polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Forum per la musica contemporanea, la danza e le arti visive : progetto di una sala concerti per la musica contemporanea a Gent, in Belgio

Pasculli, Giulia

Forum per la musica contemporanea, la danza e le arti visive : progetto di una sala concerti per la musica contemporanea a Gent, in Belgio.

Rel. Chiara Aghemo, Alessia Paola Griginis, Cesare Griffa. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura, 2011

Abstract:

E' un quartiere nel centro di Gent, tra il ponte di Walpoort, i fiumi Ketelvaart e NederscheLde, la Lammerstraat e l'inizio della Sint - Pietersnieuwstraat. WaaLse Krook prende il nome dalla breve strada che inizia dalla Konanderstraat e che risale al 1943.

Grazie alla sua posizione lungo il primo fossato difensivo, il sito può vantare un ricco passato storico La città medievale si sviluppò sullo Zandberg, il crinale leggermente in pendenza verso nord del Blandijnberg, tra il Lys ed il braccio del fiume Schelde.

Il Ketelvaart, un canale che fu scavato intorno al 1100 come prima cintura difensiva per proteggere il Kuip, successivamente divenne il confine tra La città ed il borgo di San Pietro e l'Abbazia. Dal Korenmarkt,l'asse Donkersteeg-Magelemstraat-Koestraat-Korte-Dagsteeg-Smt-Pietersnieuwstraat attraverso il Walpoort, fu un'importante connessione tra Portus ed il borgo di San Pietro. Vicino alla sponda del Walpoort furono costruite abitazioni nelle fasi iniziali di sviluppo della città. Nel XIII secolo la città annesse la zona dell'abbazia e la porta della città fu spostata a Heuvelpoort Verso la metà dell'Ottocento fu bonificato il paludoso Muinkmeersen, per estendere la ferrovia al centro della città. Vicino alla piazza, l'odierna piazza Graaf van VLaanderen, la Stazione Zuid fu collegata nel 1837 da est ad ovest con il centro storico della città, in direzione est, con la costruzione della Zuidstationstraat, e in direzione ovest, con la costruzione del ponte Marcellis e la Lammerstraat Quest'area, delimitata da corsi d'acqua a nord e ad est, nel XIX secolo vide La costruzione di molte fabbriche e case per gli operai ed è caratterizzata da una differenza di livello tra l'intersezione della Lammerstraat con la Smt-Pietersnieuwstraat, ad un'altezza di circa 15 metri sopra il livello del mare (TAW), e la curva dello Schelde, ad un livello di circa 7 metri Si tratta di un'area densamente edificata. La maggior parte delle case costruite lungo le strade commerciali ed il Huidevettershoek hanno mantenuto il loro carattere borghese del XIX secolo, con le loro facciate intonacate e grande valore architettonico. Gli unici edifici industriali del XIX secolo in quest'area sono i locali "EmiLe Schulze" parzialmente restaurati, un magazzino nel Waalse Krook, ed la Gruut, una fabbrica di birra, ad angolo, alla fine della Grote Huidevettershoek L'incoerente e trascurato carattere dell'area interna si manifesta nella vista dalla Kuiperskaai, dove i muri bianchi del parcheggio ed il garage Redoutey sono nascosti dietro pannelli pubblicitari e alcune macchie di verde L'area interna ha un carattere eterogeneo, fatta eccezione per due edifici che presentano volumetrie più evidenti: il garage Mahy lungo la Konandersteeg, ed il garage Redoutey (Ucon).

