polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Metodologia e prassi del rilievo urbano nella valutazione preventiva del rischio sismico - Il quadro conoscitivo dell'insediamento di Cravagna (VB)

Simoni, Anna

Metodologia e prassi del rilievo urbano nella valutazione preventiva del rischio sismico - Il quadro conoscitivo dell'insediamento di Cravagna (VB).

Rel. Monica Naretto, Maria Cristina Boido. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Restauro E Valorizzazione Del Patrimonio, 2015

This is the latest version of this item.

Abstract:

La ricerca condotta riguarda la sperimentazione di un metodo per la costruzione di un quadro conoscitivo per la valutazione della vulnerabilità sismica di insediamenti storici in aree "a rischio sismico" a scala di aggregato.

Il percorso di studio svolto ha tratto i suoi principali strumenti e metodi di indirizzo dalla Normativa vigente che tratta il tema sismico, e dalla letteratura inerente agli insediamenti e ai manufatti storici in aree sismiche. In particolare, il lavoro ha seguito l'iter previsto dallo "Studio propedeutico all'elaborazione di strumenti d'indirizzo per l'applicazione della normativa sismica agli insediamenti storici'” che ha avuto origine da un problema: l'applicazione della normativa sismica, contenuta nelle Norme tecniche per le costruzioni, al patrimonio culturale e ai centri storici in zona sismica non specificatamente vincolati, alla scala di aggregato.

Il livello di sicurezza sismica da soddisfare per i manufatti di interesse storico, culturale e sociale infatti, come chiarisce la Direttiva del P.C.M. per la valutazione e la riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale con riferimento alle norme tecniche per le costruzioni” del 12 ottobre 2007, potrà essere diverso rispetto a quello previsto per una costruzione ex-nova, poiché la messa in sicurezza agli stessi livelli di una nuova costruzione indurrebbe trasformazioni troppo invasive nelle persistenze, che ne comprometterebbero le peculiarità culturali identitarie.

Il metodo introdotto nello "Studio propedeutico" estende questo principio agli insedimenti storici e per evitare di attuare interventi errati, similmente ai singoli manufatti, istituisce un "percorso di conoscenza". Altro principale riferimento cardine del lavoro è stata la Norma UNI 7310/74, la quale ha costituito la base di partenza per la costruzione e l'applicazione del linguaggio simbolico del rilievo urbano sviluppato alllnterno di questo studio.

Nell'ambito del lavoro non si tratteranno tematiche e valutazioni di tipo quantitativo; la sperimentazione eseguita si deve interpretare come la base qualitativa per applicare al meglio i metodi quantitativi di un possibile futuro studio strutturale e successivamente di valutazione dell’affidabilità dei risultati stessi - ai manufatti e agli insediamenti storici: delegare ai soli strutturisti la stabilità dei manufatti storici ha portata spesso all'introduzione di invasive strutture nuove piuttosto che alla conservazione di quelle originarie. Obiettivo del lavoro e la perimentazione del’iter metodologico indicato dallo "Sudio propedeutico", ai fini della redazione di uno strumento - la valutazione preventiva del rischio - che andrebbe ad influenzare gli strumenti di governo locale del territorio e degli insediamenti storici, allo scopo di trasformare la generale considerazione degli interventi sul costruito come meramente di "messa in sicurezza" o di "consolidamento", in veri e propri interventi di "miglioramento per la conservazione" e per sensibilizzare l'implementazione di questi ultimi con una logica ante quem e non ex post .

Il percorso di conoscenza seguito in questa tesi si struttura con una logica "a cannocchiale" che spazia su diversi livelli - da quello urbanistico, generale, al livello del particolare, del dettaglio costruttivo architettonico, ritenuto significativo ai fini della successiva valutazione del rischio , delineandosi quindi come uno studio multiscalare.

I temi che si toccheranno saranno la pericolosità simica, intesa come la sismicità insita nel territorio, l'esposizione, intesa come il rischio a cui sono esposte le vite umane in caso di evento tellurico, e la vulnerabilità sismica, in particolare, intesa come la propensione di una struttura a subire un danno; i tre temi suddetti, combinati, istituiscono il livello di rischio sismico generale per l'insediamento storico.

Le applicazioni della tesi riguardano il caso studio dell'insediamento di Cravegna, in Valle Antigoro [VB], uno dei territori piemontesi catalogato dalla vigente classificazione sismica regionale come 3S.

