polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Riqualificazione dell’istituto Buon Pastore a Torino

Grillo, Valentina and Savi, Serena

Riqualificazione dell’istituto Buon Pastore a Torino.

Rel. Enrico Moncalvo, Mario Artuso, Marco Nota. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Restauro E Valorizzazione Del Patrimonio, 2013

Abstract:

Il progetto di tesi presentato in questo testo ha come obiettivo quello di riqualificare un’area molto importante per la sua collocazione e dimensione all’interno della città di Torino: il complesso del Buon Pastore. Tale istituto ha una notevole rilevanza storica - culturale e architettonica in quanto nasce nel 1843 come una delle opere di assistenza e beneficenza realizzate nella “Torino città della carità e dei santi sociali”. Fu progettato da diverse figure professionali di spicco come l’architetto Federico Blachier e l’ingegnere Giovanni Chevalley.

Il complesso è ubicato all’interno di un’area delimitata da tre assi critici per la viabilità urbana: corso Regina Margherita, corso Principe Oddone e corso Principe Eugenio.

L’Istituto Buon Pastore è circondato da una cinta muraria all’ interno della quale sono disposti otto fabbricati e un’ampia area verde che li collega attraverso gli appositi viali. Attualmente solo quattro dei suddetti edifici sono in un buono stato di conservazione dal momento che sono stati fatti degli interventi di restauro al fine di utilizzarli a uffici per la sanità della Regione Piemonte. Gli altri quattro vertono in pessimo stato di conservazione a causa del loro totale abbandono. Il percepire parzialmente dall’esterno delle mura la presenza di questi edifici, lasciati nell’oblio in una parte così centrale della città, ci ha fatto scaturire un forte interesse a sviluppare questo tema nel progetto di tesi, rendendoci conto delle potenzialità insite in questo luogo e non sottovalutando le differenti problematiche strettamente connesse a intervenire su un patrimonio preesistente. Si è quindi intrapreso un progetto di riqualificazione urbana al fine di far riscoprire la bellezza e il valore che, questo patrimonio architettonico e paesaggistico ad oggi non valorizzato, può offrire ai cittadini.

Riqualificare un bene vuol dire tutelarlo tramite attenti interventi di restauro e allo stesso tempo portarlo ad avere un valore aggiunto attraverso strategie che possano migliorarne la qualità. Per quanto riguarda il Buon Pastore, la riqualificazione ha come obiettivi quello di far riscoprire le potenzialità degli edifici presenti e abbandonati attraverso la rifunzionalizzazione rivolta a differenti utenti. A questo si aggiunge l’obiettivo di voler mettere a disposizione un polmone verde all’interno del centro della città esistente fin dalla fondazione del complesso. Per questa ragione è stata pensata la realizzazione in parte di una recinzione a giorno e la sistemazione del verde a parco attrezzato. Oltre alla valorizzazione del patrimonio esistente, la riqualificazione urbana intrapresa ha posto l’attenzione nel rendere funzionali e interessanti quelle porzioni del complesso che diversamente sarebbero rimaste degradate e degradanti. Ciò si traduce con la sistemazione a orti urbani di un’area oggi destinata a parcheggi, racchiusa tra le corti interne degli edifici su corso Principe Oddone. Attraverso la demolizione di una superfetazione fatiscente, si sono potuti inserire due edifici di nuova progettazione aventi una funzione di pubblica utilità.

Molta importanza è stata attribuita ai nuovi accessi che permettono un ingresso più diretto al complesso. Tutto il lavoro è stato svolto guardando il complesso nella sua interezza e non progettando interventi ad hoc avulsi dal contesto.

Ai fini di rendere il complesso un’area facilmente raggiungibile e comoda per coloro i quali desiderano o necessitano circolare in auto sono stati progettati nel sottosuolo un numero di parcheggi tali da rispondere agli standard minimi prescritti dalle leggi.

Affinché il progetto possa avere una valenza calata nella realtà urbana è stato necessario confrontarsi tanto con le prescrizioni di legge dettate dal Piano Regolatore Generale della Città (P.R.G.C) quanto con il corrispondente funzionario addetto alla pianificazione urbanistica di Torino, l’arch. Giacomo Leonardi.

Il processo metodologico utilizzato per riqualificare l’area prevede come punto di partenza l’analisi del contesto storico, territoriale e urbanistico che la caratterizzano per poter successivamente operare delle scelte progettuali mirate a rispondere agli obiettivi prefissati e attente a dare un valore culturale aggiunto al complesso.

