polito.it
Politecnico di Torino (logo)

La chiesa di Santa Teresa a Cavallermaggiore : problemi di conservazione e di rifunzionalizzazione

Ferro, Francesca

La chiesa di Santa Teresa a Cavallermaggiore : problemi di conservazione e di rifunzionalizzazione.

Rel. Maria Grazia Vinardi, Franca Ceresa. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (Restauro E Valorizzazione), 2009

Abstract:

Il Casalis ci offre intorno alla metà dell'Ottocento questa descrizione del comune di Cavallermaggiore: "Caballarium maius, capo di mandamento della prov. di Saluzzo, dioc. di Torino, div. di Cuneo.

Sorge tra il Maira ed il Grana, a levante di Saluzzo, da cui è distante sette miglia.

La superficie del suo territorio è di giornate 13.575 circa.

Come capo di mandamento ha soggetti i comuni di Cavallerleone, Cervere e Morene.

La strada reale, che da Torino accenna al ponte sul Varo, ne interseca l'abitato ed il territorio.

Il comune è distante tre miglia e mezzo da Savigliano, quasi altrettante da Marene, da Racconigi e da Ruffia, due da Cavallerleone e da Monasterolo, quattro da Sommariva del Bosco e da Caramagna, cinque da Bra e sei circa da Cherasco.

Vi passano i torrenti Maira e Mellea. Il primo attraversa il territorio nella parte occidentale dell'abitato, e vi si valica su un ponte in legno, stato ricostrutto a spese del governo l'anno 1825. Il secondo ha le fonti presso Castelmagno, conserva il nome di Grana sino a Centallo: ivi piglia la denominazione dì Mellea: viene a percorrere da ostro a borea il territorio di questo comune, e a poca distanza dal paese entra nel Maira.

Il Mellea vi si tragitta col mezzo di un ponte in legno, che attraversa la strada reale di Nizza, ed è mantenuto a spese del regio erario. Da questo torrente, prima che si scarichi nel Maira, è derivato un canale, che dopo aver dato moto ai molini, dividesi in varii rami per l'irrigazione dei prati. Così il Maira come il Mellea sono poveri di pesci, e solo ne contengono alcuni di mediocre qualità, quando rigonfia il Po, che ne accoglie riunite le acque.

A levante del comune sta rialto detto Costa della Madonna e Costa Grande, attraversato dalla via comunale che scorge a Bra.

La sua elevatezza dal livello delle sottostanti campagne non è che di dodici metri; epperciò quella via è praticabile in ogni stagione. Su tale rialto respirasi un'aria notevolmente più pura e salubre che nelle altre parti del comune.

I prodotti territoriali consistono in frumento, meliga, segale, fieno, paglia, canapa, noci, legna da bruciare, foglia di gelsi, ed uve di mediocre qualità.

Si mantengono con profitto dei terazzani bestie, bovine e maiali.

La più parte delle anzidette derrate si vende sui mercati di Savigliano, Bra, Racconigi, Carmagnola e Moncalieri.

Vi sono quattro filature della seta, che al tempo delle raccolte dei bozzoli forniscono per alcuni mesi un'utile occupazione a centotrentaquattro lavoratrici. Non avvi altrafabbrica o manifattura, tranne un martinetto, in cui si fanno utensili inferro soprattutto per gli usi dell'agricoltura.

Nell'estensione del territorio scarseggia il selvaggiume, avvegnanchè la parte settentrionale di esso venga compresa nel piccolo distretto delle regie caccie.

Una selva che occupa una superficie di giornate 350, confinante coi territori diRacconigi e Caramagna, appartiene al regio demanio.

Due sono le parrocchie di questo capo di mandamento: la prima molto antica, è sotto il tìtolo di ss. Michele e Pietro, è di gius patronato del marchese Romagnano di Virle e del conte Due.

Nel 1823 vi fu ristabilito il convento degli agostìniani della congregazione Lombardia.

Oltre gli agostìniani vi avevano altre volte abitazione e chiesa i minori riformati, i carmelitani scalzi, e vi fioriva un monastero delle clarisse.

Eravi stabilita una commenda dell'ordine di Malta provvista di ricche entrate, ed il commendatore vi aveva il diritto della nomina del parroco di s. Maria della Pieve.

Havvi chi crede non senza fondamento che già vi esistesse una magione di tempieri.

Sonovi le seguenti opere pie riunite sotto una sola amministrazione: un ospedale, in cui si possono ricoverare trentasei malati, la cui fabbrica è di recente e ben intesa costruttura: una congregazione di carità, le cui rendite sono distribuite in occorso a quegli infermi poveri, che per la natura della loro malattia non puonno essere ricoverati nello spedale: un monte di pietà che somministra soccorsi in danaro agli indigenti sopra pegni e gratuitamente; fu esso instituito nel 1797 dalla signora Teresa Garnieri.