Relators: Monica Naretto, Maria Cristina Boido
Publication type: Printed
Subjects: A Architettura > AO Design
R Restauro > RC Restauro urbano
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Restauro E Valorizzazione Del Patrimonio
Classe di laurea: UNSPECIFIED
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4088
Chapters:

INDICE

PREMESSA

1. LA PROBLEMATICA SISMICA SUL TERRITORIO ITALIANO E IN PIEMONTE

1.1. La tettonica a placche e il fenomeno

1.2. La legislazione in Italia: storia e attualità

1.3. La legislazione sismica in Piemonte

1.4. Cronologia della normativa regionale piemontese e normativa statale di riferimento

2. LA VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL RISCHIO ALLA SCALA DELL'INSEDIAMENTO

2.1. Problematiche di applicazione delle NTC08 ai manufatti e agli insediamenti storici

2.2. Fasi di lavoro e metodologia di applicazione a un caso studio: Cravegna (VB)

3. L'INSEDIAMENTO DI CRAVEGNA: LA COSTRUZIONE DEL "QUADRO CONOSCITIVO'

3.1. Inquadramento territoriale

3.2. Sismicità storica della valle Antigorio

3.3. Sviluppo diacronico e individuazione degli insediamenti storici

3.4. Analisi dello stato di fatto: interpretazioni del rilievo urbano

3.5. Analisi delle destinazioni d’uso e dei fattori di rischio

3.6. Rilievo della consistenza architettonica: analisi dell’insediamento e dell’architettura tradizionale del luogo

3.7. Identificazione degli aggregati e prima graduatoria di criticità

3.8. Individuazione delle unità stradali e strutturali e delle vulnerabilità negli aggregati A6, AH, A12, A13. Al4 E A25

3.9. Rilievo architettonico tematico delle unità strutturali US1, US2, US3 E US4: analisi dei materiali e del degrado

3.10. Nodi costruttivi nella valutazione della vulnerabilità sismica

CONCLUSIONI

GLOSSARIO

SCHEDATURA DEL MATERIALE ICONOGRAFICO

BIBLIOGRAFIA

SITOGRAFIA ELABORATI GRAFICI

Bibliography:

BIBLIOGRAFIA

- Baratta M„ / terremoti d'Italia. Saggio di storia, geografia e bibliografia sismica italiana, F.lll Bocca Editori, Torino, 1901.

- Craveri G„ il terremoto alpino del 16 novembre 1911 osservato da Domodossola, in "Illustrazione Ossolana, Bollettino della Biblioteca e dei musei Galletti”, a. Il, nn. 10-11-12 119111.

- Bustico G„ / terremoti dell'Ossola. in "Illustrazione Ossolana, Bollettino della Biblioteca e dei musei Galletti”, a. Ili, n. 12 (gennaio-febbraio 1912).

- Bustico G., / terremoti dell'Ossola, in “Geografia”, a. 6, n. 6 (novembre-dicembre 1918).

- Burkhardt W„ Broggi G„ Considerazione sulla struttura urbanistica di un gruppo di borgate delle pendici della Valle Antigorio in Società' Piemontese di archeologia e belle arti. Atti e memorie del terzo congresso piemontese di antichità e arte. Congresso di Varallo Sesia. Settembre 1960, Torino, Via Napione 2, 1960.

- Gambi L., La casa rurale in Italia, Barbieri G. (a cura di), Olschki, Firenze, 1970.

- De Maurizi G., Zoppis F. [a cura di), L'Ossola e le sue valli. Ili edizione riveduta e ampliata corredata da note mineralogiche con cenni petrografici, morfologieI e geologici a cura di Aldo G. Roggiani, Libreria Grossi, Domodossola, 1977.

- Gruppo Archeologico di Mergozzo [a cura di), Ossola di pietra nei secoli, Antiquarium Mergozzo, Mergozzo, 1978.

- Comoli Mandracci V. la cura di), Piemonte in Guidoni Enrico (a cura di). L'architettura popolare in Italia, 7 voli., Roma-Bari, Laterza, 1984.

- Ferrari E., Pagani A. la cura di). Terra d'Ossola, Lions Club Domodossola, Domodossola, 1984.

- Dematteis L., Case contadine nelle Valli dell' Ossola, Cusio e Verbano, Priuli e Verlucca, Torino, 1985.

