polito.it
Politecnico di Torino (logo)

RED : rigenerazione edifici dismessi. Ipotesi di un processo che rigeneri edifici pubblici dismessi utilizzandoli come strumento di riattivazione economica, urbana e sociale

Cretella, Luca and Mazzei, Gian Maria

RED : rigenerazione edifici dismessi. Ipotesi di un processo che rigeneri edifici pubblici dismessi utilizzandoli come strumento di riattivazione economica, urbana e sociale.

Rel. Gianfranco Cavaglià. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2013

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Scrivere una tesi restando legati alla dimensione della realtà elaborando un argomento o un tema “creativo” di interesse resta un lavoro difficile e che implica molto pensiero e responsabilità. Ciò che ci è riusciti di fare è stato rilevare e analizzare esperienze e pratiche, da noi valutate come interessanti, componendole nelle loro parti migliori per realizzare qualcosa di nuovo che “già esiste”.

Fin dall’inizio siamo partiti da considerazioni legate alla costruzione, all’opportunità di muovere certi passi e allo stato attuale della realtà.

In principio l’oggetto della Tesi era la realizzazione di un edificio guardando ai temi dell’auto costruzione, della sostenibilità, dell’impatto ambientale. Per dare coerenza e dignità a questi temi ci siamo presto resi conto che, forse, costruire il nuovo dovrebbe essere un iniziativa da ponderare con la dovuta attenzione senza farsi cogliere dagli “isterismi” del pensiero ideologico. Quello che ne è venuto fuori è una Tesi che racconta la costruzione di una strategia da impiegare per utilizzare edifici pubblici, in fase di dismissione, come strumento per la realizzazione di progetti d’impresa sostenibili, a costo zero per le Amministrazioni.

Quello che abbiamo elaborato, e che cercheremo di raccontare, riguarda un meccanismo, al quale abbiamo dato il nome RED (Rigenerazione Edifici Dismessi), che coinvolge in maniera integrata vari temi quali il riuso edilizio, la piccola impresa, il contesto locale, l’associazionismo e il partenariato pubblico-privato con l’aspirazione di diventare un prassi praticabile e reiterabile di rigenerazione urbana.

Il nostro lavoro di Tesi si è diviso In più fasi divise, quasi equamente, tra analisi ed elaborazione.

La prima parte del lavoro che risponde al primo capitolo Presupposti teorici è un esternalizzazione di ciò che negli anni dell’Università e nei mesi di elaborazione della Tesi è maturato in noi e nella nostra coscienza. I temi descritti nel 1° capitolo rappresentano una fase di avvicinamento al tema della Tesi partendo da idee e valutazioni personali su argomenti di ampio interesse con i quali sia gli Architetti sia le persone comuni dovrebbero confrontarsi. Questa base teorica di analisi ci è servita per fare chiarezza sulle nostre intenzioni e per avere un background teorico dal quale partire per l’elaborazione della Tesi.

Durante la seconda parte del nostro lavoro ci siamo concentrati sullo stato reale del fatti cercando di indagare delle esperienze già realizzate o in fase di realizzazione che bene si sposassero con i temi da noi messi in evidenza nel 1° capitolo, in tal modo siamo riusciti a costruirci un certo grado di conoscenza di buone pratiche alle quali fare riferimento. Il 11° capitolo, quindi, è un contenitore di diverse ricognizioni su bandi, sul patrimonio pubblico e di interviste realizzate durante un lungo percorso circolare di feedback che ci ha messo in condizione di aggiornare la nostra Indagine, intervista dopo intervista, al passo con l’elaborazione sempre mutevole del nostro progetto di Tesi. Come un blob il nostro progetto, che in vero è una strategia, si è confrontato, corretto ed aggiornato in funzione dei nostri ragionamenti e delle risposte che raccoglievamo durante questa seconda fase di Rilevamento della Realtà.

