polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Un' ipotesi di riqualificazione per Corso dei Martiri: S. Berillo, una ferita da rimarginare nel tessuto urbano di Catania

Cutispoto, Damiano

Un' ipotesi di riqualificazione per Corso dei Martiri: S. Berillo, una ferita da rimarginare nel tessuto urbano di Catania.

Rel. Paolo Mellano, Cristina Cuneo, Chiara Aghemo. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura, 2013

Abstract:

L’ obiettivo di questa tesi di laurea specialistica è in prima istanza quello di definire un percorso storico lineare mirato a descrivere gli avvenimenti, le cause e le problematiche che hanno inciso e incidono ancora oggi nella formazione urbanistica e architettonica del quartiere di S. Berillo nella città di Catania.

Questo percorso cronologico , che avrà come punto di partenza il periodo di costruzione dei primi agglomerati appartenenti al quartiere, si concluderà con la descrizione e l’analisi dello stato attuale di Corso dei Martiri delle Libertà (asse viario di prima importanza nel quartiere e ad oggi anche nell’intera città), su cui è stato realizzato un progetto di masterplan da parte dello studio M.C.Architects.

Il progetto, verrà analizzato da un punto di vista critico sotto diversi aspetti, legati sia al contesto in cui si trova, sia alla nuova destinazione che questo punto della città avrà al seguito della sua realizzazione, fino a confrontarsi con quelli che sono le esigenze attuali di quest4 area urbana. Su tutto il progetto verrà poi approfondita dal punto di vista progettuale la realizzazione del comprensorio dedicato alla costruzione di nuove residenze e quella dedicata a parco pubblico.

Durante la fase di analisi è stato messo alla luce un elemento di rilievo relativo all’attuale progettazione illuminotecnica dell’intera città, quest’ultima si trova tutt’ora all’interno di un programma di sostituzione dei vecchi apparecchi illuminanti per adeguarsi ai nuovi requisiti richiesti dalla comunità europea per la promozione del risparmio energetico e l’utilizzo delle fonti rinnovabili. Da ciò è nata la volontà di voler proporre l’utilizzo e la disposizione di apparecchi per l'illuminazione di alcune parti del nuovo masterplan ed in particolare del nuovo asse ciclopedonale.

Relatori: Paolo Mellano, Cristina Cuneo, Chiara Aghemo
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GF Italia
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3129
Capitoli:

Inquadramento

LA STORIA

La grattugia

La formazione del quartiere nel ‘700

La crescita nel periodo ottocentesco

La crescita del secondo Ottocento

La città di Casalotto nel 1870

Una città moderna

Le proposte di Filadelfo Fichera e Gentile Cusa (1879)

Il piano di Gentile Cusa per Catania e S. Berillo (1888)

Inizio Novecento a Catania

Il concorso del 1931

Il piano regolatore del 1934

Un piano per il quartiere

Il piano di Nicotra del 1945

Il piano di risanamento di S. Berillo (1950)

Il piano dell’ ISTICA

Il piano di Luigi Piccinato e le proposte degli anni ‘90

L’ ANALISI

Corso Dei Martiri oggi

Tra industrie e residenze

L’ area stazione

S. Berillo oggi

Il nuovo centro gestionale

II MASTERPLAN

“Il nuovo” Corso dei Martiri della Libertà

Il Masterplan sotto uno sguardo differente

Un approccio critico al Masterplan

Uno spazio sicuro per la città

La nuova piazza Giovanni XIII°

UNA NUOVA RESIDENZA PER S. BERILLO

Il Progetto residenziale

La direzione del progetto

Le scelte progettuali

Entrando nel particolare

IL PROGETTO ILLUMINOTECNICO

La nuova illuminazione urbana

Il quadro attuale

L’ asse ciclopedonale di Corso dei Martiri Via Archimede e le “Mensole inaugurali”

L’ illuminazione della Residenza

CONCLUSIONI

BIBLIOGRAFIA

ELABORATI

Bibliografia:

Testi:

DATO Giuseppe, 1980, La città ed i piani urbanistici Catania 1930-1980, Catania, CULC.

