polito.it
Politecnico di Torino (logo)

L'architettura moderna nella capitale di Bahia

Trinta, Rafael Henrique

L'architettura moderna nella capitale di Bahia.

Rel. Sergio Pace. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2016

Abstract:

INTRODUZIONE

Questa tesi ha lo scopo di analizzare e studiare l'architettura moderna prodotta nella capitale dello Stato di Bahia, in Brasile, nella prima metà del secolo scorso. A Salvador, dal 1930, anno d'inaugurazione dell'Elevador Lacerda, tino al 1952 quando l'Hotel da Bahia fu completato, molti edifici di caratteristiche comune all'architettura moderna furono progettati. Questo è considerato un periodo d'oro per la città dopo circa duecento anni di stagnazione economica, quando la sede amministrativa della colonia portoghese fu spostata a Rio de Janeiro nel 1763.

Il lavoro è diviso in cinque capitoli teorici che hanno la funzione di raccontare la storia di questo periodo di rinascita dell'ex capitale brasiliana dopo il grande sviluppo economico ed Industriale a partire dalla decade di trenta. La tesi cerca di creare una connessione tra l'arrivo dell'architettura moderna nello Stato e il periodo sociale e culturale che vivevano i cittadini.

Conosciuta per il suo passato di estrema ricchezza architettonica, con innumerevoli chiese barocche ed un tessuto urbano storico che non ha eguali nel continente americano, lo Stato di Bahia fu anche un palcoscenico di notevole importanza dentro la storia del periodo moderno in Brasile.

La finalità è quella di demistificare il pensiero generalizzato che Salvador non possiede posto nel periodo moderno. Questo è un fatto che trova riscontro fino ad oggi in quanto la città non è per niente valorizzata nella bibliografia trovata.

Un esempio in tal senso lo si ritrova quando si analizza l'opera Brazil Builds degli anni quaranta. Questa fu la prima pubblicazione che studia e presenta, anche se in modo abbastanza sistematico, la produzione moderna brasiliana. Organizzata dal Museum of Modem Art of New York, il MoMA, con l'intenzione di fondo di alleanze politiche nel contesto della Seconda Guerra Mondiale - il libro corrisponde semplicemente ad un catalogo dell'esposizione inaugurata dal museo nel gennaio del 1943.

Diviso in due parti diverse, il Brazil Builds presenta la produzione architettonica di Bahia con grande distacco solamente nella prima porzione del libro, mostrando il periodo coloniale e barocco di Salvador. Nella seconda parte della pubblicazione la città fu quasi completamente dimenticata, non per la bassa qualità degli edifici costruiti del XX secolo, ma per la mancanza d'interesse degli studiosi nel guardare lo Stato di Bahia come un posto di grande sviluppo dell'architettura moderna.

La tesi è strutturata in capitoli che mostrano l'evoluzione del pensiero e del cambiamento del modo di progettare nei primi cinquanta anni del secolo scorso.

Il capitolo uno illustra ai lettori le Informazioni rispetto agli antecedenti in Brasile e come nacque il movimento nella principale ex colonia portoghese. Le pagine iniziali mostrano le condizioni storiche, politiche e sociali che influenzarono l'arrivo del pensiero moderno. Il paese viveva un periodo di profonde modifiche culturali con l'arrivo di un grande flusso di immigranti stranieri che si Integrarono perfettamente alla società brasiliana e portarono le loro abitudini ed i loro modi di vivere. Era un periodo di enorme crescita demografica, in cui le città come San Paolo e Rio de Janeiro diventarono luoghi di grande sviluppo urbanistico e di intensa attività immobiliare. Fatto che insieme alla grande crescita economica, favorì in modo molto positivo la figura dell'architetto in tutto il Brasile.

Erano cambiamenti di pensieri che sono riportati nelle prime pagine di questo elaborato anche attraverso la storia della Settimana di Arte Moderna della città di San Paolo nel 1922. Essa rappresentò una vera rinnovazione del linguaggio nella ricerca di nuove esperimenti artistici che influenzarono anche l'architettura, con la costruzione, sei anni dopo, della Casa Moderna di Gregori Warchavchlk.