Ciò che di più facile potevamo fare dopo queste due fasi era mettere a sistema i temi fondati emersi dal 1° capitolo e gli spunti, per noi interessanti, raccolti durante la fase di relazione con la realtà in un unica fase “digerente”. E’ scaturita così l'Analisi digerita, terza parte del nostro lavoro spesa per capire dove potevano condurci le nostre indagini ed i relativi temi. Abbiamo così messo su carta: gli obbiettivi che potrebbero essere raggiunti riutilizzando, come mezzo di uno scopo, il patrimonio pubblico in carica alle Amministrazioni sofferenti economicamente; i problemi che si oppongono alla realizzazione di questo scopo e l’analisi delle condizioni endogene a favore e a sfavore della realizzazione di tale scopo.

E’ nato così il processo RED, un meccanismo che utilizza il patrimonio pubblico per favorire l’occupazione giovanile e contemporaneamente il recupero edilizio dell'immobile stesso.

Appurati i riferimenti e lo “scopo” è sopraggiunta la quarta fase del nostro lavoro nata con l’intenzione di descrivere come si sarebbe potuto realizzarlo. Il capitolo su II processo è la parte dì output del nostro percorso di Tesi dove descriviamo gli attori attori che potrebbero risultare Interessati dal processo di rifunzionalizzazione e le fasi in cui questo si divide. Questo capitolo è il fulcro della Tesi nato dalla composizione di tutti gli aspetti di interesse rilevati sia durante l’elaborazione teorica della Tesi sia durante la fase di indagine delle buone pratiche selezionate in funzione di tali temi.

La Tesi sì ultima con delle Conclusioni che guardano al possibili sviluppi del processo RED e alle implicazioni che, la messa a regime dello stesso, potrebbero comportare in termini di sfruttamento del patrimonio pubblico inutilizzati ed in termini di accompagnamento all’impresa.

Relatori: Gianfranco Cavaglià
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: A Architettura > AO Progettazione
SS Scienze Sociali ed economiche > SSD Politica
SS Scienze Sociali ed economiche > SSE Scienze economiche
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3488
Capitoli:

Presupposti teorici

Espletamento dei temi sensibili

Sostenibilità

Consumo del suolo

Ristrutturare e conservare

Un territorio comp-lesso

Rigenerazione urbana

Mercato del lavoro

Piccola e media impresa

Associazionismo

Politiche giovanili

Le concessioni

Le “r” della rinascita

Cenni sulla teoria dell’analisi degli Stakeholders_Analisi Stakeholders

II potere degli Stakeholders

Le tipologie di Stakeholders

Le tipologie di Stakeholders (schema)

GII stakeholders nello Spatial Planning

Rilevamento realtà

Indagine su bandi di finanziamento per soggetti economici under

Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici

Piano giovani

Imprenditori per I giovani sul territorio

Incubatori non tecnologici

Manifestazione d'interesse per l'Insediamento di attività presso l'ex Incet lotto 3

FaciliTo

Avviso per la presentazione di idee progettuali per “Smart Cities and Comunities and Social Innovata"

Interviste ad esempi di Best Practices.

Temi emersi dal dialogo con le Best Practices (schema)

Comitato“Progetto The Gate”

Comitato“Parco Dora"

Comitato“Urban - Barriera di Milano”

Assessorato Area Metropolitana, Casa e Demanio - Comune di Milano

Assessorato Politiche Giovanili, Rigenerazione Urbana, Fondi Europei, Comune di Torino

Casa del quartiere “Cecchi Point”

Associazione “URBE rigenerazione urbana”

Associazione “Grisù"

Cenni sul patrimonio immobiliare del Comune di Torino

Considerazioni e panoramica

Considerazioni sul Patrimonio immobiliare da affidare In concessione d'uso

Analisi digerita

Analisi degli obiettivi

Obiettivi emersi dal temi sensibi 11(schema)