Presentano un volume più contenuto uno scomodo parcheggio a più piani situato nell'angolo del Waalse Krook e di Platteberg ed il Teatro Mmard, sulla Valpoortstraat, inaugurato nel 1847 e recentemente restaurato. Il Wmter Circus fu costruito nel 1894, negli anni di maggior splendore del circo, voluto dal "Cercle equestre Gantois", e ospitò spettacoli circensi sorprendenti, rassegne, spettacoli di varietà e proiezioni di film. Dopo l'incendio del 1920, la parte anteriore dell'edificio fu tutto ciò che rimase in piedi. Nel 1923 l'architetto J.P. Ledoux progettò un teatro che sarebbe potuto essere trasformato in un circo con una capacità di 3400 posti. Dopo l'ultimo spettacolo che risale al 28 maggio 1944, il "Nouveau Cirque" fu chiuso per sempre. Nel 1947 fu acquistato dal signor Mahy che lo trasformò in un garage in cui teneva la sua collezione di macchine d'epoca, perdendo le sue gallerie con balconi, sontuosamente decorate con stucchi e, soprattutto, l'imponente cupola ma anche il garage fu chiuso nel 1978. L'entrata principale del circo, ricostruita dopo l'incendio, si trova ancora nella Lammerstraat. Oggi,ciò che rimane dell'edificio è la struttura in cemento con le parti esterne, le tre gallerie e la struttura in ghisa della cupola. L'edificio appare decadente e trascurato, abbandonato da circa una trentina d'anni.

Relatori: Chiara Aghemo, Alessia Paola Griginis, Cesare Griffa
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: A Architettura > AO Progettazione
AR Arte > ARE Musica
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2108
Capitoli:

1 IL SITO

1.1 Il waalse krook

1.2 L'area di progetto

1.3 Accessibilità all'area

2 CONCORSO DEL FORUM PER LA MUSICA, LA DANZA E LA CULTURA VISIVA A GENT DEL 2004

2.1 Cronologia del concorso

2.2 Programma

2.3 Esito del concorso

2.4 Progetti partecipanti

- Neutelmgs Riedijk Architects

- Toyo Ito & Andrea Branzi

- Samyn and Partners

- Claus En Kaan Architecten -OMA

2.5 Intervista a Eddy Francois

(referente dal Belgio di Toyo Ito e Andrea Branzi per il concorso del Music Forum)

3 NUOVI SPAZI PER LA DANZA ED IL TEATRO CONTEMPORANEI

3.1 L'opera d'arte totale

3.2 La nascita del teatro contemporaneo Nuove spazialità

3.3 Lo spazio del teatro dei giorni nostri

3.4 Lo spazio della danza contemporanea Frédéric Flamand

4 MUSICA CONTEMPORANEA

4.1 Spazi architettonici e spazi musicali, verso nuovi equilibri instabili

4.2 Una sintetica indagine storica

- Il melodramma: il caso del teatro di San Cassiano a Venezia

- Settecento e Ottocento

- I primi anni del Novecento e le Avanguardie storiche

4.3 Lo spazio della musica: sperimentazioni di nuova spazialità della musica del XX secolo

- La disposizione dei musicisti nell'orchestra tradizionale

- Musica spazializzata strumentale

- Dagli anni Cinquanta in avanti: muso elettroacustica spazializzata

- Musica spazializzata ai giorni nostri: Ivan Fedele

4.4 Sperimentazioni tra architetti e compositori

4.5 La disposizione delle sorgenti, sonore nella musica del XX secolo

- Esecuzione a sorgente singola e statica: Coro di Luciano Berio

- Esecuzione a sorgente multipla e statica: Altelujah //di Luciano Berio

- Esecuzione a sorgente singola o multipla e stato con interventi elettroacustici:

La fabbrica illuminata di Luigi Nono

- Esecuzione a sorgente singola o multipla e dinamica Suono drammatizzato-

Passaggio di Luciano Berio

5 PROGETTO DEL FORUM PER LA MUSICA CONTEMPORANEA, LA DANZA E LE ARTI VISIVE A GENT

5.1 Il progetto del Forum

- Il rapporto tra il Forum ed il sito

- Il programma

5.2 Sala concerti

- Nozioni di acustica per una sala concerti

- Il progetto della sala concerti

- verifica acustica della sala concerti

5.4 Sale Prova

5.5 Cinema e centro di educazione musicale

6 ALLEGATI

- il Garage Mahy

- sviluppi successivi del concorso del Music Forum: la Mediateca a Gent (2010)

