polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Edilizia rurale diffusa in Puglia: guida al recupero sostenibile

Stano , Federica

Edilizia rurale diffusa in Puglia: guida al recupero sostenibile.

Rel. Gabriella Peretti, Daniela Bosia. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile, 2013

Abstract:

Questo lavoro di tesi ha l’obiettivo principale di tracciare le linee guida per il recupero di manufatti semplici dell’edilizia rurale in Puglia, con particolare riferimento al Salento.

Sono edifici di piccole dimensioni, costituiti da uno, massimo due vani e ampiamente diffusi nel territorio: vengono chiamati in diversi modi, e non è facile dame una specifica “catalogazione”, in quanto i termini dialettali usati per definirli cambiano molto da luogo a luogo1.

Ciò che accomuna tutti manufatti però è la destinazione d’uso: erano, e in alcuni casi sono tutt’ora, destinati al ricovero temporaneo di persone e animali, oltre che, all’occorrenza, deposito di attrezzi agricoli.

La loro datazione, specie per gli edifici in pietra a secco, è un tema molto delicato:

sebbene «per quanto riguarda le origini bisognerebbe riferirsi alla preistoria pugliese» , la maggior parte di queste costruzioni non risale ad epoche remote, in quanto la tecnica e il materiale non consentono lunghe possibilità di sopravvivenza, ma soprattutto, «la semplicità del sistema costruttivo ha agevolato la totale ricostruzione, reimpiegando gli stessi materiali, anziché il restauro o il parziale ripristino»3.

Inoltre, nei primi anni del ‘900, si tendeva a sostituire interamente o parzialmente gli edifici in pietra a secco con blocchi di pietra squadrata, che richiedevano minore cura durante la posa in opera.

E’ comunque innegabile l’importanza di questi edifici all’interno del paesaggio rurale pugliese, che ne costituisce un elemento irrinunciabile, sia dal punto di vista ambientale, che nello stesso immaginario comune.

Da questi manufatti diffusi nel territorio, per la maggior parte abbandonati e in forte stato di degrado, deriva quindi la volontà di pensare a delle linee guida sul loro recupero, in chiave sostenibile ed ecocompatibile.

Punto fondamentale sarà la sostenibilità, intesa come occasione di guardare al passato, conoscere e interpretare le caratteristiche che hanno reso l’architettura tradizionale così in simbiosi con l’ambiente esterno, così compatibile con i bisogni dell’uomo e della terra, e soprattutto così efficace dal punto di vista microclimatico. Un’architettura forse un po’ primordiale, apparentemente primitiva nelle sue forme, ma sicuramente capace di sfruttare al meglio le risorse del luogo.

La campagna pugliese, oggi così rigogliosa, è il frutto del duro lavoro dei contadini. E’ una terra di estremi, costituita in origine prevalentemente da zone aride e pianeggianti o da zone umide e paludose; il lavoro umano ha saputo sapientemente bonificare le aree palustri, e dissodare i terreni aridi e rocciosi, anche attraverso l’ottimizzazione delle risorse idriche, così carenti naturalmente.

Negli ultimi anni molti ettari di terreno coltivabile sono stati “strappati” alla propria natura cedendo il posto a distese di campi fotovoltaici, che poco hanno a che vedere con la sostenibilità. L’obiettivo prossimo per le generazioni future è quello di un’architettura sì sostenibile, ma intelligente, misurata, pensata nel rispetto del territorio, delle tradizioni costruttive, dei materiali locali, del contesto in cui essa si colloca e al tramandamento dei “saperi locali”.

La prima parte del testo, in linea generale, sarà dedicata alla conoscenza delle tipologie edilizie, alle loro caratteristiche bioclimatiche.

Il corpo centrale si vuole concentrare sulla redazione delle linee guida, suddivise in aree tematiche.

