polito.it
Politecnico di Torino (logo)

La città che cambia : expo 2015 fra occasioni di sviluppo e urbanesimo neoliberale

Montervino, Elisa

La città che cambia : expo 2015 fra occasioni di sviluppo e urbanesimo neoliberale.

Rel. Francesca Governa. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2014

Abstract:

Introduzione

Questo lavoro di tesi nasce a breve distanza dall’inizio dell’Esposizione Universale che si terrà a Milano nel 2015, la quale vedrà il nostro Paese coinvolto in prima persona nell’organizzazione di un grande evento.

Obiettivo di questo studio è capire se, e quanto, i grandi eventi siano una effettiva opportunità di sviluppo. La città contemporanea è in grado di rinnovarsi? È in grado di cambiare volto esclusivamente attraverso avvenimenti che portino con sè ingenti flussi di denaro e visitatori? Questo modo di ‘fare città’ è dovuto, o meno, ad una mancanza di progettualità di fondo? Il motivo principale che mi ha spinto ad indagare il tema delle esposizioni in relazione alla città ed alle sue modificazioni, è il voler capire come degli eventi che per breve tempo ‘vivono’ nella città, possano incidere in maniera così profonda nella visione che la città stessa ha di sé, e nell’immagine che il resto del mondo ha di riflesso. Comprendere quindi in che modo questi eventi si inseriscano nel panorama urbano contemporaneo che sempre più è connesso attraverso un sistema di reti e contatti immateriali, immerso in una fitta competizione fra città e Nazioni per ottenere un ruolo di primo piano a livello internazionale. Osservare il contesto socio-politico-economico per afferrare cosa muove, forma e plasma le città.

Le considerazioni sul contesto nascono dalle riflessioni fatte da studiosi appartenenti a diverse categorie degli studi urbani, geografi, urbanisti, sociologi ed economisti. In modo diverso ognuno di loro ha discusso della città e di come le logiche neoliberiste abbiano influenzato in maniera decisiva il modo di costruire la città, di guardare alla città e di viverla.

Esse hanno trasformato la città in un luogo di competizione dove il capitalismo trova ampio spazio per svilupparsi. A partire dalla lettura che Lefebvre fa della città industriale, ed attraverso la lettura che Harvey, Brenner, ed altri fanno della città si può capire come i meccanismi economici e politici pervadano l’ambito spaziale, trasformando la città in “luogo di consumo e consumo di luogo ” (Lefebvre, 1968). Vengono individuate visioni alternative all’urbanizzazione marked-oriented attraverso la proposta offerta dalla Teoria urbana critica, e mediante la lettura della città come luogo per le persone e non per il solo il profitto imprenditoriale, tema ampiamente dibattuto nel libro City far people not far profit.

Il lavoro si svolgerà in tre parti distinte. La prima, Trasformazioni urbane, intende affrontare il tema partendo dalla necessità di stabilire un’idea di città alla base del progetto urbano, per poi analizzare le logiche pervasive della città neoliberista che in maniera determinante hanno influenzato il modo di ‘fare’ città. Successivamente si guarda alle trasformazioni attraverso le dinamiche sociali e di giustizia spaziale che si esplicano all’interno dell’ambito urbano contemporaneo. In particolare si vuole restringere il campo delle trasformazioni urbane prendendo in considerazione il ruolo rivestito dai grandi eventi all’interno dei processi di modificazione.

La seconda parte, Esposizioni Universali, restituisce un quadro generale sull’evoluzione delle Esposizioni, il loro passaggio da eventi occasionali a vere e proprie occasioni su cui le città basano lo sviluppo urbano futuro. Inoltre, per una maggiore comprensione del fenomeno, si fa riferimento ad alcuni esempi ambientati in Europa negli ultimi vent’anni.

Infine, la terza parte, Milano e l'Expo 2015, guarda al capoluogo lombardo attraverso l’evento che la città si appresta ad ospitare il prossimo anno. Si evidenziano da una parte gli orientamenti di sviluppo territoriale che, ormai da anni, Milano cerca di attuare per dare maggiore concretezza alla macroregione milanese; dall’altra emergono invece i numerosi interventi edilizi e di rigenerazione urbana interni alla città. In ultimo si approfondisce il processo progettuale di Expo 2015 dalla candidatura alla configurazione finale del Sito espositivo, per poi volgere l’interesse verso gli scenari futuri proposti per l’area.