Relatori: Enrico Moncalvo, Mario Artuso, Marco Nota
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: A Architettura > AE Edifici e attrezzature per il culto
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
R Restauro > RA Restauro Artchitettonico
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Restauro E Valorizzazione Del Patrimonio
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3428
Capitoli:

INTRODUZIONE

1. INQUADRAMENTO STORICO

1.1. Cenni sulla visione e sull’assistenza delle classi disagiate in Europa e i

Italia nell’Ottocento

1.2. Strutture torinesi per l’assistenza e la beneficenza

1.3. Corso Principe Eugenio: l’ampliamento fuori le mura

1.4. Nascita e sviluppo del complesso del Buon Pastore

1.5. L’ente dell’Istituto Buon Pastore e gli accordi con la Regione

2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE

2.1. L’area di progetto all’interno della città

2.2. Analisi del contesto.

2.2.1. Viabilità e parcheggi

2.2.2. Verde e percorsi “ecologici”.

2.2.3. Fulcri e poli attrattivi

2.2.4. Emergenze architettoniche

3. INQUADRAMENTO URBANISTICO

3.1. Descrizione dello stato attuale

3.2. L’ambito urbanistico e il PRGC

3.3. Il piano prima della variante parziale 172

3.4. La variante parziale 172 e il suo iter di approvazione

4. IPOTESI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA

4.1. Il piano di recupero: obiettivi e strumenti per la riqualificazione urbana 34

4.2. Caratteristiche urbanistiche del nuovo intervento:dati tecnici

5. IL PROGETTO

5.1. La progettazione del verde e dei nuovi edifici

5.2. La rifunzionalizzazione degli edifici preesistenti

ALLEGATI

A. Schede per l’individuazione degli edifici di valore storico e architettonico documentario all’interno del complesso del Buon Pastore

Fabbricato 1

Fabbricato 2

Fabbricato 3

Fabbricato 4

Fabbricato 5

Fabbricato 6

Fabbricato 7

B. Schede dei progettisti del complesso del “Buon Pastore”.

Federico Blachier Carlo Losio Giovanni Chevalley

C. Tavole Tav. 1 Inquadramento fotografico generale

Tav. 2 Inquadramento storico: gli istituti di beneficienza nella città ottocentesca

Tav. 3 Inquadramento storico: corso Principe Eugenio

Tav. 4 Inquadramento storico: il complesso del Buon Pastore

Tav. 5 Inquadramento territoriale

Tav. 6 Inquadramento urbanistico

Tav. 7 II progetto di riqualificazione urbana

Tav. 8 II progetto: pianta piani seminterrati

Tav. 9 II progetto: pianta piani terra

Tav. 10 II progetto: pianta piani primo

Tav. 11 II progetto: pianta piani secondo

Tav. 12 II progetto: pianta coperture e sezione territoriale

Tav. 13 II progetto: sezioni territoriali e viste 3d

CONCLUSIONI

BIBLIOGRAFIA

SITOGRAFIA

Bibliografia:

Abrani A., Atti del conveano: Patrimonio edilizio esistente, un passato e un futuro. Designers Riuniti Editori, Torino 1981

Baricco P., Torino descritta da Pietro Baricco Parte seconda, Tipografia di G.B. Paravia e comp., Torino 1869

Bartocci E., Le Politiche sociali nell’Italia Liberale 1861-1919. Donizzelli Editore, Roma 1999

Casalis G., Dizionario geografìco storico-statistico-commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardeana, Voi. 21, tip. G. Maspero e G. Marzorati, Torino 1851

Carano M., Nella zona del Buon Pastore a Torino e. coerente con le Descrizioni di PRGC e di tutela dell’ ambiente: una proposta operativa. tesi di laurea rel.Giuseppe Orlando, Torino Luglio 1995

Cerri M.G., Architetture tra storia e progetto: interventi di recupero in Piemonte. 1972-1985, Allemandi, Torino 1985

Ceste M., Testimoni della carità: le conferenze de San Vincenzo a Torino. 150 anni di storia, Effatà, Cantalupa 2003

De Fort E., “Istituti femminili di educazione e d’assistenza a Torino nel secondo Ottocento”, in Levra U., Tranfaglia N.(a cura di), Dal Piemonte all’Italia Studi in onore di Narciso Nada nel suo settantesimo compleanno, Comitato di Torino dell’Istituto per la storia del Risorgimento Italiano, Torino 1995

De Rolandis G.M,Cenni statistici sopra il ricovero di mendicità di Torino nell’anno 1841, Fontana editore, 1841

Farrel Vinay G., Povertà e Politica nell’Ottocento:le opere pie nello Stato liberale, Paravia/Scriptorium, Torino 1997

Indelicato N., Riqualificazione dell’area dell’ex Pio Istituto Buon Pastore. Tesi di laurea, rei Agostino Magnaghi, Torino 2002

Levra U., “La Città nel Risorgimento 1798-1864,” vol. 6 in Sergi G., Storia di Torino. Einaudi, Torino 1971

Lupo G.M, “Ingegneri Architetti Geometri in Torino. Progetti edilizi nell’Archivio Storico della città (1780-1859),” in Guidoni E., Storia dell’urbanistica , Piemonte Kappa, Roma 1990

Lupo, G.M. e Sassi L, “La formazione politecnica e i quadri professionali per l’edilizia e la città, in Torino, fra Otto e Novecento,” in Angeli F. Storia urbana, n. 61, Milano 1992