In questo capitolo i riferimenti bibliografici per raccontare i primi anni di questa evoluzione sono tanti. È possibile evidenziare le opere di Yves Bruand, Arquìtetura Contemporánea do Brasil e Hugo Segawa, Arquiteturas no Brasil 1900 - 1990 come fonti di informazioni per la costruzione di un mezzo introduttivo per il lavoro. Così come il libro Recepgào da Arquitetura Moderna brasileira nos periódicos italianos, ingleses e franceses di Maria Beatriz Camargo Campello e l'articolo Dois manifestos para a arquitetura no Brasil di Renato Anelli che raccontano e spiegano i primi manifesti scritti dai giovani artisti nei giornali che venivano venduti alle comunità straniere della capitale paulista negli anni venti.

Modern Architecture in Brazil di Henrique Mindlin è stato un altro riferimento secondario per l'elaborazione del capitolo uno di questa tesi, illustrando le prime dimostrazioni del linguaggio moderno in territorio nazionale, La pubblicazione degli anni cinquanta è per lo più un catalogo di edifici con piante, sezioni e fotografie di opere della famosa Escota Carioca di architettura composta da illustri personaggi, influenzati direttamente da Le Corbusier, come Oscar Niemeyer, Lucio Costa e Affonso Eduardo Reidy.

I primi anni di modernizzazione a Salvador è il titolo del secondo capitolo della tesi. Le sue prime pagine raccontano le iniziali modifiche urbane nella capitale di Bahia per raggiungere la "modernità". Fu un periodo in cui la città desiderava trasformazioni nel suo paesaggio urbano - che ancora si presentava molto legato all'eredità coloniale. Cambiamenti urbani europei e specialmente parigini con Georges Eugène Flaussmann influenzarono tante città brasiliane nell'inizio del XX secolo. Nella capitale di Bahia, ad esempio, la costruzione di un grande corso nel 1912 distrusse un'enorme quantità di edifici storici, causando la rivolta della popolazione.

Fatto che non ha una relazione diretta con il movimento moderno che arriva a Salvador dopo quasi venti anni, ma che spiega come la società si comportò con l'arrivo dei primi architetti di questo linguaggio costruttivo. Analizzando la distribuzione spaziale delle opere di questo stile, è possibile notare che la maggior parte furono costruite fuori del centro antico chiamato Pelourinho.

L'inizio di questo secondo capitolo mostra come alcune Irresponsabili distruzioni in ragione dello sviluppo influenzò in modo abbastanza particolare l'avanzamento dell'architettura moderna in Bahia. Mentre a San Paolo o a Rio de Janeiro, tantissime costruzioni di immenso valore furono perse, nella città qui studiata quello che era di valore storico possedeva anche un enorme valore sentimentale per il popolo.

Alcuni giornali dell'epoca e la tesi di Laurea Magistrale O processo de urbanizagào e políticas urbanas de Salvador di Marcos da Fonseca della Università Salvador - UNIFACS sono alcune delle fonti che sono state prese per l'elaborazione di questa seconda parte, mentre le fotografie di alcune mappe e tavole sono state trovate nell'archivio pubblico del Comune di Salvador.

Dentro questa parte è spiegato anche l'evento che accade nel 1935 conosciuto come Semana do Urbanismo che promosse una serie di conferenze sul futuro della città e come questa potrebbe migliorare negli anni successivi. Il rispetto agli elementi già costruiti e la voglia di far tornare la capitale ad essere un luogo più vivibile, furono

I principali dibattiti presentati dagli architetti ed ingegneri per la Salvador del futuro. Come conseguenza principale la Semana lasciò alla città i primi studi che otto anni dopo saranno utilizzati da Mario Leal Ferrelra e Diógenes Rebougas per la creazione dell'EPUCS - Escritório do Plano de Urbanismo da Cidade do Èhlvador - Il primo piano regolatore della città.

