polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Dall'incompiuto centro culturale del Pireo al Museo dell'Architettura Ellenica = From the incompletion of the cultural center of Piraeus to the Museum of Hellenic Architecture

Antonios Fountis

Dall'incompiuto centro culturale del Pireo al Museo dell'Architettura Ellenica = From the incompletion of the cultural center of Piraeus to the Museum of Hellenic Architecture.

Rel. Gentucca Canella, Tanja Marzi, Lorenzo Savio. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Restauro E Valorizzazione Del Patrimonio, 2020

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (68MB) | Preview
Abstract:

La proposta progettuale prevede lo studio del primo museo di architettura ellenica in Grecia. La funzione nasce dall’esigenza di realizzare un nuovo centro museale che tra i principali obiettivi consenta di presentare le trasformazioni dell’architettura ellenica nei secoli, dando enfasi all’architettura moderna e contemporanea e indagando, al contempo, in modo approfondito l’influenza di una generazione di architetti nella società greca. L’obiettivo progettuale è la concezione di un luogo, riconoscibile anche per la sua posizione e per una forte accessibilità, non circoscritto alla sola funzione museale ma capace di divenire punto di incontro, di scambio di idee e di lavoro comune, coinvolgendo il pubblico in una partecipazione attiva. L’area di progetto si trova nella zona di Mikrolimano nella città del Pireo, ad Atene. La proposta prevede una prima fase di completamento e valorizzazione del Centro culturale del Pireo (1971-72), progetto dell’architetto I. Liapis, rimasto purtroppo incompiuto dagli anni 1973. Allo stato attuale l’edificio presenta un avanzato stato di degrado, mentre la zona circostante viene attualmente utilizzata a parcheggio. La tesi si articola in quattro sezioni. Una prima parte analizza la costa ateniese dal Pireo fino a Vouliagmeni, la sua evoluzione storica, il contesto in cui è valorizzata e tutti i progetti che hanno influito per il suo sviluppo. Vengono anche evidenziate le relazioni dell’area di progetto con i progetti più importanti realizzati in questi ultimi anni sulla costa ateniese. Una seconda sezione riporta l’analisi storica del comune del Pireo e i dati urbanistici, attraverso una comparazione di planimetrie tematiche ricostruite per confronto che delineano chiaramente l’importanza della zona di Mikrolimano rispetto al resto del comune. Fondamentale per la comprensione del progetto originario è stata la ricerca, riportata nel terzo capitolo, sull’architettura ellenica del dopoguerra. Vengono analizzate le condizioni sociali e le scelte architettoniche nel territorio greco. L’analisi consente di comprendere in modo più approfondito la scelta di confermare nel progetto di tesi la funzione originaria del centro culturale del Pireo. Nell’ultima sezione, viene infine presentato il progetto di valorizzazione dove, in primo luogo, è identificata l’area di progetto e la sua relazione con l’ambiente circostante. L’idea progettuale consiste nel completare l’edificio esistente, seguendo filologicamente il progetto originario, integrandolo con un nuovo corpo, su più livelli gradonati a verde, capace di accogliere le nuove funzioni di museo dell’architettura ellenica. La forma segue il disegno del sedime della costa originale nell'area di Mikrolimano, modificata negli anni Settanta da un incremento del terreno che ha prolungato la terra verso il mare. I vari livelli a giardino offrono spazi con orientamenti e vie di fuga diversificati sia in collegamento con il Centro culturale di Liapis che verso il mare, dando l’impressione di trovarsi in contesti sempre diversi. Nella nuova manica sono collocate principalmente le funzioni espositive, sempre in rapporto con gli spazi pubblici riproposti nell’edificio originario del centro culturale. Più in dettaglio, nell’edificio nuovo sono collocate le mostre permanenti, l’archivio, la biblioteca, il bar ed il bookshop, mentre nell’edificio esistente trovano posto l’auditorium, mostre temporanee, un'area di lavoro e di progettazione comune ed il ristorante.

Relators: Gentucca Canella, Tanja Marzi, Lorenzo Savio
Academic year: 2019/20
Publication type: Electronic
Number of Pages: 241
Subjects:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Restauro E Valorizzazione Del Patrimonio
Classe di laurea: New organization > Master science > LM-04 - ARCHITECTURE AND ARCHITECTURAL ENGINEERING
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/15038
Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)