Una terza e ultima parte di questo lavoro vuole dare una suggestione di recupero e rifunzionalizzazione ecocompatibile di un sistema di edifici collocati in un’area del Salento chiamata nel gergo locale Li Paduli (“le paludi”). Tale area rappresenta, nello scenario territoriale attuale, un incubatore di idee e di progetti volti alla riqualificazione e alla valorizzazione del territorio e dei suoi frutti.

Relators: Gabriella Peretti, Daniela Bosia
Publication type: Printed
Subjects: R Restauro > RC Restauro urbano
U Urbanistica > UJ Pianificazione rurale
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile
Classe di laurea: UNSPECIFIED
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3475
Chapters:

CAPITOLO 1 PRINCIPI BIOCLIMATICI NEGLI EDIFICI RURALI

LA CONFIGURAZIONE GEOMETRICA COMPATTA

LO SFASAMENTO TERMICO DEI PARAMENTI MURARI

IL POTERE RIFLETTENTE DELLE TINTEGGIATURE ESTERNE

IL POSIZIONAMENTO DELLE APERTURE

IL "TETTO GIARDINO" DEI TRULLI

LA CAPACITÀ IGROSCOPICA DELLE MURATURE IN PIETRA A SECCO

LA RACCOLTA E LO "STOCCAGGIO" DELLE ACQUE METEORICHE

CAPITOLO 2 EDILIZIA RURALE DIFFUSA IN PUGLIA

2.1 ORGANISMI COMPLESSI

MASSERIE

2.2 ORGANISMI SEMPLICI (IMPIANTO MONO E BI-CELLULARE)

TRULLI

CASEDDHE

LAMIE

PAGGHIARI, PUDDHARI e FURNIEDDHI

2.3 ELEMENTI LINEARI E PUNTIFORMI

Muretti a secco e PARIETONI

SPECCHIE

CAPITOLO 3 LINEE GUIDA PER IL RECUPERO DEGLI EDIFICI RURALI DIFFUSI

3.1 SCATOLE MURARIE E MURATURE

DESCRIZIONE

DEGRADO E DISSESTO

INTERVENTI: PRINCIPI GUIDA

SCHEDA A: REALIZZAZIONE DI CORDOLO

Scheda B: Riparazione delle fessurazioni e ricostituzione dei giunti di malta

SCHEDA C: INTEGRAZIONE DI MURATURA

Scheda D: Rimozione e pulitura di elementi dannosi

3.2 STRUTTURE E MANTI DI COPERTURA

DESCRIZIONE

DEGRADO E DISSESTO

INTERVENTI: PRINCIPI GUIDA

SCHEDA A: SOSTITUZIONE DI UNA COPERTURA A FALDA

Scheda B: Sostituzione di un solaio "a margherita”

Scheda C: Integrazione di una copertura a THOLOS

Scheda D: Ripristino e manutenzione di un manto in CHIANCHE

3.3 APERTURE E INFISSI .

DESCRIZIONE

DEGRADO E DISSESTO

INTERVENTI: PRINCIPI GUIDA

SCHEDA A: REALIZZAZIONE DI NUOVE APERTURE

Scheda B: Manutenzione e riparazione di infissi esistenti

3.4 INTONACI E COLORITURE

DESCRIZIONE

DEGRADO E DISSESTO

INTERVENTI: PRINCIPI GUIDA

SCHEDA A: PULITURE

Scheda B: Rappezzi e integrazione di mancanze

SCHEDA C: ESECUZIONE DELLE TINTEGGIATURE A CALCE

3.5 INSERIMENTO DEGLI IMPIANTI NELL'ARCHITETTURA RURALE

SOLAIO CONTROTERRA, RIVESTIMENTI E RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