Inoltre, a questi aspetti urbanistici, il secondo capitolo racconta anche alcuni aspetti della prima parte dell'architettura moderna a Salvador e come essa arrivò in Bahia. I primi edifici di questo periodo non avevano brasiliani o balani come progettisti a causa di innumerevoli fattori, tra cui la mancanza di un corso di architettura strutturato nella capitale.

L'istituto del Cacao e la scuola Normal furono i primi edifici ad essere eretti con questo nuovo linguaggio e sono la prova del passaggio di Alexander S. Buddeus - importante architetto razionalista tedesco - per lo Stato di Bahia nel 1936 e 1937. Questa prima fase dell'architettura moderna a Salvador è quella che precede II sorgimento della cosiddetta Escola Carioca, molto influenzata da Le Corbusier e dal CIAM.

In questa prima fase dell'architettura moderna in Bahia sono citati ed anche presi in considerazione altri importanti edifici come la stazione idrovolante del quartiere di Ribeira, lo Elevador Lacerda e l'edificio civile Oceania; così come vengono descritti i capolavori di Buddeus, i quali sono costruzioni che precedono l'EPUCS ed la Escola Carioca e non presentano nessuna relazione con il movimento moderno brasiliano di Lucio Costa e Niemeyer.

L'ultima parte del capitolo due riporta alla creazione dell'EPUCS e come questo piano regolatore diventò un grande studio d'architettura per la progettazione di nuovi edifici pubblici. La tesi cerca di sistematizzare le analisi principali, le conclusioni e le proposte del piano per lo sviluppo di una nuova città come un organo evolutivo. Il lavoro mostra la relazione tra le nuove direttrici e come la città fu gestita in questo nuovo modo, con regole e parametri costruttivi completamenti innovativi, usando sempre come riferimenti bibliografici le mappe ed i disegni presenti negli archivi pubblici della Unviersità Federai da Bahia, del Comune di Salvador - Fundagào Gregorio de Matos e nel libro del piano regolatore pubblicato nella decade di settanta.

Il terzo capitolo La nuova città moderna enuncia le principali conseguenze dell'EPUCS all'interno dello sviluppo della capitale di Bahia a partire del 1942 nella gestione di Otàvio Mangabeira come governatore. Attraverso Rebougas, il suo direttore, lo studio iniziò un periodo di grande lavoro con l'elaborazione di numerosi progetti - edifici e spazi pubblici - che erano richiesti dal Comune ed anche dal Governo dello Stato. Era un contesto sociale in cui non vi era ancora un corso di architettura propriamente detto ed il numero di professionisti a Salvador non raggiungeva neanche le trenta unità. In queste pagine viene raccontato come l'EPUCS assunse un ruolo di scuola di formazione di tutta una generazione di architetti e urbanisti, allo stesso tempo in cui Rebougas ed i suoi collaboratori diventarono i responsabili per il consolidamento dell'architettura moderna.

In questa parte della tesi, si inizia anche una lunga narrativa che parla dei principali elaborati di questo studio. Erano edifici che avevano un linguaggio nettamente moderno e innovativo per una città che per circa duecento anni non ebbe una considerevole crescita. AII'EPUCS fu affidato la creazione di tanti progetti che oggi sono preservati e protetti dall'IPAC - instituto do Patrimònio Arquitetónico e Cultural per la sua immensa rilevanza nella storia dell'architettura baiana, come l'edificio Caramuru ed la Scuola Parque.

Attraverso una lunga ricerca in diverse bibliografie e archivi pubblici, il lavoro riesce a esaminare in profondità un gran numero di progetti, molti dei quali non furono neanche eseguiti, ma che rappresentano tanto per la città, come il complesso teatrale CEAT che aveva una delle più sorprendenti coperture in cemento armato mai progettate in Brasile di Alcides da Rocha Miranda e José de Souza Reis.