- MORTAROTTI R„ L'Ossola nell'età moderna. Dall'annessione al Piemonte al Fascismo [1743-1922], Libreria Grossi, Domodossola, 1985.

- Camera di commercio industria artigianato di Novara, Ufficio studi e statistica (a cura di), Valle Antigorio Formazza: ieri, oggi. Analisi statìstica di un cambiamento, Unione camere commercio industria artigianato agricoltura del Piemonte, Novara, 1987.

- Langè S., L' eredità romanica: l'edilizia domestica in pietra dell' Europa occidentale, Jaca Book, Milano, 1989.

- Forni A., Progetto di recupero ad Alteno. Esempio di intervento sull'architettura diffusa nelle valli dell'Ossola. tesi di Laurea, Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura, Dipartimento di progettazione programmazione e produzione edilizia, rei. Prof. V. Di Battista, A.A. 1990-1991.

- Canestro Chiovenda B„ Bertamini T„ Rizzi E„ Necchi Della Silva G„ Zanzi L„ Bianchetti G. F„ Azzari A., Carena C„ Ragozza S„ Ossola: storia arte e civiltà. Fondazione arch. Enrico Monti, Anzola d'Ossola, 1993.

- Bertolo M„ Verbano-Cusio-Ossola, una Provincia nuova: precedenti storici, dibattiti preparatori, realizzazione, profili dei comuni che la compongono. Studio azzurro, Verbania, 1996.

- Gnemmi G„ L'ossola dal cielo, Giorgio Gnemmi Editore, Arona, 1999.

- Boschi E„ Dragoni M„ Sismologia, UTET Torino, 2000.

- Ferrari E [a cura di), / compagni di SantAntonio in Roma e Bologna. Le società laicali degli emigrati dalla Valle Antigorio e Formazza. Centro Studi Piero Ginocchi, Crodo, 2000.

- Allegranza L„ Strutture difensive in Val d'Ossola: alla ricerca di una visibilità finalizzata alla conservazione, tesi di Laurea, Politecnico di Torino, Dipartimento di Architettura e Design, rei. Prof.sa C. Bartolozzi, A.A. 2001-2002,.

- Bertamini T„ Cravegna. Storia, arte, fede, Tipolitografia Saccardo, Ornavasso, 2002.

- Cavalli C„ Strategie di riqualificazione di paesaggi montani: il caso di Marone in Val d'Ossola, tesi di Laurea, Politecnico di Torino, Dipartimento di Architettura e Design, rei. Prof. P. Tosoni, correi. Prof.sa B. Drusi, A.A. 2003-2004.

- Naretto M„ Ientile R„ Conservare per il paesaggio. Recupero del patrimonio nelle valli Orco e Soana, L’artistica Editrice, Savigliano, 2006.

- Coppo S„ Ragioni e significato di un metodo di rilievo urbano: la Norma Uni 7310 a quarantanni dalla sua prima applicazione, in Università degli Studi di Catania - Facoltà di Architettura - Siracusa, iknos. Analisi grafica e storia della rappresentazione, Lombardi Editori, Siracusa, 2006.

- Volorio P„ Borghi dell'Ossola. Cuggine, MPS, Domodossola, 2006.

- Gardin P„ Borghi dell'Ossola. Rovesca, MPS, Domodossola, 2007.

- Volorio P., Borghi dell'Ossola. Osone, MPS, Domodossola, 2007.

- Ferrerò L„ Poncini M„ Proposte per una pianificazione integrata tra trasporti e territorio negli enti locali: caso studio della provincia del Verbano Cusìo Ossola, tesi di Laurea, Politecnico di Torino, Dipartimento di Architettura e Design, A.A. 2007-2008, rei. Prof.sa Cristina Pronello, correi. Prof. Giorgio Chiarello, pp. 154-157.

- Crosa Lenz P„ Frangioni, G„ Valle Antigorio. Escursioni, storia e natura, Grossi, Domodossola, 2008.

- Rapolla A., La pericolosità sismica dalla Classificazione Sismica alla Microzonazione dei territori comunali, alla Risposta Sismica del Sito, Liguari Editore, Napoli, 2008.

- Simonis G„ Costruire sulle Alpi: storia e attualità delle tecniche costruttive alpine, Tarara, Verbania, 2008.

- Torricelli M.C., Del Nord R„ Felli P„ Materiali e tecnologie dell'architettura, Editori Laterza, Bari, 2008.

