polito.it
Politecnico di Torino (logo)

L'Hôtel de Galliffet, una sede d'Italia a Parigi. Il progetto di conservazione per lo scalone e la cupola = Hôtel de Galliffet, the Italian headquarter in Paris. A project for the conservation of the monumental staircase and the dome

Chiara Benedetti

L'Hôtel de Galliffet, una sede d'Italia a Parigi. Il progetto di conservazione per lo scalone e la cupola = Hôtel de Galliffet, the Italian headquarter in Paris. A project for the conservation of the monumental staircase and the dome.

Rel. Monica Naretto, Roberto Berna, Mark Deming, Riccardo Giordano. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Restauro E Valorizzazione Del Patrimonio, 2019

[img] PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Document access: Repository staff only not before 22 July 2022 (embargo date).
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (57MB)
Abstract:

In un contesto d’eccezione, nel cuore del Faubourg Saint Germain,quartiere parigino simbolo della diplomazia nella capitale francese dal XVIII secolo,trova la propria sede la rappresentanza italiana, nelle sue dimensioni politiche,diplomatiche e culturali.In particolare,con la sua presenza a partire dal 1894 nei neoclassici saloni dell’Hôtel de Galliffet,la rappresentanza italiana si è rivelata determinante non solo per la stratificazione e la conservazione architettonica di questo palazzo di fine Settecento,ma anche nel ridefinirne un ruolo culturale e rappresentativo di primo piano nel panorama degli hôtels particuliers che ospitano funzioni amministrative e diplomatiche nel milieu parigino.Il filo conduttore,e il fine,degli argomenti affrontati nel presente lavoro è proprio l’indagine del significato e delle dinamiche del rapporto esistente tra la presenza italiana con funzioni di rappresentanza e il suo mirabile contenitore:l’Hôtel de Galliffet,importante espressione dell’architettura francese.Infatti, per la delegazione italiana, il compito di tutela dell’edificio è affiancato da quello di valorizzazione e promozione della cultura italiana e dallo svolgimento di attività burocratiche,strategiche e politiche nella Capitale francese.Tappe fondamentali di questa ricerca,sono state la contestualizzazione della tipologia architettonica di cui l’Hôtel de Galliffet di E.F. Legrand si fa autorevole esponente e il suo particolare nesso con il tessuto urbano, protetta tra corte e giardino,oltre ad un approfondimento sulla tradizione della riconversione di queste residenze in sedi di Istituzioni straniere,dove, attraverso una selezione di casi si è messo in luce il delicato equilibrio tra la volontà di usufruire di spazi di rappresentanza elegantemente decorati, della vocazione culturale e politica e le imprescindibili esigenze di tutela del patrimonio architettonico.Delineato il contesto in cui si è collocata e ancora oggi prosegue la complessa storia del Galliffet,si sono evidenziati i momenti storici e gli esiti architettonici più rappresentativi per la comprensione dell’attuale conformazione architettonica e dello stato di conservazione del complesso.Avendo quindi individuato,su indicazione della Rappresentanza Italiana presso le Organizzazioni Internazionali,nel progetto di restauro dell’ambiente dello scalone d’onore e della soprastante cupola un tassello mancante nell’ambizione di valorizzazione generale dell’edificio e una vera esigenza per la sua preservazione,si è tentato di declinare il tema progettuale puntuale in relazione con le dinamiche proprie dei dispositivi francesi di tutela e di una proprietà come quella di una sede diplomatica. Ed è così,che lo scalone e la charpente en bois della cupola,sono stati il prestigioso pretesto per condurre uno studio basato sul confronto con un Architecte en chef des Monuments Historiques e altre professionalità,sull’integrazione tra ricerca archivistica e rilievo diretto,creando riferimenti tra elementi architettonici e la relativa letteratura specifica.Gli indirizzi progettuali elaborati si propongono oltre che di suggerire soluzioni tecniche per il restauro della struttura,di evidenziare come lo spazio dello scalone si presenti come un palinsesto in cui si fonde l’operato di numerosi attori che ne hanno definito la consistenza e sulle cui fasi si è tentato di fare chiarezza, per dimostrare come ciò ne arricchisca l’ancora attuale ruolo di aulica ambientazione all'ingresso del visitatore.

Relators: Monica Naretto, Roberto Berna, Mark Deming, Riccardo Giordano
Academic year: 2018/19
Publication type: Electronic
Number of Pages: 315
Subjects:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Restauro E Valorizzazione Del Patrimonio
Classe di laurea: New organization > Master science > LM-04 - ARCHITECTURE AND ARCHITECTURAL ENGINEERING
Ente in cotutela: Rappresentanza Permanente presso le Organizzazioni Internazionali a Parigi (FRANCIA)
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/11761
Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)