INSERIMENTO DI CORPI AGGIUNTIVI

DOTAZIONI DI IMPIANTI IGIENICO-SANITARI

TECNOLOGIA DEL SOLARE TERMICO E FOTOVOLTAICO

SCHEDA A: ISOLAMENTO DEL SOLAIO CONTROTERRA

SCHEDA B: NUOVE STRUTTURE MURARIE UNITE A OPERE ESISTENTI

3.6 SISTEMAZIONI ESTERNE E RECINZIONI

SISTEMAZIONI ESTERNE

RECINZIONI

SCHEDA A: RICOSTRUZIONE DI UN MURETTO A SECCO

CAPITOLO 4 CASO STUDIO

4.1 Li PADULI e area di analisi

INQUADRAMENTO TERRITORIALE

SISTEMA DEL VERDE

ANALISI DELLA VIABILITÀ E DELL’ACCESSIBILITÀ

4.2 SCHEDATURA DEGLI EDIFICI

4.3 GLI EDIFICI RURALI MESSI IN “RETE"

4.4 PROGETTO DI RECUPERO E RIQUALIFICAZIONE DI UN EDIFICIO RURALE...,

PROGETTO DI RIFUNZIONALIZZAZIONE

PROGETTO TECNOLOGICO

CONCLUSIONI

FONTI DELLE ILLUSTRAZIONI

BIBLIOGRAFIA

Bibliography:

EZIO ARLATI, LAURA ACCOTTO, Le Volte Leccesi Tra Tradizione e Innovazione, Congedo Editore, Galatina, 1998

BAGLIONI ADRIANA, GIOVANNA GUARNERIO, La ristrutturazione edilizia, Hoepli, Milano, 1982

GENUARIO BELMONTE (a cura di), Salento : Natura & Paesaggi, Edizioni Grifo, Lecce, 2009

CRISTINA BENEDETTI, VINCENZO BACIGALUPI, Materiali & Progetto, Edizioni Kappa, Roma, 2005

CRISTINA BIANCHETTI, Abitare la Città Contemporanea, Skira, Milano, 2003

ANDREA BOERI, Criteri di progettazione ambientale, Editoriale Delfino, Milano, 2007

DINO BORRI, FRANCO SELICATO (a cura di), Masserie sulla formazione del paesaggio in età moderna : masserie di Puglia, Schena Editore, Fasano, 1990

ANTONELLA CALDERAZZI, L’Architettura Rurale In Puglia: Le Masserie, Schena Editore, Fasano, 1997

VINCENZO CAZZATO (a cura di), Paesaggi e sistemi di ville nel Salento, Congedo Editore, Galatina, 2006

GIORGIO VITO COLAIANNI, Le Volte Leccesi, Dedalo Libri, Bari, 1967

GIORDANO CONTI, La pratica dell’architettura. Manuale sulle tecniche costruttive tradizionali, Maggioli Editore, Napoli, 2011

ANTONIO COSTANTINI, Guida alle masserie del Salento, Congedo Editore, Galatina

1999

ANTONIO COSTANTINI, Guida ai monumenti dell'architettura contadina del Salento : costruzioni a secco (pagghiari, furnieddhi, liame, paretoni, spase e littere), aie, pollai, pozzi, pozzelle, cisterne, neviere, trappeti), Congedo Editore, Galatina, 1995

COSIMO DE GIORGI, Note e Ricerche sui Materiali Edilizi Adoperati nella Provincia di Lecce, Congedo Editore, Galatina, 1981

MAURIZIO DROLI, GIANCARLO DALL’ARA, Ripartire dalla Bellezza, CLEUP, Padova, 2012

MARIA ANTONIETTA ESPOSITO (a cura di), Tecnologia dell’Architettura: Creatività e Innovazione nella Ricerca, Firenze University Press, Firenze, 2006

FRANCESCO FARAGO’ (a cura di), Manuale Pratico di Edilizia Sostenibile, Sistemi Editoriali, Napoli, 2008

MARIA ADRIANA GIUSTI (a cura di), Temi di restauro, Celid, Torino, 2000

GABRIELE GRASSO, Architetture in pietra a secco nel Salento, Edizioni del Grifo, Lecce,

