RITTER,Smart materials in architecture,interior architecture and design, Birkhauser, Basilea,2007.

PETRA GRUBER, Biomimetics in Architecture: Architecture of life and buildings, SpringerWien, New York, 2011.

PO-YU CHEN, JOANNA MCKITTRICK, MARC ANDRE' MEYERS, Biological materials: Functional adaptations and bioinspired designs, in Progress in Materials Science n.57, 2012, pp. 1653-1655.

SITOGRAFIA

http://www.biomimicryguild.com/

http://biomimicry.net/

http://biomimicryinstitute.org/

http://cleantechnica.com/improved-solar-cells-and-batteries-thanks-to- research-on-snail-teeth/

http://www.fotovoltaicosulweb.it/guida/i-denti-di-mollusco-migliorano-le- celle-solari.html

http://www.treccani.it/enciclopedia/cicatrizzazione (Universo-del-Corpo)/

http://ben.biomimicry.net/curricula-and-resources/university-curricula/case- study-purebond/

http://www.chameleonnews.com/04NovAndersonColor.html

http://www.wired.com/2015/03/empzeal-eiffel-tower/#slide-7

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)