Sono descritti anche In queste pagine i principali elaborati della famosa Escola Carioca de Arquitetura dentro il territorio baiano. Essa elaborò una specie di brazilian style che fu pubblicizzata in tutto il paese, un movimento moderno completamente nazionalista, negando ì'intemational style che era egemonico negli anni della decade di trenta. Fatto che si percepisce chiaramente analizzando due importanti opere della capitale di Bahia: l'istituto del cacao di Buddeus del 1936 e l'edificio Caramuru di Paulo Antunes Rlbeiro del 1949,

Il capitolo numero quattro racconta la storia di Anisio Teixeira ed i suoi sforzi per il miglioramento dell'educazione brasiliana. Egli Iniziò la sua carriera come educatore

nella Capitale Federale, per poi essere invitato dal governatore Mangabelra per ricoprire la carica di Ministro dell'educazione dello Stato durante la sua gestione nel 1947.

Il compito principale di queste pagine è illustrare la relazione tra il programma educativo proposto da Telxeira e l'architettura moderna negli ultimi anni della decade di quaranta. Insieme a Rebougas e gli altri collaboratori dell'EPUCS, l'educatore fu un dei principali personaggi di questo pezzo di storia, creando per la prima volta un concetto Interdisciplinare per l'elaborazione di complessi educativi in tutta la periferia di Salvador.

Questo capitolo illustra come vennero elaborati i primi studi di edilizia scolastica, i quali si rivelarono tra i più rivoluzionari progetti d'architettura scolastica mai concepiti in Brasile. Il plano di Anisio Teixeira e Rebougas, anche se venne parzialmente eseguito, il progetto più conosciuto - il Centro Educacional Carneiro Ribeiro oppure Scuola Parque - diventò riferimento intemazionale e, durante gli ultimi sessanta anni, è ancora un punto fermo per i progetti di questa tipologia in tutto il Brasile.

L'ultimo capitolo espone l'organizzato del settore turistico nello stato di Bahia. Secondo le ricerca per l'elaborazione dello scritto, la situazione era completamente precaria e decadente, mancavano alberghi di qualità nella capitale ed il numero di posti letto per il numero di visitatori - anche se nettamente inferiore rispetto ai giorni nostri - era insufficiente.

Queste pagine raccontano gli sforzi dei governanti per il miglioramento del settore alberghiero, chiedendo all'EPUCS il progetto del più Impressionante albergo moderno brasiliano a quell'epoca: lo Hotel da Bahia. Sono pagine che illustrano attraverso una intensa ricerca sul giornali presenti nella Biblioteca Pública dos Barris a Salvador le diverse fasi progettuali dell'edificio, dal primo articolo pubblicato nel 1947 al giorno della sua inaugurazione avvenuto nel 1952.

Il lavoro strutturato in cinque capitoli e come è già stato detto precedentemente, cerca di informare i lettori con un pezzo della storia dell'architettura moderna in un contesto completamente diverso. Quando si parla di questo movimento in terra brasiliana, è Impossibile non pensare innanzitutto ad altre città come Brasilia oppure Rio de Janeiro, ma attraverso queste pagine l'autore cerca di attirare l'attenzione del lettore e dare una nuova prospettiva, collocando la capitale di Bahia come un altro importante punto di sviluppo del pensiero moderno.

Relatori: Sergio Pace
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: A Architettura > AF Edifici e attrezzature per il tempo libero, le attività sociali, lo sport
U Urbanistica > UL PVS Paesi in via di sviluppo
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4624
Capitoli:

INTRODUZIONE

CAPITOLO 1 : Gli antecedenti in Brasile

1.1 Le condizioni storiche, sociali e politiche nel primi anni del novecento,

1.2 La settimana d'Arte Moderna di San Paolo

1.3 Warchavchik e l'origine dell'architettura moderna brasiliana

1.4 Le prime dimostrazione dell'architettura moderna

CAPITOLO 2: I primi anni di modernizzazione a Salvador

2.1 La "modernizzazione" nella città storica

2.2 La settimana dell'urbanismo nel 1935

2.3 La prima fase dell'architettura moderna in Bahia

2.4 L'EPUCS: Il Piano Regolatore

CAPITOLO 3: La nuova città Moderna

3.1 Le conseguenze lasciate dall'EPUCS

3.2 Lo Stadio Otàvio Mangabeira

3.3 L'Avenida Centenàrio

3.4 Il Mercato del Pesce

3.5 Il Penitenziario dello Stato

3.6 L'Escola Carioca a Salvador

3.7 Il Polemico Teatro Castro Alves

CAPITOLO 4: Il nuovo modo di pensare la scuola

4.1 Teixeira il grande maestro brasiliano

4.2. I primi passi per una scuola moderna a Rio de Janeiro

4.3 La Scuola Moderna in Bahia: la ripresa di impegno

4.4 Le scuole rurali in Bahia nella gestione di Teixeira

4.5 Le scuole moderne della Capitale

4.5.1 La Scuola Classe I

4.5.2 La Scuola Classe II

4.5.3 La Scuola Classe III

4.5.4 La Scuola Parque

4.6 L'arte moderna nelle Scuole di Salvador

CAPITOLO 5: L'infrastruttura turistica moderna

5.1 L'affascinante Bahia awersa al turismo

5.2 Il processo di costruzione

5.3 L'edificio

CONCLUSIONE

RIFERIMENTI

Bibliografia:

A Bahia terà urna penitenciària modelo. A Tarde, Salvador, pag. 2, 10 feb, 1950.

A inauguragào do Solar Santo Antonio. A Tarde, Salvador, pag. 1, 06 giù. 1946.

A situagào da Penitenciària do Estado. A Tarde, Salvador, pag. 2, 9 set. 1948.

Acayba M., Ficher S., 1982, Arquitetura Moderna Brasìleira, Sào Paulo, Projeto.

Amado J., Bahia de Todos os Santos: Guia das ruas e dos mistérios da cidade do Salvador, 1951, Sào Paulo, Martins Edltora.

ANDRADE JUNIOR, N. As obras do pianos de edificagòes de Anisio Teixeira e a Arquitetura Moderna. In: SEMINÀRIO DOCOMOMO BRASIL, 9, 2011, Brasilia. Anais... Brasilia: Universidade de Brasilia, 2011.

Andrade Junior, N., Arquitetura moderna na Bahia: urna história a contrapelo, 2012, Tesi (Dottorato in Architettura e Urbanismo) - Facoltà di Architettura - Università Federai da Bahia, Salvador.

Araujo A. R. C., Espago privado moderno e relagòes sociaìs de gènero em Salvador: 1930 - 1949, 2004, Tesi (Dottorato In Architettura e Urbanismo) - Facoltà di Architettura - Università Federai da Bahia, Salvador.

Arrendando o Hotel da Bahia. A Tarde, Salvador pag.2, 29 lui. 1950.

As Artes no Governo Mangabeira. Diàrio de Noticias, Salvador pag. 64 1948 As comemoragòes do IV centenàrio da Bahia. A Tarde, Salvador, pag. 2, 30 lui. 1948. Azevedo P. O., A passagem do cometa pela Bahia, in "Revista Vitruvius" n.7 (febr, 2007), p. 47-48.

Battista F. C., Urbanismo e Poderna semana de 35 em Salvador, in "Revista Iberoamericana de Ubranismo" n. 9 (lugl. 2012), p. 121-146.

Bastos M.; ZEIN, R., 2010, Brasil: arquiteturas após 1950, Sào Paulo, Perspectiva.

Bastos, Z, Centro Educacional Carneiro Ribeiro, 2000, Salvador, Fundagào Anisio Teixeira. Bierrenbach, A. C., Reflexòes sobre a reciclagem da arquitetura moderna em Salvador, 2012, Articolo Scientifico - Facoltà di Architettura - UFBA, Salvador.

Boccanera Junior S., O teatro na Bahia, 2008, Salvador, EDUFBA.

Borges, J., A verdade sobre o Teatro Castro Alves, 1957, Salvador, SVOP.

Braga P., A recuperagào do centro histórico de Salvador, In "Revista Vitruvius" n. 13 (apr. 2009), p. 22-24.

BruandY., Arquitetura Contemporànea do Brasil, 1986, Sào Paulo, Nobel.