Patrimonio edilizio dismesso

Fare impresa

Piccole e medie Imprese

Under 35

Indotto per il locale

Rigenerazione urbana

Contratto etico

Network d'impresa

Condivisone cooperazione

Fattori critici emersi dal dialogo con le Best Practices

Fattori critici emersi dal dialogo con le Best Practices(schema)

Una scelta politica

Concessione d'uso

Corte dei Conti

“De minimis”

Trust

Selezione dell'edificio

Intermediari

Lavori edilizi

Supporto tecnico

Democrazia Interna

Analisi S.W.O.T. degli obiettivi

InPunti di forza

Punti di debolezza

Opportunità

Minacce

Il Processo

Analisi degli attori del processo RED

Mappa degli attori RED(schema)

Guida alla lettura della mappa

Gli attori

Fasi del processo RED

Mappa degli attori e delle fasi RED(schema)

Municipalità

Regolamento comunale

Delibera comunale

Agenzia di sviluppo

Associazione partecipata dall'Università

Avviso pubblico di selezione

Contratto

Associazione Interna

Definizione delle strategie

Sfruttare ogni punto di forza

Eliminare ogni debolezza

Beneficiare di ogni opportunità

Ridurre ciascuna delle minacce

Conclusione

Mappa delle strategie(schema)

Tentativi di processo RED

Lotto 33, fabbricato in via Cumiana angolo c.so Peschiera

lotto 34, ex complesso scolastico "M. Enrico" di via Bardonecchia

Lotto 32, manica ovest dell’ex complesso industriale Incet

Una tesi in divenire

I temi del piano RAC

Gli attori RAC

Considerazioni

Presupposti teorici

Mappa confronto RAC/RED(schema)

Rilevamento della realtà

Analisi digerita

Timeline

Ipotesi di ricerca

Risultati attesi e scenari

Rartenarlati pubblico/privato

Best practices

Portale RED

Agenzia partecipata

Fonti

Bibliografia

Bibliografia ragionata

Sitografia; Norme e leggi

Bandi; Riviste

Ripartizione del lavoro svolto

Ipotesi di statuto dell’Agenzia di sviluppo

Ipotesi dello statuto

Bibliografia:

Amin A. e ThriftN.,C/M Ripensare la dimensione urbana, li Mulino, Bologna 2005

Arianna Bazzanella, Investire nelle nuove generazioni: modelli di politiche giovanili in Italia e in Europa. Uno studio comparativo. I PRASE, 2010.

Banca Dati ISTAT, censimenti della popolazione e dell'industria 1971 e 2001

T.Boeri e V.Galasso, Contro i giovani. Come l'Italia sta tradendo le nuove generazioni, Mondadori, Milano 2007

Bourne, L. & Walker, D. .Visualising and Mapping Stakeholder Influence. Management Decision, P653.2005.

Brenner N., Theodore U.,Cities and the Geographies of "Actually Existing Neoliberalism", in “Antipode”, 2002

Cresme, XIX Rapporto congiunturale e previsionale II mercato delle costruzioni 2011-2015, 2012

M.Croce, G.Ottolini, Eorizzonte della comunità e la strategia del capitale sociale, in "Peer Education", Franco Angeli, Milano 2004

Deleuze G. e Guattari F„ Millepiani. Capitalismo e schizofrenia, Castelvecchi, Roma 2010

Enrico Mattio, "La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico - il caso di Torino", Politecnico di Torino

Governa F.,Memoli M., Geografie dell'urbano.spazi, politiche, pratiche della città, Carocci, Roma 2011

Greene, R. & Elfrers, J., Power the 48 Laws. London: Profile Books. 1999

John Stuart Mill, Principi di economia politica, Utet, Torino 1962 A. Lorenzoni, Il Risparmio Energetico, Il Mulino, 2012

Mayer M., Urban Social Movements In An Era of Globalisation. Urban Movements in Globalizing World, Routledge, London 2000

Mitchell, R„ Agle, B. & Wood, D„ Toward a Theory of Stakeholder Identification and Salience: Delining the Principle of Who and What Really Counts. The Academy of Management Review. 1997

S.Nava, La fuga dei talenti, Edizioni San Paolo, 2009

Rapporto Green Italy 2012.