- Volorio P„ Gardin ?.. Borghi dell'Ossola. Viceno, MPS, Domodossola, 2008.

- Touring Club Italiano, Piemonte. Torino e il Canavese. Langhe, Monferrato, Ossola, le Alpi, i parchi, il Verbano, Touring Editore, Assago - Milano, 2010.

- Dipartimento Sistemi Previsionali la cura di), ARPA Piemonte, Rapporto dell'evento sismico del 25-07-11, Torino, 09 agosto 2011.

- Simoni A., Progetto di un ecomuseo a Ghemme: nuove tecnologie per la valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale, tesi di Laurea Triennale, Politecnico di Torino, Il Facoltà di Architettura, rei. Prof. F. Fischnaller, rei. Prof. C. Devoti, corr. Ilaria Testa, A.A. 2011-2012.

- Pent E„ Sandri M„ La valutazione della "vulnerabilità sismica urbana" degli insediamenti storici : analisi del quadro conoscitivo sul caso di Garzigliana, tesi di Laurea, Politecnico di Torino, Dipartimento di Architettura e Design, rei. Prof.sa M. Naretto, rei. Prof.sa C. Boido, A.A. 2012-2013.

- Blasi C. (a cura di). Architettura storica e terremoti. Protocolli operativi per la conoscenza e la tutela, Wolters Kluwer, Milanofiori Assago, 2013.

- Naretto M„ Ientile R., Patrimonio architettonico e rischio sismico. Un percorso tra conoscenza e obiettivi di conservazione, Celid, Torino, 2013.

- GAL Azione Ossola, Manuale di restauro conservativo per gli edifici di notevole importanza storica ed architettonica presenti in territorio ossolano, collana "Itinerari ed incontri", GAL Azione Ossola, s.d. .

- Conti G.L., Oneto G„ Paesaggio di pietra, alberi e colore. L'architettura tradizionale nel Verbano-Cusio-Ossola, Alberti Libraio Editore, s.d. .

SITOGRAFIA

[i siti citati si intendono consultati alla data del 15 gennaio 2015)

- http://pianetaterra2011.blogspot.it/2Q11/01/la-migrazione-dei-poli.html

- http://legacy.ingv.it/roma/

- http://www.treccani.it/

- http://eduseis.na.infn.it/

- http://www.ingv.it/

- http://www.gm.ingv.it/

- http://www.arpa.piemonte.it/approfondimenti/temiambientali/terremoti/strumenti-di-monitoraggio

- http://www.siripro.it

- http://www.luniversoeluomo.org/

- http://www.provincia.torino.gov.it/protciv/iper/parte2/risch_nat/risch_sism.htm

- http://www.regione.piemonte.it/

- http://www.regione.piemonte.it/oopp/rischio_sismico/

- http://www.mantleplumes.org/Web0ocuments/Wortel2000.pdf

- http://sismolab.dgt.uniud.it/

- http://www.protezionecivile.gov.it/

- http://ingvterremoti.wordpress.com/

- http://www.mi.ingv.it/

- http://esse1.mi.ingv.it/

- http://ftp.ingv.it/pro/gndt/Pubblicazioni/

- http://emidius.mi.ingv.it/

- http://digidownload.libero.it/gadosu/Pubblica/Documenti*20pubblici/Catastrofali/Terremoto/levoluzione*20della*20n ormati vax20sismica.pdf

- http://www.dica.unict.it/

- http://zonesismiche.mi.ingv.it/

- http://www.kernetengineering.eu/Docs/Leggi/Etenco*20normativa*20sismica*20statate*20ultimoK20secolo.pdf

- http://www.cslp.it/cstp/

- http://cms3.wabisabi.it/it/24/normative/

- http://www.staticaesismica.it/staticaesismica_normativa.htmt

- https://snipc.protezionecivite.it/CSRS_TUTORIAL/Home/home.php

- http://www.detcampe.it/

- http://www.regione.tiguria.it/argomenti/territorio-ambiente-e-infrastrutture/sicurezza-det-

territorio/terremoti.htmt

- http://www.provincia.sp.it/ftex/cm/pages/ServeBL0B.php/L/IT/IDPagina/2877

- http://www.provincia.verbania.it/

- http:// http://www.comune.crodo.vb.it/

- http://www.cravegna.it/home.htm

- http://www.comuni-itatiani.it/

- http://archiviodistatotorino.benicutturati.it/

- http://www.detcampe.it/

Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)