La fondazione dell'ospedale, la cui annua entrata è di lire 16.000, avvenne nel 1785.

Vi si tengono annualmente tre fiere frequentissime di gente: la prima il 20 maggio, la seconda il 25 agosto, la terza il 2 novembre. Si fa in esse gran commercio del bestiame; e nelle due ultime vendesi anche molta canapa. Si fa un mercato in ogni lunedì, sul quali si mettono in vendita drappi, telerie, scarpe, commestibili di varia sorta, soprattutto caci ed erbaggi. Si usano gli antichi pesi e le antiche misure del Piemonte.

Gli abitanti sono anzi robusti che no, e di lodevoli costumi; la più parte di essi attende l'agricoltura.

Si contano fra loro parecchi casi di osservabile longevità. Fra le molte abitazioni che esistono nell'intero paese, se ne veggono in buon numero di comode e polite, che manifestano l'agiatezza di chi le possiede.

Il logo era compreso nell'appanaggio della serenissima Casa di Savoja Carignano per acquisto fattone dai nobili Provana di Collegno."

Relatori: Maria Grazia Vinardi, Franca Ceresa
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: R Restauro > RA Restauro Artchitettonico
A Architettura > AE Edifici e attrezzature per il culto
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (Restauro E Valorizzazione)
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/1678
Capitoli:

CAP.1: Inquadramento territoriale

1.1. Il sito del comune di Cavallermaggiore

1.2. L'impianto del comune di Cavallermaggiore tra il XII ed il XX secolo

CAP. 2: L'Ordine dei Carmelitani: origini, sviluppi e caratteristiche architettoniche degli edifici di culto

2.1. Le origini

2.2. La riforma

2.3. Caratteri architettonici dell'edilizia carmelitana

CAP. 3: La fortuna critica della chiesa di Santa Teresa di Cavallermaggiore

3.1. Cronologia delle fasi di impianto della chiesa di Santa Teresa dal 1636 al 1803

3.1.1. Benedetto Alfieri nella chiesa di Santa Teresa

3.1.2. La soppressione delle Corporazioni Religiose

3.1.3. Passaggi di proprietà relativi alla chiesa di Santa Teresa

3.2. Descrizione dell'impianto architettonico e planimetrico della chiesa di Santa Teresa: impianto, spazialità scenografica e apparati decorativi

3.2.1. Stato di conservazione della chiesa di Santa Teresa nel tempo

3.2.2. Conservazione degli edifici religiosi di Cavallermaggiore

CAP. 4: Esempi di restauro conservativo, consolidamento, adeguamento e rifunzionalizzazione di edifici religiosi