L’economia verde sfida la crisi. Rapporto 2012,1 quaderni di Symbola:

Regione Puglia, “Accordo di programma quadro in materia dipolitiche giovanili”, Relazione tecnica, Roma, 28 Luglio 2006

Sudjic Deyan, The 100mile city, Harcourt Publishers Ltd, 1993

Vicari Haddock S.,La città contemporanea, Il Mulino, Bologna. 2004

Valentina Venturln, Piccole imprese in un mondo che cambia: allearsi per competere, Università degli studi di Padova, 2006

Yukl, Leadership in organisation, Sydney, Prentice-Hall, 1998

World Commission on Environment and Development ,Our Common Future, Report of the World Commission on Environment and Development, August 2,1987

BarthesRoland,/.7mperotfe/segn/;PlccolabibliotecaEinaudiJorino,2012

Bistagnino Luigi, Design sistemico. Progettare la sostenibilità produttiva e ambientale, Slow Food, Bra, 2009

Bernd e Hilla Becher, Typologien typologies, Schirmer/Moser, 1990

Botton Alain de, Architettura e felicità, Guanda, Parma, 2008

Citati Pietro, L armonia del mondo. Miti d’oggi, Rizzoli, Milano, 2002

Donella H.Meadows, Dennis L.Meadows, Jorgen Randers, William W.Behrens III, I limiti dello sviluppo. Rapporto del System Dynamics Group, MIT, per II progetto Club di Roma sui dilemmi dell’Umanità, Mondadori, Milano, 1972

Enzo Mari, 25 modi di piantare un chiodo, Mondadori, 2011 ;

Friedman Yona, L architettura di sopravvivenza. Una filosofia della povertà, Bollati Boringhieri, Torino, 2009

Friedman Yona, Lordine complicato. Come costruire un'immagine, Quodlibet-Abitare, Macerata 2011

Gilles Clément, Il giardino in movimento, Quodlibet, Macerata, 2011

Grazia Brunetta, Stefano Moroni, La Città intraprendente. Comunità contrattuali e sussidiarietà orizzontale, Carocci Editore, Pisa, 2011

Ivana Pals, La rete che lavora. Mestieri e professioni nell’era digitale, Egea, Milano, 2012

Italo Calvino, Lezioni Americane. Sei proposte per il prossimo millennio, Mondadori, Milano, 2011 ristampa

Masanobu Fukuoka, La Rivoluzione del Filo di Paglia. Un'introduzione all’agricoltura naturale, Libreria Editrice Fiorentina, Firenze, 2011

Morell Sixto Alberto, Diario di un cacciatore di spazi, Clean, Napoli, 2003

Rem Koolhaas, Junkspace. Per un ripensamento radicale dello spazio urbano,Quodlibet, Macerata, 2006

Riccardo Luna, Cambiamo tutto! La rivoluzione degli innovatori, Editori Laterza, Roma, 2013

Richard Sennet, La coscienza dell'occhio:progetto e vita sociale nella città, Feltrinelli, Milano, 1992

Salvatore Settis, Paesaggio Costituzione cemento, Einaudi, Torino,2010

Sandro Raffone, Altre parole nel vuoto, Giannini Editore,Napoli, 2010

Sandro Raffone, Resistenze. Frammenti di architettura, di pietra, terra, luce e aria, Clean, Napoli, 2000

Serge Latouche, Breve trattato sulla decrescita serena, Bollati Boringhieri, Torino, 2008

Vincenza Farina, In-between e paesaggio, condizione e risorsa del progetto sostenibile, Franco Angeli, Milano, 2005