Cappello M. B. C., Recepgào da arquitetura moderna brasiieira nos periódicos italianos, ingleses e franceses (1945-1960). In Gltahy M., Lira J., 2007, Tempo cidade e arquitetura, Sào Paulo, Annablume / FAU-USP, p. 125-148.

Carbello SAs propostas das escolas parque: notas para pensarmos políticas públicas para a educagao no Brasil, 2014, Florianópolls, Xanped Sui.

Cavalcanti L, Arquitetura moderna no Brasil de 1937 a 1969, 2013, Sào Paul, Cidade Nova. Chagas M. A. Salvador de 1958 até 1967: Edificio Urpia, Teatro Castro Alves e Lina Bo BardiJn "Revista Vitruvlus", n. 19 (sett. 2008), p.48-53.

Costa E., A Semana de Urbanismo de 1935, in "Revista Vitruvius" n. 16 (sett. 2015), p. 77- 81.

Costrutora Odebretch S.A., Teatro Castro Alves. Salvador: Construtora Norberto Odebrecht, 1958, p. 21.

Dórea C. R. D., Anisio Teixeira e a Organizagao do Espago Escolar, 2001, Sao Paulo, PUC. Duarte H., Teatro Municipal - Cidade do Salvador, in "Tecnica - Engenharia e Arquitetura", n.15 (maggio 1944).

É demais!, A Tarde, Salvador, pag. 4, 16 luí. 1957.

Escolas fechadas por falta de professores. A Tarde, Salvador pag. 2, 18 luí. 1946.

Fonseca M., O processo de urbanizagào e políticas urbanas de Salvador, 2011, Tesi (Laurea Magistrale) - Facoltà di Architettura - Universldade Salvador - UFACS, Salvador. Garcez A. N. R., Instituto de Cacau da Bahia: Meio Século de Historia, 1981, Salvador, Vida.

Hotel da Bahia - Cidade do Salvador - Brasil. Arquitetura e Engenharia, 1951, Belo Horizonte, n° 17, pag. 41-42.

Hotel da Bahia (Brésil). LArchitecture dAujourd'hui, Paris, n°27, pag. 88 - 90, die. 1949. Inauguragào amanhà. A Tarde, Salvador, pag. 2, 23 mag. 1952.

KING HALL, Robert. In: ANDRADE JUNIOR, N. As obras do planos de edificagòes de Anisio Teixeira e a Arquitetura Moderna. In: SEMINÀRIO DOCOMOMO BRASIL, 9, 2011, Brasilia. Anals... Brasilia: Universidade de Brasilia, 2011.

Leal J. L., Arquitetura moderna e reciclagem do patrimònio edificado. In Seminàrio DOCOMOMO Brasil, 4., 2007, Porto Aiegre: Università Federai do Rio Grande do Sul, 2007. Marlanno Filho J., in Mlngorance W. R., Leituras de José Marianno Fiiho sobre a arte, a arquitetura e a cidade do século XIX no Brasil, 2003, Rio de Janeiro. Disponibile a <http://www.dezenovevinte.net/crlticas/laJmarlanno.htm> [ultima cons. 2016-01-29].

Moniz, G., icone da arquitetura moderna brasiieira será tombado pelo PAC. Articolo Scientlgico. Disponibile a http://http://www2.cultura.ba.gov.br> [ultima cons. 2016-01-29]. O edificio IPASE. A Tarde, Salvador, pag. 2, 22 ago. 1951.

O futuro hotel da cidade. A Tarde, Salvador, pag. 2, 28 gen, 1948.

O futuro Teatro Castro Alves. A Tarde, Salvador, pag. 2, 8 apr. 1948.

O Hotel da Bahia. A Tarde, Salvador, pag. 2, 17 apr. 1950.

Penteado Filho P., Planejamento urbano em Salvador. Salvador, 1991, v.1, n.2, p. 5-11, out./dez. 1991, SEPLAM/PMS.

Planejará para a Bahia urna penitenciària modelo. ,4 Tarde, Salvador, pag. 2, 4 giu. 1949. Preteitura Municipal da Cidade do Salvador, Relatório apresentado à Cámara Municipal pelo Prefeito José Wanderley Pinho in ocasione dell'apertura dei lavori nel 7 aprile dèi Í950. Salvador, Bahia: Imprensa Oficial da Bahia, 1950.