2000

MARIO GROSSO, Il rajfrescamentopassivo degli edifici, Maggioli Editore, Rimini, 2011

JAMES HILLMAN, L ’Anima dei Luoghi, Conversazione con Carlo Truppi, Rizzoli, Milano, 2004

ARTURO LANZANI, Sette Scenari Per il Paesaggio Italiano, Meltemi Babele, Roma, 2003

ALESSANDRO MAZZOTTA, L’Acqua: materia prima per l’immagine del paesaggio costruito, Alinea, Firenze, 2007

MARIO MIOSI, Tholoi d’Italia, trulli e capanne in pietra a secco con copertura a tholos, Edizioni di Pagina, Bari, 2012

LUIGI MONGIELLO, Le Masserie di Puglia, Organismi Architettonici ed Ambiente Territoriale, Adda, Bari, 1984

OLIVA MURATORE, Il colore dell’architettura storica. Un tema di restauro, Alinea, Firenze, 2010

STEFANO F. MUSSO, GIOVANNA FRANCO, MARTA GNONE, Architettura rurale nel Parco del Beigua: guida alla manutenzione e al recupero, Marsilio Editore, Venezia, 2006

STEFANO F. MUSSO, GIOVANNA FRANCO, Guida agli interventi di recupero dell'edilizia diffusa nel Parco nazionale delle Cinque Terre, Marsilio Editore, Venezia, 2007

MARIA PICHIERRI, Le Masserie dell’Agro di Torricella, Filo Editore, Manduria, 2005

GIUSEPPE PIERESCA, Il legno e l’arte di costruire mobili e serramenti, Hoepli, Milano, 1985

REGINA POSO, Le pietre raccontano: questioni di conservazione, restauro e tutela, Congedo Editore, Galatina, 2004

FULVIO RESTA, Edifici in muratura, dalla classificazione delle patologie alla definizione degli interventi e dei criteri per la valutazione del loro costo (il caso delle masserie di Puglia), Edipuglia, Bari, 1990

LEONARDO RIGNANESE (a cura di), Atlante Cartografico della Puglia, Conoscenza Storica e Sistemi Informativi Territoriali, Alinea, Firenze 2006

MASSIMILIANO SARACINO, Il tufo e la stanza a volta, Edizioni del Grifo, Lecce, 1998

CARLA SPECIALE GIORGI, La cultura del trullo : antologia di scritti letterari e scientifici sui trulli, Schena Editore, Fasano, 1989

NORBERTO TUBI, MARIA PIA SILVA, FEDERICA DITRI, Gli Edifici In Pietra, Sistemi Editoriali, Napoli, 2009

EDINO VALCOVICH, VALENTINA FERNETTI, CARLO ALBERTO STIVAL, Un approccio ecosostenibile alla progettazione edilizia, Alinea, Firenze, 2011

PAOLA VIGANO’ (a cura di), Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Lecce, Electa, Napoli, 2001

Scritti di Architettura e Urbanistica per Marcello Grisotti in Puglia, Edipuglia, Bari, 1992

Sitografia:

Atlante delle masserie, dei trulli, delle case rurali e delle civiltà rupestri del tarantino http://www.perieghesis.it

Parco dei Paduli, sito ufficiale http://www.parcopaduli.it/parco/home.php

Piano Integrato di Rigenerazione Territoriale dei Comuni di Corona al Parco dei Paduli, visualizzazione elaborato

http://issuu.com/associazionelua/docs/pirt_e_allegati_l

Piano Paesaggistico Territoriale Regionale, Regione Puglia, Assessorato Assetto del

Territorio, sito istituzionale

http://paesaggio.regione.puglia.it

Prodotti per la bioedilizia http://www.naturalia-bau.it/it/prodotti.html

Provincia di Lecce, sito istituzionale http://www.provincia.le.it

Regione Puglia, sito istituzionale http://www.regione.puglia.it

Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)