Al termine di questo elaborato verranno messe in luce le criticità di un sistema urbano fortemente influenzato dalle logiche del consumo e del profitto, all’interno del quale lo spazio diventa merce di scambio. Verrà sottolineato come spesso il punta di vista sulla città, determinato dalle politiche marked-o-riented, dimentica che lo spazio è fatto di persone, di rappresentazioni, di flussi, i quali assieme movimento ed alimentano la città. Infine, con un occhio di riguardo verso Milano 2015, ci si domanderà come le esposizioni, figlie di un sistema legato alle politiche neoliberali, possano essere una soluzione per trasformare ed orientare lo sviluppo futuro della città.

Come possano risolvere le problematiche del sistema urbano contemporaneo, attraverso sistemi insediativi anacronistici ed estremamente dispendiosi. Come siano in grado di attuare tali cambiamenti seguendo le regole organizzative stringenti dettate dal Bureau da una parte, e le logiche del profitto privato dall’altro.

Relatori: Francesca Governa
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GF Italia
SS Scienze Sociali ed economiche > SSG Sociologia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3918
Capitoli:

INDICE

Introduzione

Trasformazioni urbane

Idea di città alla base del progetto urbano

Dalla città industriale alla città del neoliberismo

La città neoliberista

Teoria urbana critica

Città fatte di persone non di edifici

Partecipazione e città post-politica

La città dei ricchi e la città dei poveri

Restituire valore allo spazio

Giustizia

Milano e l’Expo 2015

Esposizioni Universali

Da culla dell’innovazione ad occasione di sviluppo

Carattere transitorio Vs carattere duraturo

B.I.E

Localizzazione e gli spazi delle Expo

Expo al servizio della trasformazione urbana

Esempi

Siviglia 1992

Lisbona 1998

Hannover 2000

Saragozza 2008

Milano e la sua idea di città

Milano città-nodo

La macroregione

Piccoli e grandi interventi che cambiano il volto alla città

Come l’Expo cambia Milano

Questione terreni

II progetto: dall'Orto Planetario, alla Smart City,al vedremo come va a finire...

II dopo Expo, fra disastro annunciato e la speranza è l’ultima a morire

Conclusioni

Bibliografìa

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

AA. VV., 2006, Milano oltre Milano. Racconti della città che cambia 1990-2005, numero unico di giornale, Skira , Milano.

AA. VV., 2006, Esperienze e paesaggi dell’abitare. Itinerari nella regione urbana milanese, Abitare Segesta, Milano.

Amin A., Thrift N., 2005, Città. Ripensare la dimensione urbana, il Mulino, Bologna.

Aimone L., Olmo C., 1990, Le esposizioni universali 1851-1900: il progresso in scena, Allemandi, Torino.

Balducci A., 2004, “La produzione dal basso di beni pubblici urbani”, Urbanistica, n. 123, pp. 7-15.

Balducci A., 2005, Una visione per la Regione Urbana Milanese, in Milano, nodo della rete globale. Un itinerario di analisi e proposte, Bruno Mondadori, Milano.

Balducci A., 2008, “Expo 2015”, in Territorio, n. 44, pp. 7-8.

Bauman Z., 2007, Modus Vivendi. Inferno e utopia del mondo liquido, Laterza, Roma-Bari.

Bianchi A., 2009, “Poli della regione urbana milanese verso l’Expo 2015”, Territorio, n. 48, pp. 119-123.

Boatti A., 2007, Urbanistica a Milano : sviluppo urbano, pianificazione e ambiente tra passato e futuro, Città studi, Milano.

Boeri S., 2011, L'antichità, Editori Laterza, Roma-Bari.

Bolocan Goldstein M., 2004, “Geografia delle politiche e rapporti territoriali nella regione urbana. Una prospettiva orientata allo sviluppo locale”, Territorio, n. 29-30, pp. 91-94.

Bolocan Goldstein M., 2007, Milano incompiuta : interpretazioni urbanistiche del mutamento, a cura di Matteo Bolocan Goldstein, Bertrando Bonfantini, Angeli, Milano.

Bolocan Goldstein M., 2009, Geografie milanesi, Maggioli editore, Milano.

Bolocan Goldstein M., 2012, “Geografie del l’urbano.Configurazioni spaziali di Milano nel cambiamento”, Mercato urbano e trasformazioni dell 'ambiente costruito. Geografie di Milano verso l’Expo 2015, Camera di commercio Milano.

Bolocan Goldstein M., 2012b, Riconfigurazioni spaziali di Milano nella mondializzazione, in Progetto Milano. Idee e proposte per la città di domani, Bruno Mondadori, Milano.