Magnaghi A., Monge M., Re L., Guida all’architettura moderna di Torino, Lindau, Torino 1995

Mellano F., Ferrerò D., Lovera E., Rolando A., La città che cambia: strumenti urbanistici. amministrativi, gestionali e finanziari per la trasformazione delle aree urbane in Europa, Edizioni Angelo Manzoni Le Radici, Torino 2000

Malvasio P., Scalon C., “L’ospedale Mauriziano Umberto I di Torino” in Ghidetti E, Diana E.(a cura di), La bellezza come terapia. Arte e assistenza nell’ospedale di Santa Maria Nuova a Firenze, Atti del Convegno Internazionale, Firenze 20-22 maggio 2004, Edizioni Polistampa, Firenze 2005

Monasterolo G., Reinero A., Riviera A., Amministratori.architetti e ingegneri nelle scuole politecniche torinesi Note bibliografiche. Politecnico di Torino-Centro Museo e Documentazione Storica, Torino 1999

Olivetti D., Space Incet : un’alternativa per l’area Incet in Barriera di Milano, tesi di laurea rel Giuseppe Roccasalva correl .Liliana Bazzanella, Torino, Febbraio 2013.

Piantanida P., Tra ingegneria e architettura: il villino “Ingegneria sanitaria” a Torino e le istazie igieniste tra Ottocento e Novecento” in Storia dell’lngegneria -Atti del 1° Convegno Nazionale, Cuzzolin Editore (ITA), I Convegno Nazionale Storia dell’Ingegneria, Napoli 8-9 marzo 2006

Peyrot A.,Torino nei secoli: vedute e Diante, feste e cerimonie nell’ incisione dal Cinquecento all’ Ottocento, Tipografia Torinese, Torino 196

Politecnico di Torino. Dipartimento casa città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino. Vo l. 1, Società de gli ingegneri e de gli architetti in Torino, Torino 1984

Signorelli B., Giovanni Chevallev, in Dizionario biografico degli Italiani, volume 34, 1988 (a cura di) Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani versione disponibile on line

Società degli Ingegneri e Architetti in Torino (a cura di), Giovanni Chevallev architetto, Torino 1951

Scrivano P., “Chevalley Giovanni”, in Carlo Olmo (a cura di), Dizionario dell’archi¬tettura del XX secolo. Allemandi, Torino 2000

FONTI DOCUMENTARIE

Bollettino delle leggi e decreti imperiali pubblicati dalla consulta straordinaria negli stati romani. Vol 2. titolo II, Articolo I, p 138 , L.P. Salvioni, Roma 1809

Circolare del Ministero dei Lavori Pubblici 8 agosto 1986, n. 2575 - “Disciplina della circolazione stradale nelle zone urbane ad elevata congestione del traffico veicolare. Piani urbani del traffico.’3.2.1.2 - Tipologia delle strade, 1986

Allegato 4/XXXIII Contratto di comodato d’uso rep.n 9722 del 2 Febbraio 1989 tra Regione Piemonte e Istituto Buon Pastore, Torino 1989

Regione Piemonte, Opere di sistemazione e ristrutturazione del Complesso “Istituto Buon Pastore”, Edifìcio n.4, Relazione Illustrativa, Allegato numero 1 alla lettera n.5898, Soprintendenza Beni Architettonici e Ambientali del Piemonte, Torino 18 Luglio 1991, STEF S.p.A

Titolo II della N.U.E.A , zone e aree normative: classificazione, regole e parametri di trasformazione. Torino 1995

‘Linee guida per il Social Housing” approvate con D.G.R. n. 27-7346 del 5 novembre 2007

Città di Torino Deliberazione del consiglio comunale 21 dicembre 2009. oggetto: variante parziale n. 172 al p.r.g.. ai sensi dell’articolo 17. comma 7 della l.u.r.. concernente l’Istituto Buon Pastore - adozione, Torino 2009

Deliberazione del Consiglio Comunale 21 Dicembre 2009 (proposta dalla G.C 4 Agosto 2009) n.ord.210 2009 05167/009 Oggetto: Variante parziale N.172 al P.R.G., ai sensi dell’articolo 17, comma 7 della L.U.R., concernente l’Istituto del Buon Pastore- Adozione, Torino 2009

Deliberazione del Consiglio Comunale 21 Marzo 2011 (proposta dalla G.C. 8 Marzo 2011) n. ord. 642011 01251/009. Oggetto Variante Parziale n. 172 al P.R.G., ai sensi dell’articolo 17, comma 7 della L.U.R., concernente l’istituto Buon Pastore.

Approvazione

. Torino 2011

Documento di Perizia, codice immobile 150 elaborato dalla Regione Piemonte Servizi di ricognizione del patrimonio immobiliare e mobiliare di proprietà o nella disponibilità della Regione Piemonte

SITOGRAFIA

http://www.museotorino.it

http://www.cgmtorino.it/storia.htm

http://www.oikosassociazione.it

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)