4.1. Adeguamento alle esigenze liturgiche

4.1.1. Esempi di adeguamento alle esigenze liturgiche .

4.2. Esempi di "rifunzionalizzazione"

CAP. 5: Rilievo metrico

5.1. Obiettivi e finalità

5.1.1. Progetto e metodo

5.1.2. Strumenti

5.2. Rilievo topografico: rete di inquadramento

5.2.1. Poligonale chiusa

5.2.2. Monografie

5.2.3. Compensazione empirica analitica della poligonale chiusa

5.3. Rilievo di dettaglio

5.3.1. Celeriniensura

7.3.2. Rilievo diretto

5.4. Il raddrizzamento fotografico

5.5. Restituzione grafica

5.6. Considerazioni finali

CAP. 6: Analisi dei materiali

6.1. Struttura portante

6.2. Copertura

6.3. Intonaci, stucchi e decorazioni interne

6.4. Aperture, porte e finestre

6.5. Arredi

6.6. Collegamenti verticali

6.7. Pavimentazione

6.8. Prospetti esterni

6.8.1. Prospetto Sud

6.8.2. Pronao

6.8.3. Prospetto Nord

6.8.4. Campanile

CAP. 7: Analisi dello stato di degrado

7.1. Struttura portante

7.2. Copertura

7.3. Intonaci, stucchi e dipinti

7.4. Aperture, porte e finestre

7.5. Arredi

7.6. Collegamenti verticali

7.J. Pavimentazione

7.8. Prospetti

7.8.1. Prospetto Sud

7.8.2. Pronao

7.8.3. Prospetto Nord

7.8.4. Campanile

CAP. 8: Ipotesi di intervento

8.1. Muratura

8.2. Copertura

8.3. Intonaci interni

8.4. Stucchi

8.5. Dipinti

8.6. Collegamenti verticali

8.7. Pavimentazioni

8.8. Aperture, porte e finestre

8.9. Dipinti su tela

8.10. Superfici esterne

8.10.1. Facciata Nord

8.10.2. Pronao

8.10.3. Facciata sud

8.10.4. Campanile

CAP. 9: Ipotesi di rifunzionalizzazione

9.1. Destinazione d'uso

9.1.1. Vespaio aerato

9.1.2. Piano di evacuazione

9.1.3. Superamento delle barriere architettoniche

9.2. Impianti di climatizzazione

9.2.1. Calcolo della portata d'aria esterna di ventilazione degli ambienti

9.2.2. Dimensionamento della centrale di trattamento dell'aria

9.3. Riscaldamento elettrico ad infrarossi

9.3.1. Principio di funzionamento

9.3.2. Lampade a infrarossi su colonna

9.3.3. Riscaldamento elettrico a pavimento

9.4. Impianto di illuminazione

Allegati

- Rilievo topografico

- Computo metrico

Bibliografia:

Teol. Cav. Pietro PRATO, Alcune notizie storiche su Cavallermaggiore, seconda edizione, Tipografia ed n. Galimberti, Savigliano, 1912

Attilio BONINO, Storia della Città di Cavallermaggiore, L'Arte, Tipografia Editrice Alberto Giani, Torino, 1926

Dott. Architetto Giuseppe STRINA, Chiesa di Santa Teresa in Cavallermaggiore, Relazione sullo stato attuale, Torino, Maggio 1942

Carlo BRAYDA, Laura COLI, Dario SESIA, Ingegneri e architetti del Sei e Settecento in Piemonte, Società degli ingengeri e architetti, Torino, 1963

Gli amici del "pensatolo" dell'oratorio S. Michele di Cavallermaggiore, Guida artistica: Cavallermaggiore, Cavallermaggiore, 1964

Sebastiano GALLETTO, Cavallermaggiore, storia, vita, arte, Edizioni <<Pro Loco>>, Cavallermaggiore, 1967

Ildefonso MORIONES, O.C.D., II carisma teresiano, Studio sulle origini, Postulazione generale dei Carmelitani Scalzi, Edizione del Teresianum, Roma, 1972

Goffredo CASALIS, Dizionario geografico, storico, statistico, commerciale degli stati di S.M. il re di Sardegna, Forni, Bologna, 1972-7

RELAZIONE 1975, Ipotesi su un programma di rìfunzionalizzazione di quattro chiese di Cavallermaggiore Amedeo BELLINI, Benedetto Alfieri, Electa Editrice, Milano, 1978

Clemente ROVERE, II Piemonte antico e moderno, (delineato e descritto da), composizione e studio critico introduttivo di Cristiana Sertorio Lombardi, Reale Mutua, Torino, 1978

Giuseppe CARITÀ, Per i quattro anni della "Misericordia" 1579-1979, indagini e documenti sulla storia di Cavallermaggiore, Edizioni del Comitato permanente per la tutela del patrimonio culturale, Cavellrmaggiore, 1980

Pino CARITÀ, Per un piano pluriennale di intervento sul patrimonio architettonico, Cavallermaggiore, 4 ottobre 1980

Marco DEZZI BARDESCHI, La conservazione del costruito: i materiali e le tecniche, Clup, Milano, 1981

Ildefonso MORIONES, O.C.D., II carmelo teresiano, Pagine di Storia, Edizione del Teresianum, Roma, 1981

Paolo FANCELLI, II progetto di conservazione, Guidotti, Roma, 1983

Tesi di laurea, Paolo Genta TERNAVISIO, Disegno architettonico e disegno applicato alla decorazione e all'arredo nelle chiese di Cavallermaggiore e dintorni, Rei. Prof. Gianni Romano, Prof.ssa Laura Palmucci, Torino, 1984

Giovanni CARBONARA, Restauro dei monumenti: guida agli elaborati grafici, Liguori, Napoli, 1990

Giuseppe CARITÀ, Enrico GENTA, Percorsi storici, Studi sulla città di Cavallermaggiore, Edizione del comitato permanente per la tutela del patrimonio culturale, Cavallermaggiore, 1990

Giuseppe DE BERNARDI, Cronologia storica, religiosa, artistica e biografica di Cavallermaggiore.

Mauro ALOCCO, Cronaca dal 1875 ai giorni nostri.

Giuseppe CARITÀ, L'immagine perduta.

Giuseppe CARITÀ, Mecenati e biblioteche. Note sulla pubblica lettura e sull'abate Giovanni Battista Filippi di Baldissero.

Giuseppe CARITÀ, Don Pietro Bonante da accusato di giacobismo a sindaco. Le vicende del patrimonio artistico e religioso all'epoca delle soppressioni napoleoniche delle corporazioni religiose.

Giuseppe PISTONE, Note biografiche su quattro cronisti locali. Personaggi e cronache della nostra storia.

Giuseppe CARITÀ, II territorio di Caballarium.