Brenner N., 2009, “What is critical urban theory?”, City, vol. 13, Giugno-Settembre, pp. 198-207.

Brenner N., Marcuse P., Mayer M., 2009, “Cities for people not for profit”, City, vol. 13, Giugno-Settembre, pp. 176-184.

Brenner N., Peck J., Theodor N.,2010, “After neoliberalization?”, Globalizations, 7(3), pp.313-330.

Brenner N., Theodore N., 2002, “Cities and the Geographies of “Actually Existing Neoliberism”, Antipode, pp. 349-379.

Capitanucci M. V., 2009, Milano. Verso I ’Expo. La nuova architettura, pp. 8-17, Skira, Milano.

Capitanucci M.V., 2012, Milano. Le nuove architetture, Skira, Milano.

Caramellino G., Deambrosis F., 2009, “Un secolo di grandi eventi: riflessioni, nuove geografie e prospettive storiografi-che”, Territorio, n. 51, pp. 14-18.

Clark G., Huxley J., Nemecek S., 2010, The Urban Investment. Opportunity of Global Event, Urban land institute, Londra.

Corda G. P., 2010, Milano, Expo 2015: note per lo sviluppo della città e del sistema urbano, Territorio, n. 55, pp. 159-163

Davidson M., Iveson K., 2014, “Recovering the politics of the city: From the ‘post-political city’ to a ‘method of equality’ for critical urban geography”, Progress in Human Geography, pp. 1-17.

De Magistris A., 2009, “Grandi eventi e sviluppo urbano: alcune riflessioni sul filo di una possibile lettura storica”, Territorio, n. 51, pp. 10-13.

De Spuches G., 2002, “La fantasmagoria del moderno. Esposizioni universali e metropoli”, Bollettino della Società Geografica Italiana, serie XII, voi. VII, fascicolo 4, pp. 783-794, Ottobre-Dicembre, Roma.

Di Vita S., 2008, “Milano verso l’Expo 2015”, Territorio, n. 46, pp. 139-150.

Di Vita S., 2010, Milano Expo 2015. Un ’occasione di sviluppo

sostenibile, Franco Angeli, Milano.

Erba V., 2009a, “Opportunità e rischi di un grande evento”, Territorio, n. 48, pp. 84-90.

Erba V., 2009b, “Le prospettive di Milano Expo 2015: una scommessa ad alto rischio”, Territorio, n. 51, pp. 43-46.

Erba V., Di Vita S., 2012, “Milano, Expo 2015: problemi irrisolti e potenzialità di sviluppo”, Territorio, n. 62, pp. 153-160.

Fea A., 2012, “Ripensare lo spazio aperto periurbano. Scenari per il contesto milanese”, Terrirorio, n. 60, pp. 81-84.

Gallione A., 2012, Dossier Expo, Rizzoli, Milano.

Geppert A. C. T., 2003, “Luoghi, città, prospettive: le esposizioni e l’urbanistica fin-de-siècle”, Memoria e ricerca, n. 12, pp. 115-136.

Geppert A. C. T., 2004, “Città brevi: storia, storiografia e teoria delle pratiche espositive europee, 1851-2000”, Memoria e ricerca, n. 17, pp. 7-18, Settembre-Dicembre.

Governa F., 2014a, “La città delle differenze e le “questioni” di giustizia (spaziale)”, Rivista Geografica Italiana, Firenze.

Governa F., 2014b, “La città plurale. Dalla città delle differenze allo spazio della molteplicità”, Relazione introduttiva al congresso geografico italiano (Milano 2012) in corso di pubblicazione.

Harvey D., 2005, A brief history of neoliberism, Oxford University Press, New York.

Lancione M., 2010, “Giustizia sociale, spazio e città. Un approccio teorico metodologico applicato ad un caso studio”, Rivista Geografica Italiana, voi. 117 (3), pp. 625-652.

Lanzani A., 2005, “Ripensando Milano e la mega city region milanese”, Archivio di Studi Urbani e Regionali, n. 84, pp. 137-

Lefebvre H., 1968, Il diritto alla città, Marsilio Editori, Padova.

Longo A., 2004, “Disegnare ancora il territorio milanese?”, Territorio, n. 29-30, pp. 132-135.

Magatti M., 2005, “Novum Mediolanum”, Milano, nodo della rete globale. Un itinerario di analisi e proposte, Bruno Mondadori, Milano.