Prefeitura Municipal de Salvador, Cidade do Salvador da Bahia, 1954, Sào Paulo, Habitat. Prefeitura Municipal de Salvador, Órgào Central de Planejamento. EPUCS: urna experiencia de desenvolvimento urbano, 1976, Salvador.

Queiroz L., A gestäo pública e a competitividade das cidades turistica, 2005, Tesi (Dottorato en Planificación Territorial y Desarollo Regional) - Departamento de Geografía Física y Análisis Geográfico Regional - Facultat de Geografía e Historia - Universität de Barcelona , Barcelona, 2005.

Rebougas D., Historia do fazer moderno baiano - entrevista de Diogenes Rebougas a Naia Alban e Anna Beatriz Galväo. In "Revista Rúa", n.7 (die. 1999) p. 116 -125.

Rebougas D., In Bastos M. A., Escola Parque: o sonho de urna educagao completa, in "Revista Arquitetura e Urbanismo - AU", n.179 (gen. 2009) p. 66-73

Revista Fiscal da Bahia, Quatro séculos de historia da Bahia: álbum comemorativo do 4o centenàrio da fundagäo da cidade do Salvador, 1949, Salvador, Tipografia Beneditina.

Rocha J. A. L., As inovagöes de Teixeira na Arquitetura Escolar. Articolo Scientiglco. Disponibile a <http://www.bvanlsioteixeira.ufba.br/livro6/inovacoes_at.html> [ultima cons. 2016-01-18]

Rubino S., O mapa do Brasil passado, in "Revista do Patrimonio Histórico e Artístico Nacional" n.24 (gen. 1996), p. 97-195.

Sampaio A. H., Formas Urbanas - Cidade Real & Cidade Ideal. Contribuigäo ao estudo urbanístico de Salvador, 1999, Salvador, Quarteto: PPG/AU - FAUUFBA.

Sampaio A. H., 10Necessárias talas arquitetura cidade e urbanismo, 2010, Salvador, Scielo.

Sampaio C. N., 50 anos de urbanizagào: Salvador da Bahia no século XIX, 2005, Rio de Janeiro, Versal.

Santos P. F., Quatro séculos de Arquitetura no Brasil, 1981, Rio de Janeiro: EditlAB.

Segawa H., 1998, Arquiteturas no Brasil 1900 - 1990, Sào Paulo, EDUSP,

Será um hotel digno para a Bahia. A Tarde, Salvador, pag. 2, 28 mag. 1949

Silva L. C., Os meios de homenagem em Salvador: distribuigäo espacial ao longo da historia. 2007. Tesi (Laurea Magistrale in Geografia) - Dipartamento di Geografia - Istituto di Scienze - Università Federai da Bahia, Salvador, 2007.

Teixeira A., in Gouvèa F., Céu cimento e mar revolto: os artigos do intelectual Anisio Teixeira, 2004, Articolo Scientifico, Università Rural do Rio de Janeiro.

Turistas urna fonte de dólares para o Brasil. A Tarde, Salvador, pag. 2, 30 ago 1949.

Uzèda J, A., O aguaceiro da modernidade na cidade do Salvador, 2004, Tesi (Dottorato in Storia) - Facoltà di Filosofia e Scence Umane - Università Federai da Bahia, Salvador.

Vào comegar as obras do novo hotel. Salvador. A Tarde, pag, 2,17 set. 1947 Vem pra Bahia. A Tarde, Salvador, pag. 2, 29 ott. 1949.

Viagem no tempo, Correio da Bahia. Salvador, pag. 5, 17 ago. 2003.

Vlsào do moderno: o hotel da cidade do Salvador. A Tarde, Salvador, pag. 2, 23

Warchavchlk G., Futurismo. In Anelli R. L. S., Warchavchik e Levi - Dois manifestos pela arquitetura moderna no Brasil, in "Revista de Urbanismo e Arquitetura", n.7 (luglio 1999), p. 7-11.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)