Stella CASIELLO, Restauro: criteri, metodi, esperienze, Electa, Napoli, 1990

Paolo MARCONI, Dal piccolo al grande restauro: colore, struttura, architettura, Marsilio,Venezia, 1994

Paolo FANCELLI, Il restauro dei monumenti, Nardini, Fiesole, 1998 Stella CASIELLO, Restauro dalla teoria alla prassi, Electa, Napoli, 2000 Maria Adriana Giusti, Temi di restauro, Celid, Torino,2OOO

Cesare Renzo ROMEO, Conoscere per conservare: Un cantiere didattico: il rilievo del degrado per la conoscenza di due isolati in Mondovì Breo, Celid, Torino, 2001

Stefano DELLA TORRE, Valeria PRACCHI, Le chiese come beni culturali: suggerimenti per la conservazione, Electa, 2003

Giovanni CARBONARA, Atlante del restauro, UTET, Torino, 2004

Emanuele ROMEO: Il monumento e la sua conservazione: note sulla metodologia del progetto di restauro, Celid, Torino, 2004

Luciano RE, Barbara VTNARDI DE VECCHI (a cura di), Istruzioni di restauro: compendio elementare per la conservazione del costruito, Torino, Celid, 2004

Alessandro ABRATE, L'approccio metodologico al progetto di restauro attraverso l'analisi di tre casi studio: la chiesa di San Nicolo in Tuenno (Trento), un rustico tra tradizione e innovazione, la cappella di San Nicola in Farigliano (Cuneo), a cura del Prof. Arch. Cesare Renzo Romeo, Collana scientifica "refìcere", Faenza, 2005

Maria Adriana GIUSTI, Le mura di Lucca: dal restauro alla manutenzione programmata: atti del convegno, Lucca 17, 18, 19 marzo 2001, Alinea, Firenze, 2005

Giuseppe STRAPPA, Edilizia per il culto: Chiese-Moschee-Sinagoghe-Strutture Cimiteriali, Utet, Torino, 2005

Sergio PACE, Luca REINERIO, Architettura per la liturgia: opere di Gabetti e Isola, Skira, Milano, 2005

Saverio STURM, L'architettura dei Carmelitani Scalzi in età barocca (1597-1705): principii, norme e tipologie in Europa e nel Nuovo Mondo, Gangemi Editore, Roma, 2006

Carla BARTOLOZZI, Progetti ed esperienze di conservazione e restauro, Celid, Torino, 2008

Maria Grazia VINARDI, Sperimentare il restauro, Celid, 2008

www.images.google.it

www.googlemap.com

www.comune.cavallermaggiore.cn.it

www.vercellionline.com

www.mondimedievali.net, Barbara DI SIRMIO, La soppressione degli ordini religiosi nella Capitanata del XIX secolo, in Finestre sul passato, Capitanata, in Mondi medievali

www.it.wikipedia.org

www.sanfrancesco.com

www.diocesi.terni.it

www.parrocchie.it

www.viabenedicti.it

www.bellaumbria.net

www.osbnorcia.org

www.piemontefeel.org

www.imonumenti.it

www.comuni-italiani.it

www.comune.cuneo.it

www.comune.beinasco.to.it

www.archivi.beniculturali.it

www.certosa.cineca.it

www.mediabrera.it

www.archiviostorico.corriere.it

www.focusinsubria.net

www.guide.supereva.it

www.campioneitalia.com

www.culrura.provincia.como.it

www.teatrosandomenico.it

www.provincia.padova.it, Giuseppe TREVISAN, Appunti sulle vecchie chiese e cappelle esistenti a Monselice, trasformate, vendute o demolite dal 1947 al 1990, Padova, 2003, a cura di Flaviano ROSSETTO

www.monselice.it

www.fondazionecassamarca.it

www.dottorgroup.it

www.duomodimestre.it

www.albumdivenezia.it

www.comune.venezia.it

www.guestinvenice.com

www.culturaspettacolovenezia.it

www.wordpress.com

www.comune.pistoia.it

www.edilportale.com

www.fondazionepaolograssi.it

www.geocities.com

www.pugliavalley.com

www.europaconcorsi.com

www.ec2.it

www.blogdailyfashion.blogspot.com

www.trendencias.com

www.minube.com

www.n870.com

www.patrimoniocastillayleon.org

www.wikisalamanca.org

www.diariosalamanca.blogspot.com

www.designboom.com

www.thecoolhunter.net

www.crossroadsmag.eu

www.limburgchurches.tripod.com

www.e-architect.co.uk

www.worldbuildingsdirectory.com

www.selexyz.nl

www.bgn.nl

www.merkx-girod.nl

www.riscaldamento-ecologico.com

www.dierreclima.com

www.synerprogetti.com

www.actec.it

www.pannelliadinfrarossi.com

www.blu-sky.it

www.daliform.com

www.cuneocronaca.it

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)