Marcuse P., 2009, “From critical urban theory to the right to the city”, City, vol. 13, Giugno-Settembre, pp. 185-196.

Marcuse P., 2010, “Spatial justice: derivative but casual of social justice”, a cura di Bret B., Gervais-Lambony P., Hancock C. e Landy F., Justice et Injustices Spatiales, Presses Universi-taires de Paris Ouest, Paris, pp. 74-94.

Masi D., Ciccone M.L., 2011, Expo. La scommessa, Logo Fausto Lupetti Editore, Bologna.

Massidda L., 2011, Atlante delle grandi esposizioni universali. Storia e geografia del medium espositivo, Franco Angeli, Milano.

Morello E., Villa D., Carli P., Pensa E., 2007, “La candidatura di milano per l’Expo 2015:linee di progetto per ripensare l’ambiente delle aree di frangia milanesi”, Territorio, n. 43, pp. 53-59.

Nicosia E., 2009a, “Un grande evento come opportunità di riqualificazione territoriale: Valencia e l’America’s Cup 2007”, Rivista Geografica Italiana, n. 116, pp. 195-224.

Nicosia E., 2009b, “Le esposizioni universali: mercati globali tra riqualificazione e innovazione. Milano 2015 un esempio vincente?”, Geotema, n. 38, fascicolo 38, pp. 113-127.

Oliva F., 2008, “Expo, città e territorio”, Territorio, n. 46, pp. 131-134.

Parenti F. M., 2009, “Gli effetti del neoliberismo sugli spazi urbani”, Bollettino della società geografica italiana, Serie XIII, voi. II, pp. 485-489, Roma.

Pasqui G., 2007, Territori: progettare lo sviluppo, Carrocci, Roma.

Peck J., Theodore N., Brenner N., 2013, “Neoliberal urbanism redux?”, International Journal ofUrban and Regional Research, voi. 37(3), pp. 1091-1099.

Pedrazzini L., 2009, “Il territorio di Expo 2015: un’occasione per progettare il futuro”, Territorio n.48, pp.l 15-118.

Poli C., 2009, Città flessibili.Una rivoluzione nel governo urbano, Instar libri, Torino.

Roche M., 2000, Mega events and modernity. Perspective and themes, cap 1, pp. 1-29, Routlage, Londra.

Roche M., 2009, “Mega-events, culture and modernity: Expo and the origins of public culture”, International Journal of Culture Policy, vol. 5, n. 1, pp. 1-31.

Secchi B., 2005, La città del ventesimo secolo, Laterza, Ro-ma-Bari.

Secchi B., 2013, La città dei ricchi e la città dei poveri, Laterza, Roma-Bari.

Simeon M. I., Trapani G., 2011, “Mega eventi e creazione di valore per il territorio: un’analisi delle Esposizioni Universali e Intemazionali”, Sinergie rapporti di ricerca, n. 34, pp. 179-202.

Soja E., Kanai M., 2007, “The urbanization of the world”, R. Burdett & D. Sudjic (edited by) The endless city, Phaidon, Londra.

Soja E., 2010, “The city and the spatial justice”, a cura di Bret B., Gervais-Lambony P., Hancock C. e Landy F., Justice et Injustices Spatiales, Presses Universitaires de Paris Ouest, Paris, pp.55-74.

Toldo A., 2008, “Città e territori del Nord Ovest italiano: verso una macroregione policentrica di livello europeo”, Tesi di dottorato.

Vicari Haddock S., 2013, Questioni urbane, il Mulino, Bologna.

Altre fonti

AA. VV., 2014, Il Giornale dell’Architettura, n. 117.

Balducci A., 2007, “Qualità di vita e investimenti”, Corriere della sera, 16 Gennaio.

International Herald Tribune, 16 Luglio, 2007.

Liso O., 2011, “L’Expo perde altri pezzi, addio al Villaggio dei delegati”, milano.repnbblica.it, 9 Settembre.

Ruiz O., 2014, “Messico, photoshop non c’entra: c’è una linea tra ricchi e poveri”, a cura di Pier Luigi Pisa, repubblica.it, 19 maggio.

www.bie-paris.org

www.comune.milano.it

www.corriere.it

www.domusweb.it

www.expo92.es

www.expo2015 .org

www.expozaragoza2008.es

www.ilsole24ore.com

www.milanocittametropolitana.org

www.ordinearchitetti.mi.it

www.repubblica.it

www.ted.com

www.zaragoza.es

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)