Olt/Ul ruffa www.agenda21.it

www.legambiente.it

www.madeinitaly.gov.it

www.cresme.it

www.consiglioveneto.it/crvportal/leggi/2003

www.iavoce.info

www.istitutoiard.it

www.europa.eu/iegislation_summarie/education_training_youth/youth/index_it

http://www.comune.torino.it/comitatoparcodora/servizi/attivita/facilshtml

http://www.comune.torino.it/portapalazzo/progetto/

http://comitatoparcodora.wordpress.co/il-comitato-parco-dora/

http://www.comune.torino.it/urbanbarriera/progetto/index.shtml

www.casadeiquartiere.it/

https://www.facebook.com/bunkertorino/info

https://www.facebook.com/pages/URBE-Rigenerazione-llrbana

https://www.facebook.com/SpazioGrisu/info

http://spaziogrisu.org/la-mission/

www.comune.torino.it/infogio/spg/

KlAnnA A IA/VSII Allegato I del Regolamento CE n. 800/2008 della Commissione del 6 agosto 2008 Pubblicato sulla GUCE del 9 agosto 2008

legge della Regione Veneto del 2006 n°5 “Disciplina delle aggregazioni di filiera, dei Distretti produttivi ed interventi di sviluppo industriale e produttivo locale"

Art. 27 D. L. 6/122011, n. 201 coordinato con la Legge di conversione 22 dicembre 2011, n. 214

Regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione, del 15 dicembre 2006, relativo all’applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d’importanza minore ( de minimis ), Gazzetta ufficiale n. L 379 del 28/12/2006

Raccomandazione della Commissione Europea (2003/361/CE) del 06/05/2003 pubblicata sulla G.U.C.E. L124 del 20/05/2003 e Decreto del Ministero delle Attività Produttive del 18/04/2005 pubblicato nella G.U. n. 238 del 12/10/2005 in vigore dal 01/01/2005

Norme Urbanistiche Edilizie di Attuazione (NUEA) del Piano Regolatore Generale del Comune di Torino

Comune di Torino, deliberazione del Consiglio Comunale n.04084/131 del 30/9/2013

“Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici”, Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della gioventù e del servizio Civile Nazionale, settembre 2012

“Piano Giovani”, Regione Piemonte, giugno 2011

“Imprenditori per i giovani sul territorio” contenuto in “Piano Giovani”, Regione Piemonte, giugno 2011

“Incubatore tecnologico" contenuto in “Piano Giovani”, Regione Piemonte, giugno 2011

“Avviso esplorativo per manifestazione d’interesse per l'insediamento di attività volte a promuovere con servizi innovativi lo sviluppo d'impresa e l’imprenditoria giovanile presso il lotto ex Incet3", Direzione lavoro, Sviluppo, Fondi Europei, Smart City, Città di Torino, giugno 2013

“Avviso pubblico per l’accesso da parte delle micro e piccole imprese di Barriera di Milano al servizio di incubazione diffusa e alle agevolazioni finanziarie ", misura B1.1 progetto FaciliTo - Barriera di Milano,Comune di Torino, ottobre 2012

Il bado “Avviso per la presentazione di idee progettuali per “Smart Cities and Comunities and Social Innovation”, Ministero dell’Istruzione dell'Università e della Ricerca, ottobre 2012

T.Boeri, Rivoluzione Occupazione, “LEspresso”, 29 Dicembre 2009

S.Nava: “I Talenti espatriati ci costano quasi due miliardi l'anno”, su www.fugadeitalenti.wordpress.com, 9 Novembre 2009

Klamer, A.. The Value of Culture. In: A. Klamer (ed.). The Value of Culture. On the relationship between economics and arts. Amsterdam: Amsterdam University Press, 1996.

Rhodes, R. A. W. Understanding Governance. Buckingham and Philadelphia: Open University Press, 1997

Stoker G, Governance as theory: five propositions, «International Social Science Journal», 1998

Huffstadt, M., Regie Stedeiijke vernieuwing: Praktijk, Theorie en Onder- wijs. Lectureship Publication. Hogeschool Utrecht/Faculteit Natuur en Technlek., 2005

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)