PATERNOSTRO Salvatore, 2009, Catania nel moderno l'immagine e la sua ricostruzione nella prima metà del novecento, Catania;

BUSACCA Piera,2003, L'occhio di arlecchino: schizzi per il quartiere di S. Berillo a Catania, Roma, Gangemi;

Collegio d’ ingegneri ed architetti, 1888, Piano regolatore del risanamento e per l'ampliamento della città di Catania, Catania, Tip. Dell’Etna;

AA.VV,1996, La città e il piano,risorse e programmi per Catania, Atti della Conferenza Urbanistica cittadina, Catania;

MALUSARDI Federico, 1993, Luigi Piccinato e l'urbanistica moderna, Roma, Officina edizioni;

ZINNA salvatore Comune di Catania Vittorio Ruggero Antonio Grasso,2003, Programmazione e linee strategiche per la progettazione del Masterplan di Catania, Urbanistica;

OCCHIPINTI Sara, Le periferie della conurbazione catanese;

MAGNANO DI SAN LIO Eugenio , 2004, Difese da difendere: Atlante delle città murate di Sicilia e Malta, Caltanissetta, Fondazione culturale Salvatore Sciascia;

ANFUSO Giuseppe, 1998, Recuperare Catania: studi per il riuso di ventuno complessi architettonici del centro storico, Roma, Gangemi;

GIARRIZZO Giuseppe, 1986, Catania, storia e società, Laterza;

CASCONE Sanfi, 1994, “Le apparecchiaturee lapidee di facciata del centro storico di Catania", “Materiali e tecniche costruttive della tradizione siciliana”3, Catania, Università degli studi di Catania;

REBECCHINI Giuseppe, 1991, "Le vie dello zolfo a Catania: storia ed architettura”, Roma, Officina copyr;

BARBAROSSA Luca, 2005, “Periferie Centrali, un approccio al piano di recupero del quartiere di S. berillo”, Catania, Università degli studi di Catania;

LORENZO Fellin, GIANNI Forcolini, PIETRO Palladino, (a cura di), Manuale di illuminotecnica, Tecniche nuove , Milano 1999;

ZUCCONI Guido, 2001, La città dell’ Ottocento, Roma, Laterza:

SECCHI Bernardo, 2005, La città del ventunesimo secolo,Roma , Laterza;

Tesi di Laurea:

FRANCIA DI CELLE Carlotta, Torinoluce come nuovo materiale da costruzione,Tesi di laurea. Politecnico di Torino, Facoltà di Architettura, a.a. 2010-2011, Chiara Aghemo e Rossella Taraglio;

NOLLI Riccardo, GUELI Debora, Torino : La luce come strumento di progetto: Una proposta per il parco dora, tesi di laurea. Politecnico di Torino, Facoltà di Architettura,rei. Chiara Aghemo e Rossella Taraglio ;

Riviste:

SINDACATO nazionale Fascista Architetti, 1932, “Il concorso per il piano regolatore della città di Catania”Architettura, Milano, Fase. l(Genn. 1932),da pag.489 a 500.

BONOMO Mario , Indici di qualità per gli impianti di illuminazione pubblica. Una proposta, in «Luce», n°4/2010, pp. 42-46;

FRASCAROLO Marco (a cura di ), Manuale di progettazione illuminotecnica, Mancosu Editore - Architettura Book and Review, Tecno Tipo, 2010;

PATERNOSTRO Salvatore, 2006, “San Berillo e il “vuoto” dopo il moderno”, PAESAGGIO URBANO, Roma, 4/2006, da pag.26 a 37

MANCINI Michelangelo, 1980, “CATANIA pagine di urbanistica e di architettura dagli anni 30 ad oggi”. Tecnica e ricostruzione, 1/1980 numero speciale, da pag.68 a 83.

http ://www.comune.Catania.it/

http://www.iguzzini.com/it/

http://www.grechi.com/

http://www.lighting.philips.it/

http://www.simes.it/en/

http://www.cataniaoggi.com

http://ctzen.it

http://www.mcarchitects.it/

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)