- testo "La Musica Contemporanea ed il suo spazio” di Andrea Branzi

7 BIBLIOGRAFIA

Bibliografia:

Umberto Trame (a cura di), Lo spazio detta musica: studi e progetti per il nuovo auditorium della città di Padova, Skira, Milano, 1999

Metamorph: in viaggio nell'architettura contemporanea, Biennale di Venezia, Marsilio, Venezia, 2004

Andrea Branzi, Spazi della cultura, cultura degti spazi : nuovi luoghi di produzione e consumo della cultura contemporanea, a cura di Andrea Branzi e Alessandra Chalmers, Angeli, Milano, 2007

Daniele Abbado, Architettura & teatro: spazio, progetto e arti sceniche, a cura di Daniele Abbado, Antonio Calbi, Silvia Milesi, II saggiatore, Milano, 2007

Silvia Cattiodoro, Architettura scenica e teatro urbano, prefazione di Roberto Masiero, Angeli, Milano, 2007

Roberta Lucente, Macchine sonore: musica e architettura verso nuovi equilibri instabili, in "Metamorfosi", 2007 Sept.-Dec, n 68-69, pp.6-11

Ida Recchia, La forma e il contenuto: interferenze tra spazi architettonici e spazi musicali, in "Metamorfosi", 2007 Sept-Dec, n68-69, pp.34-39

Michele Costanze Claus en Kaan, Forum Gent, Belgio (2004), in "Metamorfosi", 2005 JuLy-Aug, n 55, pp. 42-47

Erica De Los Rios, Paolo Turnu, Le problematiche dello spazio scenico: un contributo progettuale: l'allestimento di un'opera teatrale, tesi di laurea, Politecnico di Tonno, Facoltà di Architettura, marzo 2006, relatore Sergio Santiano

Roberto Pompoli, Progetto acustico per sale da spettacolo, Dispensa del Dipartimento di Ingegneria, Università di Ferrara, A.A 1997/98

Luca Dellatorre, I riflettori acustici per orchestra: principi e progetto, tesi di Laurea, Politecnico di Tonno, Facoltà di Architettura I, 2006, relatore Arianna Astolfi

Luca Dellatorre, I musicisti e la qualità acustica degli spazi per l'esecuzione, tesi di laurea, Politecnico di Tonno, I facoltà di Ingegneria, Corso di laurea in ingegneria edile, 2004, rel. Arianna Astolfi, CarLo Ostorero, Marco Filippi

Franca Miretti, La progettazione acustica degli spazi destinati ai musicisti: il palcoscenico, tesi di laurea, Politecnico di Torino, I Facoltà di Architettura, 2005, rel. Marco Filippi ; correi. Arianna Astolfi

Toyo Ito & Associates, Andrea Branzi: Forum for Music, Dance and Visual Culture, Gent, Belgium, 2003-04-, Lotus International, 2004, n.123, pp.84-89

Maja Trochimczyk, From Cirdes to Nets: On thè Signification ofSpatial Sound Imagery in NewMusic, in "Computer Music Journal", Vol. 25 , Issue 4, Wmter 2001, pp 39-56

GaLia Hanoch-Roe, Musical Space and Architectural Time: Open Scoring versus Linear Processes, in "International Review of the Aesthetics and Sociology of Music", Vol 34, No 2, Dee 2003, pp 145-160

Patrizia Mello, Ito digitale: nuovi media, nuovo reale, EdiLstampa, Roma, 2008

Francis Dhomont, L'espace du son, Musiques & Recherches, Lien, 1998

Sitografia:

www.oma.eu

wwwdausenkaan com

wwwneuteLings-riedijk.com

http://www.dewaaLsekrook.be

http://usersteLenet.be/Lab-wan/photography/wintercircus/wmterc_OOhtm

http://www.thx.com

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)